adrian campo
in

Retromóvil renderà omaggio ad Adrián Campos

Il salone di Madrid, che si terrà dal 26 al 28 novembre all'IFEMA, riconoscerà l'eredità del pilota spagnolo attraverso una mostra monografica. Ed è principalmente a questo uomo poliedrico che dobbiamo l'attuale trampolino di lancio affinché il talento spagnolo possa rafforzarsi e saltare verso la celebrità automobilistica.

Non solo quello. Adrián Campos (Alzira, 1960-2021) è stato uno dei primi piloti spagnoli a correre in Formula 1, dopo Álex Soler Roig e Fon de Portago. Tuttavia, prima e dopo questo ha fatto cose davvero interessanti: Ad esempio, grazie al sostegno della famiglia, ha fondato uno dei primi team nazionali di Formula 3, ed è stata anche una delle grandi attrazioni del Campionato Turismo Spagnolo (CET) che ci manca tanto.

La gara Adrian Campos Sembra che abbia iniziato ai comandi - mai meglio dire - delle auto radiocomandate, diventando Campione di Spagna nel 1980. Non ci volle molto per fare il salto alla formula nazionale per eccellenza, la 1430, dove pilotò una Selex fino al 1982. Forse è il momento di ricordare che questa competizione era un nido di alchimisti la cui creatività era responsabile di incredibili auto nazionali. E, naturalmente, era una cava per tutti quei giovani e meno giovani che volevano dedicarsi alle corse automobilistiche.

adrian campos avidesa

Il rapporto di Campos con Selex lo portò a conoscere il progetto ST9, una vettura con cui il costruttore Miquel Molons, il pilota Manuel Valls e l'ingegnere Francisco Guitart progettavano non solo di correre con la F1430, ma di sfondare nuovamente in Formula 3. La vettura aveva una particolarità: il suo marchio sarebbe quello del suo main sponsor. Adrian Campos, valenciano sempre attaccato alla sua terra e appartenente a una famiglia di industriali dediti all'allevamento di pollame e ai suoi derivati, Ha legato i puntini e così è nata Avidesa 383.

Adrian Campos: continuità in F3

Questa avventura, sebbene altamente istruttiva, non si è concretizzata. Nel 1983 si disputarono alcune gare, ma con discreti risultati. Tuttavia, è stata probabilmente la fucina in cui ha finito di definirsi carattere sempre perseverante di fronte alle avversità di Campos, e in cui si rendeva conto del ruolo insostituibile di dirigenti e capi squadra, al quale probabilmente fino a quel momento non aveva dato adeguata importanza.

Tuttavia, Avidesa è servita affinché il nostro protagonista è stato guardato da Volkswagen, era a caccia di nuovi piloti per le sue F3. Passò così ai comandi di una Ralt, una moto molto più capace in cui ha potuto dimostrare le sue capacità arrivando terzo nel campionato 1985. Adrián Campos, con la sua determinazione, stava già facendo la storia nella sua ascesa nella classe regina . Nel 1986 passò alla Formula 3000, sostituto della stravagante F2 e preludio del Grande Circo.

IL SOGNO DEL GRANDE CIRCO

Quello stesso anno aveva un piede dentro grazie ai test che stava facendo per la Tyrrel. Era il 1987 quando Minardi si rese conto che era l'uomo che stava cercando. Aveva infatti un debole per l'iberico, visto che un anno dopo firmò anche lo spagnolo Luis Pérez-Sala. Il pelle di toro era tornato in Formula 1, e con essa la prima squadra guidata interamente da spagnoli. I due hanno fatto tutto ciò che era in loro potere, ma la mancanza di budget e la delicatezza delle vetture del team italiano hanno portato alla loro partenza in una sola stagione. Adrián Campos ha eseguito la sua migliore prestazione a Jarama.

Da qui in poi, sembrava che la sua fiamma si spegnesse. Niente è più lontano dalla realtà: Dopo il pilota nascevano l'allenatore, il manager, l'imprenditore e il costruttore. Il suo obiettivo finale è sempre stato quello di avere il suo team di Formula 1 da guidare. Questo era l'obiettivo nel 1992 del progetto del team Bravo F1, il primo tentativo che non andò a buon fine.

Nel frattempo, Campos non ha smesso di correre. Come rifiutare le offerte di Fiat e Alfa per partecipare al Campionato Turismo Spagnolo nel 1994? Ricordiamo che questa era l'età d'oro del CET, con Dorna che promuove fortemente, con una presenza ufficiale e tecnologia e piloti di alto livello. Il valenciano è stato campione nel 1994 con il marchio milanese e una delle sue stelle durante il resto della sua esibizione lì. Nel 1997 arrivò la 24 Ore di Le Mans a bordo di una Ferrari 333SP, alla quale purtroppo poté partecipare solo alle eliminatorie. Per quanto incredibile possa sembrare, sembra che i problemi di coordinazione ai box abbiano causato l'esaurimento della benzina.

LA SCALA DI ADRIÁN CAMPOS

A questo punto il nostro pilota valenciano ha deciso di passare definitivamente dall'altra parte. Nello stesso 1997 ha fondato Adrián Campos Motorsport, che sarebbe poi diventato quello che è oggi, Campos Racing. Questa azienda con sede nella sua nativa Alzira ha da allora due obiettivi: diventare il miglior vivaio pilota e continuare a perseguire il sogno del Grande Circo.

Per quanto riguarda il primo, ha più che rispettato. Per mostrare due pulsanti: Adrian Campos È stato fondamentale per promuovere Fernando Alonso e Marc Gené in F1. Ebbene, non dimentichiamo Álex Palou, recente vincitore della Indy Car. E lui meglio di chiunque altro conosceva la necessità di ideare una piattaforma che, come una scala, collegasse il talento spagnolo con il miglior motorsport internazionale attraverso la partecipazione attiva con il proprio team al categorie inferiori. Lo ha fatto e abbiamo avuto il nostro campione del mondo.

Quanto a quest'ultimo, nel 2010 stava per raggiungere il suo obiettivo di brillare nella classe regina come promotore del team Campos Grand Prix, ma è stato costretto a dissociarsi a causa di disaccordi con José Ramón Carabante, un altro dei capi di l'avventura che finalmente si concretizzò con il nome Hispania-HRT. Devi essere fedele ai tuoi principi, anche se questo significa aspettare il prossimo treno.

Ciò non è avvenuto fino alla fine del 2019, quando sia Campos che la FOM hanno confermato di aver raggiunto un accordo per entrare nel campionato secondo il nuovo regolamento. La pandemia ha fatto vacillare nuovamente il progetto e attualmente è Salvatore Gandolfo, il suo compagno, che sta cercando di realizzarlo. Ed è che, anche se non c'è più, la sua eredità è più presente che mai.

SABATO 27, COLLOQUIO-COLLOQUIO E TRIBUTO

Ecco perché Retromóvil Madrid celebrerà la figura di Adrián Campos attraverso uno spazio monografico in cui saranno esposte alcune delle loro auto e automobilia, e in cui la sua famiglia ci renderà partecipi di una vita che è stata senza dubbio degna di essere vissuta. Il culmine di questo tributo avrà luogo sabato 27 alle 12:30, quando si terrà un talk-colloquium al Motor Events Forum, a cui parteciperanno piloti e amici che con lui hanno condiviso esperienze e "pista". Al termine della manifestazione verrà consegnata ai propri familiari una targa a ricordo dell'evento. 

Cosa ne pensi?

La Scuderia

scritto da La Scuderia

'La Escudería' è la prima rivista digitale ispanica dedicata ai veicoli d'epoca. Diamo tutti i tipi di macchinari che si muovono da soli: dalle auto ai trattori, dalle moto agli autobus e ai camion, preferibilmente alimentati da combustibili fossili...

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci