Museo Maranello Rosso
in

Arrivederci, Maranello Rosso

Come ogni fan dovrebbe sapere, non c'è evento più lussuoso ed elitario legato a questo mondo del Peeble Beach Contest of Elegance, che si tiene ogni anno in California.

Nel fervore di questo concorso, si svolgono tutti i tipi di eventi, dalle gare a Laguna Seca alle escursioni lungo la costa o ai mercatini delle parti. E come potrebbe essere meno, ci sono anche le aste. Le diverse case approfittano del selezionato pubblico assetato di supercar per trasportare i lotti più esclusivi e costosi dell'anno. Basti pensare che solo tra RM Auctions, Bonhams e Gooding & Company sono state messe all'asta ben 77 Ferrari di altissimo livello.

Tra tutte spiccava la Ferrari 250 GTO di Bonhams. Qualsiasi GTO è sinonimo di prezzo più alto, ma quella messa all'asta in California aveva qualcosa che la rendeva ancora più speciale: È l'unica GTO che è nelle mani dello stesso proprietario da più di 40 anni. che è anche un personaggio famoso nel "mondo" delle Ferrari classiche e che la usa in pista fino a poco tempo fa.

Museo Maranello Rosso
Le 250 GTO di solito vanno da record a record all'asta

Quest'uomo non è altri che Fabrizio Violati, fondatore del museo Maranello Rosso di San Marino (Italia), luogo che ospitava fino ad oggi la più grande collezione di Ferrari 250 al mondo, oltre a tanti altri gioielli.

Fabrizio Violati

Questo pioniere del collezionismo nasce a Roma il 17 giugno 1935 in una famiglia dedita all'agricoltura e alla produzione e imbottigliamento di acqua minerale su larga scala. Laureato in geologia, entra a far parte dell'azienda di famiglia, divenendo amministratore delegato del gruppo, che nel 1987 viene ceduto a Danone.

Tuttavia, fin dalla tenera età Fabrizio ha unito l'attività di famiglia con il suo amore per l'automobilismo e la velocità. All'età di 16 anni acquistò una Vespa e si dedicò a saltare più barili nella fabbrica di famiglia, riuscendo a saltarne 12 in un unico “volo”.

Museo Maranello Rosso
Violati ha iniziato con Vespa e ha continuato con Fiat e Abarth. In seguito volle anche assaggiare una «Ferrarina»

Questo strano hobby arrivò alle orecchie della fabbrica di Vespa, che lo assunse rapidamente come pilota ufficiale. Nel 1954 Violati vince la sua classe al “Campionato Italiano di Regolaritá” per Vespe.

Successivamente fece il salto alle 4 ruote nel 1959 acquistando una piccola Fiat 600 con la quale partecipò a diverse corse in collina, anche se già nel 1960 la sostituì con una molto più competitiva Abarth 750. Con questa vettura ha subito un terribile incidente che lo ha tenuto rinchiuso in ospedale per 6 mesi, ma nonostante questo Fabrizio ha iniziato con questa vettura un grande amore per il marchio dello scorpione, come vedremo più avanti.

Questo incidente gli fece “raccomandare” fortemente dalla sua famiglia di abbandonare ogni pratica sportiva, ma non impedì a Violati di acquistare la sua prima Ferrari qualche anno dopo. la 250 GTO telaio numero 3851 GT protagonista dell'ultima asta Bonhams.

Museo Maranello Rosso
Gli consigliarono di lasciare le corse. Ha comprato una GTO

COME SEMPRE, CON PEDIGRÍ

Questa vettura è la numero 19 delle 36 costruite ed è stata completata l'11 settembre 1962. Il suo primo proprietario fu il famoso pilota francese Jo Schlesser, che guidò l'auto nel Tour de France del 1962 co-pilotato dal campione di sci francese. Oreiller. La coppia ha lottato per la vittoria fino agli ultimi chilometri e alla fine si è assicurata un secondo posto generale.

Dopo questo Schelesser ha iscritto la sua 250 GTO in una gara sul circuito di Montlhery, a sud di Parigi, dove ha subito uno spettacolare incidente. L'auto è stata immediatamente spedita in Italia, dove la stessa fabbrica Ferrari l'ha fatta riparare completamente e venduta al pilota italiano Paolo Colombo giusto in tempo per l'inizio della stagione agonistica 1963.

Dopo una stagione di grande successo nella categoria italiana "crono alpinismo", la GTO fu venduta nel 1964 al pilota Ernesto Prinoth, che la utilizzò anche in competizione con successo.

Museo Maranello Rosso
GTO, scopri il corpo di Scaglietti

Fabrizio Violati lo acquistò da questo stesso uomo nel 1965 per 2.500.000 lire (l'equivalente attuale di 25.000 euro). Violati ha sempre ricordato di averla salvata "in extremis" dalla rottamazione per usarne il motore come propellente per una barca da regata.

Successivamente Violati acquistò la sua seconda Ferrari nel 1974; Era una "normale" 250 GT, presto seguita da una 250 GT SWB Competizione del 1960 con carrozzeria in alluminio. Da qui in poi, la sua collezione è aumentata a volte, di includere non meno di 25 Ferrari "gamba nera" e altrettante Abarth con pedigree racing.

Tra le Ferrari della sua collezione c'erano la 330P del 1964 che aveva vinto a Goodwood ai comandi della mitica Graham Hill, la 250 MM Berlinetta Pinin Farina o la 312 T3 Grand Prix del 1978 che era stata guidata dalla coppia Villeneuve-Reutemann.

Nel 1979 Fabrizio riprende l'amore per le corse e inizia a partecipare al Campionato Storico Fia con la sua GTO e SWB sotto l'egida della “Scuderia Campidoglio Autostoriche”, ottenendo il titolo FIA nel 1985 e vincendo la Targa Florio Histórica nel 1989. Negli anni '80 Violati partecipò anche alla 24 Ore di Le Mans per vetture "attuali" ai comandi di una Ferrari 512 BBLM, anche se nelle sue tre partecipazioni dovette ritirarsi per un guasto.

Nel 1984 lo stesso Enzo Ferrari affidò a Violati la costituzione del Ferrari Club Italia, incarico che svolse con tale successo che gli fu concesso dalla Ferrari di utilizzare il nome "Maranello Rosso" per la sua collezione di Ferrari e Abarth, aperta al pubblico pubblico nel 1989 a San Marino, anche se le strutture sono state rinnovate nel 2000 come apparivano quando Unai Ona ha scattato le foto che accompagnano questo articolo.

Fabrizio Violati è morto nel 2010, E sebbene iniziassero i dubbi sul futuro del museo, sembrava che sarebbe rimasto aperto al pubblico come omaggio alla figura di questo grande collezionista. Fino all'anno scorso la collezione era tenuta aperta al pubblico - anche se come potete vedere non era permesso fotografare il piano seminterrato, dove si trovava la collezione Abarth - fino a quando un giorno non ha misteriosamente chiuso i battenti.

Lowmann arriva

Evert Lowmann è uno dei più grandi collezionisti di auto d'epoca al mondo. Basti pensare che con la sua collezione privata (che suo padre iniziò già negli anni '30 del XX secolo) è stato creato il Museo Nazionale dell'Automobile dei Paesi Bassi.

Negli ultimi anni la collezione Lowmann aveva "fagocitato" - acquistato, capisci - altre importanti collezioni, come il celebre Rosso Bianco italiano, composto per lo più da pregiate vetture sportive dagli anni '10 agli anni '70, dopo la chiusura della Maranello Rosso. Museo è stato ipotizzato che Lowmann avesse acquistato l'intera collezione in batch ... senza maneggiare cifre, certo, ma potete immaginare.

Alla fine la "bufala" è stata confermata, la collezione era stata trasferita in un magazzino in Olanda. E poco dopo, è arrivata la notizia che Bonhams avrebbe messo all'asta "10 pezzi significativi della collezione di Maranello Rosso", inclusa la sua stella, la 250 GTO.

Museo Maranello Rosso
Una temibile Ferrari Daytona

Ci sono ancora molte incognite su questa curiosa operazione. Le cifre stratosferiche sono state - ovviamente - tenute nel più stretto riserbo. Inoltre non è molto noto perché Lowmann non abbia scelto di rimanere con la 250 GTO, sarebbe la perfetta "ciliegina" per il suo spettacolare museo... Per quanto il prezzo di vendita di questa vettura all'asta potrebbe far saltare tutte le previsioni.

Ed è che le due 250 GTO precedentemente vendute avevano gestito cifre astronomiche: nel 2012 una è stata venduta per 32 milioni di dollari. Nel 2013 un altro ha raggiunto i 52 milioni. Quello di Bonhams aveva il pedigree che abbiamo già descritto e si presume che non ce ne siano stati altri con un proprietario così attivo, celebrato e che lo ha mantenuto per tanti anni.

Con queste premesse c'era grande attesa, anche motivata dai commenti di diversi giornalisti specializzati che sostenevano che questa GTO potesse essere la prima auto nella storia delle aste ad avvicinarsi molto o addirittura a raggiungere la barriera dei 100 milioni, in questo caso di dollari.

Museo Maranello Rosso

Alla fine non è stato così e la GTO ex Violati venduta molto vicino al prezzo minimo stimato da Bonhams. E mentre i 38.115.000 dollari raccolti segnano un nuovo record assoluto per le auto vendute all'asta, la cifra non è stata così spettacolare come previsto. È stato senza dubbio un piccolo barlume di sanità mentale tra tutte le figure senza senso che sono state gestite in California lo scorso agosto.

Ad esempio, solo con le 10 vetture della collezione Maranello Rosso, Bonhams è riuscita a raccogliere 65.945.000 dollari. E a testimonianza di quella che fu la spettacolare collezione Fabrizio Violati, abbiamo solo le foto che Unai Ona ha scattato appena un anno prima della chiusura definitiva del museo e della dispersione di alcuni dei gioielli che lo componevano. Goditi quelli che restano da vedere.

 

Altro Maranello Rosso (Fotografia di Unai Ona)…

Cosa ne pensi?

Francisco Carrion

scritto da Francisco Carrion

Mi chiamo Francisco Carrión e sono nato a Ciudad Real nel 1988, un luogo che all'inizio non era simile alle auto d'epoca. Per fortuna mio nonno, dedito al settore automobilistico, aveva amici che possedevano auto d'epoca e partecipava al raduno annuale che si teneva (e continua a tenersi) nella mia città natale... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci