raid classico spagna 2017
in

Dall'interno: IV Raid classico in Spagna

El Raid classico in Spagna Spain parte della premessa che non è necessario viaggiare in Africa per partecipare a un raid di vecchi ferri da stiro. Nella pelle di un toro abbiamo ampi spazi rurali disabitati pieni di strade sconosciute dove ci sentiamo persi nell'immensità. Perché rivolgersi al continente africano, per quanto vicino possa essere? L'avventura si trova, come dice chi, appena dietro l'angolo.

El Raid classico in Spagna Spain Si tiene già da quattro edizioni e sembra che stia diventando sempre di più, in fondo perché l'alternativa paga. È vero che non si attraversa il deserto, ma è anche vero che il paesaggio è più vario; È vero che c'è un po' meno avventura, ma c'è, sicuramente e anche con maggiore sicurezza. E che dire del cibo, ottimo… In conclusione, l'idea ha un senso, è come andare alle Baleari o alle Canarie invece che ai Caraibi; Non è esattamente la stessa cosa ma ha innegabilmente i suoi vantaggi, almeno secondo l'opinione di questo umile cronista.

Possibilmente anche in quella di tanti altri appassionati, visto che l'elenco dei partecipanti al raid organizzato dal Team Etcétera non ha smesso di crescere dalla prima edizione svoltasi nel 2015. Quest'anno sono stati registrati niente di più e niente di meno che 140 classici, Un bel record! Il segreto è nella flessibilità: è possibile iscriversi con qualsiasi gadget oltre i 25 anni e percorrere solo le tappe che si desidera. Inoltre, anche se è una prova di regolarità, puoi fare una passeggiata senza più le mode sportive. C'è chi la prende molto sul serio e chi vuole solo godersi la natura e la bella atmosfera.

Quindi perche no? In redazione abbiamo una Jeep-Viasa CJ3-B a cui avevamo appena sistemato la trasmissione (il cambio è stato realizzato a poche volpi) e non abbiamo resistito a partecipare. Almeno in una delle tappe, quella che ci è stata più vicina e che si è svolta tra Burgo de Osma, a Soria, e Ávila. Successivamente, ti raccontiamo l'esperienza che viviamo in alleanza con l'intermediazione assicurativa Sergio Romagosa, SL, la cui factotum è rimasto sempre al volante mentre noi scattavamo, bene o male, le foto che illustrano questo reportage. Bon voyage!

classico rally attraverso il campo
La nostra montatura, una Jeep-Viasa CJ3-B con motore diesel Perkins. sopravvivere a?
raid classico spagna 2017
Ultimi preparativi: Prima dell'inizio della tappa l'attività era febbrile

Cosa c'è nel raid classico in Spagna?

Normalmente, il Raid classico in Spagna Spain è conteso con auto più moderne della nostra Jeep; Anche le selle scoperte non sono frequenti, poiché il tempo inclemente, soprattutto il freddo, finiscono per farsi sentire nel giro di poche ore. È una questione di comodità e resistenza.

I re incontrastati di questo tipo di test sono le Fiat/Seat Panda e Marbella, utilitarie leggere e versatili, tremendamente competitive sia nella versione 4×2 che nella desiderata 4×4. Seguono i loro rivali francesi degli anni '70 e '80, in particolare Renault e Citroën, e SUV di origine giapponese e slava. Mettiti in gioco un po' di tutto (c'era anche un Porsche 944!), ma la sua cosa è farlo in un semplice classico realizzato tra il 1975 e il 1992. Siamo rimasti sorpresi di non vedere molto Beetle, poiché ci aspettavamo di trovare una legione preparata secondo una configurazione buggy o semi-buggy.

Le macchine partecipanti sono sottoposte insieme ai loro passeggeri incalliti allo stress delle strade nazionali. E a volte queste posa grandi sfide, soprattutto alle auto che devono superare ostacoli tenendo sempre presente lo svantaggio che la loro altezza suppone rispetto a quella dei SUV. In nessun caso devi essere un pilota fuoristrada esperto, quindi l'itinerario, percorso a meno di 50 km/h, è eccitante.

Tracce sterrate, fango, buche, solchi, dislivelli... Tutto ciò ha contribuito a farci dividere la nostra attenzione tra la strada dissestata e il rutometro, che, per inciso, era enciclopedico. Tremendamente dettagliato, la billetta Ci sono volute decine di pagine che abbiamo cercato di seguire alla lettera fino a quando ci siamo resi conto che non avevamo il contachilometri parziale! Né attrezzatura di navigazione...

classico rally attraverso il campo
Il "Trigger Team" parte per l'avventura. L'obiettivo è Avila!
classico rally attraverso il campo
BMW in campo. Non è normale ma ci è riuscito abbastanza bene

Problemi di orientamento

Infatti, è stato un duro colpo. Abbiamo fatto la rotta Madrid-Burgo de Osma di notte, all'aperto, e usciti di scena la mattina dopo ci siamo resi conto che forse la nostra odissea, appena iniziata, era stata vana. Almeno in campo aperto a priori, non c'era possibilità di orientamento.

Per fortuna abbiamo salvato il impasse grazie a un'amichevole congiunzione tra il nostro tablet Samsung da 10 pollici e il GPS con cui l'organizzazione monitora continuamente tutti i partecipanti. Siamo entrati in un browser online con il quale, bene o male - ha avuto un certo ritardo rispetto al percorso - siamo riusciti a seguire il resto del punti verdi per i sentieri che ci sembravano più opportuni. E c'era più di una strada (o più) che portava a Roma; alcuni più veloci di altri, sì.

L'uscita è stata più emozionante: Appena siamo partiti, alle otto e mezza del mattino, ci siamo imbattuti in un partecipante che ci ha sbottato: Sai dov'è? E il fatto è che la cosa normale è che, andare perdendo e trovando, interagendo con il resto dei masoca -sarna con piacere non morde- per distinguere la strada. 'Guarda, quelli vanno in giro, seguili!' Come ti mancano i segnali stradali in campo!

Una volta allineati, siamo andati a lungo in roulotte mentre eravamo quasi sempre avanti. Sia per la loro esperienza sia per il maggior comfort di cui godono i passeggeri, le altre vetture stavano andando più veloci di noi. La carovana, circondata dalla polvere, è stata grandiosa, e ce la siamo goduta nel terreno più accidentato della tappa, proprio quello che si trovava all'uscita del paese di Soria.

raid classico spagna 2017
La campagna di Castilla e centinaia di chilometri più avanti
classico rally attraverso il campo
L'avventura unisce hobby, natura e, come commenteremo di seguito, gastronomia

Soli di fronte al pericolo, una strada difficile

È arrivato un momento in cui siamo lasciati soli di fronte al pericolo. Nessuno davanti, nessuno dietro; Seguendo le macchie verdi, stavamo raggiungendo piccoli villaggi sperduti nella pianura castigliana, costruiti in adobe e circondati da campi coltivati ​​e pascoli. I suoi anziani abitanti ci salutarono al nostro passaggio e ci indicarono gentilmente la strada. Una piccola dose di civiltà per tornare subito all'orizzonte arido. La buona notizia è che, passate le prime ore del mattino, si faceva sempre più caldo... I cappotti ei cappelli di lana pesante furono finalmente riposti nel bagagliaio.

E ogni volta che mangiavamo più buche, tutto deve essere detto. La stanchezza ammorbidisce i tuoi riflessi e questo si traduce in una maggiore sofferenza fisica, se così si può dire. Le balestre non vogliono nessuno e penso davvero che passiamo più tempo con il sedere in aria che seduti comodamente sul sedile. Non abbiamo gareggiato, abbiamo camminato, questa era l'idea quando ci siamo iscritti; Ma anche così, si stava rivelando un percorso duro che ha compensato solo il godimento della natura e l'opportunità unica che l'organizzazione ci ha offerto di fare un tour di queste caratteristiche in Spagna.

Chilometro per chilometro, ogni tanto un compagno di viaggio che ha condiviso con noi il suo buon umore; altri passavano, assorti nei loro routometri, sicuri del loro assalto all'orologio. Abbiamo approfittato dei punti di riordino per idratarci, e poi abbiamo proseguito alla ricerca del circuito chiuso che l'organizzazione aveva predisposto per fare la capra. Finalmente siamo arrivati.

raid classico spagna 2017
Quindi è bello fare foto. Ottima atmosfera prima di anticipare noi stessi, con un viaggio di 3 ore alle spalle
raid classico spagna 2017
La madre di tutte le bestie. Camion fuoristrada diesel che è rimasto più volte su due ruote ...

Siamo venuti per divertirci: problemi sul circuito

Cosa fai in un circuito fuori strada? Slittamento, schizzi, rimbalzo, sporco... In un ambiente controllato. In altre parole, godetevi appieno e in sicurezza le capacità country dei classici coinvolti. È ora di, se vuoi, andare al fuoco e divertirti davvero. Tra il vecchio ferro ricoperto di polvere, apparve un enorme camion diesel che stava per ribaltarsi ripetutamente; saggiamente, il layout è stato riservato esclusivamente al suo spettacolo.

Una volta sfogati - la nostra Jeep tratteneva il ragazzo -, abbiamo continuato la marcia. Eravamo ai piedi del canyon da quattro ore e forse ne avevamo ancora altre tre per andare a Segovia, dove era previsto il pasto. Ed è che nel Raid classico in Spagna Spain bisogna guadagnarsi da vivere, anche con fatica, sudore e gasolio. Sempre più incasinati e soddisfatti, resistemmo altre due ore; Così abbiamo optato per una strada regionale che ci ha portato direttamente all'acquedotto di Segovia, dove ci siamo rincontrati con il resto dei guerrieri; in nessun caso devi immolarti, questo giro è da godere.

raid classico spagna 2017
Questa Ford Fiesta si è divertita molto sul circuito chiuso

Nutrire in Spagna Raid classico

È ora di mangiare, ecco di cosa tratta anche il Raid classico spagnolo. In Africa questo normalmente non conta; qui si ottiene alcuni omaggi di cura. La sera siamo arrivati ​​a Burgo de Osma, e dopo il freddo che avevamo passato, non abbiamo esitato a chiedere un ristorante dove si mangiasse bene e ci siamo diretti. Una volta al cancello, abbiamo trovato l'intero raid che si metteva gli stivali!

Tappe faticose e cene abbondanti. Non abbiamo mangiato molto il giorno successivo - anche se avremmo potuto - ma la sera prima era diverso. Dopo le deliziose battiture, è impossibile resistere al gustoso cibo spagnolo, nel nostro caso entrecots e alcune uova con chorizo ​​​​che erano, chiaramente parlando, a morte. Non si tratta solo di auto, ma anche di natura, turismo e gastronomia.

classico rally attraverso il campo
Buon cibo, bei paesaggi, un 4L... Cosa si può chiedere di più?

EPILOGO

Il lettore potrebbe chiedersi se continuiamo ad vila dopo aver ricaricato le nostre forze a Segovia. La risposta è no; Con una lunga strada per Madrid davanti a sé -il Perkins della Jeep lo costringe a viaggiare a non più di 80 km/h- e dovendo lavorare il giorno dopo, abbiamo deciso che ne avevamo abbastanza.

Va da sé che consideriamo veri eroi ai partecipanti che effettuano il raid nella sua interezza. Bisogna essere coraggiosi, essere fatti di una pasta speciale, per ottenerlo; e ancora di più per vincerlo, come è stato il caso di Francisco e Aitor Herenas sul retro della loro Renault 5 in questa quarta edizione.

Per fortuna l'organizzazione permette di consumarlo à la carte. Il dosaggio richiesto varia da hobbista a hobbista, ma tutti dovrebbero provarlo.

L'esperienza è davvero unica.

Cosa ne pensi?

javier romagosa

scritto da javier romagosa

Mi chiamo Javier Romagosa. Mio padre è sempre stato appassionato di veicoli storici e io ho ereditato il suo hobby, crescendo tra auto e moto d'epoca. Ho studiato giornalismo e continuo a farlo perché voglio diventare professore universitario e cambiare il mondo... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci