toyota 2000 gt
in

Toyota 2000 GT: Il Sol Levante

Intelligenza artificiale, elettrodomestici all'avanguardia, veicoli all'avanguardia... Anche servizi igienici intelligenti! Pensare al Giappone di oggi significa visualizzare una successione di immagini del futuro. Anche se... non è sempre stato così. Fino a qualche decennio fa, la lontana terra del sol levante era un luogo chiuso e misterioso. Bandito dagli stranieri per secoli, il Giappone viveva ancorato ai vecchi sogni feudali dell'imperatore. Governato da un sistema debole nella sua industria, dove né la strada né il carro lasciavano il posto all'asfalto e all'automobile.

Fu solo negli anni '20 che il Giappone creò una nascente industria automobilistica. Si può infatti affermare che si è unito a questa attività con quasi 50 anni di ritardo. Dopotutto, la maggior parte della popolazione giapponese non aveva bisogno né poteva permettersi l'accesso a un'auto, mentre la classe dirigente acquistava i modelli esclusivi dall'estero con un libretto degli assegni. Tuttavia, con i suoi capricci imperiali sconfitti dopo la seconda guerra mondiale, il Giappone ha dovuto iniziare a costruire un'economia di mercato che lo avrebbe finalmente integrato nella modernità.

Dotato di una grande disciplina di lavoro, l'arcipelago ha marciato sorprendentemente veloce sul percorso tecnologico. I suoi prodotti hanno raggiunto alti livelli di sviluppo. Anche se... avevano ancora molta strada da fare per raggiungere i gradi di design e qualità offerti dai marchi occidentali. Ciò era particolarmente evidente nelle auto, dove ancora "sperimentare" portava a veicoli poco attraenti.

Anche nei primi anni '50, le auto giapponesi erano molto rozze. In breve, bevevano ancora dal carattere militare che l'economia di guerra richiedeva all'industria automobilistica del paese. E a livello di design... gli era rimasto molto. Ogni parte del corpo è stata concepita separatamente, unendole il più tardi possibile. Pertanto, lontani dai disegni armoniosi di Pininfarina, questi "Figli del Sol Levante" sembravano un ibrido tra Godzilla e Frankenstein. Era chiaro, avevano ancora molto da imparare.

Ma hanno imparato in fretta. In circa 20 anni, Nissan, Honda e Toyota potrebbero vedersi "faccia a faccia" con i colossi europei e americani. Mancava solo una cosa: un veicolo davvero attraente. Uno di quelli che, anche se non sarà la grande gioia del reparto contabilità, annuncia al mondo intero un alto grado di sviluppo tecnologico. Un modello sorprendente, con una scintilla ... In breve, un'auto sportiva ad alte prestazioni. E attenzione, progettato interamente in Giappone. Niente per produrre adattamenti di roadster inglesi su licenza straniera.

Così, tutto iniziò a creare il percorso che ci porta all'auto sportiva giapponese più ambita: la Toyota 2000GT. Lanciata sul mercato nel 1967, questa icona del motore giapponese era in grado di rivaleggiare con la Porsche 911 o con la Jaguar E-Type. Tutto uno spettacolo tecnologico che ha stabilito l'immagine industriale del Giappone. Con le sue luci... e con le sue ombre. Poiché gli enormi costi di produzione limitavano la produzione a 337 o 351 unità, a seconda della fonte consultata. Oggi se ne conservano meno di 100. Pertanto, la Toyota 2000GT Si tratta di un 'uccello raro' capace di superare il milione di dollari all'asta.

YAMAHA E IL COLLEGAMENTO TEDESCO

Tra la fine degli anni '50 e l'inizio degli anni '60, l'industria automobilistica giapponese produceva principalmente due tipi di auto. Da un lato, berline sobrie e anonime per il mercato nazionale. E dall'altro, le leggere cabriolet a due posti che cercavano di imitare gli inglesi. Roadster che volevano il mercato d'esportazione, soprattutto quello americano. Queste piccole auto sportive, sebbene ancora inferiori a quelle europee, erano affidabili, economiche e molto divertenti da guidare. Tuttavia... gli anni '60 segnarono una nuova direzione. Ed è così che a poco a poco sono comparsi i coupé che hanno conquistato i gusti di una nuova generazione. L'industria giapponese aveva bisogno di un modello che lo incorporasse in questa nuova moda. E anche, per quanto possibile, togli quell'immagine di produrre automobili"un'imitazione”. Qualcuno doveva prendere l'iniziativa.

E quel qualcuno era Datsun il marchio con cui Nissan ha commercializzato le sue auto fino al 1986. Ma immagina... la maggior parte dei lavoratori di Datsun non aveva un'auto! E poi che è successo? Bene, quando hai guidato uno dei loro prodotti ... è stato come farlo in una bella macchina. Gli interni erano estremamente scomodi, la posizione di guida era un disastro, le finiture sembravano da modellino... e il design delle scocche cadeva in un'esagerazione da cartone animato di quanto prodotto in occidente. Ok, avevano la volontà di creare un'auto sportiva diversa per i nuovi tempi. Ma nella vita... non tutto è avere una volontà. Devo sapere.

E chi era uno di quelli che sapeva creare auto fantastiche tra la fine degli anni '50 e l'inizio degli anni '60? Albrecht Goertz, il genio dietro la BMW 507. La connessione tedesca che hanno contribuito in parti fondamentali alla concezione di ciò che attualmente chiamiamo "Auto sportiva giapponese". Per l'ideazione di un'auto veramente giapponese. Ed è che, quando Goertz è sbarcato in Giappone, ha trovato l'errore maggiore di quell'industria: aver progettato una brutta copia. Gli schizzi hanno rivelato un tentativo di emulare le auto sportive europee. Il risultato? Tornare indietro a ciò che si produce in Occidente, cadendo in una mediocre imitazione.

La Yamaha ha dovuto inserire le batterie. E sì, non preoccuparti… continua a leggere un articolo sulle auto e non sulle moto. Ma questa azienda, che produce di tutto, dalla robotica industriale alle moto, passando per pianoforti e strumenti a fiato, ha offerto a Datsun i suoi servizi nel mondo dei motori. Di fatto, è stata la Yamaha ad assumere Goertz. Un Goertz che ha capovolto il progetto, risiedendo l'auto dall'interno verso l'esterno. In altre parole, la mancanza di ergonomia doveva essere messa a tacere. Crea una posizione di guida adeguata. Se quello che volevi era commercializzare una vera auto sportiva, doveva fornire al conducente le strutture per essere pilotata.

Quindi le cose nel 1956 viene presentato il primo frutto della collaborazione tra Datsun e Yamaha: la Silvia CSP311. Una coupé basata sulla vecchia piattaforma Fairlady, in grado di produrre 96 CV grazie al suo motore da 1 litri. La verità è che la macchina non era affatto male, ma non era esattamente un successo. Questo primo tentativo ha rivelato ancora i tipici fallimenti giapponesi: in particolare la mancanza di abitabilità. Inoltre, assomigliava sospettosamente alla Lancia Fulvia Coupé. Sono state vendute poco più di 500 unità. Un fallimento.

Tuttavia, Datsun era determinata a irrompere nel mercato occidentale con la forza. Quindi ha chiesto alla Yamaha di indagare ulteriormente. Goertz e il suo seguito di giapponesi tornarono al lavoro. Doveva essere progettato qualcosa di più radicale; per questo motivo hanno ideato un potente fastback molto nello stile della 911 o della E-Type. Il progetto ha ricevuto il codice A550X. E la verità è che non è affatto male. Ok... il posteriore ci ricorda una Ferrari 275 GTB. E il frontale ci sembra inchiodato a quello di una Corvette C2. Ma è una macchina molto bella. E, soprattutto, è un passo avanti rispetto a quanto aveva fatto prima l'industria giapponese.

Peccato che sia rimasto un prototipo. Come mai? Bene, una questione di impazienza mal gestita tra i dirigenti di Datsun. Si erano accordati con la Yamaha per completare il progetto per il 1966. E questo stava impiegando più tempo del previsto con il motore: un sei cilindri di due litri che non era ancora arrivato. Quindi, hanno annullato il progetto! Immagina, Yamaha è rimasta con il progetto a metà e senza struttura per poterlo produrre in serie se fosse stato finalizzato. Come quando eri solo in mezzo al club, Yamaha era a disposizione del primo marchio che voleva parlarci. E quella era Toyota.

UN NUOVO LOOK PER TOYOTA

Toyota non aveva mai prodotto auto sportive. Al contrario, il marchio era noto per le compatte di famiglia. Auto corrette, utili, destinate al mercato nazionale… Anodyne. Insapore. Per questo hanno visto l'opportunità di darsi una nuova immagine grazie al rapporto con Yamaha. Riprendere il progetto che Datsun si era lasciato alle spalle è stata la sua opportunità di creare un'auto sportiva di riferimento. Ed è quello, Nonostante nel 1965 avessero già lanciato la Sport 800, mancava ancora di quel pugno che solo una vera GT può dare.

Basato sul prototipo Goertz, il designer Toyota Toyota Satoru Nozaki firmato le ultime righe della 2000GT. Questo laureato in Belle Arti ha creato una vera e propria scultura, rendendo il disegno originale qualcosa di molto più stilizzato. Rispettava le linee del prototipo, sì. Ma ha aggiunto un frontale molto simile a quello della Sport 800, conferendo un'omogeneità estetica alla gamma sportiva Toyota. Inoltre, ha allungato le linee del corpo. Un esercizio aerodinamico che ricorda molto quello della E-Type. È un cuneo progettato per tagliare il vento. E, come ha dichiarato lo stesso team Toyota: 'Abbiamo dato priorità assoluta al fattore aerodinamico... solo dove questo non è stato determinante abbiamo preso come prima considerazione la bellezza della forma'.

L'idea era quella di creare una GT nello stile dei grandi modelli del segmento. Una vettura potente, indubbiamente sportiva, ma capace di offrire un certo comfort di marcia nei due posti interni. Un veicolo "il cui proprietario potrebbe goderselo con una piacevole passeggiata attraverso la città o attraverso una strada tortuosa veloce in campagna. Pensando di essere guidato su tutti i tipi di strade e, con qualche modifica, anche sui circuiti.

Insomma, una vera GT a trazione posteriore con motore anteriore e distribuzione dei pesi 49/51. Il tutto montato su un telaio in alluminio e avvolto in una scocca in acciaio, dal peso di 1.120 chili. Comprese sospensioni indipendenti, dischi freno ventilati, sterzo a pignone e cremagliera e cambio. Manuale a 5 marce o automatico a 3 marce.

E sotto tutta quella struttura... il vero cuore della Toyota 2000GT: il suo motore aspirato sei cilindri da due litri da 150 cv. Un potere che, per l'epoca, non è affatto male. A maggior ragione se teniamo conto che la potenza specifica è di 75Cv/litro, in un veicolo relativamente agile capace di salire fino a quasi 9.000 giri/min. E anche ... nato da un marchio il cui modello più potente fino ad oggi ha dato solo 45 Cv. Insomma, cifre che gli hanno permesso di confrontarsi con le grandi sportive europee del momento. E anche, per farlo in condizioni di comfort in movimento. Poiché ciò non è incompatibile con la sportività della Toyota 2000GT: un cruscotto in legno perfettamente rifinito lo attesta.

Con queste magnifiche credenziali, Toyota presentò il suo modello al Motor Show di Tokyo del 1965. Sebbene volessero ancora perfezionare alcuni parametri, lo fece come prototipo. Finalmente, Fu nel 1967 che la 2000GT entrò in produzione. Una produzione che lo metterebbe sotto i riflettori di circuiti e riprese cinematografiche, seppur non privo di pericolose ombre.

1967 - 1970. TRE ANNI DI ASCESA E CADUTA

Toyota ha ottenuto ciò che voleva. Aveva creato la prima grande macchina sportiva giapponese. Il mondo è rimasto stupito da questa macchina speciale. E fatto in Giappone! Improvvisamente i giapponesi avevano dimostrato che, oltre a copiare più o meno bene la roadster inglese, sapevano creare incredibili auto sportive con un proprio carattere. Non era affatto male...

Circa 60 unità sono finite negli Stati Uniti, dove il molto Carrol Shelby ne ha preparati tre per la competizione. Hanno mostrato un'enorme potenza e affidabilità sui circuiti americani. Inoltre, nel 1968 una 2000GT vinse il Gran Premio del Giappone, poco dopo che un'altra unità arrivò per prima al traguardo della 1000 chilometri dal Fuji. Questa Toyota si è affermata come una vera auto da corsa vestita per la strada. Ma attenzione, ben vestito. Anche con il glamour necessario per essere l'auto di Bond, James Bond.

Ed è che l'anno in cui è stata presentata la 2000GT è stato lo stesso in cui è uscito il film "Viviamo solo due volte". Una nuova puntata della saga di 007 ambientata in Giappone, con Sean Connery che interpreta di nuovo l'agente britannico. Questa volta inseguito da alcuni orientali malvagi che riesce a fuggire grazie alla nuovissima Toyota 2000GT. Un'unità che ha causato polemiche e confusione, dal momento che si tratta di una versione convertibile. Ciò suggerisce che la 2000GT è stata prodotta sia in versione coupé che spider. Tuttavia... non è così. Solo due unità sono state adattate come scoperte, con la sola intenzione di essere utilizzate nel film. La ragione? Né più né meno della grande altezza di Connery, che rendeva difficile girare scene all'interno del veicolo.

Tutto sembrava andare alla perfezione. Gli ingegneri avevano fatto un ottimo lavoro, ma... i contabili non erano della stessa opinione. Praticamente tutte le parti della 2000GT sono state realizzate esclusivamente per lui. Non condivideva parti con altri modelli del marchio. E poi... l'assemblaggio è stato completamente fatto a mano. Ciò ha spinto i costi di produzione a limiti insostenibili. Insostenibile perché mentre una E-Type e una 911 costavano rispettivamente $ 5.580 e $ 6.490... il conto per una 2000GT andava a 6.800.

L'auto era meravigliosa. Nessuno ne dubitava, ma le poco più di 100 unità vendute in ciascuno dei suoi tre anni sulla catena di montaggio... non erano sufficienti per convincere i contabili della Toyota. Nel 1970 la sua produzione fu chiusa, con la maggior parte delle unità vendute ai clienti giapponesi. Oggi se ne trovano meno di 100, alcune fonti dicono solo circa 60. Per questo motivo oggi costa molto di più dei 6.800 dollari di allora... Se uno va raramente all'asta, può tranquillamente superare il milione. Anche dopo 51 anni, continua a muoversi nella lega della 275GTB, 911, E-Type ... È la prima grande auto sportiva giapponese, ed è venuta per rimanere.

IL PADRE DI UN'INTERA SAGA

Abbiamo appena visto un video in cui la 2000GT entra a far parte di una saga familiare, e in una certa misura… lui stesso ha inaugurato una saga automobilistica. Perché fino all'arrivo di 2000GT, quando è stato fatto un elenco di paesi noti per le loro auto sportive, non c'è mai stato il Giappone. È per questo Questa Toyota non ha solo il merito di essere una grande macchina, ma anche quello di essere stata la prima di una grande saga: quella delle grandi sportive giapponesi. Nonostante il fallimento commerciale del modello, ha dato all'industria giapponese abbastanza fiducia per impostare il proprio percorso. Ancora più importante, ha fatto sì che i marchi giapponesi imparassero una lezione importante.

La lezione era ovvia: Non solo dovevano sviluppare accattivanti sportivi, ma dovevano anche essere venduti. Pertanto, non aveva senso entrare nel mercato delle GT in competizione con Porsche, Ferrari o Jaguar. Dopotutto, questi marchi non avevano solo una forte immagine di marca. Avevano anche una grande struttura industriale e commerciale. Se l'auto sportiva giapponese voleva essere tanto attraente quanto redditizia, doveva rivolgersi a un tipo di acquirente più popolare.

È stata una lezione preziosa, quella che ha definito le auto sportive giapponesi fino ad oggi. A parte qualche eccezione, queste vetture sono sempre state divertenti da guidare, molto maneggevoli, pratiche… ma soprattutto abbordabili in relazione alle loro prestazioni.

Datsun, infatti, ha imparato così bene la lezione da riprendere da solo il progetto precedentemente intrapreso con Yamaha. Avevano preso nota dell'accaduto. Quindi ridurre i costi Datsun lanciato nel novembre 1969 il 240Z. Una biposto leggera, con una potenza di 160 CV e un design molto suggestivo. Divenne rapidamente un bestseller che prese d'assalto gli Stati Uniti. La ragione? Ha offerto le stesse caratteristiche dei suoi concorrenti occidentali, ma ad un prezzo inferiore: circa $ 4.000. Quello che doveva essere il segno distintivo della GT giapponese, fu pienamente confermato poco prima di entrare negli anni '70.

Da parte sua, anche Toyota ha applicato la lezione: proprio quando la 1970GT ha cessato di essere commercializzata nel 2000, è stata lanciata la Celica. Un modello accessibile con un tale successo che, nel corso di 7 generazioni, ha esteso la sua produzione fino al 2006. Insomma, cosa si può chiedere di più alla Toyota 2000GT? Ok, è stato un incubo per i contabili severi del marchio, ma... Guarda che immensa eredità! Nonostante i suoi eccessi e la sua breve vita, fu un pioniere. Un vero mito del motorsport dalla terra del sol levante.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci