trasporto chevrolet vega
in

Chevy Vega, l'auto che viaggiava in verticale

Si tratta forse dell'unico veicolo nella storia dell'automobile progettato per essere trasportato in un modo tanto insolito quanto ingegnoso. La necessità di ridurre i costi nel trasferimento e di farlo su larga scala su distanze estremamente lunghe ha costretto General Motors a ideare un veicolo progettato per essere trasportato… in verticale!

Alla fine degli anni '60 la General Motors, Sotto l'influenza del suo vicepresidente John DeLorean, ha sviluppato un veicolo di dimensioni relativamente ridotte, molto versatile e progettato per tutti gli usi. Di conseguenza, nel 1970 fu lanciata la Chevrolet Vega, un'auto il cui successo di vendita deve risiedere nel suo prezzo. Ma il gigante americano si è imbattuto in un grosso ostacolo imprevisto: il suo trasferimento a lunga distanza.

La Vega è stata prodotta nello stabilimento di Lordstown, Ohio, e la sua distribuzione nelle aree vicine come Youngstown o Pittsburg è stata regolare. Tuttavia, trasferire le auto ai concessionari sulla costa del Pacifico erano parole grosse. Per fare un riferimento, la distanza che separa Lordstown da Los Angeles è di circa 2.400 miglia (quasi 3.900 chilometri), ed ecco il costo aggiuntivo del veicolo, cosa che potrebbe senza dubbio ostacolare la sua offerta a prezzo popolare e, con essa, il suo più che possibile best seller.

[su_youtube_advanced https = »sì» url = »https://youtu.be/f-w4g90EnTU» larghezza = »700 ″]

Ed è che il prezzo al dettaglio di una Vega nel 1970 era di circa $ 2.000. Caricare un vagone con 15 vagoni costa 4.800. Grazie alle ridotte dimensioni del modello, poteva essere trasportato 18 ma, anche così, il costo aggiuntivo di $ 300 per unità era insostenibile per un'auto del suo prezzo. Pertanto, solo se Chevrolet aumentasse il numero di veicoli trasportati in ogni viaggio, potrebbe affiancare l'impatto dell'elemento di trasporto.

[su_note note_color = »# e9e9e9 ″]

Le mani al lavoro

La General Motors e la Southern Pacific Railroad hanno immediatamente affrontato il problema e hanno ideato insieme una soluzione geniale, innovativa (e costosa). Invece di spostare i Vega nel modo consueto, cioè in orizzontale, verrebbero trasportati verticalmente in vagoni con un design specifico per questo scopo, il Vert-A-Pac.

In questo modo, nei 27 metri di lunghezza di ciascuno dei nuovi vagoni, si potevano muovere 30 veicoli invece di 18. Questo costrinse GM a modificare i progetti originali per sviluppare la prima vettura (e finora unica) concepita per essere trasportata , letteralmente, appeso in verticale, con il naso in giù e, per arricciare il riccio, con tutti i liquidi e fluidi all'interno in modo che fosse pienamente operativo appena scaricato quando giunto a destinazione.

[/ Su_note]

trasporto chevrolet vega
General Motors presenta alla stampa il nuovo sistema (Foto: GMC)

[su_note note_color = »# e9e9e9 ″]

Per evitare una fuoriuscita accidentale sul carro e poi in pista, gli ingegneri hanno progettato uno speciale deflettore per impedire all'olio di passare nel cilindro numero uno. Le batterie avevano tappi di riempimento sigillati, posti all'estremità posteriore della loro parte superiore per evitare fuoriuscite di acido. L'area interna del carburatore montava un tubo speciale che scaricava la benzina in una sorta di bottiglia di espansione del vapore (gas). Infine, la tanica del liquido lavacristallo è stata posizionata con un angolo di 45 gradi per evitare svuotamenti accidentali, sia in orizzontale che in verticale.

Come abbiamo detto, il Vega Era appeso con il naso in giù, fissata in basso a quattro bussole in acciaio fuso ammortizzate. A loro volta, cunei di plastica posizionati accanto al motore e alla trasmissione proteggevano questi elementi strutturali e gli assi delle ruote. Le quattro prese e i cunei sono stati rimossi quando hanno raggiunto la loro destinazione e i cunei non erano riutilizzabili. Per ridurre al minimo ogni rischio, i carri carichi hanno superato i test di incidente a bassa velocità, al fine di garantire che la preziosa merce non subisse alcun danno durante il trasporto, né per vibrazioni né in caso di collisione.

[/ Su_note]

Caricamento e scaricamento

Caricare le auto nei loro vagoni è stato facile. 15 veicoli venivano posti su uno dei lati del carro, ciascuno nel punto preciso del suo cancello corrispondente e, una volta ancorati e assicurati, un toro meccanico li sollevava a tre a tre fino a lasciarli in posizione verticale. Quando l'operazione di carico su un lato del carro è stata completata, l'operazione è stata ripetuta sull'altro lato. Una volta completata, l'auto conteneva 30 Vegas "parcheggiate" verticalmente, guardando in basso e con i tetti uno di fronte all'altro di pochi centimetri. E così iniziò il viaggio in ferrovia con almeno 300 veicoli distribuiti su 10 carri.

Dopo il loro lancio, e dopo un iniziale successo di vendite, la Vega ottenne presto una cattiva reputazione per essere inaffidabile, avendo problemi di ruggine sulla carrozzeria, sicurezza e una scarsa durata del motore. Nel corso degli anni, Chevrolet eliminò questi difetti inserendo nuovi motori (fino alla Cosworth) e trattamenti per la carrozzeria più specifici, ma il modello fu infine interrotto nel 1977.

Quando furono trasportate le ultime copie prodotte, i carri Vert-A-Pac furono ritirati. Si trattava di prodotti troppo specializzati per essere riutilizzati nel trasporto di altre merci. Successivamente furono demoliti, sebbene la base di ciascun carro (piattaforma e assi) fosse recuperata per altri usi. Dal 1977, il trasporto verticale di veicoli via terra, mare o aria non è più stato effettuato.

Cosa ne pensi?

Alberto Ferreras

scritto da Alberto Ferreras

Alberto Ferreras (Madrid, 1968) ha sviluppato la sua carriera professionale nel giornale Il Paese dal 1988, dove ha lavorato come redattore grafico e redattore del supplemento Il motore fino a gennaio 2011. Laureato in Fotografia, è stato finalista al Premio Ortega y Gasset di ... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci