autobianchi primula
in

Mi piaceMi piace SorpresoSorpreso

L'Autobianchi Primula è una delle auto più influenti della storia

Spesso, le automobili più influenti nella storia della meccanica e del design sono molto più sconosciute di quanto dovrebbero essere. Uno di questi è l'Autobianchi Primula. Un veicolo nato dall'impegno di Dante Giacosa attraverso il quale FIAT ha contribuito a gettare le basi di quelle che sarebbero state le future compatte con motore e schema di trazione anteriore. In questo modo aumentava l'abitabilità, che veniva accentuata grazie alla sua carrozzeria con un ampio portellone.

Quando la FIAT 1971 apparve nel 127, il marchio stesso considerò il modello come qualcosa di rivoluzionario nella sua storia. Dopotutto, una delle tendenze costanti nella sua traiettoria era stata la trazione posteriore. Anche a volte montando il motore dall'asse posteriore come nel 600 o 850. Una configurazione che ha posto un accento particolare sul posteriore, che sembra legato al marchio torinese come il "Tutti dietro" Potrebbe essere la Porsche 911. Tuttavia, la verità è che quei modelli FIAT non erano sportivi con una nicchia di mercato basata sul loro carattere distintivo ed esclusivo.

Al contrario, cercavano di essere modelli globali in cui la praticità e la fredda logica razionale dovevano prevalere su tutto il resto. Coordinate in cui Dante Giacosa era maestro. Ideologo dei veicoli di maggior successo commerciale dell'epoca in casa Agnelli. Un uomo consapevole che la disposizione nella posizione anteriore trasversale del motore farebbe risparmiare spazio. In crescita il bagagliaio e l'abitacolo. A maggior ragione se fosse accompagnato dalla trazione anteriore. Potendo così fare a meno di una trasmissione lunga come quella della 124, dando la possibilità di creare un pianale totalmente piatto.

Tuttavia, tutte queste idee erano già presenti nel motorsport di massa grazie alla Mini. Un modello presentato nel 1959 che mostra un'abitabilità sorprendente anche decenni dopo. Per questo Giacosa ha sempre invidiato in buona salute Alec Issigonis e la sua visione profetica di come dovrebbero essere i modelli urbani. Motivo per cui ha insistito tutto il possibile per la gestione conservatrice della FIAT, via libera alla sperimentazione sui modelli a trazione anteriore. Un processo che ha portato a una delle automobili più influenti dell'intero XX secolo. La Primula Autobianchi del 1964.

UN MARCHIO DEDICATO ALLA SPERIMENTAZIONE

La complessa storia imprenditoriale di Autobianchi risale all'ottocento e alle biciclette. Bianchi, infatti, continua ad essere uno dei marchi più venerati dai ciclisti su strada insieme ad altre icone come Pinarello o De Rosa. Tuttavia, andando al concreto, la verità è che il fondamento di La moderna Autobianchi viene prodotta quando nel 1955 Bianchi, Pirelli e FIAT si uniscono. Da qui nasce un marchio automobilistico minoritario sotto la tutela del colosso torinese. Che finirà per assorbirlo completamente nel 1967. Un'operazione nata naturalmente, poiché in fondo Autobianchi Da anni svolgevo una missione molto determinata nel Gruppo FIAT.

Né più né meno che provare nuovi prodotti. Nuove tecnologie. Ma, soprattutto, indagare su possibili nicchie di mercato grazie a mezzi ben attrezzati e quindi più costosi. Per questo non sono in grado di competere con le popolari FIAT e, semmai, solo di poco con alcuni modelli della gamma di accesso Lancia. Quindi le cose, la funzione di questa azienda è sempre stata quella di sperimentare come fosse un prezioso giocattolo nelle mani degli amministratori del Gruppo FIAT. Quindi, quando Dante Giacosa è riuscito a convincere i manager a realizzare un'auto a trazione anteriore, c'era solo una condizione. Dovrebbe uscire in Autobianchi.

In questo modo il rischio commerciale sarebbe minimo. Soprattutto se teniamo conto che la casa torinese non ha visto di buon occhio evolversi come nel Regno Unito avevano fatto con la Mini e le BMC del 1962 disegnate da Pinifarina. Inoltre, la prova di ciò è nella FIAT 850. Un modello "Tutti dietro" nel 1964 con Autobiachi Primula. L'evidenza che la normalità è rimasta per FIAT e l'innovazione e il rischio sono rimasti per il marchio sussidiario. Qualcosa che, in fondo, ogni brand deve gestire in determinati momenti per non restare indietro. È già noto. Il complesso rapporto tra innovazione e gusti consolidati presente nella gestione di qualsiasi grande azienda.

AUTOBIANCHI PRIMULA, IL RIFERIMENTO PER LE NUOVE COMPATTE

Paradossalmente, molti dei modelli più influenti nella storia del motorsport sono quasi sconosciuti alla maggior parte degli appassionati. In questo senso, spiccano meraviglie come la Lancia Aprilia del 1937 con la sua assenza di un montante centrale, una buona aerodinamica e freni a disco attaccati al differenziale. Un riferimento per veicoli di medie dimensioni e orientati alla famiglia nella stessa misura in cui 27 anni dopo fu l'Autobianchi Primula. In questo modo, evidenzia due sezioni dipendenti l'una dall'altra. Da un lato, il motore a quattro cilindri disponibile in tre diverse versioni che vanno da 1 a 2 litri.

O meglio, il posizionamento della stessa in modo trasversale anteriore con frizione e cambio nello stesso allineamento. Fatto che ha facilitato la comparsa dell'altra sezione evidenziata. La carrozzeria. Disegnata da Boano e davvero rivoluzionaria in fatto di abitabilità. Il che è dovuto al poco spazio occupato dalla meccanica alloggiata in un allestimento così inedito per un modello prodotto sotto la tutela della FIAT negli anni Sessanta. In questo modo, l'Autobianchi Primula ha posto un prima e un dopo nel modo di intendere i patti familiari.

Ancora di più se si considera come il suo progetto iniziale di coupé abbia portato a un calo in una hatchback a due volumi. Proprio quello che la Simca 1100 avrebbe preso in seguito per le gamme popolari e il R16 per la fascia media. Tuttavia, il layout del motore anteriore ha sollevato problemi come l'eccesso di peso davanti all'asse sterzante. Fatto che ha influito sulla frenata, risolvendosi con un regolatore di frenata in grado di arrestarsi progressivamente e dolcemente. Un'altra delle varie soluzioni che hanno reso l'Autobianchi Primula un modello rivoluzionario non solo per il Gruppo FIAT, ma anche per i futuri membri della famiglia.

Fotografie: FCA Heritage

Cosa ne pensi?

foto dell'avatar

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

56.5kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci