in

Mi piaceMi piace SorpresoSorpreso

Dodge Dart allungato: limousine o taxi cittadino?

Un bel mistero su questa unità, in ogni modo. La mutazione non era cosa di Barreiros. Le vetture lasciarono Villaverde come una Dodge Dart GT standard e furono successivamente ampliate da una società esterna, una delle tante nate intorno a SEAT, FASA e la stessa Barreiros, tra le altre...

TESTO ESTESA DODGE DART: JAVIER MARTIN / FOTO: LA ESCUDERÍA

Il rapporto della Spagna con l'automobile è a dir poco turbolento. Fin dall'inizio di questo settore, il nostro pelle di toro è sempre stato in coda. Buone idee, ma, salvo onorevoli eccezioni, difficili da realizzare. Almeno in termini di sviluppo (non dimentichiamo che siamo il nono produttore di auto al mondo), in Spagna siamo un po' indietro, e noi potremmo essere il latte: Immagina se mettessimo lo stesso impegno nel produrre campioni sportivi...

Autociclo David di José María Moré, a tutta velocità a La Rabassada, nel 1922 (Foto: David; File: Paco Carrión)

In ogni caso, c'è sempre stato qualcuno che, in un modo o nell'altro, ha colto nel segno, segnando così la strada ad altri avventurieri. È il caso, ad esempio, di Mateu o Armangué, Hispano-Suiza tuttofare e David, rispettivamente. Molti di questi pionieri sono finiti in rovina e quasi nell'oblio, come Francisco Bonet, ma molti altri hanno lasciato il segno nella storia fungendo da pilastro per lo sviluppo dell'industria automobilistica nel nostro Paese. È certamente il caso Eduardo Barreiros, un Orensean che è stato riconosciuto nientemeno che dal New York Times come uno degli uomini più influenti in Europa negli anni '60. 

Può sembrare esagerato, ma nulla potrebbe essere più lontano dalla verità. Ha dovuto affrontare grandi avversità: il periodo in cui ha vissuto non era dei migliori per gli industriali che, come lui, andavano da soli. Comunque, riuscito a creare un impero.

Barreiros e la Dodge Dart, l'auto più lussuosa della Spagna

La storia di Barreiros dà a scrivere diversi libri e infatti ci sono; Soprattutto, sarà sempre ricordata per la sua versatilità e il suo legame con l'industria automobilistica. La prima importante attività, quella dei motori diesel, fu per molti anni il vero sostentamento dell'azienda: famosi sono i Diesel Barreiros e, senza andare oltre, l'azienda sarebbe diventata nota come Barreiros Diésel SA Poi vennero i veicoli industriali: Autocarri, autobus, trattori ... E automobili nel 1963, quando Don Eduardo raggiunto un accordo con Chrysler per portare in Spagna quella che sarebbe stata la sua ammiraglia, la Dodge Dart, el haiga nazionale. Più tardi la Simca sarebbe sbarcata. Tuttavia, quest'ultimo è stato un accordo che ha segnato tristemente l'inizio della fine.

L'aspettativa di Barreiros era di vendere circa 20.000 Dodge all'anno, ma alla fine ne ha piazzati 5.000 in quattro. Non ci riuscì, soffrendo anche alcune unità per difetti di fabbricazione e finiture importanti; e anche gli Yankees non hanno rispettato la loro parte dell'accordo, che consisteva nell'esportare i loro camion e trattori. Il boss spagnolo è caduto sotto i propri piedi e a causa del suo enorme stock in una trappola per cui è andato in bancarotta, e Chrysler ha acquistato un produttore affermato e rinnovato mediante la recente iniezione di 20 milioni di dollari. Caro o no, un gioco possibilmente rotondo per gli americani.

La schivata di Barreiros (Foto: Nacho Sáenz de Cámara)

Visto in prospettiva, e nonostante i pionieristici studi di mercato che hanno accompagnato il lancio del colosso, è forse logico che non siano state vendute così tante unità del colosso. Schiva il dardo. Gli americani certamente la pensavano così, e quindi consigliarono un lancio graduale; eccitato, Barreiros li ignorò. In quegli anni l'auto più venduta sul mercato era la SEAT 600 (in vendita dal 1957), una macchina molto amata da tutti gli appassionati spagnoli e che costava circa 60.000 pesetas. Nel frattempo, il normale Dart ha iniziato a 240.000 pesetas.

Non è necessario calcolare l'inflazione e convertirla in euro, il differenza di prezzo abissale, a maggior ragione quando lo stipendio medio di un operaio in quegli anni si aggirava intorno alle 8.000 pesetas. La berlina Barreiros era il veicolo più lussuoso venduto in Spagna negli anni '60, senza contare gli stranieri importati ufficialmente o attraverso il mercato grigio.

Dodge 3700 GT allungata
Dodge Dart allungato, ancora più grande

El Dodge dart che Barreiros ha realizzato a Villaverde, Madrid, non era proprio un'auto lussuosa e di grande carisma al di fuori della Spagna: la piccola dell'azienda americana, qui era quasi mostruoso per dimensioni e prestazioni. Era una delle auto più grandi sulla strada, anche rispetto alla SEAT 1500, uno dei modelli di più alto livello che si potevano acquistare all'epoca. E il motore sembrava altrettanto massiccio, con un sei cilindri in linea e 3.700 cc in grado di erogare fino a 145 CV. Una cifra poi salita, nel 1969, a 160 CV con la Dodge Dart GT. 

Nel 1966, la stragrande maggioranza delle parti del Dodge dart Sono stati fabbricati in Spagna, come previsto dal regime, riducendo al minimo quelli provenienti dagli Stati Uniti. Fu da quest'anno che la Dart de Barreiros adottò i fari quadrati e perse la fascia laterale che correva dalla parte anteriore a quella posteriore della vettura... 

Limousine Dodge Dart

Dodge Dart GT allungato: che gioiello! 

Conoscendo la storia del modello, lo stesso Barreiros Diesel e il peso storico che ha lo spagnolo Dart, tutto è sfuggito di mano quando il nostro collega Miguel, per semplice curiosità, ci ha mostrato un annuncio da una pagina di vendita nel che è apparso una strana Dodge Dart GT. Una modella del 69 poco solito. Guardando le foto e le informazioni, ha subito catturato la nostra attenzione: era un salone lungo e spettacolare, e anche relativamente vicino a casa. Abbiamo subito contattato il suo proprietario, Manuel Valiente, con l'intenzione di andare a vederlo dal vivo e ispezionarlo. 

Quando arrivò il giorno stabilito, le ricerche sulla creatura iniziarono a occupare il nostro tempo. Abbiamo trovato un post su Facebook, sul profilo della Fondazione Barreiros, dove l'auto aveva chiaramente bisogno di un restauro. A quanto pare Manuel l'ha comprato nel 2015 e, nel suo laboratorio di Los Yébenes, si è messo al lavoro. Né brevi né pigri, abbiamo contattato la Fondazione per ottenere maggiori informazioni a riguardo, senza molto successo. Come discusso di seguito, questa macchina è un vero mistero anche per i custodi dell'eredità del patrono.

Dodge 3700 GT allungata

Venne il giorno e partimmo. Manuel ci stava aspettando con il suo enigmatico Dodge dardo gt allungato a due ore di distanza. Quando l'abbiamo avuto davanti a noi non abbiamo potuto evitare la sorpresa: dal vivo è molto più impressionante che in foto, e non si può smettere di pensarci Quanto sarebbe enorme agli occhi di un piccolo spagnolo alla fine degli anni '60. Ancora oggi, abituato a macchine enormi, questo Dart è grande e lungo, lunghissimo. Le linee rette che gli hanno dato i designer americani hanno molto a che fare con questo, poiché l'intera linea laterale è parallela al suolo e una piega che risale dall'indicatore di direzione sull'ala anteriore rafforza quell'immagine di una macchina infinita. 

Mentre scattavamo le immagini rigorose ci siamo persi nella sua cabina, catturando dettagli e godendoci quell'odore che solo le "vecchie auto" hanno. Intanto, il suo proprietario ci raccontava delle curiosità: A quanto pare si trovava in un prato, dove un amico l'ha trovato e lo ha regalato a Manuel, che ha provveduto a metterlo in ordine, anche amministrativamente. Il suo primo proprietario era sconosciuto e c'erano solo lacune nella storia, quindi c'era del lavoro da fare.

Dodge 3700 GT allungata

L'ITV, ad esempio, ha messo molti inconvenienti per riabilitarlo, dal momento che l'allungamento non era nel record storico. Questo perché, per quanto ne sappiamo, in quegli anni, quando si effettuava una trasformazione di questo tipo, si faceva, punto; Non era annotato sulla scheda tecnica, né omologato, veniva semplicemente fatta la trasformazione e l'auto circolava senza ulteriori indugi. 

Ovviamente questo significa anche che la mutazione non era cosa di Barreiros. Le auto hanno lasciato Villaverde come un Dodge dardo gt standard e poi sono stati ampliati da una società esterna, una delle tante nate intorno a SEAT, FASA e la stessa Barreiros, tra le altre. Questo è stato uno dei contributi più importanti dei marchi alla scena automobilistica nazionale: la creazione di un'industria ausiliaria composta da una moltitudine di operose piccole e medie imprese che costituivano il tessuto del motorsport industriale spagnolo.

Limousine Dodge Dart

Limousine, taxi cittadino o qualcos'altro?

Tornando al nostro Dart allungato, abbiamo dovuto cercare di scoprire quale carrozzeria o officina ha effettuato la modifica, a maggior ragione quando Manuel ha affermato che si trattava di un esemplare unico. La Fondazione Barreiros ha cercato di aiutarci, ma non aveva nulla nel proprio fascicolo. Tuttavia, hanno consultato esperti esterni: a quanto pare, Dodge sono stati acquistati di seconda mano a buon mercato perché hanno svalutato molto, andando nelle mani di molti tassisti che, nei villaggi, le acquistavano per ampliarle e offrire un servizio migliore potendo ospitare un'intera famiglia. E lo attestiamo, lo spazio dietro è molto e ha sedili aggiuntivi che possono essere ripiegati, trasformando l'abitacolo in una limousine. Erano anche auto molto popolari tra le bande di corride. 

Tuttavia, questo tipo di lavoro è stato svolto con le versioni base, le più economiche, e in questo caso si tratta di una versione 69 GT con tappezzeria sicuramente di qualità su tutti i suoi sedili, legno sul cruscotto e console centrale... Inoltre porta i timbri sul parabrezza per aver viaggiato in tutta Europa. Potrebbe essere stata effettivamente l'auto di una banda di tori o il capriccio di uno spagnolo con abbastanza soldi per intraprendere l'acquisto e la trasformazione dell'auto in vista del tour del continente. Noi non sappiamo. Né siamo stati in grado di sapere esattamente quale azienda o individuo fosse responsabile dell'allungamento.

Limousine Dodge Dart

Da un lato, la fonte fornita dalla Fondazione Barreiros parla di un'officina chiamata “Carrocerías Villamil”, uno stabilimento che effettuava anche questo tipo di trasformazione su base Chrysler 180 o SEAT 132. Da parte nostra, abbiamo trovato un altro nome, “Carrocerías Paulino Moreno ”, ma non possiamo affermare che questa società sia stata responsabile della modifica. Finalmente, non siamo stati in grado di confermare se si tratta di una singola unità, ma siamo portati a pensare che, se non nel loro stile, e tenuto conto che erano di fattura artigianale, sì, è unico in sé. 

D'altra parte, possiamo accreditare le sue ottime condizioni dopo il restauro e messa a punto effettuata. In realtà, sotto la sporcizia e l'usura della vernice, e amen di certe zone corrose, tutto era abbastanza originale. E va bene. Questa volta non ci siamo messi al volante, ma Manuel ci ha dato un passaggio che lui Dodge dart ha colto l'occasione per testimoniare perché era un'auto superlativa in Spagna negli anni 60. Il colosso si muove con sorprendente disinvoltura nonostante l'età e le dimensioni, con una sospensione che dà la sensazione di tirare forte (effetto delle balestre) ma offrendo buone comodità e buone maniere. Il sound del motore attira l'attenzione anche grazie alla mancanza di filtri e, soprattutto, perché permette di circolare nel traffico attuale con assoluta normalità.

Limousine Dodge Dart

Quindi, è possibile per noi capire cosa significava all'epoca la Dodge Dart de Barreiros, circondati da vetture come le già citate SEAT 600, Renault 10, Citroën Dyane 6... Veicoli dalle prestazioni contenute e motori non superiori a 60 CV, a fronte di un mostro di 160 CV nelle sue ultime versioni, capaci di superarli solo utilizzando la pura potenza del tuo motore. E se era anche un'unità allungata, sicuramente gli sguardi ammirati erano all'ordine del giorno.

* Ringraziamo Manuel Valiente per la sua disponibilità a realizzare questa relazione. D'altra parte, ti informiamo che ha questa Dodge in vendita. Vediamo se riusciamo tutti a trovargli un padre!

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci