essenza classica techno
in

Mi piaceMi piace

Techno Classica Vs. Classici retrò

TESTO E FOTO: MARIO LAGUNA

Il titolo può essere di attualità, ma proprio gli argomenti sono caratterizzati perché corretti e, in tal caso, Techno Classica di Essen e Retro Classics di Stoccarda, Non solo si trovano nel firmamento dei saloni internazionali di auto d'epoca, ma sono anche impegnati in una guerra commerciale per la supremazia in materia.

Un primato giustificato perché, per mettere a fuoco, ci troviamo di fronte a cifre dell'ordine di 180.000 visitatori per Techno Classica e un numero ancora notevolmente inferiore, circa 100.000, per Retro Classics. Con il prezzo dei biglietti a 25 euro ad Essen, a cui si aggiungono i 10 euro da catalogo (praticamente un must se si vuole avere una guida pratica per non perdere l'essenziale), le cifre da incasso al botteghino sono circa sei milioni e mezzo di euro.

Mare di classici a Techno Classica (Foto: Techno Classica)

Le prime differenze tra Essen e Stoccarda le trovate in tasca, con i biglietti a 20 euro e il catalogo gratuito.

Le fiere di auto d'epoca non sono diverse da qualsiasi altra fiera. si organizzano vendere, attirare acquirenti. Non sono un parco divertimenti per la ricreazione dei visitatori. I concessionari non vengono per il piacere di ricevere visitatori che fotografano le auto, ma per venderle, il che non toglie che lo spettacolo sia di grande interesse sia per chi compra che per chi guarda. Questa potrebbe essere chiamata simbiosi.

Prima di procedere oltre, premetto che il lettore non deve aspettarsi in questo articolo un test comparativo tra i due saloni come se si trattasse di una lotta tra la SEAT 127 e la Renault 5. Tratteremo una descrizione dei saloni attraverso dei punti salienti dei tuoi contenuti, senza trarre conclusioni. Spetta al lettore esprimere il suo giudizio nel caso in cui decida di visitare l'uno o l'altro.

L'ideale sarebbe visitarli entrambi, soprattutto se si svolgessero nello stesso fine settimana, come accaduto nelle attuali edizioni di marzo 2018, dal 21 al 25. a un altro nel giro di poche ore avrebbe l'impressione che aveva visitato una mostra gigante con due ali separate da un lungo corridoio asfaltato... 450 km.

essenza classica techno
Mercedes 300 SL Roadster, forse più bella delle 'Ali di gabbiano' (Foto: Techno Classica)

L'OFFENSIVA DEI CLASSICI RETRO

Anche se è vero che non è la prima volta che succede la partita della data nello stesso fine settimana, in un'ultima occasione è stato costretto a svolgersi per la disponibilità delle rispettive fiere internazionali, Messe Essen e Messe Stuttgart. Al contrario, si vocifera che l'edizione 2018 non sia stata una coincidenza del genere, ma un movimento volontario da parte di Retro Classics nel quadro della sua aperta offensiva con l'organizzazione di tre eventi, ovvero quello di cui a Stoccarda, a cui si aggiungono gli spettacoli di Colonia e Norimberga. Non approfondiremo questa domanda in quanto è stata trattata nell'articolo su Retro Classics Colonia.

In nessun ordine di preferenza, entreremo nell'argomento in ordine di anzianità, prima Techno Classica (30 anni di esistenza), poi Retro Classics, più giovane, che va con il secolo.

essenza classica techno
Porsche 356 adattata ai rally a lungo termine

GLI HIGHLIGHT DI TECHNO CLASSICA ESSEN

Entrambe le fiere hanno un punto in comune, l'enfasi e la superiorità numerica nell'esposizione di prestigiosi marchi tedeschi, principalmente Mercedes-Benz e Porsche, ma anche Opel, BMW e tutte le varianti e filiali del gruppo Volkswagen.

MERCEDES-BENZ

Non è una sorpresa che ad Essen si distingua rispetto alle altre Mercedes-Benz, con un'area affittata più ampia, che si svolge nella maggior parte del padiglione numero 1, per varietà di argomenti trattati e qualità di presentazione. Per il 2018, Mercedes-Benz ha scelto alcune delle sue auto e piloti campioni del mondo di Formula 1.

essenza classica techno
Solo campioni del mondo nel roster Mercedes-Benz

PORSCHE E LA 964

In concomitanza con la 30a edizione di Techno Classica, Porsche ha celebrato il 30° anniversario di modello 964, con una decorazione francamente lussuosa in cui integrava una RS, versione da competizione delle famose Carrera 4 e Carrera 2. Per commemorare l'anniversario, Porsche ha venduto un modellino in scala 1:43, in serie numerata e limitato a 500 esemplari, che sarà molto ricercato dai collezionisti. I primi ad arrivare ad Essen hanno potuto acquistare i loro modelli a 49 euro al pezzo.

Come sappiamo, Porsche lascia correre l'opinione che il nome commerciale delle sue vetture coincida con un numero di progetto. Sappiamo che non è così, e la celebrazione del 30° anniversario del 964 ci porta a porci la seguente domanda:

Perché è stato chiamato il 964? Forse tra la 901 del 1963 che fu ribattezzata 911, e la 964 il cui progetto risale al 1988, Porsche ha lavorato solo su 63 progetti? Sarebbero morti di fame. Come non è stato, ma tutt'altro, la cifra 964 mi sembra la chiave per annunciare che si trattava dell'ultima 911. La prima 911 fu commercializzata nel 1964, se scriviamo (1) 964 il legame tra la prima e l'ultimo 911.

Non potremmo espandere la ricchezza e la varietà della mostra Porsche, menzioneremo un'interessante 356 SL, di Sport Leicht che ha ricordato le partecipazioni alla corsa Liegi-Roma-Liegi e che il lettore ha potuto vedere sopra.

FERRARI EBERLEIN

Gli habitué di Techno Classica attendono con attenzione le presentazioni di uno dei più importanti dealer europei del marchio Ferrari, il tedesco Eberlein, strettamente legato al Ferrari Club of Germany e autorizzato ai lavori propedeutici per ottenere le prestigiose certificazioni Ferrari Classiche.

In questa occasione, Eberlein si è recato a Essen con una Ferrari 275 GTB muso corto, avendo partecipato alla 1000 km di Monza nel 1965. Al suo fianco, il già citato Ferrari Club di Germania ha festeggiato i 50 anni della Dino, con tre esemplari, una 246 NART da competizione, una 246 GT e una GTS.

LA SEDILE E I SUOI ​​PROGETTI DI RESTAURO

Il nostro marchio di Barcellona sale alla macchina spazzatura, lo sporco e la decrepitezza che, purtroppo, si installano come una moda assurda nel mondo delle auto d'epoca.

Senza tralasciare lo stupore, il tifoso assiste ad un'escalation dei prezzi osservando la tendenza a pagare di più per auto che non valgono nemmeno da rottamare rispetto ad altre restaurate cui si rimprovera "Troppo ben restaurato".

Naturalmente, ciò che prevale in questa tendenza è l'originalità sopra restauri che l'hanno rimossa, ma c'è un dettaglio che si dimentica: ruggine, pigrizia, sporcizia, buchi nella lamiera, motori grippati, tappezzeria con umidità e funghi mangiati dai topi, non sono neanche originali.

L'esposizione di una SEAT 600, versione commerciale del 1964, che si differenzia dalla touring car per i vetri posteriori in lamiera, in condizioni fatiscenti, non sembra il modo più appropriato per esaltare l'immagine del marchio. Tuttavia, è apprezzato che qualcuno a Barcellona si sia ricordato di mettere in macchina il diploma rilasciato dal Guinness dei primati, a testimonianza del grande incontro in Spagna di 787 SEAT 600 a settembre 2017.

ASTON MARTIN

Marchio di grande tradizione agonistica, non mancavano i suoi rappresentanti, sia i vecchi originali che le più recenti produzioni.

Collezione Houtkamp in primo piano una formidabile DB2 Cabriolet del 1950 che apparteneva a Bertil di Svezia e la rappresentanza ufficiale del marchio si è concentrata sulla vendita della sua nuova-retrò DB4 GT, un'auto molto curiosa, una replica degli originali, senza una parte vecchia e la cui curiosità è che, a differenza l'auto da cui prende spunto, non potrà essere utilizzata su strada perché non sarà omologata. Si tratta di un'auto riservata esclusivamente alle esposizioni statiche o all'utilizzo in circuito chiuso.

Chi si assume questo inconveniente e ha un conto corrente senza preoccuparsi di guardare il saldo, ha a disposizione la ricreazione di eventi classici con un meccanico affidabile, senza camion con il meccanico e i pezzi di ricambio.

stoccarda classici retrò
Maestoso ma sportivo Bristol 404

BRISTOL EX RE DI GIORDANIA

Non mancavano auto di vera origine. I precedenti o precedenti proprietari dell'auto sono un valore aggiunto che entra tra gli ingredienti della valutazione. Un'auto in cui si sono seduti Marilyn Monroe o Paul Newman pagherà molto di più di un altro modello simile anche se è in condizioni migliori.

Le auto del re di autentico sangue blu non raggiungono ancora i prezzi delle auto del re dello spettacolo, tuttavia, a causa della loro unicità, evidenzieremo un Bristol 404 che apparteneva al re Hussein di Giordania.

ITALIA: LAMBORGHINI

Come rappresentante di marchi italiani diversi dalla Ferrari, Lamborghini non è l'esempio peggiore. Da quando Audi, cioè il gruppo VW, ha acquisito la Lamborghini, la fabbrica ha fatto un ottimo lavoro di recupero del suo patrimonio storico, con restauri di altissimo livello. In questa occasione, Lamborghini ha presentato un Islero finito e a spada sta per finire.

essenza classica techno
Espada e Islero, è il 50° Anniversario

SALTO AI CLASSICI RETRO

Un buon affare da sfruttare sarebbero un paio di elicotteri che effettuassero il viaggio tra Messe Stuttgart e Messe Essen, con una rotazione di due o tre viaggi di andata e ritorno al giorno. Ecco un'idea che regalo gratuitamente a qualsiasi imprenditore con liquidità e un gusto per l'aeronautica e l'automobilismo classico.

Al momento dobbiamo accontentarci di viaggiare sulle autostrade tedesche, in teoria senza limiti di velocità. Solo in teoria, perché la pratica è molto diversa, con viaggi lunghi e frequenti limitati a 80 e 100 km/h, pieni di radar.

Il nostro salto da Essen a Stoccarda ci permette di tastare contemporaneamente il polso delle due fiere classiche con più incentivi non solo in Germania, ma nel pianeta. Anche in Retro Classics Mercedes-Benz e Porsche ripetono la loro presenza egemonica, tuttavia evidenzieremo il successo dell'organizzatore nel presentare un marchio spagnolo attraverso le realizzazioni di diversi bodybuilder.

ISPANO-SVIZZERA, VARIETÀ

  • 1922, H6 che ha mantenuto il telaio e la meccanica su cui è costruita una nuova carrozzeria nello stile dell'originale;
  • 1924, H6B in stile Torpedo;
  • 1925, H6B con carrozzeria Kellner;
  • 1930, H6C, carrozzata da Gallé;
  • 1934, Vanvooren K6.

stoccarda classici retrò

FERRARI NEI CLASSICI RETRO

In questa ampia sezione, spiccava una 275 NART Spyder 1966. È uno di quei modelli in cui se l'interessato ha bisogno di chiedere il prezzo, il venditore non si metterà al telefono. È stato utilizzato in alcune precedenti parate di Formula 1, servendo come trasporto per Michael Schumacher.

CITRON DS

Uno dei modelli in costante aumento e apprezzamento dai fan è ancora il DS, su cui non ci soffermeremo sulle sue virtù. Ne sono prova i restauri di altissimo livello che si stanno realizzando, permettendo al prezzo di vendita di recuperare le spese. Un prestigioso concessionario focalizzato esclusivamente sulle varianti della DS, con una posizione che si è distinto per la sua attenta presentazione, alla pari con i suoi vicini tedeschi e italiani.

essenza classica techno
La Citroën DS scala la classifica delle lussuose

CAMION E MACCHINE SBRICIOLATE

Un'altra tendenza tra i collezionisti è quella di trasportare le loro auto in camion dell'era del set. Uno straordinario FIAT 643N ha mostrato le sue possibilità con due Alfa Romeo Zagato sul retro.

Un'auto da record e da competizione, in particolare su circuiti ovali, costruita nel 1915 battezzata "Dottor Maybach", Ha esposto il suo gigantesco motore Mercedes-Benz del 1907, 19.076 cc e 280 CV.

LA STELLA DI STOCCARDA

Scegliere la stella in un salone dell'auto così ben fornito non è mai un esercizio facile. Inoltre, sarà sempre condizionata da considerazioni soggettive.

La mia proposta è a favore di una BMW M1 straordinaria del 1979.

La M1 non è solo un'auto dalle superbe qualità dinamiche con il suo telaio tubolare e il motore centrale posteriore, affidabile, veloce e con un buon spazio per due persone, ma è stata un successo di design a suo tempo ed è stata utilizzata intensamente in competizione. , con la esemplari più modificati raggiungendo buone classifiche nella 24 ore di Le Mans.

Se a ciò aggiungiamo un dipinto realizzato non a spruzzo in una carrozzeria qualunque, ma un dipinto a mano, a pennellate, ma non da chiunque, ma da Andy Warhol, siamo di fronte a una star dell'automobile contemporanea.
L'auto appartiene al museo BMW e, fortunatamente, è al riparo da speculazioni.

stoccarda classici retrò
La star della berlina, la BMW M1 dipinta da Andy Warhol

Cosa ne pensi?

Mario Laguna

scritto da Mario Laguna

Mario Laguna, autore del libro "The Pegaso Adventure", studioso e osservatore della storia dell'automobilismo, dei marchi e dei personaggi. Frequentatore assiduo di competizioni automobilistiche, di categorie attuali o storiche, concorsi internazionali di eleganza, conferenziere... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci