in ,

Il futuro dei nostri classici

L'inizio di questo nuova era de La Escudería Coincide con l'inizio dell'esercizio 2013 che si preannuncia difficile, non solo per la situazione economica, politica e sociale, ma anche per le iniziative legislative che regolano l'importante settore in forte sviluppo intorno ai veicoli storici. Alla luce di questi, è possibile che ci preoccupiamo legittimamente del futuro dei nostri classici e di tutta l'immensa attività generata intorno ad essi.

L'Unione europea si prepara ad adottare una normativa che rappresenta una seria minaccia per la sopravvivenza delle auto d'epoca.

Dovremmo fare una sezione puramente terminologica poiché la nozione di auto d'epoca, sebbene sia la più utilizzata in ambito colloquiale e giornalistico, non è giuridicamente definita. Nessun legislatore, infatti, in nessun paese del mondo ha osato definire ciò che sarebbe indefinibile, almeno senza provocare infinite polemiche. Come definire o estrarre il termine "classico" da quelle che in realtà sono auto vecchie, vecchie, obsolete, antenate e precursori della tecnica e della meccanica attuali, reduci di tutte le competizioni sportive e sociali?

Una bellissima 600 . argentina
Un veterano dei 600 argentini

Cosa è classico e cosa non lo è?

Il problema più grave nell'introdurre la nozione di classico tra le auto di una certa età è che in essa interverrebbero nozioni e considerazioni soggettive, che varierebbero a seconda dei diversi punti di vista dei protagonisti coinvolti nell'elaborazione della normativa applicabile. Come distinguere una vecchia auto da una vecchia auto? Quando è una vecchia macchina: quando sono 50, 70, 90? Quando ha una vecchia macchina: quando ha 8, 5 o 3 anni? Ci sono auto molto ben conservate che sono come nuove 40 anni dopo la loro prima immatricolazione. Tuttavia, ci sono auto scassate che dopo 2 anni sono da buttare.

La cura del proprietario influisce quindi sul fatto che la sua auto diventi o meno un classico? Può una Seat 600 del 1969 ben tenuta essere un'auto d'epoca, mentre una Bugatti 57 del 1936 in condizioni disastrose, no? È naturalmente un esempio per evidenziare la difficoltà di stabilire criteri accettati da tutti e raggiungere un consenso sulla nozione di "classico".

La nozione di "classico" dovrebbe essere riservata alle auto che hanno rappresentato un'innovazione nella tecnica e nel design del loro tempo? Quindi una Citroën 2CV può essere considerata classica rispetto a una Buick dello stesso periodo? Il motore boxer 2 cilindri raffreddato ad aria della 2CV giustifica la consacrazione della meccanica classica rispetto alla meccanica più convenzionale e poco innovativa della Buick? Dove si collocherebbe, allora, lo sforzo progettuale nella carrozzeria, negli interni, nell'eleganza e nel comfort della Buick rispetto alla costruzione rudimentale e all'assemblaggio delle fragili parti in lamiera della 2CV?

Una Bugatti Type 57 SC Atalante ben tenuta
Una Bugatti Type 57 SC Atalante ben tenuta

La nozione di "classico" dovrebbe essere riservata a veicoli di produzione limitata e di manifattura quasi artigianale, come la Pegaso Z-102, in contrapposizione a veicoli prodotti in grande serie con procedure prettamente industriali o robotizzate, come le attuali auto di serie? Un veicolo prodotto in serie potrebbe mai diventare un classico? Un'auto d'epoca è definita dal suo prezzo elevato rispetto a quelle che non sarebbero mai classiche perché troppo economiche?

Come si vede, la casistica sarebbe immensa e non arriveremmo mai ad estrarre criteri specifici inerenti ad un'auto d'epoca per differenziarla da quella che non lo era.

Definizioni legali

Per risolvere il problema, le leggi ei regolamenti di praticamente tutti i paesi del mondo in cui esiste un tale concetto o tali categorie di veicoli, si concentrano su una considerazione puramente cronologica o temporale, che riguarda solo ed esclusivamente lo scorrere del tempo. Allo stesso tempo, si evita volontariamente e deliberatamente il riferimento a qualsiasi termine che implichi la nozione di "classico" e al suo posto si stabilisce la nozione di veicolo storico, molto meno conflittuale e che presenta anche un'evidente semplicità di applicazione.

Il veicolo storico è uno che ha almeno 30 anni.

Citröen 2 CV: Come sempre, ai piedi del canyon
Citröen 2 CV: Come sempre, ai piedi del canyon

La polemica è finita: in modo colloquiale o giornalistico si possono usare i termini più disparati, ma per quanto riguarda la legalità non si deve parlare di auto d'epoca, d'epoca o d'epoca, bensì di ciò che ci riguarda direttamente dal regolamento applicabile dobbiamo parlare di veicoli storici.

La prima organizzazione internazionale ad utilizzare criteri puramente oggettivi e ad introdurre terminologia di riferimento è stata la FIVA, o "Fédération Internationale des Véhicules Anciens", fondata nel 1966, terminologia che è stata seguita da normative, per quanto ci riguarda principalmente e direttamente, dai paesi dell'Unione Europea.

Il Codice Tecnico Internazionale FIVA stabilisce nel suo primo articolo la nozione di veicolo storico, nonché i requisiti necessari per conseguire tale corrispettivo, come segue (per chi lo ritenesse necessario, forniamo una semplice traduzione di cortesia dell'originale francese):

[su_quote] «- a véhicule routier à moteur,
- qui est âgé d'au moins 30 anni,
- chi è conservato e ospitato in uno statuto storicamente corretto,
- chi è il paese usato comme moyen de transport quotidien,
- et qui, conseguentemente, fait partie de notre patrimoine tecnica et culturel».
______________________________

(Traduzione libera del Regolamento FIVA):
- autoveicolo per uso su strade pubbliche,
- chi ha almeno 30 anni,
- che sia conservato e mantenuto in uno stato storicamente adeguato,
- che non viene utilizzato come mezzo di trasporto giornaliero,
- e che, quindi, fa parte del nostro patrimonio tecnico e culturale».

[/ su_quote]

La nozione di antichità, "almeno 30 anni" è decisiva, ma si considerano anche altri requisiti, come la conservazione in uno "stato storicamente adeguato" e che il veicolo "non sia utilizzato come mezzo di trasporto quotidiano".

Volkswagen Corrado, è un classico?
Volkswagen Corrado, è un classico?

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

In Spagna

Per quanto ci riguarda, il Regolamento Generale della Strada per l'applicazione del Codice della Strada e, in particolare, il Regio Decreto 1247/1995 del 14 luglio, che approva il Regolamento Veicoli Storici, stabilisce all'articolo 1 che "quelli che hanno almeno 25 anni" possono essere veicoli storici., abbassando di cinque anni il requisito generale della FIVA. In altre parole, avremo veicoli storici in Spagna che non potranno essere riconosciuti a livello internazionale fino a cinque anni dopo.

Il terzo presupposto dello stesso articolo 1 apre le porte ai "cosiddetti veicoli da collezione" con la considerazione di "una circostanza speciale molto rilevante" che potrebbe essere controversa poiché si presta a numerose valutazioni soggettive.

Senza che sia necessario entrare in tutti i dettagli e considerazioni del Regolamento spagnolo sui veicoli storici, per il presente scopo faremo riferimento in modo generale alla nozione di veicoli storici, il cui requisito principale per raggiungere tale considerazione è il passare del tempo, 30 o 25 anni. Per inquadrare l'attività in un contesto internazionale, si considererà che un veicolo storico con carta d'identità FIVA ha almeno 30 anni.

[/ Su_note]

Artigiano: Pegaso Z-102
Artigiano: Pegaso Z-102

La discutibile iniziativa europea

Cosa prevede la normativa dell'Unione Europea e perché rappresenta una minaccia per i veicoli storici?

Per il momento, nonostante l'ottimismo britannico di seguito descritto, ci troviamo di fronte ad una "proposta di Regolamento" (e non di Direttiva) del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla revisione tecnica periodica degli autoveicoli, che abolirà l'attuale direttiva 2009/40/CE.

Le novità più gravi previste dal Regolamento sono le seguenti:

[citazione]

- La direttiva sul controllo tecnico non si applicherebbe ai "veicoli di interesse storico".
- Gli Stati membri possono introdurre requisiti nazionali specifici relativi all'ispezione tecnica dei veicoli storici immatricolati nel loro territorio.

Il Regolamento definisce "veicolo di interesse storico" quel veicolo che:

- è stato fabbricato almeno 30 anni fa;
- è stata manutenuta utilizzando ricambi che riproducono i componenti storici del veicolo;
- non ha subito alcuna modifica nelle caratteristiche tecniche dei suoi principali componenti, quali motore, freni, sterzo o sospensioni;
- il suo aspetto non è cambiato.

[/ su_quote]

Motore V8 Meteor del '49, forse modificato
Motore V8 Meteor del '49, forse modificato

Cioè, l'entrata in vigore del regolamento metterebbe automaticamente fuori circolazione quei veicoli che utilizzano parti che hanno modificato il motore, i freni, lo sterzo o le sospensioni. Alcuni ammortizzatori moderni installati in un'auto storica, nonostante ne aumentino la sicurezza e ne migliorino il comportamento, la renderebbero fuorilegge. La sostituzione dei carburatori originali metterebbe fuori legge i motori così modificati, i freni a disco al posto dei tamburi originali meriterebbero la maggior pena di esclusione. E così via.

Per quanto riguarda la modifica dell'aspetto esterno con elementi di carrozzeria rigenerati, sostituzione di scocche chiuse con cabriolet, parabrezza, sedili (non è chiaro se l'aspetto influisca anche sull'interno, ma presumibilmente sì), lo lascia fuori circolazione ai veicoli che sono stati modificati in questo modo.

Per far fronte alla minaccia dell'Unione Europea, il paese più attivo con la più lunga tradizione nella conservazione dei veicoli storici e di tutte le attività che si svolgono intorno ad essi, La Gran Bretagna si è nuovamente mobilitata per evitare che la normativa comunitaria abbia effetti negativi sul proprio patrimonio nazionale. Così, il 14 dicembre 2012, il ministro dei trasporti britannico, Stephen Hammond, ha incontrato i membri del gruppo parlamentare per i veicoli storici per assicurarli che il governo britannico adotterà misure di interpretazione protezionistica globale per i veicoli storici nel caso in cui la legislazione dell'Unione europea entrasse in vigore.

Nel Regno Unito sono sempre pronti a difendere il veicolo storico
Nel Regno Unito sono sempre pronti a difendere il veicolo storico

I britannici si congratulano perché ritengono che la normativa, inizialmente prevista sotto forma di regolamento, sia stata degradata a direttiva, che consente agli Stati membri di interpretare e applicare la normativa secondo un quadro generale e non alla lettera. Per chi non ha familiarità con la terminologia comunitaria, un Regolamento dell'Unione Europea è una legge direttamente applicabile in tutti gli Stati Membri, senza possibilità di modifica, mentre una Direttiva è un mandato agli Stati Membri di armonizzare la propria legislazione nazionale a quanto stabilito nella direttiva. In altre parole, il Regolamento è unico per tutti gli Stati membri, mentre la Direttiva favorisce l'applicazione disparata, seppure in un quadro vincolante, della normativa europea. La direttiva lascia agli Stati membri molta più libertà d'azione nell'applicazione del diritto comunitario rispetto al regolamento.

[su_spoiler title = 'Crediti fotografici' show = 'vero']

Immagine principale | MPD01605
Resto delle immagini | Diego3336, exfordy, pedrosimoes7, Rowan Harrison, dave_7, pilaumanoide

[/ Su_spoiler]

Cosa ne pensi?

Mario Laguna

scritto da Mario Laguna

Mario Laguna, autore del libro "The Pegaso Adventure", studioso e osservatore della storia dell'automobilismo, dei marchi e dei personaggi. Frequentatore assiduo di competizioni automobilistiche, di categorie attuali o storiche, concorsi internazionali di eleganza, conferenziere... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci