Comparativa Seat: 1500 Vs Seat 132
in

Posto 1500 e 132: Staffetta al Ministero

Oggi portiamo sullo schermo due auto che ai loro tempi rappresentavano il concetto di veicolo di fascia alta in Spagna. Una fu la sostituzione dell'altra nel 1973. Lo stabilimento SEAT dovette modificare i propri macchinari per far posto alla 132, interrompendo la produzione della 1500.

Le mie esperienze ei miei ricordi con queste auto risalgono all'infanzia, nei primi anni 70. Rispetto al 1500, uno dei miei zii aveva un imponente esemplare nero che proveniva da un ministero. La povera macchina ha subito un processo di "combustione spontanea" ed è deceduta, ma questa è un'altra storia. Anche il tassista padre di un mio vicino di casa ne aveva un altro come strumento di lavoro, che parcheggiava davanti alla porta di casa e nel tempo libero lo riparava in strada.

A quel tempo quasi tutti i taxi di Madrid (e oserei dire di tutta la Spagna), la mia città, erano 1500. Si cominciavano a vederne circa 124 e 1430, ma 1500 era ancora il re dei taxi. Oltre all'utilizzo come mezzo di servizio pubblico, la 1500 è stata utilizzata anche come vettura di servizio nell'ambito della flotta del Parco Mobile del Ministero - con targa PMM e parabrezza e lunotto etichettati con la scritta "Servizio Ufficiale" -, auto di pattuglia, ambulanza o carro funebre della polizia armata «Z».

Comparativa Seat: 1500 Vs Seat 132
Posto 1500 Taxi in rottame. Apparentemente in buone condizioni, qualcuno osa?

Auto di lusso

Per quanto riguarda i singoli modelli, in un'epoca in cui il solo fatto di avere una semplice 600 era già un lusso, la 1500 forniva quel tocco di classe che solo le famiglie più facoltose potevano permettersi. Con l'avvicinarsi degli anni '70, l'acquisto di un'auto in Spagna iniziò a diventare popolare e più facile, ma la Seat 1500 è sempre rimasta un'auto maestosa.

Quello che più ha attirato la mia attenzione dell'auto di mio zio è stato il sedile anteriore funzionante, in cui i miei cugini e io amavamo andare tutti insieme quando eravamo piccoli... erano "piccole persone"! Inoltre la leva del cambio sul piantone dello sterzo invece che a terra, il clacson che si azionava con un anello al centro del volante, il tachimetro che era una lancetta che sembrava il quadrante di una radio...

Esternamente le sue forme mi ricordavano quelle delle auto americane, con i parafanghi posteriori appuntiti che gli davano una certa aria da Cadillac o Mercedes Cola. Dai, una grande macchina!

Comparativa Seat: 1500 Vs Seat 132
Posto 1500. Distinzione e influenza americana

Per quanto riguarda i taxi, caratteristica era la loro tappezzeria in skay marrone; che sebbene a prima vista sembrasse pelle, poi nelle giornate calde era insopportabile e ci si era letteralmente incollati dal sudore.

Colpiscono le maniglie per i passeggeri posteriori che coprono l'intera larghezza degli schienali dei sedili anteriori (la panca era a filo, ma la parte posteriore era divisa in due) e i posacenere sulle porte; Qualsiasi auto di lusso che si rispetti deve avere i posacenere.

I motori dei taxi avevano un suono molto particolare che li differenziava dai veicoli privati ​​e che da bambino mi incuriosiva: suonavano come un rumoroso chiacchiericcio. Quando ero più grande ho imparato la differenza: erano motori diesel, sostituti della benzina originale che si adattava a quel modello perché erano più economici e più redditizi. Erano Perkins, Barreiros o Matacás. Era normale anche modificare contemporaneamente il cambio e appoggiare la leva a terra, come nel nostro esempio.

Successivamente, nell'ultima serie, SEAT è arrivata ad offrire versioni diesel di fabbrica con cilindrate di 1800 e 2000 centimetri cubi -nel 1969 e nel 1971, ciascuna-, con motori Mercedes prodotti in Spagna da ENMASA, poi MEVOSA! Quei modelli, infatti, si chiamano rispettivamente SEAT 1800 e SEAT 2000, e oggi sono molto rari e difficili da trovare.

Verso la continuità

Per quanto riguarda la 132, ho l'impressione che i modelli della prima serie non sono diventati così popolari tra i professionisti come nel 1500. Sicuramente la convivenza con la 1430, più economica e anche un modello di fascia alta della SEAT, ha penalizzato le vendite come veicolo di servizio pubblico. Ricordo di averle viste anche come auto ministeriali o militari, nere, alcune con bandiere sul davanti che annunciavano che trasportavano qualche alto ufficiale militare o politico.

La 132, infatti, è stata subito associata a un'auto di rappresentanza di lusso, e chi ne possedeva una nelle vicinanze era una persona con un buon potere d'acquisto. Paradossalmente, che era la leader del Partito Comunista in Spagna, Dolores Ibarruri "La Pasonaria", ne aveva una...

Comparativa Seat: 1500 Vs Seat 132
Seat 132, lusso anche se meno popolare del suo predecessore

Per questo report abbiamo individuato 1500 dell'ultima serie e 132 della prima. Il motivo principale era quello di voler confrontare due vetture teoricamente equivalenti per vedere cosa ha contribuito e migliorato la 132 rispetto alla 1500. Inoltre, mentre stavamo preparando questo articolo, è successa una cosa curiosa: oggi è difficile trovare una di queste vetture.

Improvvisamente, abbiamo incrociato diverse 1500 copie in concentrazioni, mostre, in una discarica... E abbiamo persino beccato una SEAT 2000 che rotolava lungo la corsia di sinistra dell'M-50! Sembra che si fosse sparsa la voce che la storia era in corso.

Dettagli sottili

Le differenze più notevoli degli ultimi 1500 rispetto ai modelli precedenti sono sul davanti: doppi fari -le ultime serie sono tutte «bifaro» - con finiture verniciate nere, griglia nera al posto di una serie di lamelle cromate orizzontali, scudo centrale con il logo SEAT rotondo al posto della prima allungata e alata o paraurti più piccoli, tra gli altri.

Sul lato, una doppia lamina cromata corre lungo la vita dell'auto. Nei modelli più vecchi è un foglio singolo, più spesso. Sul montante posteriore, all'altezza della base dei finestrini, è presente una griglia, anch'essa esclusiva dell'ultima serie.

I piloti sono più allungati e diritti rispetto ai modelli precedenti, che hanno una forma arrotondata. Infine, il centro dei coprimozzi ora porta lo sfondo del font SEAT dipinto nello stesso colore dell'auto. Nelle precedenti non era dipinto.

Visto da dietro spicca il cofano del bagagliaio, ora più grande e più squadrato. Il suo bordo è rifinito da una fascia cromata che le vecchie serie non avevano. L'ornamento alato sulla serratura ora è molto più piccolo; da lì si distingue meglio la nuova forma quasi rettangolare dei piloti.

La marca e il modello dell'auto riportano il nuovo carattere SEAT dell'epoca, con lettere larghe e molto quadrate, su una targhetta rettangolare a sfondo nero, mentre sui vecchi modelli è un logo con lettere e numeri in rilievo.

Già all'interno, il cruscotto è stato leggermente modificato. Mentre nei vecchi modelli è realizzata in lamiera, verniciata dello stesso colore dell'auto, ora è rifinita con una finitura effetto legno, che le conferisce un'aria più lussuosa.

Il coperchio del vano portaoggetti, lato passeggero, in precedenza aveva un logo con la scritta "Milquinientos" a lettere in rilievo che ora manca.

Se confrontiamo la 132 con la 1500, a prima vista sembrano due auto di epoche molto diverse. Non si può negare l'origine del primo, dal design di chiara influenza americana. forse un po' barocco...

Rispetto al 132, le sue forme sono più semplici e dritte ed è più aerodinamico. Colpiscono dettagli come le maniglie delle portiere, ora a filo della carrozzeria, o le luci di posizione e gli indicatori di direzione integrati nel paraurti anteriore. Per un curioso effetto ottico, sembra più grande del 1500, Ma è più corto e più stretto!

All'interno, ora nella parte anteriore ci sono due grandi sedili indipendenti, con poggiatesta, elemento raro all'epoca. Sono molto comode e avvolgenti. Anche i sedili posteriori godono di buoni sedili che trattengono abbastanza bene i loro occupanti, contrariamente a quanto accade con il 1500, che a malapena ti afferra in curva.

Il cruscotto è in vero legno, qualcosa di praticamente riservato esclusivamente alle auto di lusso. Ora il tachimetro è rotondo ed è accompagnato da contagiri e altri orologi aggiuntivi, come la temperatura dell'acqua o la pressione dell'olio. È più leggibile che nel 1500 e le informazioni sono abbastanza complete.

I comandi sulla 132 sembrano più ordinati e chiari rispetto alla 1500, e il clacson si aziona con una bacchetta sul lato del volante. La leva del cambio è a terra. Nella 132 si ha la sensazione di trovarsi in un'auto più lussuosa, meglio rifinita e attrezzata rispetto alla 1500. Oltre ad avere sedili migliori, la Seat 132 è tappezzata con un tessuto in tinta con il resto della tappezzeria.

Meccanica 1.800

I primi 132 uscirono con un motore da 1.600 cc Poco dopo furono offerti con un altro 1.800 cc e due alberi a camme, che era più richiesto. Quel motore è stato un successo per Seat ed è stato utilizzato anche nei modelli più sportivi del marchio, come la 124 Sport Coupé 1800 o la 1430 «FU».

Nel 1974 arrivò la versione diesel con motore Mercedes da 2000 cc, modello che in quella data divenne "Auto dell'anno in Spagna". Lo scoppio della crisi petrolifera del 1973 contribuì alla divulgazione delle auto diesel per uso privato, e diede origine al suddetto premio, che sarebbe stato impensabile fino a pochi anni prima.

Il nostro colore 132 Aubergine è alimentato dal motore 1.800. L'auto è in condizioni impeccabili e ha appena 60.000 chilometri da quando è uscita dal concessionario. Il suo attuale proprietario le ha solo dato un restyling, ma è completamente originale senza essere stata restaurata. Oggi si comporta da sola nel traffico odierno come qualsiasi altra auto contemporanea e con essa puoi guidare a un buon ritmo (il tachimetro è graduato fino a 220 km / h!).

Al contrario, il 1500 è un po' lento e pesante. Il nostro è diesel, e dimostra che i motori diesel di quegli anni non hanno nulla a che fare con quelli attuali in termini di prestazioni. In ogni caso, nei modelli a benzina, anche la leva del cambio al volante non aiuta ad accelerare le marce, e invita a una guida molto più rilassata rispetto alla 132.

Nella 1500 si ha la sensazione che i sedili ti tengano a malapena giù. In curva bisogna tenersi al volante per non ballare sul sedile... E non stupisce la presenza delle grandi maniglie dei sedili posteriori di cui accennavo all'inizio! Nel 132 il comfort è superiore e se si è allacciati correttamente.

Comparativa Seat: 1500 Vs Seat 132
Motore 1.800 biarbol, ambito dagli appassionati di Seat ad alte prestazioni

Piccola grande competizione

Non c'è dubbio che il salto di qualità tra 1500 e 132 sia stato importante. Era un degno successore. A quel tempo, l'unico modello spagnolo che poteva competere con esso sarebbe stato il molto più voluminoso Dodge 3700 GT. Per quanto riguarda le auto importate, le loro rivali nel 1973 potevano essere alcune Mercedes della serie W-122, Peugeot 504, ma i loro prezzi nel nostro paese erano molto più alti dei veicoli prodotti qui.

La 132 subì diversi restauri nel corso della sua vita, guadagnando in dotazioni ma anche in bruttezza: nelle ultime serie il cruscotto non era più in legno e i paraurti diventavano di plastica nera, perdendo tutte le finiture cromate.

A metà degli anni '70 emersero concorrenti made in Spain, come l'obsoleta Peugeot 504 o Chrysler 180 - che avevano iniziato a essere commercializzate in Francia nel 1968 - o l'avveniristica Citroën CX. Sempre all'interno della SEAT, la 131 ha ridotto le vendite, pari ad attrezzature dal prezzo più vantaggioso.

Nessuna soluzione di continuità

Oggi sono trascorsi circa 30 anni dalla fine della produzione della 132. SEAT ha cessato di appartenere alla FIAT, è stata acquisita dal Gruppo Volkswagen e le sue vetture sono migliorate in qualità e prestazioni. Ma non c'è stato un altro modello in esso che potrebbe essere considerato "premium" o di vero lusso, come i nostri due protagonisti.

La prima Toledo è stata in grado di approssimare il concetto del 1500, ma non era un'auto così distinta. Potremmo anche menzionare quel tipo di "voglio e non posso" della Exeo che, sebbene sia un'auto eccellente, è ancora un'Audi A4 obsoleta e rimodellata che è stata a malapena pubblicizzata.

Ho detto prima che il 1500 di mio zio ha preso fuoco. Era benzina. La pompa, che si trovava nella parte superiore del motore, si è rotta, ha iniziato a schizzare su di lui e si è accesa. Era un guasto abbastanza frequente nei modelli a benzina che finivano male. Dovrebbe essere controllato frequentemente per evitare allarmi - infatti, anche l'auto bianco avorio nelle foto ha subito un incendio e per fortuna è stata in grado di essere spenta in tempo e magnificamente restaurata.

Comparativa Seat: 1500 Vs Seat 132
Questo confronto è stato possibile grazie a Javier Pérez García e Antonio García Martínez, titolare del Milqui

A parte questo, la manutenzione dell'auto è abbastanza semplice e ci sono club che possono aiutarci quando si tratta di individuare i pezzi di ricambio.

Rispetto alla 132, il motore 1800 è il più ambito dagli appassionati di SEAT classiche ad alte prestazioni, ed è ampiamente utilizzato in altri modelli del marchio. È facile trovare pezzi di ricambio per la meccanica, anche se non è lo stesso nel caso di parti di carrozzeria o fari. Sfortunatamente, molti 132-1800 hanno terminato i loro giorni come donatori di motori trapiantarli su 124 e fare repliche delle FU.

E per finire, se mi permettete, vorrei dedicare questo articolo ad una persona a me molto cara e vicina, che ci ha lasciato anche a luglio, data in cui l'ho scritto, ormai 5 anni fa: mio zio Serapio Vazquez . Il suo era quel 1500 "nuovo di zecca" nero (gioco di parole) che è servito come fonte di ispirazione e di cui conservo dolcissimi ricordi d'infanzia.

Galleria

Cosa ne pensi?

Miguel Ángel Vázquez

scritto da Miguel Ángel Vázquez

Miguel Ángel Vázquez, laureato in Comunicazione Audiovisiva presso l'Università Europea di Madrid e Master in Doppiaggio, Traduzione e Sottotitolazione (UEM). Sono un appassionato di corse automobilistiche sin da quando ero bambino, ma il mio legame, diciamo "professionale" con i Veicoli Classici è iniziato... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci