in

Mi piaceMi piace

Villa d'Este 2022, 10 modelli che testimoniano il loro tempo

A Villa d'Este 2022 sono stati visti più di cento modelli appartenenti ai più esclusivi della storia automobilistica. Tuttavia, ne abbiamo scelti dieci con l'obiettivo di fare un panorama globale. Ovviamente è stato inevitabile optare per prototipi audaci e modelli meccanicamente originali

La maggior parte delle vetture esposte a Villa d'Este 2022 sono altamente performanti. Tuttavia, il gran numero di colori pastello e le cabine raffinate non annunciano un uso sportivo dei suoi motori. Ovviamente, essendo modelli pensati per il piacere di guida, la loro meccanica è in grado di erogare una notevole potenza al minimo tocco dell'acceleratore. Ma ancora qui Parliamo più di eleganza e piacere di viaggiare che di velocità e circuiti. Pertanto, gran parte degli oltre 100 veicoli esposti nell'edizione 2022 di quest'anno sono vere e proprie celebrazioni del buon gusto al volante. Naturalmente, con il permesso di modelli da corsa come la F40 LM, la Nissan R390 GT1 o la concisa ma vibrante BMW 700 RS.

Non invano, da quando iniziò a tenersi nel 1929, il Concours d'Elegance di Villa d'Este è stato una delle migliori vetrine mondiali per la storia del design delle carrozzerie. Un luogo dove la presenza e il fascino delle forme hanno la precedenza su quanto potrebbe accadere quando si abbassa una bandiera a scacchi. Anche, È anche uno dei luoghi più adatti per la comparsa di prototipi e modelli unici.. Icone sperimentali di design capaci di segnare un'epoca. Come la Ferrari 365 P Berlinetta Speciale Tre Posti o l'Aston Martin Bulldog. Due pezzi unici con la capacità di rappresentare in se stessi i canoni di design imperanti degli anni Sessanta -forme muscolari dai volumi curvi- e degli anni Ottanta -linee rette con forme geometriche-.

Inoltre, a Villa d'Este 2022 abbiamo potuto vedere un buon esempio di eccellenza pre-seconda guerra mondiale. Macchine di quelle in cui tutto si faceva senza badare alle spese. Con pochissime tirature e un montaggio completamente manuale per rendere ogni unità diversa dalle altre. E questo per non parlare dell'assortimento esposto in relazione all'età d'oro delle GT. Con la presenza di un'Alfa Romeo TZ1, una Ferrari 400 Superamerica e persino l'ipnotica Ferrari 250 GT carrozzata da Zagato. Sicuramente uno dei "cavallini” più ammirato e desiderato da qualsiasi collezionista. Tuttavia, a questo punto è meglio soffermarsi su una breve selezione con dieci modelli capaci di sintetizzare adeguatamente quanto visto in questa Villa d'Este 2022. Andiamo al dunque.

LA RAFFINAZIONE DEI TRENT'ANNI

Quando la bolla finanziaria scoppiò a Wall Street nel 1929, i grandi marchi di lusso in ascesa degli anni 'XNUMX sembravano vacillare. Tuttavia, la verità è che solo Bentley ha cambiato drasticamente il suo orientamento quando è caduta nelle mani di Rolls-Royce a causa della sua fragile contabilità. Al contrario, da Duesenberg negli Stati Uniti alla Bugatti in Francia, riuscirono a sopravvivere in splendore per almeno qualche altro anno. Naturalmente, nel caso di queste due società, la prima finì per chiudere nel 1937 mentre la seconda subì un duro colpo nel 1939 con la morte di Jean Bugatti - l'erede di Ettore - durante le prove di un prototipo.

Finali a parte, è inconfutabile che molte delle auto di fascia alta più affascinanti della storia siano nate nel periodo compreso tra l'incidente del 1929 e l'inizio della seconda guerra mondiale. Un tempo in cui il motorsport era ancora una questione di élite. Nonostante la produzione fordista iniziata nel 1908 annunciava già il futuro guidato dai marchi generalisti. A questo punto, a Villa d'Este 2022, si è distinto una radiosa Bugatti Type 57C Stelvio del 1936, carrozzata con dettagli Art Déco dal francese Gangloff. Una decappottabile dove non solo l'aspetto è eccezionale, ma anche la meccanica. Dopotutto, è stato il primo modello Bugatti ad essere dotato di un compressore.

Al di là dei veicoli performanti ma orientati ai viaggi e al tempo libero, questo marchio ha messo in luce i suoi modelli realizzati da e per le corse. In questo senso, il Tipo 59 del 1934 attirò la nostra attenzione.

L'ultimo modello pensato per il GP del momento prodotto da Bugatti. Nel caso di questa unità, si presenta con i segni e le tracce della concorrenza, generando una deliziosa patina rispettata dai suoi restauratori. Fantastico. Tuttavia, a Villa d'Este 2022 hanno sfoggiato anche altri veicoli prebellici oltre la Bugatti. Soprattutto quelli coronati dalla stella Mercedes. Marchio con 5 unità prima del 1940, evidenziando la 540 K Special-Roadster.

Un altro nella portentosa saga delle Mercedes con otto cilindri degli anni Trenta, contando qui con un compressore attivato a volontà e per decisione del pilota. E guarda quello. Perché potrebbe improvvisamente scatenare un aumento del 50% di potenza dal motore da 5,4 litri rendendo le varianti K veri e propri missili a ruote. Inoltre, le sue linee fluide rappresentano uno degli apici del design automobilistico. Puoi chiedere di più? Personalmente riteniamo che questo sia il pezzo più affascinante tra tutti quelli raccolti a Villa d'Este 2022.

Tuttavia, considerando i puri vantaggi meccanici, dobbiamo riconoscere che forse la 710 SS è stata quella che ha preso la torta. Alla fine È un'auto creata da e per le corse.

Con un motore da 7,1 litri sovralimentato. Presentato qui, tra l'altro, sotto forma di un'unità del 1929 davvero spaventosa in un nero scrupoloso. Vederlo rotolare a tutta velocità su circuiti come Terramar o Montlhéry doveva essere uno spettacolo di prima classe. Rotolarlo, tra l'altro, doveva essere un faccia a faccia con la reale possibilità di commettere un errore fatale. In ogni caso, una vera erogazione massiccia di adrenalina.

LA FESTA DEI CINQUANT'ANNI

Quando Fellini ha presentato in anteprima La Dolce Vita nel 1960, non solo ha firmato uno dei migliori film della storia, ma anche il ritratto di un'Italia edonistica e decadente nel comportamento della sua borghesia. La cronaca di un mondo limitato a certe zone di Roma, Milano e Torino dove l'incuria del domani ha navigato sui fiumi di moneta formati dalla ripresa economica del dopoguerra. Certo, a questo punto del 500° secolo, menti pensanti dell'automobilismo di massa come Dante Giacosa avevano già messo la loro firma particolare nella storia con modelli come la FIAT XNUMX. Per fortuna.

Un veicolo che seduce per il suo eccellente adattamento alla realtà sociale del momento, democratizzando gli sport motoristici come farebbe la SEAT 600 in Spagna. oltre la fabbrica del Lingotto esisteva una complessa rete di artigiani di metallo incentrato sulla creazione di pezzi unici o, almeno, in piccole serie. Così quella classe dirigente degli anni Cinquanta scese in strada a bordo di macchine seducenti che erano il prodotto di quella Dolce Vita. Una nicchia di mercato in cui le auto da spiaggia basate sulla FIAT 500 sono apparse come esperimenti di estetica ibrida tra italiana e nordamericana.

In questo senso è davvero interessante la Lancia Aurelia B52 B Junior carrozzata da Ghia. Una delle uniche due unità realizzate, ritrovata a sorpresa lo scorso 2009 in un magazzino negli Stati Uniti. Per inciso, in uno stato deplorevole. Quindi da vedere in ottime condizioni in esposizione a Villa d'Este 2022 conferma il grande lavoro di restauro effettuato.

Certo, per quanto riguarda l'estetica originale, meglio non dare giudizi perché sappiamo che queste possono essere molto diverse a seconda che si ammiri lo sbalzo posteriore o anteriore.

Tuttavia, non è più certo e vero che ciò che qui si è arrivati ​​ad apprezzare è l'esclusività e l'eleganza? Bene, a volte questi devono avere un punto kitsch, per quanto discutibile possa essere. E parlando di cose discutibili. Parliamo della Chrysler-Boano Coupé del 1956. Un'auto nota a chi ha indagato sulla biografia di Gianni Agnelli. Anche se lui stesso si è preso molta cura di nascondere i suoi legami con lui. Non invano, lo diede al fratello Umberto poiché sì, era brutto vedere il leader della FIAT alla guida di una Chrysler per quanto fosse vestito dall'italiano Boano.

Inutile dire che si tratta di un pezzo unico. Uno di quelli in cui l'identità meccanica dell'alto di gamma nordamericano - tanta spinta dai bassi regimi per avere un margine di risposta anche guidando con calma - si unisce all'eleganza dello stile italiano. Ovviamente a Villa d'Este 2022 c'era anche spazio per creazioni con alcune stravaganze stravaganti nel loro design.

L'esempio migliore era rappresentato dal prototipo Bristol 404 del 1953 con la sua pinna posteriore che divideva in due la luna per scopi aerodinamici. Un'unità sperimentale che il presidente di quel marchio con interessi aeronautici utilizzò per un anno come mulo per diverse meccaniche. Insomma, una vera icona nella storia dei prototipi britannici.

SAGGI CHE DEFINISCONO UN'ERA

Seguendo il filo conduttore riferito ai prototipi proposti dal Bristol 404, a Villa d'Este si sono distinti diversi, tra i quali ne sceglieremo due. La prima è la Ferrari 365 P Berlinetta Speciale Tre Posti del 1966. Una scelta che non può sorprendere nessun lettore assiduo di questa rivista. Ebbene, proprio come nella città di Amance, che non è Piccola, si professavano una vera devozione a Faulkner, si sa che su questo lato della tastiera ce l'abbiamo di Aldo Brovarone. Uno dei migliori designer nella storia di Pininfarina. Responsabile della firma di molti di quei prototipi che hanno aperto la strada alla produzione in serie.

In questo senso, il suo contributo più celebre è la 206 GT Speciale su cui si è basata la successiva berlinetta Dino. Uno dei modelli che, insieme alla 365 P Berlinetta Speciale Tre Posti, definiscono al meglio i volumi muscolosi degli anni Sessanta. A dare testimonianza oltre al transito effettuato al motore centrale in auto sportive di alto rango. E questo per non parlare della cura dell'aerodinamica, del baricentro basso o dei bagliori dell'estetica americana futuristica su base di design europeo, qualcosa in cui Brovarone era un genio negli anni Sessanta. Anche, i Tre Posti montavano il posto di guida proprio al centro. Accompagnato da due posti che anni dopo avrebbero fatto la McLaren F1.

Insomma, un gioiello del motorsport sul quale dovremo fare un articolo tranquillo. A raccontare il ruolo chiave di Gianni Agnelli nella sua nascita, incoraggiato dall'istinto commerciale dell'importatore Ferrari negli Stati Uniti, Luigi Chinetti. Enzo Ferrari, in modo non sorprendente, ha sempre rifiutato di accettare questo design Brovarone. Cose di un uomo che di rado si lascia consigliare. Anche se, in quegli anni, fortunatamente accettò quanto disegnato da un giovane Mauro Forghieri.

Risse italiane a parte, a Villa d'Este 2022 abbiamo avuto l'opportunità di vedere uno dei migliori prototipi britannici di tutti i tempi. L'Aston Martin Bulldog del 1979. Un design che sintetizza molto bene tutto ciò che stava accadendo in quel momento. A dominare un passaggio verso la retta e il volume geometrico che Bertone vedeva arrivare benissimo. Tuttavia, nel caso del Bulldog l'obiettivo non era l'estetica ma le prestazioni. È stato realizzato per cercare di superare la barriera delle 200 miglia orarie di velocità massima. Dai, 321 miglia all'ora. Una velocità che si vede raramente in un modello che non è stato realizzato per il rettilineo della Mulsanne di Le Mans.

Ai suoi tempi non ci riuscì. Anche se ora è stato restaurato, avendo un nuovo appuntamento con il suo target per tutta l'estate. Vedremo cosa succede. Anche se per ora l'Aston Martin Bulldog con il suo telaio a trave centrale -Lotus style, Alpine style- ha vinto il trofeo a Villa d'Este 2022. La risoluzione di questo concorso, arrivando a un punto in cui potremmo lasciare l'articolo con questo logico punto di arrivo. Bisogna però ricordare che la Villa d'Este è stata possibile in questi anni grazie al fatto che se ne è occupata la BMW. Per questo vale la pena citare alcuni dei modelli del brand tedesco presenti in questa edizione 2022.

VILLA D'ESTE 2022, CHIUDE CON UN'AMPIA GAMMA DI MODELLI BMW

Da una 507 a una M1 Procar passando per la 320 Gruppo 5 del team Jägermeister, BMW ha portato a Villa d'Este 2022 un'imponente panoplia di modelli storici. Tuttavia, come prima parlavamo della nostra predilezione per Aldo Brovarone, ora dobbiamo sottolineare il gusto per le piccole auto sportive a due cilindri. Qualcosa che forse qualche lettore della rivista saprà solo ricordando articoli come quello che abbiamo dedicato alla Toyota Sports 800. Quindi, la verità è che non ci sono dubbi sull'importanza della BMW 700 del 1959. Un piccolo veicolo che ha contribuito in maniera determinante a riequilibrare i conti precari della casa tedesca. Segnando la svolta per uscire dal pericolo reale di scomparire o essere assorbito da Daimler.

Inoltre, nel 1961 fu sviluppata la versione RS. Un modello sportivo intelligente per le corse in collina basato su un telaio tubolare ricoperto da pannelli di alluminio. Il suo peso è fissato a soli 600 chili. In breve, una vera implementazione di ciò "non darmi cavalli, togli peso da me". Una delle massime dell'ingegneria della concorrenza del XX secolo, con cui chiudiamo questa rassegna di ciò che è stata Villa d'Este 2022. Senza dubbio, uno dei migliori eventi per contemplare la crema della creazione automobilistica nel corso della storia.

Fotografie: Unai Ona

Cosa ne pensi?

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

52.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci