Il film di Le Mans
in

Le Mans '66 Ferrari v. Guado. Un omaggio al grande Ken Miles

FOTO: ARCHIVIO FORD MOTORSPORT / 20th SECOLO FOX

Rilasciato nel 1971 Le Mans è il film per eccellenza quando si tratta della gara di resistenza più leggendaria di tutti i tempi. Sicuramente la sua filastrocca narrativa non è delle migliori. Né diremo che la sceneggiatura in cui sono cucite le sequenze pilota è molto elaborata. Difenderemo anche lo spettacolo con entusiasmo ma... Ad oggi è ancora il riferimento.

Come mai? Bene, perché è impossibile eguagliare quelle sequenze registrate in una delle età d'oro di Le Mans. Sono stati realizzati senza effetti speciali. Tutto è autentico. Le auto, le situazioni, i piloti, la velocità... E se non chiedi a David Piper, che ha perso mezza gamba registrando una sequenza che è stata inclusa anche nel montaggio finale.

Quella mutilazione è stata un'altra delle accuse che il destino ha preso durante le riprese di Le Mans. Da allora il prestigio di Steve McQueen prima dei registi di Hollywood era rovinato. Aveva fatto qualcosa di avanzato, eccessivo, megalomane. Un esperimento che ha gettato le basi su come girare scene ad alto numero di ottani sciogliendo la pazienza dei membri delle riprese.

film trailer ford v ferrari
Matt Damon e Christian Bale interpretano Carrol Shelby e Ken Miles

Quasi 50 anni dopo, né il cinema né le carriere sono le stesse. Oggi l'azione in pista e sullo schermo si gioca più negli algoritmi di un computer che nelle mani di audaci pionieri. È per questo sarà meglio lasciarsi alle spalle i confronti e godersi a pieno con Le Mans '66. In fin dei conti questo film ha avuto del materiale di prim'ordine per la sceneggiatura: la battaglia di Ford contro la Ferrari a Le Mans negli anni Sessanta.

CONTARE IL MONDO DAL PRISMA AMERICANO

Anche consultare le fonti che rilasciano la cifra è agghiacciante. La Russia ha causato 27 milioni di vittime lungo la strada durante la seconda guerra mondiale. Dopo di lei, il secondo Paese con il minor numero di vittime è stata la Cina, con circa 15 milioni di morti. Tuttavia, quando si pensa al concorso, la prima cosa che di solito viene in mente è l'immagine dei soldati americani che sbarcano in Normandia.

Alla fine della giornata portiamo nei nostri geni per rendere la nostra visione del mondo basata sulle storie che ci raccontano. E oggi nessuno li conta come l'industria americana. Il D-Day John Ford è stato tenuto in mano all'atterraggio di Omaha Beach. Lo stesso luogo dove, nonostante certi revisionisti risentiti, Robert Capa si lanciò indubbiamente per alcune delle migliori istantanee del giornalismo di guerra.

film trailer ford v ferrari

Sulla scia di tutto questo, bisognerà vedere come è programmata Le Mans '66. Nell'anteprima che abbiamo visto, non c'è dubbio che visivamente sarà molto attraente. sì la sceneggiatura sembra fantastica in quanto attinge alle personalità magnetiche di Carrol Shelby e Ken Miles per guidare la storia. In ogni caso, la verità è che ciò che il film narra è stato sviluppato da un'unica idea: il desiderio di vendetta e di umiliazione di Henry Ford II nei confronti della Ferrari.

NARRARE UNA VENDETTA SENZA PERDERE IL BUON GUSTO

La storia è nota. All'inizio del decennio, il colosso americano tentò di acquistare la casa di Maranello. Enzo Ferrari si è lasciato amare. Tuttavia, e all'ultimo minuto ... Tutto è stato rovinato quando il Commendator Ha rifiutato di cedere il controllo sulla sua concorrenza Scuderia. Ovviamente l'orgoglioso Henry Ford II era infuriato. La sua vendetta sarebbe umiliare la Ferrari a Le Mans, costi quel che costi. Beh, non un'altra cosa, ma Ford aveva un libretto degli assegni ben fornito.

film trailer ford v ferrari

In quanto elegante il modo in cui tratta questo desiderio di vendetta con un colpo di portafoglio si gioca il destino del film. Almeno per noi. Sarà uno spettacolo visivo con una sceneggiatura piena di country sentimentale di tutti i cento? O avrà una narrazione in cui prime l'audacia degli uomini che hanno giocato molto più del denaro more in sviluppo la fantastica Ford GT40?

Dopo aver visto gli scarsi due minuti di anticipo crediamo che il dilemma stia per inclinarsi verso la seconda opzione. Motivi? Il primo è il fatto che Henry Ford II è ritratto come un millantatore d'ufficio. Il secondo è aver scelto Ken Miles come protagonista. In effetti, questa è forse l'idea migliore di Le Mans '66: salvare il martire della GT40.

Per GT40, l'auto che ha umiliato la Ferrari alla 24 Ore di Le Mans (Foto: Unai Ona)

SALVARE LA MEMORIA DI KEN MILES

Ken Milles è stato fondamentale per la nascita della Ford GT40, e anche il suo più grande martire. Chi ha trascorso centinaia di ore sul circuito di Riverside sviluppando il prototipo come capo gara a Shelby nel 1964? Lui. Chi ha guidato la gara di Le Mans del '66 fino a quando Henry Ford II non lo ha costretto a scalare le marce per una foto promozionale? Lui. Che morì avvolto dalle fiamme durante il test della Ford J Cosa ha ispirato i miglioramenti aerodinamici applicati alla GT40 Mk IV? Lui.

film trailer ford v ferrari

A quasi 50 anni, avrebbe potuto - e dovuto - diventare il primo campione di Le Mans su una Ford GT40. Ma per desiderio promozionale di Henry Ford II le tre GT40 che hanno guidato Le Mans '66 dovevano entrare insieme. Infine, e anche se Ken Miles era quello in testa, è stato costretto a ridurre finché gli altri non vennero dalla sua parte. Sono entrati insieme, ma visto che Bruce McLaren era uscito a 20 metri dietro di lui... L'organizzazione ha dato la vittoria alla combo McLaren-Amon.

Due mesi dopo, Ken Miles morì mentre lavorava nel circuito di Riverside. Mentre la Ford GT40 è diventata una leggenda del motorsport allevando piloti come Dan Gurney o Jacky Ickx... Il ricordo di Ken Miles è rimasto impresso solo nella memoria di chi è curioso di sapere come e chi ha creato quella magnifica macchina da corsa. Se Le Mans '66 è un tributo a questo pilota, ma anche all'inglese (soprattutto Lola), che ha portato sulle sue spalle gran parte dello sviluppo della vettura… Bentornato. Stiamo già aspettando la sua prima a novembre. Non ci mancherà, anche per vedere se batte quello di Steve McQueen.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci