in

Una bella stranezza di nome Ginetta

Il marchio Ginetta è piuttosto poco conosciuto, ed è quindi sorprendente che sia, insieme a Lotus, l'unico dei marchi figli del boom della vetroresina degli anni Sessanta sopravvissuto al primo decennio del XNUMX° secolo. Né TVR né Marcos ce l'hanno fatta, ma la piccola Ginetta ce l'ha fatta, che possiamo considerare senza esagerare come una Abarth inglese, tremendamente rispettato.

Considerando quanto piccole ed eleganti siano state tradizionalmente le creazioni dell'azienda, è anche strano che l'azienda sia stata fondata dai quattro fratelli Walkett nella contea rurale dell'Essex, con l'obiettivo di produrre macchine agricole. Il più giovane della covata, Ivor, decise in quel momento di avere un la nostra speciale a partire da un Wolsley Hornet anteguerra ed è stato lì, con il G1, che tutto è iniziato.

Purtroppo non ci sono foto di questa prima vettura sportiva, che è stata letteralmente distrutta contro un albero nel giardino di famiglia.

Non ci volle molto perché Ivor Walkett ne accendesse un altro. Nel 1957 era pronta la G2, che prendeva come riferimento le Lotus VI e VII e che, animata da un motore Ford, fu la prima opera dei fratelli su telaio tubolare. L'auto ha impressionato abbastanza fan da ricevere un centinaio di ordini, rendendoli, tutti in una volta, un marchio di auto.

Didascalia
La G2 è la macchina rossa che vedete sullo sfondo, con una certa somiglianza con la Lotus 7

La divisione dei compiti nella nuova Ginetta è stata effettuata nel modo seguente: l'attività e l'ambito commerciale erano nelle mani di Bob Walkett, mentre la produzione era una questione di Douglas e lo sviluppo di Trevers. Infine, il già citato Ivor si occuperebbe del lavoro di progettazione.

Vestendo la G2 in fibra di vetro, nacque la G3 - prodotta tra il 1959 e il 1961 - ma la vera sorpresa non sarebbe arrivata fino al 1961, quando la G4 abbagliò i partecipanti al London Racing Car Show. La verità è che, guardandola, non è molto difficile capire il perché.

L'auto ha posto le basi che d'ora in poi caratterizzeranno saldamente il marchio Essex: piccolezza, leggerezza, velocità e bellezza, senza alcun tipo di concessione al comfort. Le sue macchine sarebbero strumenti per vivere la guida pura su base quotidiana e per correre nei fine settimana sul circuito più vicino.

Il prezzo del G4 era fissato a 697 sterline, più o meno lo stesso di quello della sua unica rivale, la Lotus 7. Si sviluppava attorno a un telaio di tubi tondi, il suo motore era un Ford da 997 cc -quello che correva l'Anglia- , accoppiato ad un cambio della stessa provenienza e ad un assale posteriore BMC. Con un peso inferiore a 450 chili, l'auto volava e presto riscosse numerosi successi negli eventi sportivi del Regno Unito.

Didascalia
Ginetta G4: piccolezza, leggerezza, velocità e bellezza, senza alcun tipo di concessione al comfort

I miglioramenti sono stati rapidi e il motore da 1.5 litri della Ford Cortina è stato presto installato come opzione. La seconda serie ha comportato anche un cambio di aspetto, che ha cercato di definire ulteriormente le linee delle parti anteriore e posteriore della carrozzeria. Molto suggestiva, l'estetica della G4 è stata preservata attraverso successivi modelli Ginetta fino ai giorni nostri.

Con questi accessori il G4 S2 era tremendamente veloce; Più della Lotus Elan, che era solito battere in gara.

Nel 1964 furono realizzate tre versioni R speciali, che equipaggiavano niente di più e niente di meno che la meccanica cam doppia da Lotus ravvivato con una nuova sospensione posteriore indipendente. Tuttavia, i fratelli hanno omologato solo il motore originale nella FIA, motivo per cui solo le G4 pre-65 - l'anno in cui i tubi del telaio sono diventati squadrati - con un motore da 1.000 cc sono idonee per le competizioni da corsa FIA.

Vorrei che si fossero preoccupati un po' di più di questo aspetto. Nel video che vi proponiamo di seguito, potete vedere di cosa è capace
distruggere nei circuiti:

[su_youtube_advanced https = »yes» url = 'https: //youtube.com/watch? v = VaTzxCHgRO4 ′]

ginetta_03_g4
I G4 continuano ad avere successo nelle gare storiche a cui possono partecipare
Credito video: yahmann44, da Youtube

Un'altra variante interessante quanto curiosa dell'auto in questione era la G6. Sviluppato dall'allenatore tedesco Mantzel, era alimentato da un motore DKW a due tempi da 850 cc e pesava anche meno dell'auto originale. Ha avuto anche successo, ma sono state prodotte poche unità e tutte sono state vendute sul mercato tedesco.

Nel 1967 i fratelli Walkett volevano intraprendere nuovi progetti, quindi smisero silenziosamente di produrre il loro impegnativo G4. In sei anni, circa 550 copie avevano lasciato la catena di montaggio, anche se, a quanto pare, il numero esatto non è noto da soli. Nel 1981 avrebbero ricordato di nuovo il modello, per cercare di reintrodurre una versione un po' più grande nota come Serie 4 che, logicamente, non era più la stessa.

Infine, un decennio dopo avrebbero venduto l'azienda, mantenendo i diritti di produzione della loro gallina dalle uova d'oro e di altri modelli successivi. Ad oggi, i Walkett continuano a produrre il Dare G4 - "Dare", challenge, è il loro nuovo banner - animato da un meccanico Ford Zetec e con lo scopo di commercializzarlo principalmente nel Regno Unito e in Giappone.

Ginetta G10: con il suo abito inglese e il suo cuore V8 era l'ibrida della casa
Ginetta G10: con il suo abito inglese e il suo cuore Yankee V8, era l'ibrida della casa

 

Continua Pagina 2…

Cosa ne pensi?

Martin Horrocks

scritto da Martin Horrocks

Mi chiamo Martin Horrocks. Da quando sono venuto a vivere a Madrid nel 2006, godermi la mia passione con il resto dei tifosi è ciò che mi ha aiutato a integrarmi nella società spagnola. Giorno per giorno guido una Fiat Panda 100cv, un'auto emozionante e divertente, anche se ho anche un... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci