Rally di Laurel de Baco 2014
in

Rally di auto d'epoca "Laurel de Baco"

Nel pomeriggio di venerdì 18 luglio, le auto d'epoca si sono radunate nel parcheggio del Centro Commerciale Leclerc de Soria, che si preparavano a partecipare al Laurel de Baco Antique Car Rally. Tra questi, alcuni dei nostri modelli più popolari otto decenni fa, come Ford A, Fiat Balilla e Citroën 5 CV.

I suoi occupanti, durante quel pomeriggio e quella notte Erano vestiti con abiti d'epoca. E oltre a Soria e alla sua provincia, c'erano quelli di Burgos, ma anche di Madrid, Cantabria, Castilla-La Mancha, Comunità di Valencia e Paesi Baschi.

Alle 20:30 hanno acceso i motori -alcuni a manovella- e hanno fatto un breve tragitto fino a Plaza Mayor, dove si trova il palazzo del Comune di Soria.

Già nei pressi della suddetta piazza, abbastanza persone stazionate su entrambi i lati della strada, per contemplare il passaggio dei veicoli. E dopo essere arrivati ​​a destinazione, la gioia di essere così vicini alle auto e di scattare foto con loro.

All'evento si sono uniti anche altri veterani locali, tra gli altri un Biscuter Zapatilla, un Morris Minor "biondo" e un camion dei pompieri Delahaye, la cui targa è del 1947. Poi c'è stato un ricevimento al municipio e un vino spagnolo.

La Laguna Nera

Sabato mattina, i trenta veicoli hanno lasciato l'hotel Ciudad de Soria alle 9 in punto. La loro destinazione era la Laguna Negra, a 50 km di distanza, che hanno percorso con calma e senza traffico.

Oltre a conoscere la famosa laguna, protagonista di leggende, e respirando l'aria pura della zona, sono poi scesi a bordo delle loro auto al Museo della Foresta. In questo luogo sono stati in grado di avere maggiori informazioni sulle risorse naturali della regione.

Quindi andarono a Vinuesa, dove era programmato il pasto. Allo stesso modo, c'era tempo per percorrere le strade acciottolate della città ed entrare nella chiesa, dal XVI secolo.

In un miscuglio che ha riunito da Ford T a Rolls e Packard, i partecipanti hanno raggiunto Salduero. In questa popolazione, chi voleva guadarono il fiume Duero con le loro vecchie macchine, mentre gli altri usavano il ponte di pietra.

Un temporale estivo ha costretto la capote verso il basso sulle vetture scoperte, che stavano iniziando il loro ritorno a Soria attraverso Molinos de Duero e Abejar. Ognuno alla marcia che ritenevano opportuna, tornarono nella capitale, dove non aveva piovuto.

Archeologia e regolarità

Domenica c'era più calma, poiché la partenza per Quintana Redonda era alle 10. Una volta in questa città, dove ha pranzato, sono comparsi altri veicoli d'epoca che si sono aggiunti alla chiamata.

La carovana ha proseguito il suo percorso verso il sito tardo romano e il Museo della Magna Mater, dove hanno avuto l'opportunità di vedere i mosaici della città in restauro.

E per finire la concentrazione, una prova di regolarità dalla Magna Mater al campeggio Fuente la Teja. In totale 17 km, con tre soste, alcuni tornanti, lievi pendenze e un passaggio a livello senza barriere, che hanno dovuto percorrere a una media di 45 km/h.

Con l'aiuto di un semplice cronometro in mano al passeggero, hanno percorso il percorso normalmente e senza stridere le gomme. Ora rimaneva solo il cibo, al termine del quale venivano consegnati i trofei e i souvenir.

Insomma, un piacevole incontro, svolto tra persone che condividono il piacere di guidare e in un ambiente in sintonia con i veicoli.

Cosa ne pensi?

Ignacio Saenz

scritto da Ignacio Saenz

Sono Ignacio Sáenz de Cámara, sono nato a Vitoria più di mezzo secolo fa. Come capita a molti di voi, anch'io ho sofferto/goduto fin da giovane di quell'attrazione incontenibile verso qualsiasi autoveicolo. Crescendo, ho visto che mi piaceva anche leggere tutto quello che cadeva... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci