Cantante Nove Junior Blonde
in

Una bella bionda: Singer Junior

A noi spagnoli piacciono le macchine grandi. Su questo non ci sono dubbi, soprattutto nel mondo dei classici. Più grande è meglio ci sembra, e sebbene questo non sia sempre vero, è già noto ... «Grande asino, cammina o non cammina».

Nel mondo dell'automobile "big" è solitamente sinonimo di "americano", e quest'ultimo termine potrebbe essere sostituito nel nostro paese da "haiga" senza alcun problema nella maggior parte dei casi. E quali sono gli haigas più rappresentativi? Quelle degli anni '40 e '50 le cui versioni più lussuose, a parte le versioni cabriolet, erano le "Woodies" caratteristiche per le fiancate in legno bicolore.

Nel nostro Paese erano soprannominate "bionde" per via dei colori chiari del legno ed erano di gran moda tra il pubblico. Ben presto i bodybuilder iniziarono a imitarli a mano su qualsiasi tipo di telaio, grande, piccolo, americano o europeo.

Cantante Nove Junior Blonde
Economiche da costruire e molto vistose, le "bionde" trionfarono negli anni '40

Tuttavia, questo fenomeno non è unicamente iberico. In altri paesi europei, in particolare Francia e Inghilterra, durante gli anni '40 e '50 molte auto prebelliche furono ricaricate come bionde per aumentare la loro capacità di carico.

E non sempre per la questione estetica di imitare le grandi auto americane, ma tante volte perché in quegli anni del dopoguerra I metalli erano scarsi e dovevano essere sostituiti da altri materiali, che normalmente erano legni di diverso tipo. E se gli piacevano anche esteticamente, allora meglio che meglio.

Questo è stato probabilmente il motivo per cui il cantante descritto in questo articolo è stato trasformato in un'affascinante bionda; la necessità di trasformare un vecchio veicolo - magari una decappottabile - in un piccolo furgone per le consegne.

Cantante Nove Junior Blonde
Trasformato in un piccolo furgone per le consegne, questo Singer potrebbe stare in qualsiasi angolo

La cosa buona di questo esemplare è che la modifica si è limitata alla carrozzeria, lasciando intatte anche le ali posteriori originali. Fino al siluro, tutto continua come ha lasciato la fabbrica nel 1928, e il corpo in legno ha linee così riuscite e "rispettose" che non stonano affatto ... Inoltre, forse questo veicolo sii più sorprendente e bello così rispetto alla sua carrozzeria originale.

Tanto bella quanto piccola

Come suggerisce il nome, il Singer Junior era il più piccolo della gamma dagli anni '20 agli anni '30. Quando fu presentato al Motor Show di Londra nell'ottobre 1926, stava colmando un vuoto di due anni da quando il vecchio Singer 10 era stato cessato produzione nel 1924.

Tutte queste auto inglesi di piccola cilindrata seguirono la scia della Austin Seven di grande successo presentata nel 1922, che stava facendo grandi vendite.

Cantante Nove Junior Blonde
Il motore ad albero a camme in testa, una modernità ai suoi tempi

Dopo questo, molti dei grandi marchi britannici furono inviati a produrre piccole utenze di cilindrata inferiore al litro; Morris ha presentato la sua piccola Model 8 o Minor, la Triumph la sua Super Seven, ecc.

La scommessa del cantante su questo nuovo segmento all'inizio sembrava sconcertanteMentre la stampa ha elogiato l'adozione di un "moderno" motore ad albero a camme in testa - mentre la stragrande maggioranza dei produttori ha continuato a optare per valvole laterali arcaiche e testate piatte - il resto del veicolo era piuttosto semplice.

I primi Junior avevano solo i freni sulle ruote posteriori, la frizione utilizzava il primitivo sistema a cono rovesciato, la nichelatura era stata completamente rimossa - comprese quelle sull'alloggiamento del radiatore - e le ruote erano a piatto piatto.

Cantante Nove Junior Blonde
Le prestazioni di questi piccoli cantanti erano notevoli ai loro tempi

Inoltre, inizialmente nel catalogo Junior veniva offerta solo una carrozzeria: una tourer decappottabile a quattro posti e tre porte, che veniva servita solo in blu con alette nere.

Al contrario, il piccolo propulsore a 4 cilindri in linea da 848 cc (56x86 mm) si è dimostrato molto affidabile e allegro nelle prestazioni.

I suoi prossimi 20 CV a 3.250 giri insieme alla leggerezza del set permettevano di raggiungere una velocità massima di 56 miglia orarie (!) Secondo le cronache dell'epoca, cifra non trascurabile per un utilitario dell'epoca, e dobbiamo anche dire che un po' esagerato.

Cantante Nove Junior Blonde
I cerchi a raggi furono una delle novità introdotte nel 1928 sulla Junior

Non sappiamo se ai suoi tempi uno di questi piccoli dispositivi potesse raggiungere quasi i 100 km/h in un tratto rettilineo e pianeggiante, ma la verità è che le moto sono state il germe di tutte le auto Singer dei successivi tre decenni, compresi i modelli di successo "Nine Le Mans" che negli anni '30 mieteva successi nella sua categoria nella già citata corsa francese con la sua meccanica portata a 972 cc e dotata di doppia carburazione.

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Verso la celebrità

Quindi, date le ragionevoli prestazioni del motore, Gli ingegneri Singer furono presto pronti per migliorare la base dell'originale Junior e per il 1928 –anno di produzione del nostro protagonista- furono introdotti miglioramenti come i freni sulle quattro ruote, gli ammortizzatori idraulici e una frizione monodisco collegata al cambio a tre velocità più retromarcia.

E non solo è stato migliorato nella meccanica; Dal punto di vista estetico, è stata introdotta la nichelatura in dettagli come la calandra o le cornici dei fari, i cerchi piatti sono stati sostituiti da quelli più leggeri -e vistosi- con raggi a filo e il catalogo prevedeva già una normale gamma di carrozzeria aperta e chiusa di varie tipi e vari colori.

[/ Su_note]

Cantante Nove Junior Blonde
Il colore rosso scuro di successo era una delle opzioni del catalogo originale

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Con queste caratteristiche e un prezzo adeguato di 135 Sterline, le piccole Singers furono un successo, e quando la loro produzione terminò nel 1932, erano state prodotte circa 40.000 unità delle diverse versioni.

Con tali cifre la casa Singer è stata posizionata come la terza più grande in Inghilterra, solo dietro gli immancabili Austin e Morris (in quest'ordine).

Anche in Spagna il marchio Singer occupava una buona posizione di popolarità alla fine degli anni 20. Non tanto quanto i suoi diretti concorrenti di origine britannica, né tanto diffuso quanto Ford, Fiat e Citroën, ma non era raro trovare imbattersi in un cantante sulle nostre strade nel periodo pre-guerra civile.

[/ Su_note]

Cantante Nove Junior Blonde
L'interno è degno di un utilitarista: semplice e spartano

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

La società di concessione esclusiva per la Spagna alla fine del "decennio felice" era "The Spanish Trading Co. Ltd.", che aveva uffici a Barcellona (Plaza Letamendi Nº5) e Madrid (Calle Recoletos Nº12). Inoltre, c'era una mostra in via Muntaner Nº 78 di Barcellona dalla compagnia "Garaje Oliveras, Ibañez y Cía.", Che era anche dedicata ad altri marchi britannici.

[/ Su_note]

Il Rinascimento

Forse è stato in quello stabilimento in cui è stata venduta la Singer Junior di Jose Luis López, che nonostante corrisponda all'anno di produzione 1928 È immatricolata a Tarragona nel febbraio 1930.

Non sappiamo perché questo "gap" sia dovuto; Può essere che l'auto sia rimasta due anni in attesa di un acquirente in concessionaria, che sia stata reimmatricolata al momento dell'usato... o che a causa di quelle oscure vicissitudini del dopoguerra spagnolo, abbia ricevuto la documentazione di un altro veicolo dopo una ricerca bellicosa.

Cantante Nove Junior Blonde
Il telaio come è stato trovato, già con la vecchia carrozzeria in legno smontata

Fatto sta che poco o nulla sappiamo della lontana storia di questa unità, se non che l'attuale proprietario e restauratore l'ha trovata 22 anni fa nel cortile di un antiquario di un piccolo paese del nord.

Il Singer era invaso dai rovi e con il suo corpo biondo legno praticamente svanito per gli effetti degli elementi, ma gli elementi fondamentali erano ancora lì.

La parte anteriore ha mantenuto le pinne, il cofano e il siluro originali - dipinti in blu a pennello - e anche la meccanica era ragionevolmente completa e originale, il che ha incoraggiato Jose Luis a intraprendere il progetto.

Cantante Nove Junior Blonde
In questa foto i lavori erano già a buon punto, compresa la nuova carrozzeria.

La maggior parte dei lavori di ricostruzione, a parte il lavoro di pittura che è stato svolto nei laboratori RM Clásicos a Bilbao, è stato svolto dallo stesso Jose Luis, un meccanico per molti anni.

Anche la bellissima carrozzeria in legno bicolore è stata rifatta nella sua stessa officina., oltre a un gran numero di boccole, bulloni, tappi e innumerevoli pezzi inutili o mancanti. Anche l'alloggiamento della scatola dello sterzo doveva essere saldato completamente incrinato.

Jose Luis ci racconta “l'odissea del carburatore”, avvenuta quando suo figlio ha accidentalmente gettato a terra il motore – già terminato di riparare – dal banco prova.

Cantante Nove Junior Blonde
Il piccolo carburatore Solex apparso in una fiera a Irún

A causa di questa caduta, il carburatore originale si è rotto ed è stato reso inservibile, quindi si è dovuto avviare una ricerca che si è diffusa in vari paesi... È stata addirittura perquisita in Australia! Alla fine, per caso, un francese è apparso in una fiera a Irún con uno di questi carburatori in un cassetto, che si poteva acquistare anche a un prezzo ragionevole.

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Lavoro eccellente

Il risultato del restauro è evidente: Un lavoro di qualità, praticamente perfetto, che ci avvicina molto a come dovrebbero essere questi passeggini quando escono dalla concessionaria. Hai anche cercato colori vintage guardando vecchi libri e pubblicità.

Tale è il livello di fedeltà del restauro che anche il blocco motore è stato dipinto nel tono blu grigiastro che sembrava originariamente. E il soggetto delle nostre foto non solo ha un buon aspetto estetico, ma possiamo attestare il buon funzionamento della sua meccanica.

[/ Su_note]

Cantante Nove Junior Blonde
Questo cantante partecipa spesso ai raduni nel nord della Spagna

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Tanto che il suo proprietario lo porta assiduamente fuori per assistere ai raduni, quindi non è raro vederlo in circolazione. Sotto l'aspetto dinamico, il funzionamento del motorino è piacevole e gira abbastanza bene.

Inoltre, il suo suono, ragionevolmente rauco, ci dà una certa sensazione sportiva che in questa unità è penalizzata dal peso del corpo in legno, sebbene anche così si possa il propulsore muove con gioia la biondina.

Lo sterzo è abbastanza diretto ei freni fanno abbastanza bene il loro lavoro, il che è aiutato dalla leggerezza del telaio, anche se non possiamo aspettarci miracoli se consideriamo le loro dimensioni e la mancanza di assistenza.

[/ Su_note]

Cantante Nove Junior Blonde
José Luis, l'architetto dell'opera

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Questo ha fatto sì che oggi molti Singer Junior –soprattutto in Inghilterra- abbiano perso le loro pesanti scocche originarie e ora stiano montando delle leggere carrozzerie “sportive” a due posti che, oltre ad essere molto vistose, permettono di godere di tutta la potenza della meccanica .

Ed è per questo che dovremmo essere grati - ancora una volta - che Jose Luis abbia restaurato questa unità com'era, senza cercare di trasformarla in una piccola auto come fanno oggi tanti fan. Ed è che questo hobby non vive solo di corse, ma la ricerca dell'originalità è un'altra parte fondamentale.

Grazie al suo impegno e alla sua tenacia, possiamo goderci questo prezioso veterano mentre percorreva le difficili strade spagnole dell'epoca. E sebbene non abbia nulla a che fare con il famoso marchio di macchine da cucire, possiamo dire che ora funziona con la regolarità di questi dispositivi.

[/ Su_note]

 

Continua Galleria fotografica…

Cosa ne pensi?

Francisco Carrion

scritto da Francisco Carrion

Mi chiamo Francisco Carrión e sono nato a Ciudad Real nel 1988, un luogo che all'inizio non era simile alle auto d'epoca. Per fortuna mio nonno, dedito al settore automobilistico, aveva amici che possedevano auto d'epoca e partecipava al raduno annuale che si teneva (e continua a tenersi) nella mia città natale... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci