Dino 246 GT distrutto all'asta da Silverstone Auctions
in

Ruggine al prezzo dell'oro

Con l'attuale febbre delle aste praticamente ogni mese, una Ferrari Dino esce per fare offerte e, come tutto ciò che profuma di Ferrari degli anni '60 o '70, i loro prezzi non smettono di salire.

Tuttavia, in questi giorni è uscita una notizia che ci ha lasciato più che sorpresi. La casa britannica Aste di Silverstone è riuscita ad aggiudicarsi una Dino 246 GT per 132.250 sterline, circa 162.600 euro… ed è l'unità che potete vedere nelle foto.

Sono le parole suggestive "Trova fienile"? Non lo sappiamo, ma il fatto è che grazie a questa tendenza attuale per le auto scoperte dopo anni nell'oblio, qualsiasi spazzatura, qualunque sia la sua condizione, se è preceduta da quelle parole magiche, ha già un alto prezzo garantito.

La cosa sorprendente del caso in questione è che è davvero Questo Dino è a pezzi. L'umidità e la ruggine hanno provocato un effetto tale che parte del frontale è letteralmente scomparsa, e con essa elementi come la calandra o uno dei paraurti.

Dino 246 GT distrutto all'asta da Silverstone Auctions
La febbre della scoperta sta raggiungendo limiti insospettati (per gentile concessione di Silverstone Auctions)

È poco più di quello che - in condizioni normali - considereremmo un donatore, eppure è stato venduto per l'incredibile cifra di 132.250 sterline!! Il motivo potrebbe essere nel "romantico" della sua storia, che descriveremo.

Sepolto

Si scopre che - sempre secondo la casa d'aste - questa unità è stata presentata per la prima volta nel 1973 da un uomo che ha potuto godersela solo per un anno, poiché l'ha immediatamente venduta di seconda mano. Il nuovo proprietario era un "noto motociclista" (Silverstone Auctions ha omesso il suo nome) che guidava la sua nuova Ferrari a velocità vertiginosa. Non importava il giorno, il luogo o l'ora in cui il focoso pilota sfruttava i benefici della sua nuova acquisizione.

E come potrebbe essere altrimenti, la polizia finì per scoprire la guida spericolata di quest'uomo, tanto che un giorno iniziò un inseguimento che il veloce pilota riuscì a schivare, tanto che riuscì a raggiungere la sua casa e ipso facto Ha proceduto a nascondere il Dino nel garage.

Dino 246 GT distrutto all'asta da Silverstone Auctions
Questo Dino 246 pensava che il suo rifugio fosse sicuro... (Per gentile concessione di Silverstone Auctions)

Per evitare grossi problemi, il suo proprietario decise che l'auto sarebbe stata ben conservata per qualche tempo, e alla fine non la utilizzò più, come è stato scoperto dopo la sua recente morte.

In questo modo, quando l'auto fu rilasciata 39 anni dopo, aveva solo 13.932 miglia sul tabellone. La sua cattiva condizione è spiegata perché in un dato momento il tetto del garage è caduto E si potrebbe dire che questa Ferrari è stata praticamente allo scoperto per la maggior parte di tutti questi anni.

Come si vede, questa serie di disgrazie ha solo aumentato la valutazione dell'auto, e né le sue cattive condizioni né il fatto di avere il volante a destra sono stati sufficienti ad evitare una feroce gara per realizzarla.

Dino 246 GT distrutto all'asta da Silverstone Auctions
La casa d'aste ha venduto un altro Dino (Ferrari) in perfette condizioni (per gentile concessione di Silverstone Auctions)

PAZZO

Per puro caso, il prezzo più alto raggiunto da Silverstone Auctions in questa asta del 26 maggio è stato per un'altra Ferrari Dino; in questo caso si trattava di un'unità recentemente restaurata ad alto livello, che era anche l'auto che la Ferrari indossò al suo Earls Court Motor Show nel 1971. Con tutto questo pedigree è stata premiata per "solo" 250.700 sterline.

Certo, se lo confrontiamo con il prezzo/condizione dell'unità verde, potremmo quasi dire che quest'ultima è stata quasi un affare!

Cosa ne pensi?

Francisco Carrion

scritto da Francisco Carrion

Mi chiamo Francisco Carrión e sono nato a Ciudad Real nel 1988, un luogo che all'inizio non era simile alle auto d'epoca. Per fortuna mio nonno, dedito al settore automobilistico, aveva amici che possedevano auto d'epoca e partecipava al raduno annuale che si teneva (e continua a tenersi) nella mia città natale... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci