vw brasilia
in

Mi piaceMi piace SorpresoSorpreso

Volkswagen Brasilia. La variante Maggiolino con più spazio interno per il mercato americano

Pochi anni dopo la seconda guerra mondiale, Volkswagen era già diventata la casa automobilistica europea con la più grande presenza globale grazie ai suoi consorzi in paesi come il Messico o il Brasile. Ma anche per la versatilità e la robustezza del Maggiolino. Un modello globale che, in Brasile, ha voluto essere migliorato con la comparsa nel 1973 di una variante con più spazio interno: la Volkswagen Brasilia.

A metà degli anni 'XNUMX, la Volkswagen era già diventata l'azienda automobilistica europea con il fatturato più elevato. Un successo che potrebbe sorprendere molti, visto che in realtà la sua gamma non era di quelle molto nutrite. Tuttavia, questo non sembrava un problema serio per la gestione del marchio poiché il suo vantaggio consisteva nel servire mercati in espansione oltre l'Europa. Luoghi per i quali avevano i prodotti perfetti: il Maggiolino e i furgoni di derivazione T1. Due prodotti tanto robusti quanto economici. Ideale per i paesi agricoli.

Così, Volkswagen ha ampliato la sua capacità produttiva in tutto il mondo. Installazione di fabbriche tramite consorzi in paesi come il Messico, l'Argentina e persino la Cina. Luogo in cui sono impiegate circa 100.000 persone secondo i dati del passato 2019. Un dato che riflette il grande importanza che il marchio tedesco ha dato per espandersi in altri continenti, che ha avuto la sua fondazione nel 1953 con la fondazione di Volkswagen do Brasil. Un'azienda che attualmente continua ad avere cinque stabilimenti, che rappresentano circa il 20% della capacità produttiva del gruppo nel mondo.

Inoltre, insieme allo stabilimento messicano di Puebla, il Brasile è la punta di diamante del gruppo in America. Il paese da cui proviene la maggior parte delle esportazioni verso mercati come Argentina, Uruguay, Cile o Venezuela. Tutti caratterizzati dall'enorme successo del Maggiolino Volkswagen. Modello che è stato prodotto senza sostanziali modifiche rispetto all'originale in Brasile fino al 1996 e in Messico fino al 30 luglio 2003. Una vita di quasi sette decenni che conferma il Maggiolino come il modello di maggior successo nella storia del motorsport, con varianti tanto interessanti quanto la Volkswagen Brasilia.

VOLKSWAGEN BRASILIA. PIU' SPAZIO STESSO MECCANICO

Grazie alla sua meccanica semplice ed efficace, il Maggiolino -Fusca in Brasile- era un modello estremamente popolare in tutti i paesi. Tuttavia, la verità è che già negli anni Sessanta cominciava ad essere superata in molti aspetti. Un dato che, insieme ad un'offerta automobilistica sempre più ampia e segmentata, la separava dalle prime posizioni di vendita nel mercato europeo. In ogni caso, nei paesi con strade peggiori, una flotta più obsoleta e una classe media meno predominante, il Maggiolino è rimasto l'opzione migliore. A maggior ragione se abbiamo il suo prezzo accessibile e i bassi costi di produzione.

Tuttavia, alla fine degli anni Sessanta il management della Volkswagen do Brasil decise di creare una variante del Maggiolino focalizzata su questo mercato. Per questo si proponevano di migliorare il mitico Maggiolino in un punto preciso: lo spazio interno. Proprio quello in cui ha dato più lamentele. Perché per le dure piste brasiliane, il telaio perenne del Maggiolino e il motore boxer a quattro cilindri sono rimasti validi nonostante gli anni. Base meccanica su cui sono stati sviluppati fino a quaranta prototipi, scegliendo infine uno di quelli disegnati da Marcio Piancastelli.

Responsabile del design alla Volkswagen do Brasil e autore di modelli così interessanti e attraenti come la SP2. Un'auto sportiva basata sulla Type3 che risparmia con la Volkswagen Brasilia che monta gli stessi fari. Ed è quello? per la Brasilia hanno voluto avvolgere la meccanica e la ciclistica del Maggiolino con una carrozzeria completamente nuova. Visivamente preparata per i nuovi tempi, ma anche molto più spaziosa e luminosa. Proprio le due caratteristiche più ripetute nella pubblicità della Volkswagen Brasilia. Con varie pubblicità che sottolineano la grande abitabilità di questo modello presentato nel 1973.

SUCCESSO DI VENDITA NELLA REGIONE

Grazie al design di Marcio Piancastelli, la Volkswagen Brasilia aveva un ottimo spazio interno in relazione alle dimensioni del telaio. Una qualità che, sommata alla praticità ed economia del Maggiolino usato come sapete, ha reso questa variante un bestseller in regione. Così tanto da Ad appena un anno dalla presentazione in Brasile, la produzione del modello è iniziata anche in Messico, raggiungendo quasi le 80.000 unità.. Certo, molto meno di quelli fabbricati in Brasile. Dove fino alla fine del modello nel 1982 furono assemblate più di un milione di copie. Dedicando la maggior parte al mercato nazionale, ma esportando più di 100.000 nei mercati argentino, boliviano, paraguaiano e persino filippino.

In effetti, tale fu il successo della Volkswagen Brasilia che arrivò ad avere una versione africana realizzata in Nigeria con il nome di Igala. Sicuramente un traguardo internazionale per questa variante del Maggiolino con i paesi in via di sviluppo sotto i riflettori. Venduta sia a tre che a quattro porte con l'idea di servire da automobile quotidiana alle nascenti famiglie borghesi che, a poco a poco, si stavano affacciando nelle aree urbane di quei paesi.

Un tipo di pubblico che in Europa ha già visto modelli come il Maggiolino o la FIAT 600 attraverso lo specchietto retrovisore della storia, ma che in Brasile ha continuato a godere dell'affidabilità dei quattro cilindri boxer 1600cc e 60CV alimentati da un carburatore Solex 30 montato sulla Brasilia. Cosa c'è di più, all'inizio degli anni ottanta apparve un modello da 1 litri alimentato ad Etanolo. Un carburante normalissimo in Brasile, come infatti il versione che FIAT Brasile ha preso da 147 per lavorare anche con questo mix.

L'ultima novità di rilievo nella vita della Volkswagen Brasilia, che ha visto terminare la sua produzione nel 1982 senza sopravvivere al Maggiolino originale. Un motivo in più per considerarla l'auto più popolare di tutta la storia, sopravvivendo anche alle varianti venute a migliorare il design originale.

Fotografie: Volkswagen do Brasil

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci