villa east concorso eleganza 2015
in

Villa d´Este 2015, overdose di glamour

TESTO: FRANCISCO CARRIÓN / FOTO: UNAI ONA

Ancora una volta, Villa D´Este Si è confermato il secondo più importante concorso internazionale di eleganza per auto d'epoca, dietro solo all'ineffabile americano Peeble Beach. Da quando BMW ha assunto il ruolo di organizzatore principale 11 anni fa, Villa D´Este ha ricevuto la spinta di cui aveva bisogno e attualmente i principali collezionisti europei arrivano con le loro macchine migliori, a parte la sempre più numerosa scritta americana.

Evento derubati nel 1929 con auto moderne a quel tempo, e ora le auto da quel momento in poi sono coinvolte, tra cui alcune "Concetto di automobile" i marchi attuali che si presentano sfruttando l'attrazione del concorso come è successo quest'anno con la nuova BMW 3.0 CSL concept, "omaggio" al modello mitico dal marchio bavarese.

Luoghi imbattibili

Nell'edizione di quest'anno abbiamo potuto vedere un imbattibile roster di circa 50 vetture di vari stili ed epoche, con una preponderanza –come non potrebbe essere inferiore– di marchi italiani, sia di telaio che di carrozzeria. Ed è che se nel periodo prima della seconda guerra mondiale l'élite della carrozzeria "su richiesta" era in Francia, dopo il conflitto gli italiani erano i più rinomati in termini di qualità, bellezza e innovazione.

Fin dall'inizio, il concorso si è svolto sulle rive del Lago di Como, una cornice sicuramente ideale. Attualmente l'evento si svolge in due location quasi simultanee: la stessa Villa d´Este, intorno all´esclusivo Gran Hotel, e dall'altro Villa Erba.

E mentre l'ingresso a Villa d´Este è ridotto a pochi fortunati e su severo invito, Villa Erba è aperta al pubblico Volevo avvicinarmi per vedere il magnifico spettacolo. Ad esempio, la sfilata di auto davanti alla giuria - accompagnata da eleganti modelle - si svolge ripetutamente in entrambe le sedi.

Fortunatamente, il nostro fotografo Unai Ona ha potuto entrare in tutti i locali per scattare le magnifiche foto che accompagnano questo articolo, in cui possiamo vedere i principali protagonisti di quest'anno.

Un cavallo alato sgargiante

El "Il meglio dello spettacolo", La vincitrice assoluta di questa edizione, scelta dalla giuria, è stata l'Alfa Romeo 8C 2300 Spider Zagato portata da Beverly Hills (USA) da David Sydorick, suo fortunato proprietario.

Tuttavia, è il voto pubblico che determina la scelta dell'ambito "Coppa d´Oro Villa d´Este", che in questo caso è andato alla Ferrari 166 MM Touring che è stata rilasciata nel 1950 dal capo supremo della Fiat in quel momento, Gianni Agnelli.

E sebbene questi due veicoli siano presumibilmente i vincitori, senza dubbio quello che ha suscitato le maggiori aspettative è stato la Cupola Pegaso Enasa del 1952-53 Presentato per primo dopo accurato restauro. Forse non è irragionevole dire che è stato il protagonista dell'evento, in quanto è stato almeno il più fotografato. E non da meno: dopo anni verniciati in un colore argento inappropriato, ora è tornato all'aspetto sorprendente che gli è valso il soprannome "Rosa de Thé".

villa east concorso eleganza 2015
Strano fronte del Pegasus Dome Enasa

L'artefice dell'opera è stato l'attuale proprietario, il noto collezionista Evert Lowmann, proprietario del Museo Nazionale dell'Automobile olandese, e il livello di dettaglio ha raggiunto il punto in cui sono stati riprodotti gli pneumatici originali a strisce rosse. Tuttavia, l'interno, dipinto e rivestito in verde oliva, ha suscitato alcune polemiche, poiché presumibilmente questa unità (Rif.21) è nata con l'interno in rosso mentre era "l'altra Cupola", (Rif.20, attualmente mancante) che montava l'interno in verde.

C'è anche una teoria secondo cui è stata realizzata una sola cupola, quindi lasciamo la porta aperta a qualsiasi possibilità e, comunque sia, La "nostra" Cupola ha vinto il trofeo "Regazzi", cioè quello che è stato concesso dal voto del pubblico sotto i 16 anni di età.

La moda attuale per Pegaso È stato confermato con il concorso di altre due unità: la Berlineta Touring 1º Series Ref. 53, che dopo un restauro di quasi 10 anni a Madrid è stata finalmente venduta a un collezionista straniero, e la Cabriolet Saoutchik 2º Series Ref. 36, che è tornata in Europa dopo un periodo negli Stati Uniti dove ha ricevuto il restauro che appare ora.

La Pegaso "Dome" Enasa di cui abbiamo parlato prima ha ricevuto anche il "Trofeo Auto & Design" per il miglior design secondo la giuria, e una menzione d'onore nella classe "Fatti da confrontare", in cui un prezioso Ferrari 250 GT Europa Berlinetta Vignale 1954. E questa non era l'unica categoria di nome intelligente.

Nomi per tutti i gusti

La classe riservata alle auto sportive o di lusso degli anni '30 - gli anni della grande depressione - si chiamava "Antidepressivi". Le auto sportive degli anni '60 e '70 sono state incorniciate nel in "Arrivo dei GT uomini", sconfitto da una Ferrari Daytona Spider del 1972; e design italiani di ispirazione americana degli anni '50 nel "Hollywood sul lago", dove vinse una stravagante Lancia B52 Spider Pininfarina del 1953 di chiara ispirazione aeronautica.

La categoria "Storia di fantasmi" Era riservato alla Rolls Royce del modello Phantom - da cui il nome -, in cui il Fantasma III Vanvooren dal 1937 che l'anno scorso vinse anche nella sua classe a Peeble Beach.

nella categoria "Stravaganza in movimento" l'auto più vecchia di quest'anno stava partecipando: un impressionante Farman A6B Million Guiet del 1925 che ricevette la "Menzione d'Onore" dalla giuria e il premio FIVA per "Meglio conservato dall'anteguerra", e che tra l'altro ha trascorso diversi anni in una collezione spagnola anche se ora è stata venduta fuori dai nostri confini.

Degni di nota sono stati anche due veicoli che, però, non hanno meritato alcun riconoscimento: primo, l'esotico Phanter Six del 1977 con motore Cadillac V8 e… 4 ruote anteriori sterzanti!; e, secondo, l'unica Jaguar XK 140 che carrozza Zagato, anche se è vero che il frontale non è una delle creazioni più ispirate del maestro italiano.

E potremmo continuare con l'elenco delle vetture eccezionali e delle categorie di nomi spiritosi, ma ci riferiamo alle grandi foto di Unai Ona perché, come si dice, e almeno in questo caso, "Un'immagine vale più di mille parole".

 

Accedi ad altre 50 foto cliccando qui...

 

Cosa ne pensi?

Francisco Carrion

scritto da Francisco Carrion

Mi chiamo Francisco Carrión e sono nato a Ciudad Real nel 1988, un luogo che all'inizio non era simile alle auto d'epoca. Per fortuna mio nonno, dedito al settore automobilistico, aveva amici che possedevano auto d'epoca e partecipava al raduno annuale che si teneva (e continua a tenersi) nella mia città natale... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci