in

La visione di Voisin

El Museo automobilistico Mullin Si trova nella cittadina di Oxnard, in California, e al suo interno ospita una raccolta dei grandi capolavori della carrozzeria francese degli anni 20 e 30. Sai, probabilmente i più belli anteguerra, che venivano usati per vestire la Bugatti, Delahaye , Delage, Talbot-Lago o Hispano-Suiza dell'epoca, tra gli altri. Hanno anche coperto il Voisin, veicoli gran turismo avanguardia tecnica e artistica creata da Gabriel Voisin, uno dei padri dell'aviazione.

Precisamente, da novembre al 25 giugno, celebra una mostra speciale dedicata al pioniere francese. È molto difficile vedere le sue auto originali per strada, quindi se vivi sulla costa occidentale degli Stati Uniti o hai intenzione di viaggiare in California, te lo consiglio vivamente. Successivamente, ti lascio alcune foto del campione fornito dal museo stesso in modo che tu possa finire di decidere; e per chi come me non può permettersi di visitarlo, un piccolo articolo che cerca di spiegare cosa fosse Voisin. (Non dimenticare che alla fine c'è una grande galleria di immagini!).
 

Gabriel voisin
Gabriel voisin

El hombre

"E' un ragazzo abbastanza felice." Così veniva definito eufemisticamente Gabriel Voisin a Parigi nella prima metà del XX secolo. Era un piantagrane, un eccentrico, un bohémien, un più vivace, che ha dedicato tutta la sua vita alle sue due grandi passioni: la funzionalità e le donne. Era anche un genio, un artista, uno scultore, un musicista, un poeta, un filosofo... e anche un meccanico, ingegnere, aerodinamico, inventore e capitano d'industria. E, a quanto pare, puoi essere molte cose in questa vita e condurre un'esistenza che imbarazza e ammira i tuoi simili nelle loro diverse sfaccettature.

Forse la prossima cosa da dire su Gabriel Voisin è che è uno dei padri dell'aviazione. Solo i fratelli Wright sono stati nominati in quest'area prima di lui, e con qualche remora, dal momento che i loro progetti non sono mai andati così lontano. Tuttavia, a Voisin sono dovuti gli aerei francesi che sono stati sollevati gloriosamente nella prima guerra mondiale con i motori Salmson e Hispano-Suiza e che rappresentò un passo avanti definitivo per quel modo di trasporto e per le corse automobilistiche, che includevano molti dei suoi progressi nella costruzione e nella meccanica.

Era anche responsabile del montaggio di mitragliatrici, cannoni e bombe, qualcosa che lo avrebbe perseguitato dalla sua coscienza fino alla fine.

Assemblaggio dello spettacolare aereo di Clément Ader
Montaggio dello spettacolare piano di Clément Ader (By Roby)

Tutto iniziò quando un allora giovane studente di architettura visitò l'Esposizione Universale di Parigi nel 1900; in essa poteva contemplare il magnifico Aereo da Clément Ader, da cui sono affascinato; tanto che abbandonò l'architettura, si recò nella sua casa di provincia, liquidò tutti i suoi averi, e se ne andò a Parigi con pochi attrezzi e una manciata di franchi in tasca.

Lì, insieme a suo fratello Charles, avrebbe costruito una delle prime fabbriche di aerei al mondo, in gran parte con le proprie mani. E lì, con il leggendario pilota di aeroplani e automobili Henri Farman ai comandi della sua macchina, avrebbe realizzato quello che è forse il primo volo circolare a motore a più di un chilometro di distanza.

Voisin, come quasi tutti, aveva un tallone d'Achille, e questo era il suo orgoglio. Era convinto di aver inventato l'aereo, e così quando i fratelli Wright si recarono in Francia per rivendicare la paternità dell'invenzione, non ammise che il credito sarebbe stato ritirato. Non lo farei mai. In ogni caso, ci sono persone che difendono che il primo a risolvere tutti i problemi di base dell'aviazione fu l'inventore francese; ed è vero che a quei tempi esistevano linee parallele di ricerca sugli stessi temi su entrambe le sponde dell'Atlantico, e che ognuna di esse aveva un suo merito particolare, al di là del fattore tempo.

I fratelli Voisin festeggiano Farman sul primo volo circolare di 1 km.
I fratelli Voisin festeggiano Farman sul primo volo circolare di 1 km.

Nel 1911 i fratelli Voisin, di fronte allo scherno generale dei loro concorrenti, che costruivano aeroplani in legno e tela seguendo il principio degli aquiloni, iniziarono a costruire aeroplani in metallo. Tre anni dopo, allo scoppio della guerra, quei detrattori satirici dovettero ingoiare la bile quando il Presidente della Repubblica scelse il Voisin come velivolo ideale per vincere la gara.

Charles morì nel 1912, ma Gabriel divenne miliardario dopo aver costruito circa 11.000 aerei per la repubblica gallica. Inoltre, divenne licenziatario di Hispano-Suiza e Salmson, così poté esaminare a fondo le due prime opere d'arte sulla propulsione aeronautica.

Come dicevamo all'inizio, Voisin amava la funzionalità e la semplicità. Per lui, queste due qualità erano ciò che dava bellezza alle opere di ingegneria, che dovrebbero essere sia opere d'arte che, se possibile, di Fantascienza; Ed è che spesso la semplicità, non necessariamente in contrasto con la raffinatezza, era francamente buona: basta guardare ad esempi come quelli di Bugatti o dei fratelli Duesenberg. Non pensava lo stesso delle donne, altra sua forma di venerazione della bellezza, di cui ammirava non solo i corpi, ma anche la loro intelligenza, la loro forza o la loro sottigliezza.

expo_voisin_mullin_c27
expo_voisin_mullin_c27_trasera

Voisin C27, 1934. Nel tempo Voisin è diventato un incredibile bodybuilder (di Marty B)

Automobili

Nel 1918, dopo aver tentato di rivoluzionare il mercato immobiliare con case prefabbricate in acciaio, decise di dedicarsi alla produzione di vetture GT. Ne ha costruite circa 30.000, ma fino ad oggi ne sono sopravvissute solo più di cento. Il suo problema era la costruzione della carrozzeria in alluminio, metallo molto apprezzato nei rottami per il quale i suoi manager non esitavano a rottamarli.

Fin dall'inizio, ciò che ha attratto Voisin è stata la macchina a vapore, per la sua morbidezza, la sua fluidità, la sua flessibilità, la sua semplicità... Infatti, questa fu la tecnologia che utilizzò nella prima automobile che costruì, insieme al fratello, nel 1898. Ricordiamo che agli albori il stesso dava benzina, come elettricità che vapore. Ma negli anni '20 non era più così, e l'unica cosa che il poeta francese poteva sperare era di trasferire le qualità dei motori a carbone e ad acqua ai motori a combustione interna.

Per fare ciò, ha chiesto il consiglio di due ingegneri del leggendario Panhard et Levassor, Artaud e Dufresne, che non hanno esitato ad abbandonare il marchio pionieristico quando ha rifiutato un progetto che consideravano fattibile. Andarono poi da Voisin, che li assunse stabilmente, insieme ad altri due tecnici: André Lefèbvre e Marius Bernard. La Grande Squadra: Quest'ultimo sarebbe diventato i suoi figli spirituali, mentre il primo volerò nel 1921 alla Peugeot, la più grande rivale di Voisin all'epoca.

La cocotte (di Thesupermat)"
La cocotte, insegna del marchio (di Thesupermat)

Per quanto riguarda la parte meccanica, si è partiti con il motore Knight senza valvole. Come mai? Bene, perché, all'inizio, era silenzioso. Successivamente, con un numero maggiore di pistoni e di corsa, è stato possibile ottenere la fluidità e la scorrevolezza desiderate. Sebbene un po' costoso e delicato, era un buon punto di partenza, relativamente semplice; inoltre, molti dei grandi marchi la montavano, ma solo Voisin penserebbe di darle un carattere sportivo. Perché come vedremo in seguito, è sceso con successo negli inferni della competizione.

La Voisin debuttò nel 1919 con un motore a 4 cilindri da 4 litri, noto come 18CV. Da lui derivavano i modelli C1, C3 e C5, sempre realizzati a mano. Furono il principale supporto del marchio, fino all'arrivo dei motori a 6 cilindri che dal 1927 costituiranno uno dei suoi segni distintivi (con i modelli C16 e C22, principalmente).

expo_voisin_mullin_c20_1
expo_voisin_mullin_c20_2

Non lasciarti ingannare dai fiori, questo è un V12 (di Rex Gray)

Nel 1920, forse troppo presto, arrivò il V12 C2, derivato dalla 4C. Sette litri in V a un insolito 30º. I costi di sviluppo erano astronomici e i costi di produzione dovevano esserlo ancora di più, poiché questa vettura è stata lasciata allo stato di prototipo. Naturalmente, per molti aspetti era anni luce in anticipo sui tempi: Senza frizione, aveva una doppia turbina idraulica, e il cambio era solo a due velocità: uno per la crociera e l'altro per la città e la montagna (in futuro sarebbe andato al cambio elettromagnetico Cotal). D'altra parte, per affrontare la brutalità dei sistemi di avviamento convenzionali, Voisin ha progettato il suo Dynastart. La vettura aveva i freni su tutte e quattro le ruote, con l'85% della potenza frenante all'anteriore; e il motore è stato abilmente attaccato al telaio utilizzando tre ancore, il telaio Dynastart stesso è il perno anteriore.

Sebbene la C2 fosse irrealizzabile, molti dei suoi progressi passarono ai modelli successivi che entrarono in produzione, e il suo motore sarebbe servito come base per le L6 menzionate e per le V12 che avrebbero migliorato il marchio nei primi anni '30.

Infine, il catalogo del brand parigino si è completato con il piccolo ragazzo C4, di soli 1.3 litri, da cui deriverebbe il modello C7. Sempre con meccanica Knight, senza valvole. Fusione tra patrimonio aeronautico e poesia tecnica, ciò che Gabriel Voisin cercava con le sue auto era realizzare opere d'arte, votate al minimalismo e alla funzionalità.

expo_voisin_mullin_c25_1
expo_voisin_mullin_c25_2

A Voisin C25. È fantastico. (di Thesupermat)

Concorrenza

Il nuovo marchio aveva bisogno di farsi un nome, e così si decise di iniziare a gareggiare nei test delle auto da turismo. Fu preso un 18 CV e la potenza fu aumentata a 100 CV, in modo tale che montato su un telaio ricoperto da una carrozzeria che ricordava l'aviazione, in anelli di legno, stecche e tessuto, il peso del set era molto contenuto. Abbastanza per vincere alla sua prima apparizione e nei due anni successivi. Di fronte alla domanda derivante dai successi sportivi, Voisin ha dovuto accendere un nuovo modello, il C5, la cui carrozzeria phaeton ultraleggera è stata finalmente progettata dallo skipper. Ed è forse a causa di questo aspetto del bodybuilder, più di ogni altro, che è conosciuto nel mondo del motorsport.

Proprio anche per il C5 disegna le insegne della Casa di Issy, la cocotte, ovviamente in alluminio. Sembra che lo odiasse, perché era solo un ornamento inutile.

D'altra parte, nella primavera del 1920 gli venne in mente di ingaggiare un pilota veterano all'epoca in stasi per fare un piccolo viaggio in un C5. Si trattava di fare il viaggio Parigi-Nizza (attualmente circa 900 chilometri) nel più breve tempo possibile: secondo trimestrale automobilistico, il diavolo d'asfalto Lamberjack l'ha fatto in 11 ore e mezza, sei più veloci del treno più veloce e lussuoso dell'epoca, il Treno Blu. I media hanno riportato l'impresa, credo, ma più come una ferocia inaccettabile che come una sfida di corsa stessa. La pubblicità è stata, tuttavia, fantastica.

expo_voisin_mullin_laboratoire
expo_voisin_mullin_interior_laboratoire

Laboratoire, la monoscocca «F1» (e la sua replica)

Tornato alle corse, Voisin ha proseguito nel distacco con le sue vetture speciali, partecipando anche dopo una polemica con l'allora FIA, l'Automobile Club de France, alla F1 anteguerra, il Gran Premio di Velocità. Dopo un frenetico sviluppo, nel 1923 immatricolò una serie di monoscafi (!) ultraleggero. Quasi tutti si ritirano, ma uno finisce, in quinta posizione. Alla fine, la velocità assoluta non era il suo genere, e non importava poiché, presumibilmente, i possessori di auto sportive non comprerebbero GT Vicino.

Eppure i giorni di gloria del marchio stavano passando, alla stessa velocità con cui il pioniere dell'aviazione dilapidava la sua fortuna in attrici, ballerine e progetti automobilistici falliti. Era uno sprecone. Per riportare a galla l'azienda e dopo l'imbarazzo che gli procurava la partecipazione alla “F1”, ha preferito promuoversi attraverso i record. E così il Voisin ne ha conquistati un buon numero all'Autódromo de Monthléry, forse il più eccezionale dei quali è la corsa di 50.000 chilometri. Ma, sfortunatamente, non sono serviti nemmeno ad aumentare le vendite.

expo_voisin_mullin_c25aerodyne_1
expo_voisin_mullin_c25aerodyne_2

C25 Aérodyne, verso il corpo moderno (a cura di Thesupermat)

Il culturista

Gabriel Voisin ha fatto un po' di tutto a meraviglia, anche se, come abbiamo detto, uno degli aspetti che più si è distinto nel panorama automobilistico è stato il design estetico, principalmente la carrozzeria. Era un artista che si muoveva nell'atmosfera dell'avanguardia parigina del primo Novecento, e nel 1925 eseguì quella che per lui fu la rivoluzione estetica della carrozzeria del momento. Forse influenzato da personaggi come il famoso architetto Le Corbusier, che fu per un periodo suo protetto, e sulla base delle strutture leggere del suo amico Charles Weymann, creò il Lumineuse (luminoso). L'abito era minimalista, ricco di dettagli cubisti e art déco, molto leggero e con un'ampia superficie di vetro.

Negli anni il pioniere si sarebbe evoluto verso proposte sempre più modulari, in cui si distinguono nettamente i tre volumi del corpo vettura: uno per il motore, uno per l'abitacolo e, infine, un altro per il bagagliaio, a cui dava molta importanza. A poco a poco, influenzato dall'aerodinamica, integrava anche i passaruota, attraverso il modello Aerodyne, fino al 1936 quando nacque l'Aérosport, una delle prime automobili dall'aspetto moderno. Con lui Gabriel Voisin divenne il precursore della rivoluzione estetica compiuta dal design italiano e americano negli anni '40, e che portò alle auto come le conosciamo oggi.

C28 Aérosport e la sua carrozzeria ultramoderna (Mullin Automotive Museum)
C28 Aérosport e la sua carrozzeria ultramoderna (Mullin Automotive Museum)

Tuttavia, la Grande Depressione uccise lentamente (o finì) il Voisin, la cui leadership sfuggì al controllo del suo patrono negli anni immediatamente precedenti la seconda guerra mondiale. Di fronte al nuovo scenario, in cui era costretto a montare nelle sue creazioni propellenti Graham da tre litri e mezzo, diede il permesso al suo apprendista André Lefèbvre di recarsi in Citröen, dove avrebbe partecipato attivamente allo sviluppo della Traction Avant, 2CV e DS. L'eredità dell'artista sarebbe così perpetuata. E l'inventore avrebbe solo un altro genio da eseguire: il Biscooter, che per alcuni anni ha mosso su licenza la società spagnola.
 
 

 
 

[gruppo adrotate = »5″]

 
 

Immagini a grandezza naturale (1.280 px circa)


 
 

Vota questa notizia e Commento!

Cosa ne pensi?

Javier Romagosa

scritto da Javier Romagosa

Mi chiamo Javier Romagosa. Mio padre è sempre stato appassionato di veicoli storici e io ho ereditato il suo hobby, crescendo tra auto e moto d'epoca. Ho studiato giornalismo e continuo a farlo perché voglio diventare professore universitario e cambiare il mondo... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci