Lexus LS400
in

SorpresoSorpreso Mi piaceMi piace

Lexus LS400, la prima Lexus

Lexus è un'azienda molto giovane, anche se la sua immagine e le sue capacità sono fuori discussione. Tuttavia, la prima auto del marchio, la Lexus LS400, lanciata all'inizio degli anni '90, difficilmente assomiglia a qualsiasi cosa venduta oggi.

Lexus, Luxury EXport United State, fondamentalmente "export di lusso negli Stati Uniti". Toyota non è stata molto complicata quando ha dato il nome alla sua etichetta premium, anche se le cose sono diventate molto complicate quando ha iniziato con lo sviluppo del suo primo modello, per il quale sono stati utilizzati 450 prototipi che hanno percorso più di 4,3 milioni di chilometri. Un vero oltraggio, che ha portato alla Lexus LS400, la Mercedes Classe S giapponese, come la chiamavano in molti all'epoca

Un momento accaduto poco più di 30 anni fa; Lexus è un produttore molto giovane, anche se attualmente è uno dei punti di riferimento in termini di qualità costruttiva o di propulsione ibrida. Non per niente, ha la casa automobilistica più grande del mondo: Toyota. Ma, anche se ha più di 30 anni, possiamo considerarla una “auto d'epoca”? Siamo in un momento in cui le auto d'epoca cesseranno di essere come le abbiamo sempre conosciute e cominceranno ad essere come questa Lexus LS400, una vera e propria "auto" che ancora oggi continua a sorprendere per la sua qualità costruttiva, per l'affidabilità di i suoi motori o il modo in cui funziona. 

Lexus LS400

La storia di questo modello inizia nel 1983, quando la filiale americana dell'azienda giapponese, durante uno degli incontri del top management, ha richiesto un prodotto di altissima qualità per poter affrontare con garanzie i massimi esponenti premium europei e americani. Toyota ha sempre offerto auto di qualità, ma non sono auto in grado di affrontare le tradizionali aziende di fascia alta e Toyota, come marchio, non aveva l'immagine per creare un'auto che potesse resistere a loro, non importa quanto fosse buona era. 

Ma si avvicinava il 50° anniversario dell'azienda giapponese ed era un bel modo per festeggiarlo. Così, quindi, lo stesso Eiji Toyoda, l'allora direttore della Toyota, prese una decisione e disse che era tempo di costruire un'auto "che sia la migliore al mondo". È stata la prima pietra per il progetto “Cicle F”. 

"È ora di costruire un'auto che sia la migliore al mondo" - Eiji Toyoda, CEO di Toyota nel 1983

Nessuna spesa badata

Oggi ci sono marchi che hanno un'immagine di indiscutibile qualità e affidabilità, o quasi, vinto a mano per molti decenni. Mercedes, ad esempio, era un produttore che non prestava molta attenzione ai costi di produzione quando progettava le sue auto, rendendole durissime. C'è il W124, anche se in questo caso siamo di fronte a un chiaro segno di "overengineering", è troppo buono, più del necessario. E sì, a volte capita che il brand, per fare qualcosa fuori dal comune, superi certi limiti. 

È anche curioso vedere come quegli stessi brand non utilizzino più quella massima di fare qualcosa di veramente buono e i costi di produzione segnano la strada da seguire in molte occasioni. Attenzione, non critichiamo nessuno in anticipo, perché attualmente la competitività che esiste nell'industria automobilistica è difficilmente replicabile in nessun altro campo e costringe i produttori ad adeguarsi il più possibile per essere competitivi. E anche se può sembrare il contrario, questa è colpa degli utenti, che vogliono tutto al prezzo più basso possibile e che, alla fine, ha le sue conseguenze. 

Ma tornando, a quella del "non riparare le spese", troviamo la ricetta che Toyota ha seguito per creare "l'auto migliore del mondo". Era chiaro, fin dal primo momento, che i rivali di quel momento dovevano essere superati a tutti i costi. Cioè, la Mercedes Classe S e la BMW Serie 7 erano gli obiettivi principali. Anche Audi era in agguato, ma non era ancora riuscita a raggiungere l'immagine che ha attualmente, nonostante abbia nel suo catalogo la sensazionale Audi V8, l'ultima evoluzione dell'Audi 200 presentata nel 1988 (questa vettura, l'Audi V8 in blindato versione originale, è stato colui che ha salvato la vita a José María Aznar quando l'ETA lo ha attaccato nel 1995). Quindi l'Audi A8 è arrivata dopo che il V8 ha interrotto la produzione nel 1993, ma questa parte appartiene a una storia diversa. 

Durante il processo di sviluppo della Lexus LS400, che sarebbe stata venduta in Giappone come Toyota celsior Lexus essendo riservata per le esportazioni, i giapponesi aveva un team di fino a 60 progettisti, 1.400 ingegneri suddivisi in 24 team, 2.300 tecnici e più di 200 operatori di supporto. Sono stati costruiti circa 450 prototipi di prova, coprendo più di 4,5 milioni di chilometri (100 di questi prototipi sono stati utilizzati per i crash test), 14 modelli sono stati utilizzati per delineare le forme del corpo, sei dei quali erano a grandezza naturale e i folli 973 motori erano costruito per i test, fino a quando non sono riusciti a raggiungere tutti gli obiettivi. 

Uno spettacolare livello di raffinatezza

La prima Lexus della storia

Grazie a un simile display, Toyota ha realizzato un motore con raffinatezza, prestazioni e affidabilità, che è alla base dell'attuale immagine di Lexus. Nello specifico fu sviluppato un blocco 8 V4.0 che produceva 260 CV, cifra che forse non sorprende oggi e di più con quella cilindrata, ma a quel tempo era una cavalleria di tutto rispetto e avendo tanta cilindrata, permetteva di offrire un motore confortevole, i cui materiali sono stati sottoposti a poco stress e quindi sono garantiti una buona affidabilità e un funzionamento regolare e raffinato.

Ma non era l'unica cosa che garantiva buone qualità, una delle sezioni più importanti ha a che fare con le perdite per attrito e tolleranze tra i componenti, ridotte del 50% rispetto a quanto ritenuto accettabile in quegli anni. Inoltre, l'alluminio è stato utilizzato per le testate e i blocchi cilindri, che a loro volta sono stati dotati di camicie in ghisa per garantire la massima resistenza. I quattro alberi a camme in testa che aveva il motore erano anch'essi in alluminio per ridurre l'inerzia, l'albero motore aveva cinque supporti e il motore aveva innovativi supporti idraulici che eliminavano completamente le vibrazioni. 

La trasmissione, tenendo conto degli obiettivi della vettura, doveva essere automatica sì o sì. Si è quindi scelto un cambio a quattro rapporti e un convertitore di coppia, che oggi sembra avere pochissimi, pochissimi rapporti, ma che all'epoca era molto evoluto (oggi esistono cambi automatici fino a 10 rapporti). Aveva il suo cervello elettronico, che in costante comunicazione con la gestione del motore, potrebbe ottenere una risposta fluida e raffinata, ma senza mancare di carattere o forza. 

Una delle curiosità di questo powertrain era la posizione dell'albero di trasmissione, che formava una linea retta con il differenziale, per cui il motore doveva essere leggermente inclinato all'indietro (e quindi anche il cambio). Essendo in linea retta, i possibili effetti negativi si riducono quando si accelera o si rilascia l'acceleratore, evitando asprezze nell'erogazione della potenza al differenziale, un set che aveva pignoni con più denti del normale per ottenere fino al 30% in meno di gioco (le tolleranze sono state ridotte del 33%). Con meno gioco, l'usura è minore e la scorrevolezza è migliorata eliminando il "sbattimento" tra le ruote dentate. 

La prima auto di serie con saldatura automatizzata

Carrozzeria Lexus LS400

L'industria automobilistica moderna è una delle più automatizzate al mondo, disponendo di robot specializzati per un gran numero di compiti, soprattutto quelli ripetitivi e che richiedono una precisione molto elevata. Ad esempio, la verniciatura delle automobili viene eseguita da robot, così come la saldatura, per fare alcuni esempi. Ma prima, questo non accadeva fino all'arrivo della Lexus LS400, la prima auto di serie con saldatura automatizzata. L'automazione delle saldature ha portato a giunzioni 1,5 volte più resistenti, consentendo un telaio più rigido, con meno flessione, e quindi più confortevole, sicuro e raffinato. 

Inoltre, questo modo di lavorare con la saldatura consentiva anche isolare le aree mediante pannelli di tipo "sandwich" riempiti con resina e polvere metallica, sia nel firewall che nella paratia del bagagliaio. Ovviamente, questo ha ridotto il rumore in cabina e moltiplicato il comfort e la sensazione di qualità e lusso. 

L'intera costruzione della vettura è stata curata al massimo, analizzando le regolazioni dei pannelli della carrozzeria tramite un computer sulla catena di montaggio stessa, applicando soluzioni tremendamente curiose. Ad esempio, il cofano e il cofano del bagagliaio presentavano guarnizioni che non erano completamente parallele, in modo che quando guardavi l'auto, tutto sembrerebbe perfetto. Inoltre, ogni Lexus LS400 è stata sottoposta ad ulteriori 300 controlli di qualità, rispetto a qualsiasi altra Toyota prodotta all'epoca. 

Un esempio di qualità e cura dei dettagli sono i tergicristalli. Toyota ha progettato un sistema che Ha permesso di regolare l'angolazione delle spazzole in modo che la loro prestazione fosse sempre ottimale indipendentemente dalla velocità a cui circolerà. Ci sono voluti due anni di studio e analisi per scegliere i materiali che avrebbero modellato la cabina e il rivestimento in legno era opera di Yamaha, attingendo alla sua esperienza nella lavorazione del legno nei suoi pianoforti. E, ultimo ma non meno importante, la Lexus LS400 è stata la prima auto al mondo a combinare un volante con airbag e un piantone dello sterzo regolabile elettricamente in altezza e profondità. 

Era una macchina così bella che non poteva essere una Toyota

Lexus LS400, la prima Lexus

Si può vedere che Toyota non ha risparmiato nulla nello sviluppo, ottenendo, come si è scoperto, un'auto sensazionale. Era così buono, che nonostante fosse un nuovo marchio, si è guadagnato il rispetto di tutti e ha avuto modo di infastidire molto, i galletti, leggere, Mercedes e BMW. Ma parte di quel buon riconoscimento ha avuto a che fare con una decisione che è stata presa grazie ai diversi studi di mercato che sono stati effettuati in quegli anni. 

La divisione nordamericana di Toyota ha scoperto che i clienti di questo tipo di auto non sarebbero disposti a pagare il prezzo che l'auto costa per una Toyota. Il segmento delle auto di rappresentanza e di fascia molto alta è molto tradizionale e molto “di marca”, il logo sul davanti vale più di tante altre cose e se non lo raccontano Volkswagen, che ha prodotto una delle migliori auto del mondo ma è stato un fallimento commerciale avere il suo logo sulla parte anteriore (la VW Phaeton era una delle migliori auto della sua categoria e molte cose apprese e sviluppate con quel modello sono state utilizzate per l'Audi A8 e la Bentley Continental GT). Toyota ha dovuto trovare una soluzione ed è capitato, direttamente, di creare un'etichetta specifica per vendere quell'auto. 

Il fatto è che non potevano sbagliare nel nome del marchio, non sarebbe la prima volta che una grande macchina finisce per essere ostracizzata per un brutto nome, quindi si sono rivolti a un'azienda specializzata, Lippincott & Margulies, per lavorare su un possibile nome per il nuovo marchio, un marchio di fascia alta e di lusso. Sono stati presentati fino a 219 possibili nomi, come Vectre, Verone, Chaparel, Calibre o Alexis, nominare quest'ultimo selezionato come il più appropriato. Tuttavia, John French, uno dei responsabili del progetto, ha rimosso la lettera A lasciando "Lexis", che è cambiata rapidamente in Lexus con il significato che tutti conosciamo. 

Tuttavia, ci sono più cose dietro questo nome, perché Lexis era un sistema di indagine legale che aveva sviluppato la società Mead Data General, una società che citato Toyota per la somiglianza tra i nomi e le possibili conseguenze di esso. La querela è stata accolta e tutto è stato stravolto, perché il logo, creato da Molly Designs e Hunter Communications (una L resa “con una formula matematica ben precisa”), era già stato scelto. L'illusione del lancio divenne panico, bisognava trovare una soluzione immediata che iniziasse con la lettera L perché nel 1988 alla Toyota fu ordinato di non usare il nome Lexus negli Stati Uniti. 

A una settimana dal Detroit Auto Show, la Corte d'Appello ha iniziato ad allentare le restrizioni consentendo a Toyota di utilizzare il nome Lexus all'evento, ma non nelle campagne pubblicitarie. Ma per fortuna e dopo diversi incontri, la Corte d'Appello ha respinto la causa e ha dato il via libera all'utilizzo del marchio Lexus

Possiamo considerare la Lexus LS400 un classico? 

Lexus LS400 di seconda generazione, lanciata nel 1995

La Lexus LS400 è, a detta di tutti, una delle auto più speciali mai realizzate, e non solo per la sua qualità o per il lavoro di Toyota, È la prima vettura di un marchio che oggi è considerato uno dei migliori al mondo.. Nessuno dubita che Lexus sia premium e che siano un punto di riferimento in termini di qualità e design, ma la Lexus LS400 può essere considerata un'auto d'epoca?

La sua presentazione è avvenuta nel 1989 e la sua commercializzazione è iniziata nel 1990, cioè per età è legalmente un'auto d'epoca, o almeno, come diranno alcuni puristi, può essere immatricolata come storica. Esteticamente si vede l'età dell'auto, ma non finisce per sembrare un'auto d'epoca, come la sensazione che offre il suo abitacolo o il suo equipaggiamento. Tuttavia, ci sono auto che sono state lanciate allo stesso tempo, sono considerate dei classici senza discussione, di cosa ha bisogno un'auto per essere un classico? 

La Lexus LS400 ha, a dir poco, il significato storico di essere la prima auto del marchio.Ay conta anche sul fatto di essere riuscito, per la prima volta, a mettere alle corde i massimi dominatori della sua categoria. Abbastanza per essere considerata almeno un'auto da collezione, giusto?

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci