in

Mi piaceMi piace Ma cosa??Ma cosa??

Un effimero top di gamma, la SEAT 132 2000 del 1978

Nel 1973 la SEAT presentò la 132 in sostituzione della vecchia 1500. Tuttavia, i travagliati anni Settanta ei loro problemi di recessione economica, espansione della concorrenza e la brusca fine con la FIAT nel 1980 resero le cose difficili per il modello. A maggior ragione se ci concentriamo sulla versione del 2000 apparsa nel 1978. La più lussuosa e performante delle tre serie vissuta da questa berlina di segmento D che oggi è un classico più interessante da utilizzare in maniera ricorrente.

Con l'approvazione dei Piani di stabilizzazione del 1959, il governo franchista ha preso una svolta molto importante nelle sue politiche economiche. Elaborato da una nuova generazione di tecnocrati ignari delle esperienze di gettarsi a terra durante la Guerra Civile, qui è stato delineato quale sarebbe stata la modernizzazione industriale responsabile del collegamento della Spagna con l'Occidente capitalista. Così, nel corso degli anni Sessanta, gli investimenti esteri e l'espansione dei consumi hanno prodotto la nascita dei nuovi ceti medi. Un processo con un chiaro impatto demografico, accentuando ancor di più le differenze già accertate tra concentrazioni urbane e campi disabitati.

In questo modo, l'industria spagnola è partita verso la perequazione con i paesi della Comunità Economica Europea. Qualcosa che ha risolto il paradosso della fine del franchismo. Impossibile conciliare per molto tempo alcune finanze che guardavano con decisione al mondo liberale mentre il sistema politico continuava ad aggrapparsi a principi dittatoriali stabiliti negli anni Trenta. A questo punto, la società spagnola ha finito per far esplodere il guscio rigido della dittatura nel processo noto come Transizione Democratica. Un'epoca in cui tutto avrebbe potuto essere dipinto alla grande per SEAT, potendo beneficiare del maggior potere d'acquisto della popolazione protetta dall'ombrello tecnologico della FIAT

Tuttavia, così come le sorprese politiche si sono verificate durante gli anni Settanta, anche la storia della SEAT stessa ha preso svolte inaspettate. Tanto per cominciare, sebbene lo smembramento del franchismo abbia portato nuovi venti, le prospettive economiche erano certamente cupe a causa della crisi petrolifera del 1973. Tanto che ha colpito anche i modelli di fascia alta. Dominato in Spagna dal SEDE 1500 fino alla chiusura della sua produzione nel 1972. Così, quando l'anno successivo la SEAT 132 venne presentata come sostituta della già classica berlina, non ebbe un risveglio facile. Inoltre, anche senza contare la contrazione economica che i Patti di Moncloa hanno imposto e indotto tra le forze politiche maggioritarie, la nuova SEAT 132 ha affrontato una sfida sconosciuta alla vecchia 1500. La concorrenza.

SEAT 132 2000, UN COMPLESSO RISVEGLIO

Mentre i giovani europei cercavano la sabbia delle spiagge sotto i ciottoli di Parigi o di Praga, i sei membri fondatori della Comunità Economica Europea firmarono in quello stesso 1968 la libertà di scambio tra di loro. Per di qua, Le berline francesi hanno dovuto imparare a vivere alla pari con quelle tedesche. Tuttavia, in Spagna la SEAT 1500 ha regnato senza problemi all'interno del segmento più lussuoso, beneficiando delle tariffe imposte su qualsiasi veicolo importato.

Infatti, al di là delle Dodge Darts prodotte a Villaverde da Barreiros, la 1500 non aveva nulla di cui preoccuparsi. Inoltre, quando nel 1971 apparve la Dodge 3700 GT - a piombo in movimento e di ottima qualità per l'epoca - la SEAT aveva solo pochi mesi a disposizione nelle concessionarie. In sintesi, quando apparve nell'aprile 1973, la SEAT 132 dovette affrontare una competizione plurale che includeva la Chrysler 180, la Citroën CX e la Renault 12 assemblate alla FASA di Valladolid. Una scena tra le più feroci. A maggior ragione se teniamo conto che anche le varianti meglio equipaggiate della SEAT 131 rappresentavano un rivale all'interno della gamma stessa.

I modelli della prima serie non avevano ancora le applicazioni in plastica che avevano la terza serie, a cui appartiene la 124 2000 del 1978.

Inoltre, come se tutto ciò non bastasse, mancavano pochissimi anni alla fine del rapporto tra Seat e FIAT da parte di quest'ultima. Nello specifico, era il 1980. Lo stato doveva andare a sostenere il produttore, responsabile della generazione di oltre 30.000 posti di lavoro. È così che va, quando nel 1978 apparve la versione più performante della SEAT 132, lo fece per avere una vita brevissima. Appena due anni. Ed è stato un peccato. Dal momento che la SEAT 132 2000 aveva tutte le ragioni e gli incanti necessari per il pubblico nazionale. Soprattutto chi cercava una berlina comoda e dotata in termini di comfort.

LO STESSO MOTORE DELLA LANCIA HPE

All'inizio degli anni 'XNUMX lo stabilimento Landaben in Navarra risente delle poche vendite registrate da AUTHI. Soffocato nella loro Morris, Mini e MG su licenza della British Motor Holdings. Per questo motivo, i piani relativi alla creazione di un nuovo stabilimento SEAT a Saragozza sono stati interrotti. Lo stabilimento di Navarra doveva essere salvato. Così lo stato ha condizionato la produzione dei modelli SEAT a Landaben dal 1976. Nello specifico, gran parte delle unità 124. Pur grazie agli accordi con la FIAT, Navarra era uno dei luoghi dove venivano prodotti anche i modelli Lancia. Prima la Beta Coupé, aggiunta nel 1978 l'interessante HPE con carrozzeria Shooting Break.

Un modello a cui è stato applicato un motore quattro cilindri in linea da 1.919 cc per produrre 109 CV. Evitando così alcune aliquote che tasserebbero costose altre meccaniche con più potenza e cilindrata. La cosa curiosa, però, è che tra tutto questo gioco di connessioni e sviste che è la storia della FIAT e delle sue controllate, la SEAT 132 2000 montava lo stesso motore. A questo punto, c'è un chiaro collegamento tra la Landaben HPE e la versione più comoda e performante della SEAT 132 a tre volumi. Ovviamente, rappresentano concetti di auto completamente diversi. Infatti la SEAT 132 2000 acquisì nei suoi soli due anni di vita - la rottura con la FIAT nel 1980 sconvolse tutto nella gamma della casa spagnola - una certa notorietà di modello estremamente confortevole.

Essendo la prima SEAT a montare di serie aria condizionata e alzacristalli elettrici. Se a ciò aggiungessimo tutte le integrazioni estetiche che aveva la 132 2000 -grazie alle modifiche che aveva ricevuto nell'ambito della terza serie del modello- si ebbe come risultato un'interessante berlina di segmento D. Tutto questo basato su una sospensione anteriore con barra stabilizzatrice e posteriore con asse rigido. Tuttavia, l'ambiente turbolento vissuto dalla SEAT 132 2000 ha fatto sì che fosse sul mercato solo per due anni. Per questo oggi è un classico più raro di quanto si possa pensare. Se ne vuoi uno, devi stare attento.

Immagini: SEDILE

Cosa ne pensi?

foto dell'avatar

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

56.5kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci