Porsche Cayenne
in

Mi piaceMi piace

20 anni della Porsche Cayenne

Molto probabilmente non ti piace, potresti vederlo come una vera aberrazione, ma in fondo dobbiamo celebrarne l'esistenza. La Porsche Cayenne è la salvatrice del marchio, l'auto che ha permesso a Porsche di uscire dal buco in cui era caduta e diventare più forte. È un SUV, sì, è l'“auto antisportiva”, ma anche così, celebriamo il suo 20° anniversario.

Nel 1989 Ferry Porsche fece una previsione che in seguito si avverò. Il capo della Porsche dichiarò, all'epoca, quello "Se realizziamo un modello fuoristrada secondo i nostri standard di qualità e lo scudo Porsche sulla parte anteriore, la gente lo comprerà".

Ferry Porsche non ha visto avverarsi la sua previsione, è morto il 27 marzo 1998 e la Porsche Cayenne è arrivata sul mercato nel 2002. Ma sicuramente sarebbe stato davvero orgoglioso. Era un visionario, mettendo sul tavolo un'idea molto folle, in un momento critico, perché Poco dopo, si è saputo che l'azienda tedesca era in gravi difficoltà finanziarie che hanno quasi messo fine all'azienda. La salvezza, come tutti sapete, fu quel SUV con lo scudo Porsche sul davanti.

Porsche

Ma… Vi siete mai chiesti come è stata forgiata la sua creazione? Non era così semplice come potrebbe sembrare, a quel tempo questo tipo di veicolo non aveva la forza di attrazione che ha avuto, ed era persino considerato un minivan di carattere premio…un minivan!

Sono passati 20 anni da quando è stata messa in circolazione la Porsche Cayenne, il più grande sacrilegio che il marchio ha fatto davanti ai puristi è un bel “Youngtimer" Quello, senza dubbio finirà per essere un veicolo da collezione, soprattutto nelle sue versioni più performanti. In questi 20 anni la Cayenne ha avuto versioni con motore diesel, ha attraversato il deserto, ha battuto diversi record sul leggendario circuito del Nürbugring e ha raggiunto vendite che hanno superato il milione di unità.

Sul bordo del precipizio

Porsche

La storia della Porsche è segnata dai suoi successi nelle competizioni, dalle sue vetture sportive e da una grave battuta d'arresto economica che stava per mettere fine all'azienda. Erano gli anni '90 e il marchio era intrappolato nel suo modello di punta, la 911. In precedenza, aveva lanciato modelli che, nonostante il loro innegabile interesse, non furono ben accolti dai puristi, non era "l'autentica Porsche". Il mercato, d'altra parte, ha dato loro un'accoglienza migliore, ma il marchio ha finito per scommettere sul fatto che il suo "tutto dietro" fosse un errore.

Negli anni '90 c'erano solo due vetture in produzione con il logo Porsche, la già citata (e intoccabile) Porsche 911 e una piccola roadster che si chiamava Boxster (combinazione di Boxer e Roadster). Sebbene la Porsche Boxster sia stata un successo di critica e di vendita, da sola non ha potuto aiutare la 911. e, quindi, non potevano alzare l'azienda. Inoltre, la Boxster divenne nota come il "Portico delle Signore", spingendo molti "uomini" a pensare ad altre opzioni.

Porsche Boxster

In quel momento Hans Riedel, membro del Consiglio di amministrazione preposto alle vendite, commissionò uno studio di mercato dal quale risultava che i due modelli in catalogo non potevano garantire un futuro all'azienda. Bisognava trovare una soluzione, che finì per essere lo sviluppo di un terzo modello, uno che garantirebbe reddito e stabilità.

"Era evidente che le auto sportive pianificano determinati limiti nel mercato”. – Anton Hunger, Head of Communications presso Porsche negli anni '90

Il marchio aveva già adottato alcune soluzioni per tornare sulla strada del profitto a partire dal 1993, quando Wendelin Wiedelhing rilevò l'azienda. Fu lui che, con l'aiuto della Toyota, ottimizzò la produzione, semplificò la struttura gerarchica e lanciò sul mercato la Boxster.

Era necessaria una terza macchina, ma... Quale macchina?

Porsche Cayenne

Era chiaro che doveva essere sviluppato un veicolo che permettesse di ampliare la gamma, ma doveva essere un veicolo al di fuori del segmento delle auto sportive. La domanda era: che tipo di veicolo? Dopo diversi incontri, studi di fattibilità e altre cose relative a qualsiasi progetto industriale (e ancor di più con progetti di questa portata), ha finito per fare un elenco di cinque possibili opzioni, che sono finite per essere due dopo diverse deliberazioni: Un minivan di lusso o un SUV premium sportivo.

Molti penseranno che un minivan non ha alcun senso, ma in quegli anni i minivan lo erano "l'auto del futuro", il suo successo nel mercato è stato notevole e sembrava che l'industria avrebbe finito per produrre solo minivan. Qualcosa di simile a quello che succede con i SUV, ma meno esagerato. Tuttavia, il minivan è stato respinto, di fatto, dalla divisione americana, e quel veto significava buttare via quell'opzione, dal momento che gli Stati Uniti erano il più grande mercato di Porsche in quegli anni.

Mercedes-Benz AA Vision (1996).
Mercedes-Benz AA Vision (1996).

"A metà degli anni '90, il minivan era un tipo di auto particolarmente popolare tra le famiglie numerose e a basso reddito del Nord America. Ma i grandi SUV erano una scommessa sicura per una clientela più ampia.”. – Anton Hunger, Responsabile della Comunicazione negli anni '90

Il terzo modello Porsche era già deciso, sarebbe un “Sport Utility Vehicle”, un SUV, ma il marchio non aveva esperienza e la liquidità era discreta, molto giusta. Era necessario trovare un partner che permettesse al progetto di andare avanti e la prima opzione era… Mercedes! I tedeschi stavano lavorando a un progetto simile, che sarebbe poi diventata la Mercedes Classe M, che sarebbe entrata sul mercato nel 1997. Avevano già mostrato in anteprima al Salone di Detroit del 1996 e poi a Ginevra lo stesso anno, con la Mercedes AAVision Concept.

La Mercedes non funzionava ed è arrivata la Volkswagen

Mercedes-ML
Mercedes ML55 AMG

I tedeschi della stella non vedevano male che Porsche si unì al progetto e la collaborazione di entrambe le società iniziò nell'estate del 1996. All'inizio tutto andava molto bene, era addirittura ben definito come sarebbe stato il SUV Porsche, ma tutto andato storto per motivi economici.

"A quel punto, immaginiamo il SUV di Porsche come una variante ad alte prestazioni della Mercedes, con la tecnologia ereditata dalla Classe M, ma con un design esterno, motori e componenti del telaio propri.”. – Klaus-Gerhard Wolpert, vicepresidente della gamma Cayenne dal 1998 al 2010

La Porsche era di nuovo ai box di partenza, bisognava trovare un nuovo partner e fu allora che apparve la Volkswagen, o meglio, Ferdinand Piëch, nientemeno che il nipote del signor Ferry Porsche. Piëch è stato un altro visionario, è stato lui che ha iniziato uno dei tempi migliori per la Volkswagen. Sotto il suo mandato furono effettuate le acquisizioni di Lamborghini, Bentley, Bugatti e sì, finalmente Porsche, anche se ciò avvenne dopo.

Volkswagen Touareg
Volkswagen Touareg V10 TDI

Ferdinand Piëch vide il potenziale di una partnership con Porsche e vide anche che un'auto del genere aveva un posto nella gamma Volkswagen, che stava intraprendendo una strada molto particolare e che li portò, in quel momento, ad essere uno dei migliori marchi di il mondo. R) Sì, La collaborazione tra le due aziende inizia nel 1997 e nasce il progetto “Colorado”., che sarebbe basato sulla piattaforma che Porsche aveva già creato. La Volkswagen rileverebbe la produzione dei SUV e la Porsche si occuperebbe dello sviluppo. Da questa associazione nacquero la Porsche Cayenne e la Volkswagen Touareg, che condividevano elementi come il pianale, le portiere e alcuni sistemi, ma che erano vetture molto diverse.

Lo sviluppo ha comportato uno studio dettagliato della concorrenza

Porsche Cayenne

Porsche è stato molto chiaro che la sua mancanza di esperienza potrebbe influenzare lo sviluppo del suo primo SUV, la sua esperienza con le auto sportive non poteva essere sfruttata appieno per la creazione di questa vettura e doveva seguire con attenzione, il suo prestigio e il futuro della propria azienda erano in gioco. Dovevi procedere con una certa cautela e, naturalmente, dovevi studiare la concorrenza. Ecco perché Wolpert, vicepresidente della gamma Cayenne fino al 2010, ha fatto qualcosa di molto insolito. Riunì tutte le persone coinvolte nel progetto, chiese loro di restituire le auto aziendali e diede loro le chiavi delle auto della concorrenza: BMW X5, Ford Explorer, Jeep Gran Cherokee e Mercedes Classe M.. Tutti acquistati dal marchio in modo che gli ingegneri avessero un'idea chiara degli aspetti più rilevanti da tenere in considerazione e sapessero cosa avrebbero dovuto affrontare.

«Ho detto ai miei dirigenti di divisione di consegnare le loro auto aziendali Porsche. In cambio, avrebbero guidato diversi SUV e modelli fuoristrada che abbiamo acquisito, come la BMW X5, la Ford Explorer, la Jeep Grand Cherokee o la Mercedes Classe M. Tutti dovevano usare queste auto quotidianamente e ogni quattro settimane li abbiamo ruotati. Questa è stata una delle chiavi del nostro successo.«. – Klaus-Gerhard Wolpert, vicepresidente della gamma Cayenne dal 1998 al 2010

Porsche Cayenne Turbo S

Questo modo di lavorare è stato utilizzato, in seguito, anche per lo sviluppo della Porsche Panamera ed è chiaro che, alla fine, è stata l'idea migliore che potessero avere. La Porsche Cayenne è stata un successo, ha gettato le basi economiche per il marchio e gli ha permesso di diventare forte, molto forte. Grazie alla Porsche Cayenne, il marchio è riuscito a raggiungere i nostri giorni come una delle aziende più redditizie, più tecnologiche e più capaci, pur essendo un riferimento nello sviluppo di veicoli elettrici e ibridi.

Quando fu lanciato sul mercato, creò un terremoto di notevoli dimensioni. Puristi e club rifiutarono l'auto fin dall'inizio, senza altri argomenti se non il suo status di SUV, qualcosa di simile a quanto accadeva con i modelli a motore anteriore. Fatto sta che i numeri hanno finito per dare ragione al marchio, superando ogni aspettativa. Si prevedeva di vendere 25.000 unità all'anno, ma la prima generazione ha venduto 276.652 unità, circa 35.000 auto all'anno.

Cosa ne pensi?

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

52.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci