in ,

Mi piaceMi piace SorpresoSorpreso LOLLOL Ma cosa??Ma cosa?? IncazzatoIncazzato

Edsel: un disastro storico per Ford

Sono passati 65 anni dalla presentazione di un'auto concepita metodicamente e che non ha ottenuto il riscontro di pubblico atteso. L'estetica controversa, i problemi di qualità e lo sviluppo da un milione di dollari hanno reso l'Edsel il più grande fallimento nella storia di Ford.

Gli anni '50 lo erano un'età d'oro per l'automobile, soprattutto negli Stati Uniti, che a quel tempo si vantavano con orgoglio di essere i più grandi costruttore di automobili globale. Furono anni di grande evoluzione, in soli dieci anni la modernità passò da carrozzerie tipo pontone a vetture sempre più basse, lunghe e larghe con due enormi pinne all'estremità.

Ogni anno hanno presentato nuovi modelli che hanno superato quelli dell'anno precedente. Inoltre, Nuove tecnologie come trasmissioni automatiche, servosterzo e motori V8, tra le molte altre opzioni che potevano essere equipaggiate su auto di qualsiasi gamma, divennero popolari.

Con un amante dell'auto come Eisenhower al comando del paese, il nuovo Legge sulle autostrade del 1956 comporterebbe la creazione di più di 66.000 chilometri di moderne autostrade interstatali. Era il più grande progetto di lavori pubblici negli Stati Uniti fino a quel momento.

I "TRE GRANDI" DI DETROIT

Ciò ha fornito un ulteriore incentivo alla vendita di auto nuove, un settore in crescita dalla fine della seconda guerra mondiale. In questo contesto il "Grande Tre"Di Detroit (General Motors,Chrysler Società e Ford Motor Company) hanno gareggiato nelle vendite per vedere chi deteneva la quota di mercato maggiore.

General Motors Erano allora quelli che si divertivano maggiore popolarità, e aveva una gamma di marchi distribuiti dalla categoria più bassa a quella più alta nel seguente ordine: Chevrolet, Pontiac, Oldsmobile, Buick y Cadillac.

Catalogo del marchio General Motors del 1956

Chrysler Società Notò questa formula vincente e verso la metà degli anni '50 aggiornò i suoi modelli con le nuove vetture firmate dal nuovo e rivoluzionario designer Virgil exner. Inoltre, in 1955, il gruppo introduce un nuovo brand come top di gamma, Imperial, con cui competerebbe testa a testa Cadillac, e ciò completerebbe il catalogo di cinque marchi in Chrysler che ha dato tanto successo a GM.

Nel frattempo Ford Motor Company Aveva solo tre marchi al suo attivo; Ford, come gamma di accesso; mercurio, come intermedio e Lincoln, l'azienda di lusso del gruppo. Nel tentativo di competere con la prestigiosa Cadillac di General Motors e la nuova Imperial di Chrysler, Ford si trasforma in 1956 a Continentale, che fino ad ora ha dato il nome all'ammiraglia Lincoln, in un marchio a sé stante

Ho avuto un unico modello; il Marco II, una coupé enorme e lussuosa che divenne l'auto più costosa d'America, con un prezzo che superava Dollari 10.000 ($ 108.800 nel 2022) e con la quale Ford ha perso circa $ 1.000 per auto prodotta.

La lussuosa Continental Mark II del 1956

Ford ha dovuto aprire un nuovo stabilimento di produzione a Allen Park, Michigan, destinato alla fabbricazione quasi artigianale del nuovo Marco continentale II e inaugurato nel 1956 estate. Questa costosa avventura durerebbe appena un anno, con il fine della produzione della Mark II arrivando 1957.

CREARE UN NUOVO MARCHIO

Ma guado aveva ancora in mente l'intenzione di lanciare un nuovo marchio sul mercato durante gli anni '50. I responsabili dell'azienda si stabilirono target di riferimento giovani professionisti con un futuro promettente, che ancora non potevano accedere ad un'auto di lusso, ma di fascia intermedia.

La nuova firma di guado era posizionato come a concorrente diretto della concorrenza come Oldsmobile de General MotorsIl progetto è nato nel 1955 come "auto sperimentale"O semplicemente"E auto".

Ford ha speso una fortuna facendo ricerche sul mercato e imparando cosa volesse il loro pubblico di destinazione. La nuova auto doveva essere moderna, con uno stile dell'era spaziale della metà degli anni '50 sia all'interno che all'esterno. Avrebbe anche un'ampia varietà di articoli. cromo, potenti motori V8 e pinne.

Nonostante tutte queste qualità futuristiche all'epoca, la risposta degli intervistati fu che volevano un'auto che attirasse l'attenzione al passaggio. Doveva avere elementi di design delle auto di lusso prebelliche come un cofano allungato e un design della griglia verticale, evocando così veicoli come la Packard e La Salle degli anni '30.

La Sala del 1939

Ma restava ancora da battezzare l'auto che fino ad ora era conosciuta internamente semplicemente come la “E auto”. per questo lavoro guado ricorse a una società di pubblicità che diede all'azienda un elenco con più di 6.000 diverse possibilità, tra cui c'erano Battistrada, Citazione y Corsair, che finirebbero per essere modelli del nuovo marchio che non aveva ancora un nome.

A titolo di curiosità, due dipendenti incaricati di nominare la nuova vettura hanno invitato ufficiosamente il la poetessa dal pensiero libero Marianne Moore per fornire suggerimenti. Alcuni di questi erano troppo stravaganti e modernisti con alcuni esempi di proposte di nomi come "guado Fabergé","Pastelogram","utopistico tartaruga".

EDSEL, IL NOME SCELTO

Alla fine, e già disperato, il team marketing Ford ha deciso un nome che era stato proposto fin dall'inizio: Edsel. Questo è stato un omaggio al figlio di Henry Ford e presidente dell'azienda tra il 1919 e il 1943, oltre ad essere il padre dell'allora presidente della Ford, Henry Ford II.

Altre voci dissonanti all'interno della compagnia era quella di Robert McNamara, che era in azienda dal 1946 e aveva contribuito a mantenerla a galla dopo la seconda guerra mondiale con misure innovative che hanno consentito di risparmiare milioni di dollari guado. 

McNamara concentrò tutte le sue attenzioni su Ford, il contrassegno di accesso aziendale, perché per lui un'auto non era altro che un modo di fare affari vendendo uno strumento per andare dal punto A al punto B.

Il resto dei marchi dell'azienda gli erano superflui ed era contrario alla creazione di un nuovo marchio creato frettolosamente come è successo con Continentale. Credeva inoltre che questi altri segni dovessero essere riuniti una nuova divisione chiamare MEL: Mercury-Edsel-Lincoln. 

Proseguendo con il design della nuova vettura, lo styling sarebbe improntato alle linee guida ricavate dai molteplici studi di mercato effettuati. Il nuovo Edsel Sarebbe pronto per il 1957 e avrebbe elementi comuni ad altre auto contemporanee, con caratteristiche come l'ottica a doppio faro anteriore. Era qualcosa che quasi tutti i produttori americani avrebbero incorporato nelle loro auto per i loro modelli del 1958.


DISEGNO CONTROVERSO

Senza dubbio, l'elemento estetico che ha generato più polemiche intorno al Edsel era il suo enorme griglia verticalelavoro di designer Bob Jones. È interessante notare che negli schizzi disegnati realizzati dal capo progettista di Edsel, Roy Brown, questo elemento era molto più sottile ed elegante. Finalmente è stato deciso un grande calendario per paura di possibili problemi di refrigerazione.

Prototipo del 1955 con design della griglia quasi definitivo

Vicepresidente esecutivo Ford Ernest Culatta, ha contribuito a aspetto alla griglia, chiedendo che sia più alto e più ampio, al fine di fornire il Edsel di uno aspetto frontale caratteristico. Qualcosa che, nel bene e nel male, è stato raggiunto, perché senza questo elemento l'auto era davvero simile ad altre auto contemporanee come la Ford e Oldsmobile.

Uno schizzo di design della futura Edsel con una griglia meno aggressiva

Con la macchina pronta reparto marketing Ford andò al lavoro, anticipando l'arrivo dell'auto in annunci pubblicitari in cui il futuro e edsel misterioso è stato presentato come l'auto di domani, ma l'aspetto dell'auto non è mai stato mostrato.

Anche nella nuova apertura commercianti di edsel conosceva l'aspetto del veicolo, contribuendo così alla aura di segretezza che circondava la nuova vettura, ma che creava molto confusione tra i venditori di marca.

E-DAY: 4 SETTEMBRE 1957 

guado credevano che questa nuova vettura che si definivano rivoluzionaria ea cui avevano dedicato così tanto tempo si sarebbe praticamente venduta da sola. Per il grande spettacolo al pubblico, Ford ha speso milioni di dollari in una vasta campagna pubblicitaria.

Si avvalse persino della televisione, mezzo di comunicazione in forte espansione in quegli anni, in uno spazio televisivo vivere che avrebbe il auto come protagonista rilasciato appena un mese dopo la presentazione ufficiale.

Presentazione dell'Edsel nel 1957

Il "Spettacolo di Edsel", che era il nome dato al programma, avrebbe grandi personalità del momento come Frank Sinatra, Louis Armstrong o Bing Crosby.

Il formato era quello di a spettacolo di varietà musicale che servirebbe a dare un riconoscimento alla nuova vettura. E la verità è che lo spazio televisivo è piaciuto al pubblico e alla critica, vincendo il premio della rivista "Look" per il miglior programma musicale dell'anno e ricevendo una nomination per un Emmy Award. 

Il risultato è stato quello di conseguenza tre milioni di persone sono andate alle concessionarie per vedere la macchina nuova, ma molto pochi tornarono a casa possedendo una Edsel. guado stimato alcune vendite di 600 auto al giorno nella prima settimana dopo la presentazione.

Quello che in teoria sarebbe stato quello con il maggior afflusso di clienti, ma la realtà era quella i dati migliori delle vendite erano 350 unità al giorno, cifre che da allora non sarebbero migliorate.

LE RAGIONI DEL BATACAZO

Le ragioni di questo fallimento commerciale furono diverse, forse la principale fu quella segretezza con cui guado si era occupata del design dell'auto, perché l'auto è arrivato alle concessionarie senza sapere se sarebbe piaciuto al pubblico, basato esclusivamente su ricerche di mercato. Un altro aspetto che non ha convinto è stato il nome "Edsel", che non ha suscitato alcun tipo di reazione da parte dei consumatori.

Pubblicità Edsel con lo slogan "la cosa più bella che sia successa alla potenza"

Un altro punto da notare è stato il prezzo, perché inizialmente l'auto doveva essere una gamma intermedia tra le guado e i mercurio. Alla fine, il Edsel aveva dei prezzi abbastanza simile a quelli di fama mercurio, che aveva il favoritismo pubblico.

La trasmissione automatica della Edsel divenne anche un altro dei suoi grandi problemi. Proprio come Chrysler aveva implementato nella sua gamma alcuni anni prima, Edsel presenterebbe un cambio automatico a pulsante, ma questi controlli andrebbero alloggiato al centro del volano, in un sistema che guado chiamato come "Teletocco".

El Questo sistema non ha funzionato come previsto. e spesso confuso i conducenti in pieno svolgimento. Quando avrebbero suonato il clacson, avrebbero invece premuto il pulsante per cambiare una delle marce, il che nel peggiore dei casi significava una visita in officina.

Non ha aiutato neanche los cavi per il funzionamento del sistema alloggiato nel piantone dello sterzo, che si trovava molto vicino al collettore di scarico, causando la fusione del filo e un guasto prematuro.

I pulsanti del cambio «Teletocco» alloggiato nel volante

PIÙ RECLAMI

Un'altra lamentela comune tra gli acquirenti di Edsel era molte rumore e vibrazioni guida fastidiosa Questo non è stato affatto casuale. Ford non ha assegnato una fabbrica specifica per Edsels, e ha condiviso la catena di montaggio con il mercurio e i Ford.

Lo hanno chiesto gli amministratori della società per ogni sessanta Ford fabbricati dagli operai hanno dovuto costruire un Edsel, causando errori nel processo di fabbricazione. Ciò ha ritardato il loro lavoro e ha fatto sì che i dipendenti odiassero gli Edsel, sabotandoli persino durante l'assemblaggio. Ad esempio, lanciavano dadi e bulloni allentati all'interno delle porte per esprimere il loro malcontento e il rumore risultante perseguitava i futuri acquirenti. 

Le auto sono state letteralmente fatte sbrigati e corri. Tale era la situazione che, a volte, le auto sono arrivate in concessionaria con parti sciolteo con componenti non assemblati nei bauli affinché i meccanici finissero il montaggio.

Ciò ha comportato un 16% dei proprietari un Edsel presunto un "scarsa manifattura” delle loro auto, e le auto che sono state consegnate alla stampa automobilistica hanno avuto problemi come un contachilometri difettoso o perdite di bagagli dopo la pioggia.

Non ha aiutato neanche contesto storico in cui è stato rilasciato. Nonostante gli anni '50 siano stati un periodo di grande crescita economica e di enorme sviluppo per l'industria automobilistica, in 1958 è venuto il prima recessione finanziaria dalla fine della seconda guerra mondiale. Proprio la stagione per la quale era stato introdotto l'Edsel.

Tutte le auto della Ford Motor Company nel 1958

CAMBIAMENTI DEL MERCATO

Gli acquirenti ora hanno preferito auto economiche, come piccole utility di importazione europee o marchi di accesso americani. I marchi di fascia media come Edsel hanno subito il calo maggiore delle vendite.

Nemmeno il motore ha aiutato. V8 de 6,7 litros che ha equipaggiato il Edsel Citazione y Corsair, che ha dato consumi medi abissali anche per l'epoca del 20 litri ogni 100 chilometri. 

Con tutto, quello che gli piaceva di meno dell'Edsel era la sua estetica. Non solo perché aveva promesso di essere l'auto di domani e si è rivelata per nulla rivoluzionaria, senza presentare grandi pinne come dettava la moda del tempo. 

La stiratrice verticale che Edsel ha dato all'auto come segno di identità era il centro di chascarrillos, confronti y presa in giro. Alcune delle somiglianze erano che sembrava un'imbracatura, un sedile del water, una faccia che succhiava un limone o le parti intime di una donna. Tutto questo ha creato persone vergogna di guidare una Edsel. Un aneddoto riguardante l'estetica dell'auto era quello Richard Nixon Gli hanno lanciato delle uova mentre sfilava in a Edsel Corsair a Lima, Perù, qualcosa su cui ha scherzato: "hanno lanciato uova contro la macchina, non contro me".

Sebbene l'Edsel fosse un fallimento commerciale riguardo a ele aspettative che Ford aveva per il marchio, divennero le secondo miglior debutto di vendite di un nuovo produttore americano fino alla data. venduto più di Auto 68.000 negli Stati Uniti e in Canada nel suo primo anno, ma lontano dalle 200.000 unità che Ford aveva proposto. 

AI GRANDI MALI, AI GRANDI RIMEDI

Di fronte alla situazione disastrosa causata dalla Edsel e che l'auto non godeva affatto del favore del pubblico, Ford fece tutto il possibile per continuare a promuovere l'auto in entrambi i casi.

“Il look Edsel è qui per restare e le auto del 1959 lo dimostreranno”

È qui che il direttore delle pubbliche relazioni del brand, Walter "Tommy" Thomas Lui decise offrire agli acquirenti di Edsel un pony con la loro auto. Normalmente un'idea così folle non sarebbe mai stata approvata, ma sorprendentemente Ford ha dato il via libera. 

Questa campagna pubblicitaria con il pony sarebbe stato annunciato in una popolare serie televisiva ambientato nel vecchio West americano. I clienti che entrano nelle concessionarie che hanno provato a Edsel sarebbero entrati una lotteria per vincere un pony come un animale domestico.

guado comprato oltre 1.000 pony e li ha inviati a concessionarie Edsel in giro per l'America. Questa decisione ha fatto esprimere la loro responsabilità ai responsabili delle concessionarie malcontento; non solo dovevano finire di assemblare le loro auto e occuparsi dei reclami dei clienti, ora dovevano comprare cibo e prendersi cura degli animali che erano visibili al pubblico.

Questa campagna ha fatto sì che molti bambini si recassero in concessionaria accompagnati dai genitori e provassero a Edsel. Naturalmente, quando hanno vinto la lotteria, hanno optato per l'alternativa di ricevere il prezzo dell'animale in contanti: $ 200 ($ 1.700 nel 2022).

Alla fine, Ford si rese conto che il problema non era la pubblicità, ma il prodotto che stavano pubblicizzando. A 1959 La gamma di Edsel è stata ridotta a solo due modelli, le basi guardia forestale e il più lussuoso Corsair, queste auto essendo basate su componenti Ford, mentre quelle basate su Mercury furono interrotte, realizzando la Edsels del 1959 e la Ford Fairland di quello stesso anno erano davvero simile.

Curiosamente, la gamma Edsel del 1959 può essere attribuita a piccola conquista a livello stilistico, essendo una delle prime auto della storia a alloggiare i fari all'interno della griglia del radiatore, una tecnica che sarebbe stata copiata da altri produttori americani l'anno successivo

Catalogo Edsel del 1959, con alcune caratteristiche più morbide

Altri elementi come il sistema di ingranaggi Teletocco sono stati sostituiti da una trasmissione più convenzionale. Più tradizionale anche la controversa calandra, che per il 1959 ne ridusse notevolmente le dimensioni.

FINE DELLA STORIA

Era Robert McNamara chi metterebbe punto alla storia dell'Edsel, qualcosa che aveva già fatto con il lussuoso Marco continentale II. L'esecutivo era a favore di auto popolari più piccole, come la Ford Falcon che ha ideato e che sarebbe stato presentato alla fine di 1959 essere un grande successo di vendita per il marchio. 

Sarebbe il 19 novembre 1959 e dopo aver convinto Henry Ford II che il marchio Edsel non aveva futuro e che stava costando a Ford milioni di dollari, che la società avrebbe annunciato il Edsel cessa le operazioni, anche se la produzione sarebbe continuata fino alla fine del mese.

Fu allora che Ford distribuì buoni di valore entre los $ 300 e $ 400 per risarcire gli acquirenti che avevano acquistato a Edsel de 1960, per l'acquisto di nuovi prodotti Ford.

1960 Edsel, più convenzionale e moderna

L'azienda ha anche offerto crediti ai concessionari per le unità invendute dopo la dichiarazione. Nel frattempo, molti di questi luoghi avevano già rimosso i segni Edsel delle sue strutture.

In totale Furono prodotti 118.287 Edsel tra Stati Uniti e Canada fino alla cessazione della produzione del marchio, e 2.287 unità sono rimaste invendute. Ford aveva in programma che Edsel introducesse a compatto simile al Falcon detto Cometa Edsel. in 1960 l'auto è andata sul mercato come la Cometa e si unirebbe al Gamma di mercurio nel 1962.

Prototipo Edsel Comet destinato al 1960

Alla fine della storia il Edsel le è costato a Ford più di 350 milioni di dollari del tempo, che si traduceva in livelli di 2022 sale a un enorme più di 3.000 milioni. Un fallimento economico e commerciale senza precedenti, finito come era iniziato, davvero male, e una storia automobilistica così bizzarra che vale la pena ricordare.

Fotografie: Ford, Lincoln, GM, Javier Ramiro

foto dell'avatar

scritto da Javillac

Questa cosa sulle automobili arriva fin dall'infanzia. Quando gli altri bambini preferivano la bicicletta o la palla, io tenevo le macchinine.
Ricordo ancora come se fosse ieri un giorno in cui una 1500 nera ci sorpassò sulla A2, o la prima volta che vidi parcheggiata per strada una Citroën DS, mi sono sempre piaciuti i paraurti cromati.

In generale, mi piacciono le cose di prima della mia nascita (alcuni dicono che mi sono reincarnato), e in cima a quella lista ci sono le auto, che, insieme alla musica, sono la combinazione ideale per un momento perfetto: guida e un colonna sonora in base all'auto corrispondente.

Per quanto riguarda le auto, mi piacciono le classiche di qualsiasi nazionalità ed epoca, ma il mio punto debole sono le auto americane degli anni '50, con le loro forme e dimensioni esagerate, motivo per cui molti mi conoscono come "Javillac".

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

57.5kFan
1.8kSeguaci
2.4kSeguaci
3.5kSeguaci