in

Confronto: 40 anni di coupé Opel

A volte i nostri test sono il risultato di un semplice caso. Nel caso di queste tre Opel classiche, tre sono state le vicissitudini che le hanno rese perfette per un articolo comparativo, dal momento che sono tutte e tre di decenni diversi e hanno tutte carrozzerie “coupé” a due porte.

Ma soprattutto c'è il fatto che risiedono nella stessa località, una questione che deve essere presa in considerazione quando si tratta di riunirli per una sessione fotografica. Non è per niente facile e tanto meno in Spagna, dove questi tre modelli "di importazione" sono davvero difficili da trovare, anche separatamente.

Oltre a tutto quanto sopra, queste tre Opel sono perfettamente comparabili. Il più antico è un 1.8 Regent del 1933, quello medio è un Olympia Rekord del 1953 e il più moderno è un Commodore GS/E del 1977. Prima di entrare in considerazioni più approfondite, è bene precisare che sia il Regent che il Motori con montaggio Commodore 6 cilindri in linea, mentre sotto il cofano dell'Olympia Rekord c'è un piccolo 4 cilindri in linea.

comparativo opel coupé
Sebbene la più vecchia e la più piccola abbiano 40 anni, queste tre coupé Opel sono perfettamente comparabili

Tuttavia, se negli anni '30 e '70 l'ampia gamma Opel Offriva coupé a 4 e 6 cilindri, negli anni '50 non c'era alcuna opzione nel catalogo Opel per acquistare un coupé a 6 cilindri. Negli anni di "miracolo tedesco", Dopo le devastazioni della seconda guerra mondiale, la gamma Opel si limitava a due modelli: quello superiore era la Kapitan, che montava un cilindro esadecimale ma veniva offerta solo come berlina 4 porte, e sotto c'era l'Olympia Rekord, modello di le nostre immagini.

Anche così, a quel tempo, e soprattutto nel nostro paese, il Olympia Rekord Negli anni '50 era un veicolo familiare che poteva essere considerato quasi "di lusso" visto il basso potere d'acquisto della popolazione e le restrizioni all'importazione di auto.

Pertanto, se i primi proprietari del Regent del 1933 o il Commodoro Il 1977 doveva essere di classe agiata e di alto potere d'acquisto, non meno fortunato deve essere stato chi nel 1953 ha presentato in anteprima in Spagna una Olympia Rekord, anno in cui tra l'altro nel nostro Paese furono immatricolate 400 Opel, aggiungendo tutti i modelli.

comparativo opel coupé
Per la Spagna erano tre coupé di lusso

infulas americane

Una volta spiegata la differenza "non così notevole" che abbiamo potuto riscontrare tra i nostri tre contendenti, va spiegato che hanno in comune la curiosa caratteristica che per tanti anni ha reso Opel famosa nel mondo, e che non è altro che quella . aria così americana ma di dimensione europea.

Questo perché la venerabile azienda di famiglia Adam Opel, fondata in Germania nel 1862 e prodotta la sua prima automobile nel 1899, fu acquisita nel 1929 dal colosso americano Motori generali, da molti anni la holding automobilistica di maggior successo al mondo.

Con questo provvedimento Opel subì una profonda trasformazione. Da impresa familiare si è inizialmente trasformata in società per azioni sotto la tutela di una multinazionale, con la quale, oltre alle strutture di gestione, c'era il marchio che accedeva ai brevetti depositati da General Motors.

Da quel momento Opel condivide caratteristiche tecniche e stilistiche con altri prodotti del gruppo come l'inglese Vauxhall - marchio che la General Motors aveva acquisito anche nel 1929 - ma soprattutto con alcune Chevrolet destinate al mercato americano degli anni '60.

comparativo opel coupé
Una filosofia simile ha animato per 40 anni le coupé del marchio tedesco. andiamo a vederla...

Regent, una coupé piuttosto rara

Molto prima, nel gennaio 1931, fu presentato il primo modello del marchio tedesco disegnato da Detroit, che altro non era che il Regent 1.8 Litri da 6 cilindri e 1.790 cc a cui appartiene la copia verde delle nostre fotografie. Come corrispondeva a tutto quel primo lotto di Opel "Gli americani" -Che includeva anche il piccolo 4 cilindri chiamato 1.2 Liter-, questa vettura sfoggia un frontale praticamente rintracciato quella della Oldsmobile del 1930 e del 1931.

Sia il design arrotondato del radiatore che le doppie barre che sostengono i fari sono riconducibili a quei modelli americani, eppure le sue dimensioni ridotte - 2,540 m in battaglia - o la sobria carrozzeria coupé sono marcatamente europee in stile. Quello in foto corrisponde alla seconda serie del 1.8 Litri presentato nel 1932, nello specifico al "98 C" a tre marce, che veniva prodotto con questo corpo. in sole 600 unità. Siamo quindi di fronte a una rarità, unica in Spagna - anche qui costava 10.800 pesetas - e molto difficile da trovare anche nella nativa Germania.

El Opel reggente È stata immatricolata a Barcellona nel 1933 e presenta condizioni molto originali, anche se nel restauro effettuato all'inizio degli anni '90 la griglia del radiatore è stata verniciata di nero - originariamente era cromata - o sono stati montati quegli specchietti sovradimensionati. In ogni caso, il suo attuale proprietario, Daniel Bernardino, ha impiegato alcuni anni a lavorare per ripristinare un aspetto il più vicino possibile all'originale, oltre ad aver dato una recente revisione generale della meccanica.

opel 1.8 litri 1931
La Opel Regent è ben tenuta dal suo proprietario, che sta gradualmente riuscendo a restituirgli la sua originalità

Olympia Rekord, il salto di qualità

Esattamente 20 anni dopo, nel 1953, Opel presentò la sua nuovissima Olimpia Rekord. Era il modello di prima linea "pontone" del marchio, che andò a sostituire -a breve- la vecchia Olympia, modello base della gamma presentata nel lontano 1937.

Mentre questo nuovo modello ha mantenuto il propulsore a 4 cilindri da 1.488 cc del suo predecessore, tutto il resto è stato un significativo salto di qualità per il marchio. Il suo corpo autoportante è stato progettato "all'ultima moda", con a chiara influenza americana clear in tutti i dettagli. Le sue linee arrotondate erano praticamente una copia in scala ridotta della Chevrolet dell'epoca, sebbene il frontale "a denti" sia considerato un'influenza dell'enorme Buick degli anni '50, anch'essa un prodotto della General Motors.

Opel Rekord coupé 1950
Linea di pontoni Olympia Rekord, e molto americana

Anche la carrozzeria era ricca di finiture cromate e la leva del cambio era già posizionata dietro al volante sul piantone dello sterzo, proprio come dettava la moda americana dell'epoca. Ma nonostante, le sue dimensioni erano ancora ridotte -con un passo di soli 2,487 m- e le sue minuscole ruote con pneumatici 5,60x13 colpiscono.

Questa prima serie di Opel Olympia Rekord rimase in produzione fino al 1957. Veniva offerto con carrozzerie berlina a due porte -il modello che abbiamo fotografato-, cabriolet e furgone, anche se ogni anno di produzione venivano apportate notevoli modifiche al design anteriore, che produceva un "Obesità pianificata" molto in voga negli Stati Uniti in quel momento ma comunque infastidito i clienti europei.

L'unità testata ha rotolato appena da quando è stata immatricolata a Ciudad Real nel gennaio 1954 e come restauro ha solo bisogno di messe a punto periodiche e una mano di vernice. Dato il suo altissimo grado di originalità, non possiamo che mettere in difetto che i paralumi delle luci posteriori -originariamente cromati- siano ora verniciati nel nero della carrozzeria, così come quelle gomme senza fascia bianca e con un disegno moderno non corrispondono ad essi.

opel rekord coupé
Molto originale oggi, ai suoi tempi l'Olympia Rekord era spesso "obsoleto", cosa che infastidiva la clientela europea

Commodoro, la Opel Mustang

Altri due decenni dopo, negli anni '70, Opel stava attraversando un periodo glorioso con una gamma molto ampia, buone vendite e successi sportivi. I prodotti del marchio Rüsselsheim godevano di una buona reputazione già da molti anni. robustezza e sobrietà Germanici ma allo stesso tempo offrivano alcuni design "americani" di successo che erano molto in voga all'epoca.

Così, negli anni '70, chiunque si avvicinasse a un concessionario Opel non poteva trovare niente di meno che 7 diversi modelli, che copriva tutti i segmenti possibili. Iniziò con il piccolo Kadett, seguito dall'Ascona. Successivamente, l'intermedio Rekord, la cui versione deluxe era la Commodoro.

opel rekord coupé
Il Commodore potrebbe facilmente resistere al suo equivalente BMW

Il modello che riportiamo in questa relazione corrisponde al Commodore della seconda serie o "B" fabbricato tra il 1972 e il 1977, quindi non infrangiamo la regola del passaggio "da 20 a 20 anni". La Commodore fu introdotta nel 1967 come la versione di lusso della Rekord, con un motore a 6 cilindri, una carrozzeria più grande e più equipaggiamenti. È stato offerto in corpi 4 porte e Coupé, quest'ultimo pensato come un as Grande Turismo.

Questa serie B potrebbe facilmente reggere il confronto con gli equivalenti coupé BMW, in particolare il Versione GS/E "Migliore della Gamma", l'unica che montava di serie un motore 2.8 con iniezione elettronica Bosch D-Jetronic e servosterzo.

Il suo potente motore a 6 cilindri in linea produceva la non trascurabile somma di 160 cv, e per questo motivo e nonostante la Opel Kadett e la Manta stessero già trionfando nei rally dell'epoca, anche la Commodore muove i primi passi in campo sportivo.

È interessante notare che il pluripremiato pilota Walter Röhrl Muove i primi passi nei rally al volante di una Commodore GS del 1973, e poco dopo “debutta” al Rally di Montecarlo quello stesso anno al volante di una GS/E come quella nelle fotografie, piazzandosi 45esimo assoluto , ma primo nella sua categoria.

opel commodore coupé
Questo Commodoro ha percorso pochissimi chilometri. Inoltre, non è così grande come sembra.

L'esemplare fotografato appartiene alla collezione Antonio Cárdenas e presenta una condizione insolita, assolutamente originale senza il minimo restauro. Immatricolata a Madrid nel febbraio 1977, ha avuto solo due proprietari e da nuova ha percorso pochissimi chilometri, il che spiega il suo stato favoloso.

Questa unità ha la caratteristica combinazione arancione-nera che caratterizzava i cataloghi e le pubblicità Commodore e le caratteristiche vari extra dell'epoca come lavafari, tetto in vinile o cerchi in lega con pneumatici 195/70R14. Certo, nonostante il maggiore imballo complessivo, con i suoi 2,688 metri tra gli assi non è troppo lontano dalle dimensioni dei suoi due fratelli.

Dietro il volante sì, troveremo alcune differenze importanti. L'età conta, e la Regent del 1933 è senza dubbio più ruvida e la sua stabilità è compromessa dalle sospensioni e dalla carreggiata ridotta, mentre l'Olympia Rekord ha quell'inconfondibile feeling anni 'XNUMX dove tutto è morbido e confortevole, ma senza offrire alcuna sensazione forte. Il Commodore ha un aspetto più maestoso, mescolato con un tocco sportivo e un motore meraviglioso e potente.


comparativo-opel-coupé-39

Didascalia
Al volante ci sono differenze, ma hanno tutte il loro fascino

Cosa ne pensi?

Francisco Carrion

scritto da Francisco Carrion

Mi chiamo Francisco Carrión e sono nato a Ciudad Real nel 1988, un luogo che all'inizio non era simile alle auto d'epoca. Per fortuna mio nonno, dedito al settore automobilistico, aveva amici che possedevano auto d'epoca e partecipava al raduno annuale che si teneva (e continua a tenersi) nella mia città natale... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci