in

In risposta a Sixt e Continental

Lo scorso XNUMX febbraio le aziende Sixt y Continentale hanno reso pubbliche le conclusioni tratte dallo studio da loro svolto sull'invecchiamento del parco auto spagnolo. Tra questi, ne spiccano due che avrebbero un impatto terribile sulla conservazione del patrimonio culturale industriale del nostro Paese: la raccomandazione di rottamare tutte quelle macchine con più di trent'anni di antichità e il divieto di vendita o scambio tra privati ​​di tutti coloro che hanno più di quindici anni. Gli obiettivi che giustificherebbero l'adozione di tali misure sono una maggiore sicurezza al volante e un ambiente più pulito.

Andiamo al sodo: lo scopo di questo articolo è semplicemente quello di "smantellare" le loro argomentazioni e poi chiedere che queste due società si ritirino pubblicamente. Per motivi di trasparenza, inizieremo citando testualmente le informazioni pubblicate in Il Paese sulla presentazione dello studio, arrivata dall'agenzia di stampa EFE, è stata diffusa anche dal quotidiano Il mondo. Riportiamo poi la notizia di Europa Press del comunicato congiunto che Sixt e Continental hanno diffuso due giorni dopo per chiarire la loro posizione sui classici, e che è stato ripreso anche dai media nazionali, questa volta specializzati, come Espansione o L'economista.

Fiat Panda (1980-2003)
Fiat Panda (1980-2003) (per gentile concessione di Fiat)

[su_spoiler title = 'Continental e Sixt chiedono che la vita dei veicoli sia limitata a un massimo di 30 anni' show = 'true']

Continental e Sixt chiedono che la vita dei veicoli sia limitata a un massimo di 30 anni

 
EFE ECONOMÍA Madrid 5 FEBBRAIO 2013 - 14:48 CET - Notizie da «El País»
 
Il produttore di pneumatici Continental e la società di autonoleggio Sixt hanno chiesto alle autorità spagnole una normativa che limiti la vita di un veicolo a un massimo di 30 anni e che, dopo tale termine, debba essere rottamata.
 
In un rapporto sulla situazione del parco auto spagnolo, sia il produttore che la società di noleggio propongono il divieto di scambio di auto di più di 15 anni tra privati.
 
Entrambe le richieste contengono lo scopo di contribuire ad una maggiore sicurezza stradale e ad una riduzione delle emissioni di sostanze nocive, aspetti che sono garantiti con le nuove generazioni di automobili.
 
Sixt e Continental hanno condotto congiuntamente un sondaggio tra i proprietari di auto con più di dodici anni, in cui alla fine si indica che l'età media di queste auto è fissata a 16 anni.
 
Una caratteristica generale che preoccupa i promotori del sondaggio è che la maggioranza degli interpellati si dichiara soddisfatta delle prestazioni di queste vetture, nonostante l'età elevata.
 
Sostengono inoltre il progressivo aumento dell'età media del parco auto spagnolo a causa delle ispezioni di routine da parte della DGT del battistrada degli pneumatici e il divieto di accesso ai centri urbani per le auto altamente inquinanti.
 
Alcuni dati del sondaggio mostrano che, a causa dell'età del veicolo, solo il 2% ha il controllo della stabilità, il 57% non ha l'ABS e il 35% non ha l'airbag.
 
Nonostante la mancanza di questi elementi essenziali in una nuova auto oggi, i proprietari di questi vecchi modelli indicano nell'87% dei casi di sentirsi sicuri durante la guida, il 96% afferma che la propria auto non è un rischio di incidenti e l'88,5%,XNUMX % che frena bene.
 
Un altro dato preoccupante è che il 78,2% dei possessori di queste vetture esprime il desiderio di non cambiarla nei prossimi anni.
 
Un'altra caratteristica di disinteresse per gli elementi di sicurezza è che il 26% di queste auto ha le gomme irregolari, cioè le loro caratteristiche non coincidono per marca o caratteristiche e la stessa percentuale ammette che hanno un'usura eccessiva delle ruote.
 
Il 15% va al rivenditore ufficiale per le riparazioni e la manutenzione, ma la stragrande maggioranza opta per le riparazioni a domicilio o nelle officine di quartiere.
 
Per i responsabili di entrambi i marchi, questi dati forniscono la conclusione che i proprietari di questo tipo di veicolo non partecipano alle campagne di sicurezza stradale della Direzione Generale del Traffico (DGT). [/ su_spoiler]

Opel Calibra (1989-1997)
Opel Calibra (1989-1997) (in prestito da Opel)

[su_spoiler title = 'Sixt e Continental, contro la rimozione dei classici dalla circolazione' show = 'true']

RAPPORTO SULL'INVECCHIAMENTO DEL PARCO

Sixt e Continental, contro la rimozione dei classici dalla circolazione

 
MADRID, 7 febbraio (EUROPA PRESS)
 
Le aziende del settore automobilistico Sixt rent a car e Continental hanno diffuso un comunicato congiunto in cui chiariscono di non essere favorevoli al ritiro dalla circolazione dei veicoli classici, storici o da collezione.
 
La società di noleggio e il produttore di pneumatici e componenti hanno tenuto martedì scorso una conferenza stampa congiunta per presentare un rapporto sull'invecchiamento del parco auto, e in cui hanno chiesto la rimozione obbligatoria delle auto di età superiore ai trent'anni. .
 
Entrambe le società affermano che in nessun momento di questa conferenza stampa si è fatta allusione - o è stata inclusa - a questo tipo di auto quando si raccomanda che la vita di un veicolo di tipo turistico dovrebbe avere un tempo massimo di utilizzo.
 
“Sia Sixt che Continental sono consapevoli dell'importanza dei veicoli classici nella storia dell'automobile. Sarebbe assurdo che due società con più di 100 anni di storia ciascuna chiedessero la scomparsa o l'eliminazione di qualsiasi tipo di veicolo chiamato classico e in perfette condizioni", aggiungono.
 
Sixt ricorda inoltre di essere uno dei principali sponsor di una delle più importanti competizioni di auto d'epoca: la Mille Miglia; e Continental, a sua volta, è fornitore di pneumatici per veicoli storici in tutto il mondo, nonché sponsor e fornitore di competizioni di moto d'epoca anche in Spagna.
 
"Pertanto, è del tutto incerto, e questo è stato affermato in conferenza stampa, che Sixt o Continental non abbiano mai raccomandato - o siano favorevoli - al ritiro dei veicoli classici o storici dalle strade spagnole", concludono.

[/ Su_spoiler]

Renault 12 (1969-1980)
Renault 12 (1969-1980)

Una volta che queste informazioni sono state esposte, passiamo al lavoro. Da qui useremo il rapporto «Mantenere il nostro patrimonio di trasporti mobili» pubblicato nell'ottobre 2006 dal Movimento Europeo per i Veicoli Antichi, patrocinato dal Federazione Internazionale dei Veicoli Antichi (Federazione Internazionale dei Veicoli Antichi, FIVA), che è il primo documento che tenta di definire e quantificare l'amore per i veicoli d'epoca nel Vecchio Continente nelle sue varie sfaccettature. Per chi non conosce l'inglese, c'è anche un versione tradotta in spagnolo. Inoltre, utilizzeremo l'esperienza che l'intermediazione Seguros Sergio Romagosa SL ha accumulato in 24 anni di servizio.

Innanzitutto, e per chi non conosce la FIVA, diremo che è l'organizzazione internazionale che garantisce la conservazione e la corretta manutenzione dei vecchi veicoli, a livello mondiale. È composto da federazioni nazionali di oltre 50 paesi, tra cui la FEVA spagnola, che a loro volta includono i fan club che operano nel loro territorio e che desiderano farlo. A partire dal La Scuderia Riteniamo che sia particolarmente importante affiliarsi a FEVA in quanto nostra rappresentativa nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni, così come FIVA lo è nei confronti dell'Unione Europea. Così, uniti, ci facciamo conoscere ed esponiamo i nostri punti di vista nell'elaborazione di nuove leggi che potrebbero danneggiarci ingiustamente.

Allo stesso modo, vale la pena definire cosa intende questa federazione per "vecchio veicolo" Oppure, in modo meno tecnico, classico: qualsiasi veicolo che abbia più di 30 anni sarà considerato tale, indipendentemente dalla sua tipologia; che non è utilizzato per viaggi regolari e che è conservato nelle sue condizioni originali. Auto, moto, camion, autobus, trattori o qualsiasi altra macchina che serva al trasporto di persone e che soddisfi i requisiti richiesti è coperta e protetta dalla FIVA e, in Europa, dal suo Movimento Europeo a favore dei Veicoli Antichi. .

Posto 127 (1972-1982)
Seat 127 (1972-1982) (Immagine di Seat, condivisa da John Lloyd)

Questo concetto è l'unico per il quale si è raggiunto un consenso internazionale, ma ciò non significa comunque che i veicoli più moderni debbano essere rottamati, poiché se ciò fosse fatto, ovviamente, i "classici" del futuro vengono distrutti e, come vedremo in seguito, il patrimonio culturale industriale continentale. E l'unica cosa che può trasformare un vecchio veicolo in una cosa del genere è il passare del tempo.

In effetti, è difficile pensare a qualcosa che abbia trasformato le società europee più del trasporto su strada meccanizzato. Ma è che, inoltre, lo sviluppo di questa tecnologia è avvenuto in gran parte nel Vecchio Continente, motivo per cui è diventata ancora più fortemente uno dei suoi tratti distintivi, della sua cultura. Questo è ciò che rende i vecchi veicoli un patrimonio storico da conservare; un patrimonio, inoltre, mantenuto solo ed esclusivamente dai suoi proprietari e che viene poi goduto dalla società nel suo insieme attraverso le diverse attività che spesso organizzano in modo altruistico.

BMW E30 (ed E21) (1982-1994)
BMW E30 (ed E21) (1982-1994) (per gentile concessione di BMW)

LE CONCLUSIONI DEL RAPPORTO

Detto questo, concentriamoci sul suddetto rapporto: per raggiungere il suo obiettivo, la FIVA ha inviato circa 750.000 questionari agli enti affiliati (club e non), ai loro membri e alle imprese direttamente coinvolte nel settore dei veicoli d'epoca in un totale di undici paesi dell'Europa Union, rappresentante degli altri 12 (in totale 23) che hanno delegazioni federative. Non sono quindi compresi i tifosi che fanno parte di enti non soci, né le imprese che partecipano "lateralmente" al settore o le persone che utilizzano un veicolo vecchio come mezzo principale o come secondo veicolo. I dati relativi alle sue conclusioni, che presenteremo di seguito, sono quindi necessariamente conservativi.

[su_quote] 1- Dal punto di vista economico, il settore dei veicoli d'epoca dà lavoro a 9.000 imprese, che generano un fatturato annuo di circa 16.600 milioni di euro. Il 57% di queste imprese esporta in altri paesi dell'UE, mentre il 45% lo fa nel resto del mondo.

D'altra parte, i proprietari di questo patrimonio spendono direttamente in prodotti e servizi legati al loro hobby, come veicoli, carburante, manutenzione, libri e riviste, assicurazioni, automobili o abbigliamento, tra gli altri, 4.900 miliardi di euro.

I club, dal canto loro, fanno una spesa annua aggiuntiva di 39 milioni. [/ su_quote]

Renault4 (1961-1992). Qualcuno potrebbe venire a salvarlo...
Renault4 (1961-1992). Qualcuno potrebbe venire a salvarlo... (Per Tony Harrison)

[su_quote] 2- In termini di occupazione e stabilità vitale, nel settore dei vecchi veicoli vivono circa 55.000 esseri umani, di cui il 68% lavora a tempo pieno e il 24% corrisponde a persone di età superiore ai 55 anni.

Inoltre, sono spesso dipendenti di aziende che operano da più di 10 anni (nello specifico il 67% dei 9.000 sopra citati), il che dimostra che sono saldamente radicati e hanno voglia di continuità.

D'altra parte, il 71% di queste imprese offre una formazione specializzata che qualificherà l'apprendista o studente e che fornirà loro competenze che, essendo un settore minoritario, li differenzierà per il resto della loro vita. [/ su_quote]

Tutti amano i veicoli d'epoca
La società spagnola ama i veicoli d'epoca

[su_quote] 3- Per quanto riguarda il numero di vecchi veicoli esistenti e la tipologia di utilizzo che ne viene data, nell'Unione Europea sono almeno 1.950.000, di cui 1.530.000 in condizioni legali di circolazione. La Commissione Europea dei Trasporti stima che attualmente ci siano circa 255 milioni di veicoli -in generale- immatricolati nell'UE, Per questo motivo, i veicoli di vecchia immatricolazione costituiscono solo lo 0,8% di tale importo.

L'83% dei veicoli più vecchi viene utilizzato meno di tre volte a settimana e il 71% percorre meno di 1.500 chilometri all'anno. Meno del 10% viaggia più di 3.500. Mentre tutti i veicoli immatricolati percorrono annualmente una distanza di 2,2 milioni di chilometri, i vecchi veicoli percorrono solo 1.400 milioni, ovvero lo 0,07% di detto chilometraggio. [/ su_quote]

Anche la 600 era una vecchia macchina old
La 600 era anche una vecchia macchina... (For Diego Torres Silvestre)

[su_quote] Infine, per quanto riguarda la sfera culturale e sociale, si è scoperto che il valore di mercato del 78% dei veicoli d'epoca è inferiore a 15.000 euro, e che il 29% dei loro proprietari ha un reddito familiare inferiore a 30.000 euro un anno.

Inoltre, i fan oggetto dell'inchiesta hanno partecipato a circa 265.000 eventi al di fuori dei loro paesi d'origine. Hanno anche dormito 2.680.000 notti fuori casa per il loro hobby; Entrambe le azioni si traducono nella promozione del turismo e nel rafforzamento dei legami intercomunitari e interculturali.

Sono invece circa 2.000 i club affiliati alla FIVA, che raccolgono almeno circa 786.000 appassionati. Di questi 165.000 appartengono a soggetti ubicati al di fuori del Paese di residenza. I club raccolgono annualmente 1.800.000 euro per beneficenza.

Le più importanti riviste specializzate in veicoli d'epoca hanno una tiratura annua di circa 20 milioni di copie; e infine, ci sono circa 700 musei dei trasporti nell'UE, che attirano 75 milioni di visitatori ogni anno.

[/ su_quote]

Opel Kadett E (1984-1991)
Opel Kadett E (1984-1991) (prestito da Opel)

LE CONCLUSIONI SBAGLIATE DI SIXT E CONTINENTAL

È facile pensare che se le nostre auto vengono rottamate con la forza o se vengono posti ostacoli e ostacoli alla loro sopravvivenza, la quota spagnola di tutta la ricchezza culturale, sociale ed economica descritta sarà notevolmente ridotta o addirittura scomparirà. Da Continental ci viene consigliato di farli storici, cosa che è senza dubbio una possibilità. Tuttavia, è fatto senza rendersi conto che molti possibile I vecchi veicoli non si troveranno nelle mani di un hobbista prima di aver compiuto 15 anni, data da cui, se fosse legiferato nel senso consigliato dalle aziende tedesche, sarebbe impossibile venderli. Pertanto, la soluzione promossa, visto il suo costo compreso tra i 600 ei 1.000 euro, costituisce piuttosto un motivo in più per mandare alla rottamazione buona parte di questo futuro patrimonio nazionale.

Francamente entrambe le proposte, di rottamare quelle auto con più di 30 anni e di vietare la vendita e lo scambio tra privati ​​di quelle con più di 15 anni, sono sproporzionate: ancora una volta si cerca di uccidere le mosche a colpi di cannone; cioè risolvere i problemi della sicurezza stradale, dell'ambiente e del settore automobilistico attraverso la via più semplice, il cui percorso lederà ingiustamente i diritti di chi meno lo merita. A partire dal La Scuderia Vogliamo che il consenso prevalga sul radicalismo, le sfumature sulla semplificazione. Signori di Sixt e Continental, potete fare di meglio e, per inciso, spazzare di meno a casa. A proposito, Sapevi del rapporto FIVA?

Sedile Ibiza (1984-1993)
Seat Ibiza (1984-1993) (per Rudolf attaccante)

Dall'altra parte, dall'esperienza che l'intermediario assicurativo Sergio Romagosa, SL ha accumulato in 24 anni di servizio, specializzandosi nell'intermediazione di assicurazioni appositamente studiate per veicoli con almeno 20 anni di età e con limite di chilometraggio annuo - il tipo di assicurazione di cui i tifosi tendono ad approfittare - le raccomandazioni delle due multinazionali suonano poco meno che assurde. Ed è che, a parte detta limitazione contrattuale -5.000 km per le autovetture-, che parla da sola in termini di inquinamento, la frequenza degli incidenti dei veicoli oggetto del lavoro di Sergio Romagosa è del 2%, cinque volte inferiore a 10 % del computo globale del ramo assicurativo auto. Vale a dire, su cento polizze contratte, solo due - contro dieci - registrano un infortunio, grazie a un utilizzo del rischio assicurato molto inferiore alla media. Inoltre, e ancora una volta significativamente, nell'80% dei casi la colpa è del veicolo avversario.

Un veicolo, a partire dai 20 anni, circola spesso sporadicamente, funzionando come secondo veicolo o veicolo sostitutivo anziché come veicolo principale; a maggior ragione quando si tratta di macchine che hanno più di trent'anni, a cui corrisponde la tariffa assicurativa più conveniente. Questo perché, non essendo più adatte al traffico quotidiano, difficilmente si muovono. Alla luce di questi dati, ci chiediamo se Sixt e Continental abbiano correttamente consultato le statistiche sugli infortuni del settore assicurativo.

Una delle foto della presentazione Sixt e Continental corrisponde a un 1500 così like
Una delle foto della presentazione PowerPoint di Sixt e Continental, di cui
parleremo alla fine, corrisponde a un 1500 come questo (Per Francisco Gonzalez)

In definitiva, è difficile giustificare consigli separati per rottamare quelle auto con più di 30 anni e per vietare la vendita e lo scambio tra privati ​​di quelle con più di 15 anni, soprattutto quando si stima che non ci siano più di circa 150.000 veicoli in circolazione in Spagna .quelle che si dedicano all'assicurazione di intermediari specializzati come quella di Sergio Romagosa.

A tal fine, abbiamo deciso di inviare una lettera a entrambe le società chiedendo che ritrattano pubblicamente le loro conclusioni con la stessa pretesa mediatica con cui sono stati trasmessi; avvisandoli che se non lo faranno, non avremo altra scelta che contattare le loro rispettive sedi in Germania, con la FIVA e con la Sezione tedesca dei veicoli storici dell'ADAC. In ogni caso, copia del presente articolo raggiungerà i Ministeri e gli enti pubblici interessati alla sua conoscenza.

Infine, il lettore dovrebbe sapere che non è un caso che non abbiamo offerto un collegamento a una sintesi ufficiale o al rapporto originale presentato dalle multinazionali tedesche. Dopo averlo richiesto via e-mail a Continental in due occasioni, il 14 febbraio e il 19 marzo, finalmente quello che ci è stato inviato dopo quel secondo tentativo è stato il documento di tipo PowerPoint che probabilmente è servito come guida alla mostra durante l'evento di presentazione e divulgazione. conclusioni messe in discussione in questo articolo.
 
 

 
 

Vota questa notizia e Commento!

Cosa ne pensi?

javier romagosa

scritto da javier romagosa

Mi chiamo Javier Romagosa. Mio padre è sempre stato appassionato di veicoli storici e io ho ereditato il suo hobby, crescendo tra auto e moto d'epoca. Ho studiato giornalismo e continuo a farlo perché voglio diventare professore universitario e cambiare il mondo... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci