video-delorean-dmc12-madrid-0b
in

"Sono nato negli anni '80, ed è per questo che ho una DeLorean"

[dropcap] L [/ dropcap] o abbiamo visto spesso concentrazioni nel centro della città. È lui DeLorean DMC-12 Gustavo, forse una delle unità meglio conservate del macchina etica ideato dal "ragazzo d'oro" della General Motors degli anni 70. Parliamo di John Z. DeLorean, ingegnere e dirigente di successo, playboy, sognatore e, infine, delinquente.

Ma non anticipiamo gli eventi, andiamo per parti. Quando il nostro collaboratore Alejandro Palomo si è trovato faccia a faccia con questa vettura sportiva in acciaio inossidabile con porte ad ali di gabbiano, è stato chiaro che doveva essere registrata. e fai il video che puoi vedere nell'intestazione. Ci ha chiamato ed eravamo della stessa opinione, quindi ci siamo messi tutti al lavoro per mostrarvi un classico che non è solo prezioso per la sua apparizione stellare nella saga cinematografica "Ritorno al futuro".

E, come dicevamo poco fa, si tratta del auto etica. El DeLorean DMC-12 È il frutto dell'anticonformismo del suo creatore, John Z. DeLorean, che si è dimesso da vicepresidente della General Motors nel 1973, in gran parte a causa del libro di Ralph Nader "Non sicuro a qualsiasi velocità." In esso, l'autore criticava consapevolmente i bassi standard di sicurezza osservati dal colosso nordamericano nelle sue automobili.

video delorean dmc12 madrid
Il tempo ha dimostrato che l'industria nordamericana ha dovuto mettere le batterie (Foto: Alejandro Rubio)

John Z. DeLorean, sulla cresta dell'onda

Ma John era sempre stato il dirigente ribelle della compagnia, amante di numerose attrici e modelle che vivevano a Hollywood e dintorni, sposato più volte e completamente indifferente al codice di comportamento conservatore della compagnia per cui lavorava. E tutto ha funzionato come un incantesimo: Creatore del auto muscolare -la prima, la Pontiac GTO, è opera sua-, salvatore di Chevrolet e più giovane vicepresidente del colosso; la strada per la presidenza sembrava lastricata...

Quindi forse è stato superbo. Il fatto è che, come abbiamo detto, si è dimesso e ha proposto di creare su nuovo colosso automobilistico, il DeLorean Motor Company, che con il tempo era destinato ad entrare nell'Olimpo dei tradizionali Big Three. ma potrebbe John Z. DeLorean essere il nuovo Walter Chrysler? Una manciata di geni ci aveva provato prima, ma solo uno ci era riuscito.

Il primo piatto del menu DMC è stato il DMC-12 (1981-1983), un'auto sportiva ecologica e innovativa rispetto alle controparti americane, efficiente e dotata delle ultime novità in fatto di sicurezza. L'obiettivo era né più né meno che rivoluzionare il panorama automobilistico yankee, per il quale ha avuto la collaborazione di Giorgetto Giugiaro y Colin Chapman, tra gli altri…

video delorean dmc12 madrid
La cosiddetta macchina etica è costata la gara a DeLorean, e si dice che la vita di Chapman (Foto: Alejandro Rubio)

DeLorean DMC-12, prodotta all'inferno

Per risparmiare sui costi l'impianto di produzione è stato costruito nell'IRA Irlanda del Nord, dove il governo laburista britannico aveva un disperato bisogno di aumentare i livelli di occupazione per ridurre la tensione della furiosa guerra civile che infuriava nella regione. Pertanto, sono stati concessi grandi privilegi statali per portare avanti il ​​progetto.

La nuova avventura, già difficile da realizzare, è stata complicata dall'inesperienza di alcuni operatori entusiasti delic DeLorean DMC-12 ma a chi doveva essere insegnato da zero come costruirlo. Era quindi inevitabile che i difetti di fabbricazione della prima serie facessero guadagnare una cattiva reputazione alla nostra bella amica dell'acciaio inossidabile.

Le cose non andarono come previsto e il cambio di governo britannico peggiorò la situazione. il nuovo incoronato Margaret Thatcher non considerava più la Delorean Motor Company un buon investimento, quindi quando la Delorean Motor Company alla fine fallì nel 1982 non le diede alcun aiuto. Spinto dal debito, il ragazzo d'oro a cui ora le cose non andavano, cercava soldi anche sotto le pietre...

È andato troppo lontano e ha tentato la fortuna nel fiorente business della cocaina. Il 19 ottobre viene arrestato in un hotel di Los Angeles, chiudendo così la sua carriera in modo fulminante. (Se ti è piaciuto il video, leggi di più su questa storia cliccando qui oppure aspetta la prossima settimana e vedrai...)

*Video: Alessandro Palomo, Kukfilm, La Scuderia
* Testo: Javier Romagosa

Cosa ne pensi?

scritto da Alessandro palomo

Essere milionario e comprare tutte le auto del mondo sembrava difficile, quindi diventare un giornalista automobilista e guidarle gratis sembrava più tangibile... Oltre che romantico. Il mio più grande trionfo è stato quello di potermi dedicare alle auto da molti punti di vista: giornalismo, organizzazione di eventi e formazione commerciale. Amo la mia vita lavorativa!

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

52.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.3kSeguaci