in

Mi piaceMi piace

Mercedes 220TE Vs. E 300e 4MATIC: Evoluzione

Grazie a Chema e Mercedes abbiamo recensito il W124 ("La Roca") e l'abbiamo anche confrontato con il suo successore di oggi, l'E300e 4Matic ...

FOTO MERCEDES W124 / W213: LO SCUDO

La storia dell'automobile è intimamente legata a quella della Mercedes. Conoscete tutti la relazione e il marchio stesso ha sfruttato quel collegamento nella sua pubblicità. È giusto riconoscere che, anche se in un mix diverso, la Mercedes di oggi rimane un ibrido di tradizione e dinamismo che tuttavia affronta una concorrenza selvaggia. Salvando le distanze, una Mercedes SSK 720 degli anni '20 è paragonabile a una AMG GT Roadster, ma un mondo di rivali le separa. In ogni caso, ciò che intendiamo è che, da più di cento anni, la casa di Stoccarda è sostenuta da pilastri di dominio pubblico. 

Cosa sono quei pilastri? Pensa per un momento a cosa rappresenta il nome (a proposito, è un nome femminile di origine spagnola): Qualità, prestazioni, lusso, tecnologia, innovazione, successo. Questa azienda tedesca offre prodotti all'avanguardia da sempre, praticamente senza fallo. È vero che per un periodo fu sostenuto e potenziato dal nazismo, ma in seguito ha dovuto riprendersi da solo ed è questo, forse, ciò che ha maggiormente influenzato l'immagine che molti attualmente hanno dell'azienda. In definitiva, la Mercedes non ha mai perso muscoli.

Fu allora, dopo la seconda guerra mondiale, che i 'Pontons', i 'Colas', gli indistruttibili W114/5 e W123 (ricordiamo quelli 300D) e, naturalmente, il Mercedes W124, il predecessore dell'attuale Classe E. Tutti questi presentavano, a parte la costruzione e il perfezionamento a prova di bomba, misure di sicurezza all'avanguardia. Perché Mercedes, attraverso l'ingegnere Béla Barényi, è stata l'iniziatrice della ricerca in questo campo: Cellule di sicurezza, ABS o airbag, ad esempio, sono invenzioni del marchio tedesco. E il W124 era forse la quintessenza di quella che si potrebbe chiamare la filosofia della stella.

El Mercedes W124 è stato presentato esattamente il 24 novembre 1984 a Siviglia. Il design era stato realizzato da Bruno Sacco, Joseph Gallitzendörfer e Peter Pfeiffer, distinguendosi per la loro aerodinamica e per qualità così eccezionali da non essere stati eguagliati da nessun'altra successiva vettura di Stoccarda. Ciò non significa che i modelli attuali siano tutt'altro che cattivi ma, in realtà, la Mercedes W124 era troppo bella

Mercedes 220TE

W124: più di 2,5 milioni di unità vendute

Quando l' Mercedes W124 ha colpito il mercato, la Mercedes non era come la conosciamo ora. Era più pudica, più convenzionale e molto ordinata con i suoi ideali, sicuramente troppo ordinata. In Spagna aveva il sambenito della "macchina del nonno", perché molti pensionati, che avevano salvato tutta la vita, ne comprarono una. Era quindi molto comune vedere un'auto con la stella sul davanti guidata da una persona anziana. Tuttavia, essendo molto conservatore nel design, sono state vendute più di 2,5 milioni di unità, un clamoroso successo. E molti di loro funzionano anche oggi senza bisogno di un restauro. 

Questo è il caso W124 di Chema. Una Mercedes 220 TE immatricolata nel 1995; ovvero la carrozzeria station wagon (presentata nel 1985), dotata di motore a quattro cilindri, 2.199 centimetri cubi, testata a 16 valvole, 110 kW (150 CV) e 210 Nm di coppia. Un esemplare che il suo proprietario ha decorato come se fosse una delle vetture del parco assistenza stradale del marchio. La decorazione, realizzata in vinile, è totalmente reversibile per recuperare la sua originale vernice verde bottiglia. 

Mercedes W124
mercedes w124

Questo W124, inoltre, ha quasi 200.000 chilometri. Ma è in uno stato assolutamente spettacolare: Sembra che gli anni non siano passati da lui ed è proprio per questo che è protagonista di questo reportage e, per inciso, affronta la sua attuale reincarnazione. Volevamo sapere di prima mano se il modello merita davvero l'incredibile fama che ha. Come vedrete, così, prima di tutto, ci ha lasciato a bocca aperta... 

La situazione del mercato costringe le cose a cambiare

È sempre stato detto così la Mercedes W201 è stata l'ultima piattaforma sviluppata senza tenere conto dei costi, e il marchio stesso è arrivato a riconoscere di aver creato un prodotto con una qualità superiore al necessario. L'ha valutato esattamente come "Over ingegnerizzato", cosa potrebbe essere tradotto come “over-designed”; inutilmente buono. Anche se questo dipende da come la si guarda, perché dallo studio in cui sono stati spesi più di 600 milioni di sterline alla fine degli anni '70 è uscito, tra gli altri, i modelli 190, W124 e R129. Cioè, classe S a parte, la maggior parte delle autovetture su cui Mercedes vivrebbe per almeno 15 anni.

Mercedes 220TE

Nell'intervallo di tempo, la W124 prese il posto della berlina di medie dimensioni, più grande di un 190 ma più piccolo di una S. Potrebbe sembrare un'esagerazione, ma guardate le foto, analizzate i dettagli; cose come il legno della consolle, il pomello del cambio, il volante o, senza andare molto oltre, il rivestimento in tessuto dei sedili. E quando l'avrai ammirata tutta, meravigliati che l'auto abbia più di 25 anni e abbia percorso un chilometraggio tale da distruggere, ad esempio, qualsiasi rivale francese o italiana.

Ci sono cose che le foto non ti mostrano, come la sensazione di robustezza generale, il tocco dei pulsanti o le reazioni durante la guida, che commenteremo in seguito, ma da qui possiamo assicurarti che sorprendono. È evidente che gran parte dell'attuale fama di questo modello è totalmente meritata; È una delle migliori Mercedes mai realizzate e quando la confronti con l'attuale Classe E, la W213 II, te ne rendi conto. 

Mercedes 220TE

La Mercedes ha perso qualità?

La Mercedes da tempo sembrava aver perso quel livello di qualità, anche se avere il lusso di poter analizzare da vicino un'auto come la Mercedes E 300e 4MATIC è difficile da credere. L'esecuzione di questa vettura è a un livello che è difficile trovare un difetto. Per averli ce ne sono, ma bisogna essere molto esigenti. In ogni caso, dobbiamo analizzare entrambe le macchine in modi diversi, poiché provengono da tempi completamente diversi. 

Quando il W124, La Mercedes poteva chiedere tutto ciò che voleva per le sue auto, la gente era disposta a pagare per questo. Oggi la concorrenza è spietata, la massima rivalità e l'equipaggiamento che la nostra unità porta rende la Mercedes W124 quasi l'auto di 'I Flintstones'. La tecnologia a bordo è così travolgente e così costosa che costringe a tagliare in altre sezioni, principalmente nelle finiture, in modo che i prezzi non salgano alle stelle eccessivamente. E che il prezzo consigliato della E300e 4MATIC di questo confronto supera facilmente gli 80.000 euro. 

È meglio o peggio del W124? Sono davvero incomparabili, ma è un modo in più di guardare all'evoluzione dell'auto e alla trasformazione che la stessa Mercedes ha subito. Potrebbe non essere evidente a occhio nudo, ma i corpi di oggi nascondono vere astronavi. Sebbene la W213 II non abbia un'anima immortale, non possiamo negare che sia una vera Mercedes.

Mercedes E300e 4Matic

Uno dei più grandi successi Mercedes che puoi collezionare

La produzione della Mercedes W124 è durata più di 11 anni e la gamma di modelli era una delle più grandi che ci fossero: berlina, station wagon, coupé, cabriolet, con telaio lungo e persino alcune in edizioni speciali o su richiesta. Fu prodotta fino al 1995 e nello stesso anno apparve la Mercedes W210, la prima generazione della Classe E con questo nome, che coesisteva con la famiglia W124 fino al 1996 (cioè l'unità Chema è una delle ultime prodotte, già equipaggiata con airbag. conducente) e con la decappottabile fino al 1997.

C'erano due Facelift o aggiornamenti di design: uno nel 1989, distinguibile principalmente dagli intradossi o protezioni in plastica che circondano la parte inferiore della carrozzeria; e un altro nel 1993, per cui l'anteriore viene assimilato alla nuova classe S (W140) e il paraurti posteriore diventa avvolgente (tranne quelli familiari).

mercedes w124
Mercedes 220TE

In totale furono prodotte 2.058.777 berline, 340.503 auto familiari, 41.498 coupé, 6.343 cabriolet, 2.342 versioni con telaio lungo e non meno di 6.398 esemplari con telaio modificato per scopi speciali. R) Sì, il W124 ha raggiunto 2.555.861 copie. È stato uno dei più grandi successi dell'azienda della star, soprattutto considerando che a quel tempo una Mercedes non era disponibile per così tante persone, come lo è ora con la Classe A e compagnia.

Oggigiorno, vista la varietà dei motori (occhio, solo il 200 era a carburazione) e delle carrozzerie, la versione più desiderata della W124 è la Mercedes 500E, un capolavoro co-progettato e co-prodotto da Porsche. Una bestia con un blocco V8 atmosferico da 326 CV in grado di completare lo sprint in 6,1 secondi. Ogni esemplare, costruito quasi artigianalmente tra i due marchi, ha richiesto 18 giorni per essere completato. Tuttavia, anche questa vettura questa volta sarebbe rimasta indietro rispetto alla rivale, contro la Mercedes E 300e 4MATIC.

La Mercedes E 300e 4MATIC -la casa di Stoccarda ha introdotto il suo sistema di trazione integrale proprio nel W124 nel 1987- è una delle creazioni più moderne del marchio ed è alimentata da un propulsore ibrido plug-in. Un set formato da un blocco benzina di 1.991 centimetri cubi e 211 CV, coadiuvato da un elettrico da 122 CV, entrambi collegati al cambio automatico 9 G Tronic. Il motore elettrico, infatti, è integrato nel cambio stesso. Entrambi i motori, insieme, erogano 320 CV e non meno di 700 Nm di coppia, che passano all'asfalto attraverso tutte e quattro le ruote.

Sì, perde 6 cv rispetto alla Mercedes 500E, ma completa lo sprint in 5,9 secondi, omologa un consumo di 6 litri e può raggiungere i 245 km/h. La 500E consuma il doppio e raggiunge la stessa velocità massima, pesando circa 300 chili in meno (1.700 chili contro 2.065) ed essendo molto meno efficiente dal punto di vista dinamico. Ovviamente la Mercedes 220 TE di Chema, con 1500 chili sulla bilancia, non si avvicina a nessuna di queste bestie, ma non si avvicinano alla capacità di carico della station wagon grazie ai suoi 530 litri di bagagliaio, che arrivano a 1.770 litri se lo schienale del sedile posteriore è ribaltato.

Ci sono altre versioni sportive desiderabili come le rarissime AMG o le V8 400E / E420, che sfruttavano il telaio messo a punto da Porsche. Inoltre, quelli che hanno equipaggiato il pacchetto 'Sportline', che includeva, tra gli altri, sedili sportivi, ruote e pneumatici più grassi, sterzo e sospensioni sportive, altezza inferiore e volante più piccolo. Per quanto riguarda le valutazioni, una 500E viene acquistata oggi in Spagna normalmente a 20.000 euro, mentre qualsiasi variante più convenzionale in buone condizioni tende ad essere compresa tra 3.000 e 6.000, le berline più vicine alla prima cifra rispetto alla seconda. Puoi trovare dei veri affari. Le Sportline sono rare e starebbero nella via di mezzo, mentre le AMG sono quasi introvabili.

Mercedes 220TE

Sensazioni al volante della nostra station wagon 220TE

Se, come puoi immaginare, la Mercedes moderna è una vera macchina performante capace di tutto, quella classica è più una barca. Ed è che la linea tra le berline convenzionali e le auto sportive si è molto offuscata. Al giorno d'oggi è facile scegliere un'auto di questo tipo che ha tutto, ma prima dovevi scegliere se volevi divertirti o semplicemente trasportarti in modo sicuro e comodo. Mercedes in genere si offriva di godersi il comfort di un marchese piuttosto che farti sentire un asso al volante. Per un prezzo alto potresti optare per le variabili sportive W124 recensito o da un W201 190 2.3 16V un po' più piccolo, ma non era normale.

Pertanto, i controlli del parente non danno grandi sensazioni, ma anzi trasmette semplicemente la sensazione di grande solidità che lo caratterizza. Niente scricchiolii o stridii, e il doppio albero a camme in testa e la trasmissione a catena spinge come un cavallo Percheron a circa 6500 giri. Lineare, prevedibile, senza sorprese. La sospensione è estremamente confortevole e assorbe tutto. Tuttavia, insieme al super servosterzo, è efficace. Pur senza dare molte informazioni, l'auto va dove chiedi, con precisione, dondolando ma senza sottosterzo o sovrasterzo. La frenata è buona. Tutto all'interno di una guida si intende un po' animato, non in fiamme. Con la sospensione idraulica opzionale, che questa unità non monta, probabilmente sarebbe meglio.

La posizione di guida è quella di una Mercedes classica: Poltrone Spring senza alcun tipo di appoggio laterale che ne esaltano l'effetto tappeto volante, con un volante sottile e piacevole al tatto e una leva del cambio lunga ma precisa. Sul retro, lo spazio per i tre sedili è ampio; Se sono 5 come corrisponde alla versione a 7 posti, che pure ce l'aveva, allora va un po' più stretto e si perde un po' di spazio nel grande bagagliaio. Quest'ultimo ha anche la chiusura automatica una volta che l'enorme cancello si appoggia alla serratura.

Mercedes W213

Conclusione

Insomma, grazie a Chema e Mercedes abbiamo potuto verificare l'evoluzione del marchio di punta, che oggi è simile e allo stesso tempo diverso dalla Mercedes di una vita. Grazie alla E300e 4Matic abbiamo visto che è diventata più giovane e tecnologica, anche se ha perso parte del vantaggio che aveva rispetto ad altri produttori in termini di qualità. Una Mercedes è pur sempre una Mercedes, il meglio del meglio, ma altri marchi stanno seguendo con successo la sua scia. Per questo deve rimanere vigile e continuare a onorare il proprio nome e tutto ciò che rappresenta, anche tenendo conto delle attuali condizioni di mercato.

Rispetto alla 220TE, è l'esempio perfetto di un'auto per la vita, indistruttibile. È difficile trovare un W124 mangiato, la qualità costruttiva e le finiture di queste macchine semplicemente non lo consentono. Sono fatti per non invecchiare, sono duri come la roccia; appunto, quello che le Mercedes sono sempre state: La stessa cosa succede quando vedi una Ponton, una Colas, una pagoda, tra tanti altri... Semplicemente sopravvivono, come fa l'incudine al martello. Se non ne hai ancora avuto uno, e visti i prezzi, ti invitiamo a provarli. Non ti deluderanno e saprai cos'è un'auto come Dio ha voluto 😉

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci