fiat un turbo
in

Mi piaceMi piace

Tutte le chiavi della FIAT Uno Turbo in questo nuovo video Power Art

Sebbene inizialmente il progetto di quella che sarebbe diventata la Uno fosse stato realizzato per Lancia, alla fine finì per essere una delle compatte più iconiche di FIAT. Inoltre, questo utilitario ha avuto una versione potenziata grazie all'effetto del turbo, ottenendo un perfetto rapporto peso/potenza per gli appassionati di guida sportiva. Ora il canale Power Art ha appena pubblicato un video che spiega tutte le chiavi per la maneggevolezza, la conservazione e l'eventuale acquisto di questa piccola vettura sportiva dal marcato sapore anni Ottanta.

Quando la FIAT 1972 apparve nel 127, fu una vera rivoluzione nel marchio. Ed è che, lontano dallo schema del motore posteriore utilizzato nei modelli 500, 600 e 850, questa nuova e piccola utility ha scelto di posizionare sia il motore che la trasmissione sull'asse anteriore. Inoltre, la sua carrozzeria è partita da zero nel design per offre un'interessante abitabilità nonostante i suoi poco più di tre metri e mezzo di lunghezza. Un'auto pensata per la mobilità urbana del nuovo decennio. Dotata di un sistema di sospensioni indipendenti, mantenendo solo lo stesso blocco motore a quattro cilindri con albero a camme laterale della 127.

Tuttavia, nonostante sia stato un successo mondiale, la 127 non è stata in grado di affrontare le sfide previste per gli anni Ottanta. Ancor meno con modelli come la R5 o la Golf. Quale Avevano stabilito una formula basata su prestazioni migliori e maggiore spazio grazie a corpi più innovativi e motori più potenti. Un contesto in cui Giorgetto Giugiaro ha intravisto la possibilità di coinvolgere il Gruppo FIAT nelle sue nuove idee in termini di abitabilità per i modelli compatti. Così, alla fine degli anni settanta, presentò alla casa Agnelli il cosiddetto Progetto 144.

Una vettura di segmento B con le forme regolari tipiche di Giugiaro dell'epoca. Ma piuttosto nuovo quando si tratta di accesso e posizione di guida grazie al posizionamento dei sedili più alti del normale. Una novità interessante. Ecco perché Project 144 è stato inizialmente pensato come un modello per Lancia. Marchio sempre dedito alla sperimentazione e alle ottime rifiniture sin dal suo inizio. Qui però si imbatte nel rifiuto della dirigenza del Gruppo FIAT verso l'idea di una compatta dalle finiture elevate la cui ricezione potrebbe essere incerta dal mercato.

fiat un turbo

Di conseguenza, il Progetto 144 è stato bloccato. Anche se finalmente ebbe salvataggio e vita quando lo stesso Umberto Agnelli -fratello dell'onnipotente Gianni- lo guardò come la base per quella che sarebbe diventata la FIAT Uno del 1983. La compatta per il segmento B con cui la casa italiana dovrebbe tenere testa alla Supercinco e alla Peugeot 205. Una lotta alla quale ha aggiunto attrattive con l'arrivo nel 1985 della FIAT Uno Turbo.

FIAT UNO TURBO, LA RISPOSTA ITALIANA ALLA GTI DEL MOMENTO

All'inizio degli anni Ottanta, la febbre del turbo stava invadendo tutto. Infatti, anche la Renault abbandonò nomi affermati come Gordini, nominando ora le sue varianti sportive sui modelli da turismo con il soprannome di turbo. Una tecnologia basata su uso efficiente dell'aria nel motore in grado di rinvigorire qualsiasi veicolo. Proprio ciò di cui avevano bisogno le piccole compatte urbane come la R5 per fare un passo avanti. Mescolando questo con l'iniezione diretta, ottenendo evidenti risultati in termini di guida sportiva.

Inoltre, la potenza dei motori trova nei telai dei segmenti B e C alleati perfetti per offrire sensazioni forti a un prezzo contenuto. Nasce così il concept della GTI. Capace di offrire ottimi dati di vendita grazie alla conquista del mercato giovane con i suoi mix di praticità, prezzo contenuto e sensazioni di guida. Pertanto, non esisteva un grande produttore europeo che non realizzasse la sua versione turbo o GTI sul modello intermedio o compatto della gamma. Nel caso del marchio di riferimento per l'industria italiana ciò è stato fatto con la FIAT Uno Turbo.

Un modello che, pur avendo venduto bene, è in realtà inteso più come modello da vetrina che come modello da mercato di massa. Ed è che con la FIAT Uno Turbo il marchio ha assicurato una buona campagna pubblicitaria. Entrare nella mania del turbo nel momento in cui ha preso non poche pagine su riviste specializzate. Generando un'immagine di potenza e qualità che, inevitabilmente, ha trasmesso buone impressioni al resto della gamma di questa compatta. Naturalmente, nel caso della versione FIAT Uno Turbo la potenza era di 105 CV per 845 chili. Coordinate adatte solo a piloti con la volubilità di un pilota quando si tratta di esplorare i limiti disegnando curve.

fiat un turbo

UN MOTORE FIAT 128

Ovviamente nel mondo delle auto c'è molta più passione e soggettività di quanto vorremmo riconoscere. In questo senso, le auto italiane tendono a sollevare posizioni di fuoco sia a favore che contro. Tuttavia, la verità è che parlando con i meccanici il motore della FIAT Uno Turbo si presenta come un gioiellino per il suo segmento. Lungi dall'avere il blocco FIRE (Fully Integrated Robotized Engine), questo modello montava un motore da 1 litri della FIAT 3. Fusione di acciaio e con una testata in alluminio, era rifinito con un albero a camme in testa e un sistema di iniezione Bosch.

Tutto questo per i suoi quattro cilindri e otto valvole, che raggiungono i 150 NM e un'accelerazione da zero a cento in 8 secondi con una massima di circa 9 km/h. Tuttavia, il suo attributo principale era il turbo. Un IHI giapponese che nell'evoluzione cioè presentato nel 1989 è stato sostituito da un Garrett T2 con valvola Wastegate. Responsabile della riduzione della risposta del turbo. Assicurando sempre un flusso d'aria costante, quindi non c'è tanto ritardo tra la richiesta di potenza e l'erogazione. Inoltre, è stato montato un intercooler per abbassare la temperatura dell'aria aspirata.

fiat un turbo

Una meccanica vivace sulla scia delle piccole FIAT preparate da Abarth, comandata da freni a disco ventilati anteriori e posteriori. Inoltre, per quanto riguarda la stabilità, è stato fatto uno sforzo particolare montando un assale posteriore torsionale. In questo modo la FIAT Uno Turbo ha una curva rigida, anche se con una corsa delle sospensioni un po' più lunga dietro che davanti. Una buona idea, dal momento che non compromette tanto il suo comportamento anche se il bagagliaio viene caricato con molto peso. Un altro motivo per cui la FIAT Uno Turbo è una delle piccole GTI più interessanti degli anni Ottanta. Con un telaio ben studiato e un'erogazione turbo progressiva che rendono la guida tanto vivace quanto comoda e divertente. In breve, una combinazione più equilibrata.

Fotografie: FIAT

PD Come saprai se sei un lettore abituale di La Escudería, abbiamo già recensito i video dell'eccellente canale in altre occasioni Arte del potere. Questa volta lo facciamo anche consigliandoti di rivedere il video che Guillermo Alfonsín ha dedicato a una FIAT Uno Turbo, ovvero come sempre, la sua spiegazione è tanto completa quanto pedagogica. Soprattutto nella meccanica, dando spazio anche alle quotazioni del modello nel mercato. Se sei interessato a questo modello, non dovresti smettere di vederlo.

Cosa ne pensi?

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

52.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.3kSeguaci