Come sono state realizzate le riviste di motori senza computer
in

Ecco come venivano realizzate le riviste di motori prima dell'arrivo dei computer

Vi raccontiamo come nascevano le riviste di motori senza computer, nell'era analogica in cui tutto aveva una complicazione in più, ma anche il romanticismo.

Oggi, I giornalisti automobilistici sono “uomini d’orchestra”, perché siamo allo stesso tempo redattori, compositori, correttori di bozze, fotografi, editori, ecc. Prima questi ruoli erano dissociati in diverse professionalità, ognuna delle quali si occupava delle proprie cose, perché prima dell’era della composizione digitale tutto era più complicato. Ecco perché ho pensato di dirtelo cCome sono state realizzate le riviste di motori senza computer. Perché, sebbene questi abbiano cominciato ad essere utilizzati negli anni '80 e lo scanner a colori sia ancora prima, nel giornalismo automobilistico Si è lavorato in modo “analogico” fino a tempi relativamente recenti.

Entrando negli anni 2000, C'erano ancora gli uffici stampa che inviavano le notizie tramite posta ordinaria. All'interno della lettera c'erano diapositive fotografiche, o copie sviluppate, e in anni più recenti cd o floppy disk con il materiale. E i più privilegiati hanno ricevuto cassette VHS, Betacam o DVD. Ero lì, non me l'hanno detto. Lasciatemi andare ancora più indietro nel tempo, quando ancora non esistevano i computer per la composizione editoriale. Esistevano, esistevano, ma erano stanze piene di interruttori, condensatori, cavi, e servivano a pochi scopi utili al di fuori delle grandi (e grandissime) aziende, poiché costavano cifre esorbitanti. Ovviamente, Non esistevano nemmeno le fotocamere digitali., né sistemi di trasmissione telematica oltre il telegrafo o il fax.

Prendiamo come esempio a prueba delle auto d'epoca. Chiunque esamini una rivista degli anni '80 potrebbe essere tentato di pensare che venissero utilizzati sistemi compositivi sofisticati come quelli attuali, ma ahimè, amici, niente del genere. Si è trattato di un processo manuale in cui sono state coinvolte diverse professionalità, e ciò che oggi richiede minuti, allora richiedeva molte ore.

ESEMPIO DI RIVISTA VINTAGE

Grazie alla Biblioteca dell'Università di Stanford, possiamo vedere il materiale originale utilizzato per comporre una rivista negli Stati Uniti, Vita in macchina Settembre 1967. Normalmente, tutto quello che finiva in un cestino una volta stampata la rivista, non aveva molto senso conservare tanta carta. I giornalisti scrivevano i loro testi con la macchina da scrivere o a mano., ma di solito venivano consegnati tramite macchina. Quei dispositivi avevano dita forti, il ritorno a capo veniva spostato a mano e non c'era il pulsante "Elimina".

D'altro canto, mancavano le immagini ottenute con la macchina fotografica, oppure i negativi venivano consegnati non sviluppati, oppure sviluppò stampe che normalmente erano in bianco e nero. Le cornici dovevano essere sufficientemente grandi da poter essere tagliate a piacimento dal progettista del layout a seconda dello spazio disponibile, poiché nel mondo della carta lo spazio è sempre stato limitato. In alcuni casi, la persona che ha scritto il test era la stessa persona che ha scattato le foto, ma di solito si trattava di compiti separati.

Per la composizione delle schede tecniche, alcuni fogli sono stati compilati con campi standard, che veniva fatto con una penna o una matita (poiché l'uso della macchina da scrivere a volte era noioso). Per quanto riguarda la grafica che accompagnava la scheda tecnica, Sono stati realizzati su carta millimetrata e ovviamente a mano.. Venivano usati oggetti arcaici come compasso, righello, squadra, ecc. Sì, quelle cose servivano a uno scopo.

Una volta disponibili tutti i materiali, i progettisti del layout hanno fatto la loro magia, posizionando tutti gli elementi all'interno di una griglia che l'occhio non vede, rispettando esattamente lo spazio assegnato, e regolando l'inquadratura di ogni foto in modo da non sprecare nemmeno un centimetro quadrato del modello. Dopo aver corretto gli errori e sistemato il tutto, È stato dato il via libera e si è andati in stampa..

QUALCHE PROGRESSO

Tra i giornalisti della vecchia scuola, C'è chi è ancora attivo e manda le sue “cronache” via telefono perché viaggiano senza computer e tanto meno macchine da scrivere. Questo è chiaramente obsoleto, ma sappi che è stato fatto e non ha smesso di essere fatto. Non tutti sono diventati “band men”. Inoltre, non hanno bisogno di portare con sé telecamere, poiché i reparti stampa hanno a disposizione materiale eccellente per i media che non scattano le proprie immagini.

Ma prima che esistessero queste sofisticazioni, e come via di mezzo, C'erano macchine da scrivere portatili che avevano una piccola stampante, e quindi l'articolo potrebbe essere inviato via fax. Se vi sembra arcaico, meglio non chiedervi cosa fosse il telex, una via di mezzo tra il telegrafo Morse e il fax. Quando non c'era l'urgenza che c'è adesso con la pubblicazione di informazioni, lussi come inviare i rullini (bobine) tramite posta ordinaria dal paese lontano dove è stata fatta una presentazione. Sapevi che il Renault Laguna è apparso in Africa o nel Fiat Uno in Brasile? Erano tempi decisamente diversi, e non erano viaggi di andata e ritorno in giornata.

In tutti questi anni il giornalismo non si produce allo stesso modo, né lo si consuma allo stesso modo. Ma di tanto in tanto è bene ricordarlo come si facevano le cose in passato...

immagini del Stanford.

foto dell'avatar

scritto da Javier Costas

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

60.2kFan
2.1kSeguaci
3.4kSeguaci
3.9kSeguaci