rally classico di spagna
in

Il 3000° Rally di Spagna Classic termina dopo XNUMX chilometri di percorso

TESTO E FOTO: RALLY CLASSICO DI SPAGNA

Dopo otto giorni di viaggio più di 3.000 chilometri di strade tortuose, goditi splendidi paesaggi, guida e competizione, le squadre partecipanti nella seconda edizione del Rally di Spagna Classic sono arrivati ​​a Madrid sabato scorso. Lì li attendeva un meritato riposo, ma prime due ciliegie per questa avventura sull'asfalto: godersi con le proprie vetture il circuito del Jarama Circuit in un tratto cronometrato finale e la cena di celebrazione finale proprio lì, sul circuito stesso.

Sabato 18 maggio, la carovana di auto d'epoca ha lasciato Oviedo per terminare una settimana dopo a Madrid, passando per Santander, Pamplona, ​​​​Aínsa, Tossa de Mar, Salou, Teruel e Cuenca. Ricorda che i veicoli partecipanti devono avere almeno 25 anni e in questa edizione troviamo modelli eccezionali, come Porsche 911, 964 e 944, Datsun 260Z, Toyota Celica, Alfa Romeo GTV, BMW M3 E30 o BMW 635 CSI. Davanti a loro troviamo modelli più umili che si sono opposti a loro, dimostrando che il team umano è di enorme importanza su base regolare. Tra questi c'erano, ad esempio, a Renault Fuego, un Maggiolino, diversi 127, Renault 5 e Ford Fiesta.

Rally di Spagna classico: 8 tappe diverse

Durante le otto tappe e gli oltre 3.000 chilometri il tempo è stato molto vario, così come i paesaggi. Dai Monti Cantabrici all'Altopiano il tour è passato attraverso i Pirenei e si sono anche goduti la spiaggia in Catalogna.

Cinque squadre hanno portato a casa il trofeo delle vincitrici di tappa, un rally molto serrato in cui infine ha prevalso la Toyota Celica di Florencio López e Mario Pérez. Sul secondo gradino del podio si è piazzata la Fiat Uno Turbo di Ricardo Ferrón e Luis Marín, a completare la foto con la terza classificata, la Ford Fiesta di Alejandro Temprano e Irene Fabra, vincitrice anche del trofeo per la prima pre -auto classificata 80. In questa categoria speciale per le auto anteriori al 1980, il secondo posto è andato alla Datsun 260Z di Chisco Benavente e Pilar Iglesias e il terzo alla Seat 127 di Óscar García e Víctor Chiquero.

Inoltre, l'organizzazione ha assegnato una serie di premi speciali alle donne partecipanti al rally ea due squadre, quella che comandava la Renault Fuego e la Datsun 260Z. per il suo spirito di miglioramento e per la sua simpatia durante tutto il rally nonostante i molteplici problemi meccanici che si sono trascinati durante molte tappe.

Lo scopo di preservare e divertirsi con le auto d'epoca trasmesso dal Rally di Spagna classico Non sarebbe possibile senza Bosch, main sponsor di questo test.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci