127 sede
in

Mi piaceMi piace SorpresoSorpreso LOLLOL Ma cosa??Ma cosa??

Seat 127 Vs. Ibiza FR: Disgustosamente buono

In realtà, disgustosamente fottutamente fantastico. Così lo definisce il suo proprietario. E l'abbiamo visto salire come un razzo sui passi di montagna. Cosa avrà 127? Lo confrontiamo con un attuale Ibiza FR per cercare di scoprirlo ...

TESTO COMPARATIVO POSTO 127: JAVIER MARTÍN / FOTO: LA ESCUDERÍA

È sempre stato detto così la renault 5 È stata un'auto rivoluzionaria che ha segnato un prima e un dopo nel mercato. Ed è vero sotto molti aspetti, beh moltitudine di soluzioni e proposte sono ancora utilizzate oggi; si sono evoluti e adattati, ma nessuno contesta l'origine. Cose come i paraurti in poliestere, la tavolozza dei colori, la gamma offerta ... 

Il numero 5 è speciale per il segmento utility e per la stessa Renault, che lo sta recuperando per rafforzare il suo futuro elettrico. Ma nonostante, ci sono novità che non sono riconducibili alla R5, ma alla FIAT 127. Un'auto che è arrivata sul mercato un anno prima della francese "diventata" SEAT nel 1972, e non solo è diventata SEAT, poiché come la 124 è stata prodotta in diversi paesi su licenza, come la Polonia (Polski -FIAT 127) o Brasile (FIAT 147). 

127 sede

Quando la 127 fu messa in servizio, gli italiani volevano colmare il vuoto nella FIAT 850. Come previsto, il cambiamento è stato totalmente drastico. Era così radicalmente opposto e moderno che è stato un successo fin dall'inizio. Per capire l'importanza della 127, anche se è una FIAT e pochi ne vogliono sapere per via del marchio, basta confrontarla con la "otto e mezzo": Motore anteriore trasversale e trazione anteriore, un design molto vicino a quello che si intende oggi per utility. Abitacolo straordinariamente spazioso per le sue dimensioni e tenuta di strada che ancora oggi attira l'attenzione. 

Ci sono cose in cui ha vinto il modello francese, come offrire una gamma sfacciatamente giovanile. o nell'inclusione di paraurti "plastica". Una soluzione che FIAT non utilizzò fino all'arrivo della terza generazione della 127, la Fura in Spagna (nel segmento B, ovviamente). Dettagli che gli davano un'aria più moderna ma che non compensavano la differenza di comportamento dinamico o di utilizzo dell'abitacolo.

Evoluzione costante: dalla Seat 127 all'infinito

Con le auto di oggi è quasi impossibile fare un salto evolutivo così notevole. L'unica cosa che potrebbe rompere tutti gli schemi è che la tecnologia elettrica è equiparata, in tutto, alla combustione interna e per questo c'è ancora del lavoro da fare. E quando sarà raggiunto, l'impatto non sarà così grande perché ci saremo già abituati all'elettrificazione e l'avremo vista evolversi. 

In effetti, le persone non si accorgono nemmeno dell'evoluzione subita dalle auto. Si è passati dall'avere auto con lettore CD, che alla fine finisce sempre per cambiare, ad auto che non hanno nemmeno i pulsanti e tutto è gestito da un'unica schermata. Anche dal cellulare, che pure ha subito una brutale evoluzione. Ma è curioso vedere come la gente nota e apprezza il cambiamento nella telefonia mentre lo stesso non accade con le auto. Inoltre, la cosa normale è che tutti si lamentano dei prezzi senza guardare altro, ma pagano più di 1.000 euro per l'ultimo "smartphone" e lo giustificano. 

SEAT Ibiza FR 1.5 EVO DSG-7

Quei prezzi alti, perché sono senza dubbio, non sono un capriccio. E indipendentemente da ciò che alcune persone dicono o pensano, i marchi calcolano e valutano molto attentamente. Un tasso sbagliato può portare a enormi perdite, sia per eccesso che per difetto. Un prezzo alto è altrettanto negativo di un prezzo basso. Devi pagare le spese e guadagnare soldi: se il prezzo è alto, non si vende abbastanza; se è basso, non guadagni quello che ti serve. 

Per comprendere il cambiamento subito dall'auto, colpevole di prezzi più alti che mai, è necessario passare attraverso un confronto traumatico come quello che abbiamo vissuto di recente. Siamo stati in grado di mettere a confronto una SEAT Ibiza FR 1.5 EVO DSG-7 e una SEAT 127 di seconda generazione. E siamo stati colti da uno shock notevole. È un'esperienza che tutti gli utenti dovrebbero vivere per apprezzare come ci si sente e per capire come circolava e come veniva percorsa decenni fa. È stata una differenza molto più notevole di quando potevamo confronta la Peugeot 405 Mi16 con la Peugeot 508 GT Hybrid

Insomma, abbiamo potuto affrontare un'auto del 1977 e un'altra del 2021. Ebbene, in realtà l'Ibiza che la stessa SEAT ci ha prestato è “pre-restyling”. Il brand ha presentato un restyling e un aggiornamento della sua utility, che sarà presto messa in circolazione. Anche se non intacca il confronto con il suo predecessore, che presto compirà 50 anni: la SEAT 127 compirà il suo compleanno nel 2022. 

Un cambiamento traumatico

Sono andato all'appuntamento con il "bis-bisnonno" un venerdì mattina (se siamo fedeli al 100% alla genealogia, il nonno dell'Ibiza è il Fura, terza generazione della 127). Eravamo comodamente seduti, ascoltando musica, senza prestare la minima attenzione al cambio (era un automatico a doppia frizione).Con l'aria condizionata che rinfresca l'abitacolo di un'Ibiza di ultima generazione. Niente ci ha fatto presagire quanto ci sarebbe mancato questo elemento. 

Una volta con lui "ventisette" davanti, siamo rimasti sorpresi dal fatto che avesse un colore simile all'Ibiza e ... questa macchina era davvero così piccola? La mente ci inganna totalmente e non ce la ricordavamo così piccola. Non avevamo nemmeno iniziato a confrontare le auto e l'evoluzione ci stava già colpendo. Il design, una cosa delle mode e dei tempi, è radicalmente diverso. Qualcosa, invece, di assolutamente normale e, a dirla tutta, di un'importanza un po' secondaria. Ma nonostante, il rumore del motore e anche l'odore dell'abitacolo ti riportano indietro in un'altra epoca. La “nostra” SEAT 127 profumava come la 1430 di mio nonno e il suono, senza filtri (non c'è catalizzatore o filtro antiparticolato, che non avevano nemmeno immaginato) mi ha riportato all'infanzia. 

Ci sono alcune cose da commentare, come lo stato della SEAT 127. Non è stato completamente restaurato e presenta alcune piccole cose dovute all'età e alla manutenzione. Viene utilizzato anche per i rally classici e monta i supporti per gli strumenti di misura. Il rivestimento dei sedili non è l'originale, sebbene sia in condizioni eccezionali. Per il resto, tutto d'origine. 

Chiarito questo, proseguiamo. Il semplice atto di sedersi al 127 dopo essere scesi dall'Ibiza è, come abbiamo detto, uno shock. I sedili Ibiza sono spettacolari, sia per design che per tappezzeria. L'evoluzione è così grande che è difficile capire come potessero viaggiare prima in quei posti. La stessa identica cosa accade con la posizione di guida, il cambiamento è così grande che richiede un po' di tempo per adattarsi se non hai mai guidato una macchina del genere prima. 

Uno dei migliori in termini di comportamento dinamico: Seat 127

Tutto ciò che è stato detto, la posizione al volante, i sedili, persino il design degli elementi che modellano l'abitacolo e le sue dotazioni, sono cose il cui sviluppo comporta un'enorme quantità di denaro. Contribuisce inoltre alla crescente disponibilità di attrezzature migliori, spesso di serie. Comparativamente, l'interno della "ventisette" sembra essere vuoto e quello dell'Ibiza affollato di cose.

Se andiamo nella sezione sicurezza, è persino spaventoso. Non esiste una struttura ammortizzante, nessun servofreno, nessun servosterzo e tanto meno ABS o pretensionatori della cintura. Inoltre, allacciare la cintura di sicurezza non ti dà alcun senso di sicurezza. L'impressione è di utilizzare un autentico "corrimano". Visto dalla nostra prospettiva attuale, rende le "gite in spiaggia" delle vere imprese.. Come sarebbero in a SEDE 600

Così, Non sorprende che una volta che la SEAT 127 è in corso, sorprenda in meglio.. È vero che la direzione non è così precisa come lo è ora. Che l'assenza di assistenza rende obbligatorie le manovre da fermo e che, inoltre, è necessario spostarsi sul sedile per lavorare l'intera corona del volante. È anche vero che i pedali sono molto ravvicinati e che il cambio ha corse travolgenti (e una sensazione che fa dubitare di aver cambiato continuamente marcia). Ma come si muove bene questo tenero vecchio!

Quando la 127 iniziò a sfilare per le strade europee era considerata una delle migliori dell'epoca per prestazioni e comportamento dinamico. Tratto che oggi, a distanza di 50 anni, permette di muoversi con grande disinvoltura nel traffico attuale. Tranne che la mia testa stava sfiorando il soffitto e la posizione del volante, finisci per guidare allo stesso ritmo del resto delle auto quasi senza accorgertene

Ci sono cose che obbligano a un "cambio di chip". Non c'è da stupirsi che la SEAT 127 abbia circa 50 anni. Così, ad esempio, se freni con gli stessi riferimenti di un'auto moderna, ti ritroverai a trattenere il fiato, a premere il pedale con tutte le tue forze e ad aspettare un enorme "Crash" a volte. Bisogna anticipare, frenare presto e spingere, anche se meno del previsto. Se ti aiuti anche tu con il cambiamento, molto meglio. 

127 sede

Le curve sono altrettanto delicate provenienti da un'auto moderna, se si vuole affrontarle con un buon ritmo.. E non è un problema di stabilità: il limite è notevolmente alto per quello che mi aspettavo all'inizio. Il problema deriva dalle forme strane del sedile (non reggono nulla e lo schienale è molto, diciamo così, strano, ci si affonda), l'assenza di un decente poggiapiedi sinistro e un volante orribile, più tipico posizione di un camion. O per dirla in altro modo, ti ritrovi a percorrere una curva a una velocità apparentemente demoniaca, con il tuo corpo inclinato verso l'interno della curva, lavorando il volante come meglio puoi e pensando "Ci ammazzeremo!" Insomma, è emozionante.

Ovviamente, una volta cambiato il chip, le cose non sono così drammatiche. Infatti, una volta che ti adatti alle peculiarità della SEAT 127 diventi uno del traffico. Ci vuole più lavoro che con l'Ibiza, hai un sacco di calore (che grande invenzione, l'aria condizionata!). E tu non sei così a tuo agio, ma non sei un ostacolo per gli altri, hai lo stesso ritmo degli altri. La cosa migliore è il torrente di sensazioni che arrivano da tutte le parti potersi divertire anche sui tratti sinuosi. L'auto non perde la sua compostezza, regge molto più a lungo di quanto sembri e sai in ogni momento dove sono i limiti. Non sei isolato dall'esterno come in un'auto attuale, e questo è apprezzato. 

Mettersi ai comandi dell'Ibiza dopo essere scesi dalla 127 permette indubbiamente di vivere in prima persona l'evoluzione subita dall'auto. Ci sono fan che, non importa cos'altro, chiameranno qualsiasi auto moderna una lavatrice. Ma siamo semplicemente di fronte a una percezione e un'opinione molto personali. È vero che le sensazioni in un'auto moderna sono molto filtrate, ma l'evoluzione che esiste tra Ibiza e 127 è semplicemente brutale. Design, materiali, ergonomia, attrezzature, tecnologia, motori... 

Con la SEAT Ibiza, che ha raggiunto le dimensioni delle compatte nei primi anni '90 (misura 4.059 millimetri di lunghezza mentre, ad esempio, una Golf III ne misurava 4.020, e anche questa è più stretta), tutto è più facile e veloce. Il motore dell'unità fornita da SEAT, con 150 CV, ha bisogno solo di un centimetro di acceleratore per lasciare indietro la 127 in ogni circostanza. E le curve possono essere così veloci da farti rizzare i capelli. Inoltre, lo fa con una semplicità ancora più spaventosa, perché non ti rendi conto della velocità reale con cui stai guidando. 

SEAT Ibiza FR 1.5 EVO DSG-7

La SEAT Ibiza FR 1.5 EVO DSG-7 è una grande macchina, nessuno ne dubita. Sì, va bene, è una "lavatrice", ma dammi questa lavatrice per tutti i giorni e anche per disperderla sulla strada di montagna. E il 127 per goderti davvero camminare e guidare di tanto in tanto e senza altro obiettivo che guidare, come si faceva in passato (e per puro vizio). 

Possa questa avventura servire come omaggio per i 50 anni della FIAT 127. Abbiamo un'altra festa preparata per il "nostro" 127 ... 😉

Epilogo: Le impressioni del suo proprietario (Antonio Silva)...

«La prima volta che l'ho vista, sembrava un'auto vecchia e schifosa... ricordo che aveva l'erba naturale nel secchio della presa d'aria del cofano. Era cresciuto lì da quando era in piedi. Ma erano i primi anni Novanta, e l'auto era un "regalo" (abbastanza avvelenato): "Figlio, paga solo le cifre che sono dovute ed è tuo". Paga più di 35.000 pesetas di numeri, circa 200 euro attuali; Erano dovute 4 o 5 tasse.

L'auto si è avviata non appena ho ricevuto la batteria, sì. All'inizio mi stava portando al college, o stavo per trovare la mia ragazza in quel momento. A poco a poco stava dimostrando il suo potenziale come macchina per l'apprendimento della meccanica piuttosto che come mezzo di trasporto. Freni, regolazione dischi, cambio candele, oli. Un giorno dopo due anni la frizione si spense; Con le finanze malconce di uno studente universitario e con l'aiuto occasionale di mio padre, sono riuscito a sistemare anche questo.

127 sede

Il tempo passava e quella macchina disgustosa cominciava ad essere accettabile. In realtà il bozzolo consumava più petrolio che benzina, con un litro ogni 300 chilometri circa. Ho deciso che era ora di comprare una BMW ma, dato che le mie finanze non erano sufficienti e avevo una famiglia nella meccanica, abbiamo deciso di costruirci il motore. E così questa macchina accettabile è diventata un'auto accettabile che camminava molto e spendeva poco. Sembrava ancora certamente disgustoso, sbiadito, sbiadito quando pioveva (lo giuro), e i sedili parzialmente rotti hanno strappato i pantaloni dei miei amici. Ma ha funzionato ed è stato fedele.

Quella macchina raccapricciante ha visto molte cose, molte. Normale per un ragazzo di 20-24 anni, se parlassi oggi arrossirei. Ho portato Cáceres al Mulino, e poi a Pardo. Finalmente gli anni sono passati e la mia situazione personale è migliorata molto, e con essa l'importantissima economia. Così alla fine degli anni '90 ha smesso di servirmi, dopo quasi 7 anni senza mai abbandonarmi e avermi regalato 1001 avventure.

127 sede

La 127 è rimasta parcheggiata per alcuni anni all'aperto in un'area privata. Un bel giorno ho deciso di lasciarlo come meritava: ho ripulito il marciume che cominciava ad avere, ho cambiato gli ammortizzatori, pulito il serbatoio, l'ho verniciato in modo professionale. È stato rifoderato, i sedili imbottiti sono stati cambiati e l'ho tenuto in un magazzino. Da allora non ci saranno più di 5.000 km, e questo perché ho corso un rally di regolarità, diventando campione Clarita della sua categoria.

Non lo uso affatto al momento; Anni fa l'ho messo in vendita per l'hobby (e l'amore) che avevo per questo. E avendolo venduto l'ho rotto e perdonato. Non so perché, fatto sta che è una macchina disgustosa...

Sporco esilarante!!"

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci