in

SEAT Familiares, ripercorriamo una storia in atto dal 1955

Da quando ha iniziato il suo viaggio con la 1400, la SEAT ha registrato un certo numero di versioni familiari - e persino di minivan - gestite direttamente o da officine di carrozzeria nel settore ausiliario. Ne facciamo una revisione generale.

I Famiglia SEDILE Sono stati, dal 1955, una costante nella storia del marchio, sia per loro iniziativa, imitazione di modelli italiani o creazione di alcuni carrozzieri locali. La sua storia è quindi una delle domande più interessanti quando si parla di versioni speciali - o almeno più rare - nella produzione di modelli da turismo come la 1400, la 124 o anche la Toledo.

Insomma, una panoplia dove troviamo prototipi, kit offerti all'estero e, ovviamente, bozzetti di modelli che poi non furono portati in serie. Allo stesso modo, pensando a mercato dei classici Queste versioni acquistano oggi un rinnovato interesse dovuto, principalmente, a due questioni.

Il primo è la sua più grande scarsità; Questa è una domanda davvero importante quando parliamo di originalità e, ovviamente, del valore dell'unità. E wow, il secondo è tuo maggiore abitabilità. Questa qualità è davvero importante se quello che stiamo cercando è un veicolo storico con cui possiamo divertirci con la famiglia andando ai raduni o facendo viaggi occasionali.

Sulla base di ciò, ripercorrere l'evoluzione della famiglia SEAT non solo ci fornisce indizi su alcuni dei progetti più interessanti e sconosciuti nella lunga vita del marchio, ma anche alcune idee su quanto sia conveniente, almeno da un punto di vista prospettiva di utilizzo non individuale, l'idea di far coprire un classico da una carrozzeria ranch o minivan.

FAMIGLIA SEAT 1400, TUTTO INIZIA NEL 1955

Dopo essere stata fondata nel maggio 1950, la SEAT iniziò a produrre la 1400 su licenza Fiat solo tre anni dopo. Particolarmente concentrato su a pubblico della classe benestante, questo ha soddisfatto anche le esigenze di tassisti, flotte di ambulanza e anche alcune società di consegna o di riparazione grazie ad una gamma molto ampia di carrozzerie realizzate dall'industria ausiliaria.

Così, nel 1955, l'officina Carrocerías Armengol iniziò la conversione della SEAT 1400 in varianti familiare e commerciale. Per quanto riguarda la seconda, questa ha eliminato le porte posteriori creando un ampio vano di carico a cui si accedeva tramite un cancello o due ante; una determinata variazione a seconda dell'unità poiché, dopotutto, nella maggior parte dei casi la produzione era quasi artigianale.

Rispetto al Familiar, la linea del tetto è rimasta dritta invece di inclinarsi alla ricerca di un terzo volume, creando così non solo un generoso accesso all'abitacolo dalla parte posteriore ma anche la possibilità di ritardare la posizione di seduta posteriore per accogliere i portapacchi centrali; appunto, l'elemento necessario nel caso in cui si vogliano includere più luoghi per presentare uno dei cosiddetti "taxi cittadino".

SEAT 600 MULTIPLE, LA VERSIONE MARSA

Per chi è più scrupoloso nell’uso di certi termini, eventualmente il concetto “familiare” basta andare, nella storia della SEAT, insieme alle carrozzerie station wagon a cinque porte. Tuttavia, nel nostro desiderio enciclopedico Abbiamo deciso di dedicare un ampio spazio a questo articolo cercando di proporre design di minivan come quello nel 600 multipli.

Né più né meno che un'interpretazione locale della Múltipla italiana fatta da Produzione Railly SA (MARSA). Presentato alla Fiera del 1956, questo modello era molto più vicino alla produzione di massa di quanto si possa pensare. Inoltre, il motivo principale per cui finalmente Non ha raggiunto la gamma SEAT Era il comportamento dello sterzo, estremamente impreciso a causa delle vibrazioni.

Tuttavia, MARSA decise di continuare il processo da solo, importando gli orientamenti più sicuri – e più costosi – della Fiat 1100. Naturalmente, la richiesta per queste creazioni era contenuta un sovrapprezzo elevato e, quindi, sono stati registrati solo una ventina di ordini. Abbastanza per dimostrare come, poco a poco, l'industria ausiliaria creata attorno alla SEAT abbia osato creare modelli più specifici.

1965, UN PASSO AVANTI CON LA 1500

Dopo aver sostituito il 1400C per la 1500 del 1963, la nuova berlina SEAT su licenza Fiat dovette attendere due anni per avere in gamma una versione familiare in linea con quanto avvenuto con altri modelli di Fascia medio-alta europea, che normalmente incorporava la carrozzeria station wagon a cinque porte, soddisfacendo così le esigenze delle famiglie benestanti durante i loro lunghi viaggi di vacanza.

Allo stesso modo, il suo aspetto era lo stesso del furgone, che ripeteva lo schema delle due porte e del rivestimento - in quelle che sarebbero state le finestre del modello familiare - per ospitare un grande spazio di carico; ovviamente molto utile quando si tratta di versioni ambulanza o di versioni dedicate al supporto tecnico come, del resto, utilizzava la stessa SEAT.

124 5P, QUANDO IL MEMBRO DELLA FAMIGLIA SI CHIAMA CINQUE PORTE

A metà degli anni Sessanta la gamma SEAT era seriamente polarizzata con le popolari 600 e 850 rispetto alla molto più esclusiva 1500. Per questo motivo, Nel 1968 venne lanciata la 124 come opzione intermedia che, inoltre, si accompagnava alla crescita delle classi medie urbane del paese.

Con tutto ciò, un anno dopo apparve la versione 5P, che allo stesso tempo alzò un po' l'altezza del tetto ampliato la capacità del serbatoio di carburante a 47 litri e ha adattato l'asse posteriore per evitare le conseguenze esercitate su di esso da vari carichi pesanti. Ad alcuni piacciono gli strumenti medici di un'ambulanza, perché a questo scopo erano destinati non pochi 124 5P.

Naturalmente, insieme a loro, ha attirato l'attenzione il loro ampio utilizzo da parte della Guardia Civil, disponendo finalmente di un modello veloce - confrontiamolo con il resto della produzione nazionale - perfetto per pattugliare in modo efficace sulle sempre più comuni superstrade costruite tra i capoluoghi di provincia spagnoli.

DAL 1430 AL PROGETTO MÁLAGA

Come già successo con il 124, anche il 1430 ebbe una versione 5P o Family davvero interessante visto l'incremento prestazionale del modello rispetto a quanto presentato da quello da cui era basato. Allo stesso modo, nel 1974 fu lanciata una variante station wagon della 1430 Especial. con motore 1600. A nostro avviso l’opzione più “Sporttra le SEAT della famiglia grazie ai suoi 95 CV a 6.000 giri per poco più di una tonnellata.

Parallelamente a ciò, la gamma della 132 lanciata nel 1973 non aveva altro che carrozzerie berlina e, effettuando una ricerca, siamo riusciti a trovare alcune immagini di pessima qualità che, presumibilmente, illustrare il progetto di una versione familiare per questa vettura di rappresentanza destinata a sostituire la vecchia 1500.

Naturalmente, la 131 del 1975 portò con sé opzioni di carrozzeria di tipo familiare che, allo stesso tempo, finirono per acquisire il bel nome di Panorama; all'epoca, lo stesso utilizzato dalla Fiat nelle sue unità per il mercato italiano. Allo stesso modo, la comparsa di Málaga, appena un decennio più tardi, ne avrebbe presentato una versione ranchero si conservano alcuni schizzi dall'uomo che sarebbe diventato per diversi anni il capo progettista della SEAT: Giorgetto Giugiaro. Sfortunatamente non è arrivato alla serie.

EMELBA E IL TENTATIVO DI REALIZZARE NUOVE SEDUTE FAMILIARI

Situata nella provincia di Girona, l'officina di carrozzeria di emelba realizzato vari lavori basati su Talbot, Peugeot, Citroën e soprattutto SEAT durante i suoi otto anni di attività. In questo senso, utilizzando l'Ibiza di prima generazione ideato un minivan - torniamo a quanto spiegato in precedenza in base al "Manica larga" qui logora per parlare di parenti - si chiama Emelba 7.

Con il passo allungato e le porte scorrevoli, la verità è che non si trattava di un esercizio di stile di altissimo livello; Tuttavia rispettava correttamente le coordinate di un segmento che, recentemente lanciato in Europa dalla Renault Espace del 1984, stava ancora muovendo i primi passi. Emelba molto innovativa, senza dubbio.

Inoltre, ha fatto lo stesso con la Ronda e da questo turismo ha addirittura ricavato un camper con spazio per il letto sospeso sul tetto della cabina per conducente e passeggero. Comunque, erano gli anni Ottanta e il Ingresso della Spagna nella Comunità Economica Europea i tassi di consumo e la pratica del turismo interno salirono ulteriormente alle stelle.

ANNI DI DECLINO PER I POSTI FAMILIARI

Dopo aver cominciato a dipendere dalla Volkswagen, la SEAT ha iniziato un lungo viaggio attraverso il deserto per quanto riguarda le sue versioni familiari. In effetti lo era fino a quattordici anni senza offrirne alcuno nella sua gamma, avendo anche modelli adatti come la Toledo del 1991.

In ogni caso, la società tedesca Bieber Cabriolet GmbH ha lanciato per circa 350.000 pesetas - al cambio dei marchi tedeschi, poiché non era commercializzata in Spagna - un kit attraverso il quale la Toledo I ha trasformato la sua carrozzeria da berlina in una di famiglia; tra l'altro, così ben risolta che potrebbe benissimo passare per una creazione seriale della SEAT. Aveva anche un nome accattivante: Vario.

Successivamente, l'arrivo della Toledo II nel 1998 contemplava la possibilità di una variante familiare come testimoniato dal prototipo attualmente conservato sulla nave A-122 delle SEDI Storiche. Tuttavia, finalmente, la Córdoba del 1993, quattro anni dopo il suo lancio, recupera l'opzione ranch nella gamma del marchio, presentando una versione curiosamente chiamata Vario di cui quello equipaggiato con il 1.9 Tdi divenne il più potente fino a 110 CV.

Infine, nel 1996, appena un anno prima della comparsa del Córdoba Vario, SEAT aggiunse alla sua gamma un'opzione minivan grazie all'Alhambra. E bene, C'è anche il membro della famiglia Exeo ma questo è già troppo moderno per una rivista incentrata sui veicoli storici. In ogni caso, le SEAT familiari rappresentano, senza dubbio, un'opzione molto interessante per ogni appassionato di auto. "classico quotidiano". Tienilo a mente.

Immagini: SEAT storiche

Cosa ne pensi?

foto dell'avatar

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

60.2kFan
2.1kSeguaci
3.4kSeguaci
3.8kSeguaci