film ferrari vs ford le mans 1966 XNUMX
in

Ford contro Ferrari alla 24 Ore di Le Mans: Prossimamente, Film

La calda notte africana del 1974 vide una delle più grandi battaglie della storia: contro ogni previsione, le ore basse low Muhammad Ali ha disputato il titolo mondiale dei pesi massimi ad un giovane e devastante George Foreman. Quella "Rumble in the Jungle" innalzò agli altari dell'epopea la leggenda di un Alì toccato dalla mano dell'ispirazione. Contro ogni previsione, contro ogni logica "Il più grande" nuovamente imposto la sua legge sul ring.

A Eddy Merckx lo chiamavano "Il Cannibale". Quando era forte attaccava, quando era stanco pochi erano quelli che osavano attaccarlo. Le sue gambe erano implacabili come la sua smodata sete di vittoria. Non ne è successo uno. Tuttavia, tutto ciò non incolpava un audace uomo dai capelli scuri di Cuenca. Luis Ocaña lo attaccò sistematicamente in montagna finché non subì una terribile caduta. Merckx era stato sinceramente intimidito e, sebbene avesse vinto, lo fece sapendo che la sua vittoria era più un prodotto di fortuna che di forza.

E così... Potremmo continuare con molte altre storie. Storie di rivalità al limite dove, come Moby Dick e il Capitano Achab, una moltitudine di squadre e atleti hanno lasciato la pelle in scontri insospettati dove orgoglio e vendetta hanno mosso immensi ingranaggi di tecnica e strategia. Se c'è un esempio di questo nel mondo delle gare di resistenza che è il polso che una Ford dispettosa diede alla serena Ferrari nel 1966. Presto potremo vederlo al cinema...

DA COPLAS, AVVOCATI E MOTORI A UN FILM

La verità è che quello che è successo tra Ford e Ferrari a metà degli anni '60 sembra una tipica storia d'amore abbandonata capace di ispirare alcune di quelle canzoni popolari tanto tradizionali quanto strazianti. Sì, di quelli che finiscono sempre con coltelli, sangue e polvere sul ring. Molto Lorca. Ed è quello alla fine della giornata Ford ha cercato di prendere il controllo della Ferrari negli anni '60; Per fregare Enzo Ferrari - continuiamo con il gergo tradizionale - il colosso americano aveva molte ragioni finanziarie.

Il giorno del corteggiamento finale fu a Maranello, quando Enrico Ford II comparve circondato da un personale seguito di avvocati con l'intento di conquistare l'orgoglio degli italiani. A quanto pare andava tutto bene, ma c'era una clausola che faceva infuriare "Il Commendatore", costringendolo a regalare zucche a colui che d'ora in poi sarebbe diventato il suo vituperato amante.

La clausola in particolare prevedeva che la divisione sportiva della Ferrari sarebbe caduta sotto il completo controllo di una Ford desiderosa di entrare nel mondo delle corse europee dalla porta principale. Tornato a casa, battuto e respinto, l'orgoglioso americano ha promesso di battere la Ferrari in una delle sue grandi roccaforti: la 24 Ore di Le Mans. E anche farlo in modo travolgente. Così, con dispetto come bandiera e grazie alla sua filiale britannica, è nata l'arma della vendetta: el Ford GT40.

Tenendo conto che la Ferrari aveva indiscutibilmente vinto sei edizioni del test dal 1960… La sfida non era affatto facile. Tuttavia, e sulla base di un travolgente team tecnico e umano pagato "Stile americano" -con tanto di libretto degli assegni coinvolti-, e alla competenza degli ingegneri di Lola, Ford portò i suoi tre partecipanti alla GT1966 tra i primi tre alla 24 Ore di Le Mans nel 40, regnando sulla pista francese per le prossime tre occasioni e tagliando fuori una Scudería Ferrari che non l'ha mai più vinta. Un dramma coplero che nemmeno nelle osterie di Triana si ricorda...

FERRARI, FORD E LE MANS: IL DRAMMA È SERVITO

Come puoi vedere, questa storia ha tutto il necessario per un buon sceneggiatore per utilizzare appieno ciò che promette diventa un grande film. Infatti - e se tutto andrà bene - questo accadrà nel 2020 quando finalmente uscirà un film che a breve comincerà a girare mettendo questi ingredienti su celluloide. Non per niente l'idea circola a Hollywood da quando la Warner ha acquistato i diritti del libro nel 2013 Go Like Hell: Ford, Ferrari e la loro battaglia per la velocità e la gloria a Le Mans per portare questa lotta dei titani sul grande schermo.

Infine, il libro ispirerà una serie che la società di produzione non ha ancora rivelato, mentre si sta occupando della regia del film. James Mangold, uno di quei registi che interpretano azioni di successo come Logan senza perdere la loro dignità e occasionalmente ti regalano gioie come il film biografico di Johnny Cash Walk the Line.

Fortunatamente il ruolo di Carrol Shelby sarà finalmente interpretato da Matt Damon, e non dall'istrionico Tom Cruise. In breve, sembra buono. Almeno ha materiale per una sceneggiatura eccellente e scene piene di azione al volante con la possibilità di avvolgere lo spettatore in un suono seducente e folle di motori al galoppo. E questo... Questo è già molto per quelli di noi che sono amanti della benzina!

PD1: Fino al 2020 puoi calmare l'attesa vedendo -o rivedendo- il ben realizzato corsa, dove la rivalità tra Niki Lauda e James Hunt alimenta un film divertente con grandi scene di guida, un'eccellente ambientazione e un'altra buona interpretazione dello spagnolo-tedesco Daniel Brühl.

PD2: se, come per le auto, al cinema ti piacciono i classici... Non smetteremo mai di consigliarti La Le Mans di Steve McQueen. Uno di quei film dove il risultato è interessante quanto il processo. Un filmato vibrante - da molti incompreso e sottovalutato - dell'affascinante e unico gentiluomo che dentro e fuori dai film era Steve McQueen.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci