Tipo 184
in

Tipo 184, la Mazda MX-5 che voleva essere un'Alfetta e l'ha ottenuta

La Mazda MX-5 ha recuperato, quando è stata lanciata la prima generazione, l'essenza della Lotus Elan. Quella piccola roadster britannica, ideata da Colin Chapman, ha abbagliato una generazione di conducenti per la sua leggerezza e comportamento, senza bisogno di un motore enorme. Qualcosa di simile a quello che hanno fatto da Mazda quando hanno proposto di mettere in circolazione la prima generazione della Miata e che, come tutti sapete, alla fine hanno raggiunto. In effetti, si assomigliano anche esteticamente. 

La cosa più curiosa è che nessuno ha dato un centesimo per quel modello giapponese e oggi è la roadster più venduta al mondo e un'intera istituzione nel mondo automobilistico, è una cultura in sé. Non c'è dubbio che Mazda ha raggiunto ciò che si prefiggeva di fare e molto di più, ha superato tutte le aspettative e pensare al futuro della stessa Mazda senza una Miata in catalogo diventa complicato. Attenzione, e questo non significa che un giorno il modello scomparirà perché non è più redditizio, non possiamo dimenticare che Mazda è un'azienda internazionale e tutto ciò che fa è calcolato per realizzare un profitto. 

Tuttavia, fino a quel momento ipotetico, sicuramente causato dalla tecnologia elettrica, potremo godere di tutte le generazioni che sono state messe in circolazione, ognuna meglio della precedente; più sicuro, più veloce e più piacevole da guidare. Perché, nel caso non lo sapessi, questa è l'essenza della Miata, il piacere di guida nella sua forma più pura. 

Fatto sta che c'è chi ha trovato un altro utilizzo per la Mazda MX-5, nello specifico per le unità di seconda generazione, la Mazda MX-5 NB per i più puristi: trasformali in una replica dell'Alfa Romeo 158 "Alfetta", una delle auto di maggior successo e successo nella storia delle corse automobilistiche. L'Alfa 158, infatti, è stata la prima vettura a vincere un Gran Premio di Formula 1950 a Silverstone nel 1, diventando successivamente il primo Campione del Mondo di Formula XNUMX. 

Ma cosa hanno in comune un'Alfa 158 e una Mazda MX-5? Beh, nello specifico, quattro ruote, un volante, dei pedali e un motore a scoppio, e questo per dire qualcosa, visto che una Formula 1 del 1950 non ha nulla a che vedere con una roadster per strade pubbliche di fine anni 90. la trasformazione è semplicemente pazzesca

L'ideatore di questo progetto è Ant Anstead, meglio conosciuto da queste parti per aver sostituito Edd China nel programma "Joyas Sobre Ruedas" (il nome ufficiale del programma è Wheeler Dealers), anche se fuori dai nostri confini è noto per essere stato presentatore di programmi come "Per il amore per le auto ”,“ Craft: ho fatto questo ”,“ The Lost Lous: restaurare un'auto da corsa ”o“ Le auto più costose del mondo ”, tutte trasmesse su Channel 4 e sulla BBC. 

Ma non finisce qui, perché il signor Anstead ha anche scritto un libro sulle auto della polizia (è stato un ufficiale di polizia fino al 2005) e ha fondato la propria azienda per la produzione e la riparazione di automobili molto esclusive. Ed è proprio lì che inizia il racconto della chiamata Tipo 184, nome dato alla replica creata sulla base della Mazda MX-5

Tuttavia, ad essere onesti, non è rimasto molto della Miata. Anstead sfrutta l'essenziale: motore e cambio, sterzo, freni e telaio. Il resto è una creazione specifica di Anstead per costruire il Type 84. E inoltre, non mancano i dettagli. 

Ad esempio, il telaio è una rete di tubi su cui sono montati i pannelli della carrozzeria. Viene fornita con uno scarico laterale con otto collettori, di cui solo quattro funzionanti, mentre i freni a disco originali Mazda sono mimetizzati con kit che simulano di essere enormi freni a tamburo. Il kit costa 7.499 sterline, circa 8.351 euro, anche se ci sono cose che molto probabilmente andranno pagate a parte, come le ruote, il volante o il sedile replica dell'originale.

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci