trobada microcotx 2015
in

Trobada de Microcoches 2015, per mangiarli

Intorno a Manresa, capoluogo della regione barcellonese di Bages, la 6° edizione del Manresa Microcar Trobada. 85 esemplari hanno partecipato a questo incontro internazionale, alcuni dei quali provenienti da Austria, Germania e Paesi Bassi.

A poco a poco, sabato mattina diversi passeggini sono arrivati ​​al centrale Paseo de Pere III. C'erano quattro ruote, ma anche tricicli a una ruota posteriore e la Bond Minicar, che presentava la loro unica ruota anteriore.

I Autonacional Biscuter, Con 23 esemplari del loro modello Zapatilla più due furgoni Rubia, erano la maggioranza dei veicoli presenti. Al contrario, uno dei pochi Inter 175, del francese Gilles Deloge e appena terminato di restaurare.

concentrazione microcars classic manresa
In salita. Con il suo triciclo Bond MK-F del 1961, il francese Jean Delclos partecipò in compagnia di suo nipote

Nel frattempo, il pubblico non ha potuto nascondere i loro volti sorpresi. Ed è che ci sono poche occasioni per contemplare auto così varie e stili diversi. Per tutta la mattinata, i partecipanti hanno raccolto la documentazione nella tenda del Classico Motor Club del Bages, l'ente che organizza questo incontro dal 1987.

1.300 chilometri per partecipare al Trobada

I motori si sono avviati alle 12,30. Era ora di uscire in roulotte verso la vicina città di Sant Joan de Vilatorrada, su un percorso di 4 km. Il breve viaggio è servito a contemplare il gruppo in movimento ea cielo aperto. E ascolta il suono diverso della sua meccanica, interamente da uno o due cilindri.

Tra i partecipanti più lontani, quello di maggior merito fu Ralf Bosser. Ha lasciato Stoccarda al volante del suo furgone Glas Goggomobil 1959 e percorse i quasi 1.300 km fino a Manresa. Allo stesso modo, il gruppo arrivato da Vienna, la capitale dell'Austria, doveva essere applaudito. Nonostante abbiano caricato i loro passeggini sui rimorchi, gli oltre 1.800 km solo andata e altrettanti ritorno sono degni di lode.

concentrazione microcars classic manresa
Bravo per Ralf Bosser. Al volante del suo furgone Goggomobil delle poste tedesche, ha guidato da Stoccarda

Nel pomeriggio e dopo pranzo è arrivato il momento del rientro a Manresa, dove si sarebbe svolto il Concorso d'Eleganza sul Paseo Pere III. Una ad una, le squadre partecipanti hanno dovuto passare sul tappeto rosso ed essere esaminate dalla Giuria.

Allo stesso modo, c'è stato anche un voto da parte delle persone che lo hanno voluto. E in esso, è stato scelto come il più attraente la Heinkel Kabine grigia del 1957, con cui il signor Gerard Vingerhoed e sua moglie erano arrivati ​​dall'Olanda.

A parte il concorso stesso, in quell'atto fu impressionante lo stupore del pubblico davanti a veicoli così insoliti. Non sorprende che alcuni fossero venuti con una macchina fotografica per ritrarre quello spettacolo. Tanti anche quelli che hanno preso il cellulare e sono riusciti a conservare il ricordo di quel pomeriggio.

[su_note note_color = »# e9e9e9 ″]

Microconcorso Eleganza

Come nelle precedenti edizioni, il Concorso di eleganza ha riunito un vasto pubblico, i membri della giuria sono Josep Mª Companys - presidente della FEVA- e Agustí Marin, bibliotecario del Classic Motor Club de Bages.

Più che indossare abiti realizzati da prestigiosi couturier, il problema consisteva nel sapersi improvvisare e cercare gli accessori giusti per il tipo di veicolo, prima di posare sul red carpet. La famiglia Lacastaignerate ha infatti vinto il Concorso d'Eleganza grazie ai suoi capi e accessori da spiaggia, secondo la tua Vespa 400 celeste, immatricolata nel 1960. [/ su_note]

[su_note note_color = »# e9e9e9 ″]

Successo anche per David Serge e compagni che hanno adornato di fiori la loro cabriolet Autobianchi del 1965. Il podio è stato completato da Sara Nafarrate di Logroño, in compagnia di Pilar Vergara e suo nipote Marcos Luquin, tutti e tre in una Biscuter Zapatilla del 1956 e con indosso alcuni cappelli accattivanti.

Inoltre, la Giuria ha assegnato altri dodici premi, che hanno tenuto conto del livello di restauro, conservazione ed età più lunga. C'erano anche trofei per i partecipanti più lontani, così come per coloro che erano stati danneggiati dalla sfortuna. [/ Su_note]

trobada microcotx 2015
Tra arrivo e ritorno, 3.600 km. Trainato da Vienna, Steyr-Puch 500 del 1962 e NSU Sport Prinz del 1965

Strade svincolate, ma difficili

Di nuovo ad alzarsi presto la domenica mattina, perché alle 8,30 i passeggini si sarebbero ritrovati sul Paseo Pere III. Una colazione veloce e alle 9 avrebbero preso l'uscita per Cardona. Si trattava di un'escursione di 36 km fino al castello del suddetto paese, attraverso strade secondarie poco trafficate.

Le difficoltà di alcuni biscotto, soprattutto sui pendii più ripidi, se la sono cavata con il cameratismo da altri partecipanti che hanno smesso di spingere. Inoltre, l'organizzazione disponeva di una squadra meccanica e di una gru.

Senza dubbio, questo percorso è la parte della Trobada che più emoziona i partecipanti. Che durante quel giorno hanno avuto l'opportunità di rotolare liberamente, senza la pressione dei grandi e in compagnia di amici che guidavano auto di dimensioni simili.

Già nei pressi di Cardona una stazione di servizio era il punto di sosta per molte squadre. E non solo per fare rifornimento, ma anche per rinfrescarsi in quella calda mattinata e monitorare le condizioni generali del passeggino. C'era ancora da salire sulla spianata accanto alle mura dell'antico castello e della moderna locanda. Lì, occupanti e veicoli si riposavano e riprendevano le forze, in un ambiente piacevole e strategico che godeva di una vista eccellente.

Per fortuna il percorso di ritorno a Santpedor è stato generalmente in discesa, anche se con qualche salita non troppo ripida che ha costretto ad inserire la seconda marcia. Ancora una volta, il terreno favorevole ha permesso di percorrere più velocemente questo tratto finale di altri 36 km. E anche assistere a qualche sorpasso, soprattutto di vetture bicilindriche a quattro tempi che hanno superato le monocilindriche 2T.

trobada microcotx 2015
Fermati a fare rifornimento. Clua de Llorenç Farré e Iso Isetta di Ángel Almacelles, per qualche minuto di riposo

All'arrivo a destinazione presso il ristorante Ramon, ha avuto luogo il pranzo di commiato, seguito dalla presentazione di trofei e souvenir. Tra i vincitori si segnalano la Vespa 400 di Thierry Lacastaignerate, primo trofeo per Elegance, e l'alicantina Pascual Navarro, al cui Biscuter è stato assegnato il trofeo per il miglior restauro.

Infine, un premio speciale per la perseveranza a Michel e Sylvie Humbert. Durante il viaggio a Manresa, il loro Velorex si è rotto nei Pirenei, sono tornati alla loro casa in Piccardia in treno e sono andati a La Trobada a bordo di un Bond Minicar.

E senza troppa perdita di tempo, per salutarci per altri due anni, che in tanti dovevano ancora intraprendere un lungo rientro.

trobada microcotx 2015
Premio Conservazione. La Bond Minicar di Jean-Marc Navarro del 1960 è tornata a Versailles con un meritato trofeo

[su_note note_color = »# e9e9e9 ″]

Trenta microcar in mostra

Dopo il pranzo di sabato a Sant Joan de Vilatorrada, i partecipanti si sono recati in un edificio vicino. In essa i soci della sezione Microcar del Classic Motor Club del Bages avevano allestito una mostra che mostrava trenta microcar diverse.

Il più antico era un Briggs & Stratton Flyer, prodotto negli Stati Uniti nel 1922, mentre gli altri erano veicoli degli anni 'XNUMX e 'XNUMX. Tra questi, ce n'erano diversi esemplari di cui sopravvivono appena più unità, come nel caso del Triver Rana del 1956, un pick-up PTV del 1960 o una berlina Kapi 350 del 1953. [/ su_note]


[su_note note_color = »# e9e9e9 ″]

Da segnalare la presenza di un nutrito gruppo di microcar industriali, composto da veicoli dei marchi Mymsa, FH, Iso e Autonacional. Senza dimenticare alcuni passeggini di origine straniera, delle ditte britanniche Bond e Berkeley, delle ditte tedesche Glas e Messerschmitt o della cecoslovacca Velorex.[/ Su_note]

Cosa ne pensi?

Ignacio Saenz

scritto da Ignacio Saenz

Sono Ignacio Sáenz de Cámara, sono nato a Vitoria più di mezzo secolo fa. Come capita a molti di voi, anch'io ho sofferto/goduto fin da giovane di quell'attrazione incontenibile verso qualsiasi autoveicolo. Crescendo, ho visto che mi piaceva anche leggere tutto quello che cadeva... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci