in

Retromobile Parigi: Cronaca

FOTO RETROMOBILE PARIGI 2020: UNAI ONA

Per molti specialisti Retromobile Parigi È il riferimento quando si parla di classici di alta classe. Ed è sicuramente vero. Perché sebbene il livello di Essen essere davvero in alto, la passione dei fan contagiosa in Padova e un suono davvero coinvolgente quando guardi le auto sportive che rotolano lungo la pista Goodwood… La verità è in Retromobile Paris ci sono sempre diverse macchine, molti dei quali pezzi unici.

In questo senso, riassumendo quello che si vede c'è una sfida anche per il copywriter più utilizzato nello stile telegrafico. Per questo motivo crediamo che sia meglio partire dall'alto e, da lì, scendere. Quindi la scelta è davvero complicata, quindi useremo l'istinto personale piuttosto che la logica industriale. La nostra scelta è la Ferrari 412T2 con numero di telaio #157 ...

Come mai? Bene, chiunque segua i post di La Scuderia Sai già che da queste parti siamo dei mitomani. E alla fine della giornata questa macchina È la prima Ferrari guidata da Michael Schumacher. Protagonista di una mattinata epica sulla pista di Fiorano, dove si sono recati più di 2.000 Tifosi per vedere le abilità al volante di quello che sarebbe stato il nuovo eroe della Scuderia dopo la brusca partenza dalla Benetton.

Il tedesco aveva solo 26 anni, ma l'amore tra tifosi, squadra e pilota è stato immediato dopo solo sette giri di esibizione. Iniziano subito i test con la F310 per la stagione 1996. Un anno difficile per la Scuderia, ma grazie a quella mattinata inaugurale con la 412T2 della stagione precedente, fu l'inizio dei grandi tempi che tutti ricordiamo. Ad ogni modo, potresti dire che questa non è pura storia del motorsport?

Una storia messa all'asta dai londinesi Girardo & Co per... Che importa? Con una tale narrativa alle spalle è di pessimo gusto parlare di soldi. Certo, ciò che è chiaro è che nella Retromobile Paris le operazioni bancarie sono state consistenti, evidenziando i lotti portati da Artcurial, Bonhams e RM Sotheby's.

LE PREVISTE ASTE DI RETROMOBILE DI PARIGI

La casa francese Artcurial si è presentata con un ampio catalogo dove una Ferrari 275GTB si è distinta con un pedigree in più di 40 gare internazionali dell'epoca. Ma la cosa più sorprendente è stata la spettacolare Mercedes-Benz 710SS Sport Tourer di 1929. Padre del leggendario sportivo SSK, il suo motore a sei cilindri in linea da 7 litri sviluppa una grande forza montata su un telaio relativamente corto per un modello del genere all'epoca.

Mercedes 710 SS. Foto: Artcurial

Un gioiello dell'ingegneria tedesca. A proposito, la cosa delle SS non ha niente a che fare con... Sai. Quelli salirono al potere quattro anni dopo. La casa di RM Sotheby's è arrivata a Retromobile Paris con un altro museo su ruote, all'interno del quale evidenzieremo una di quelle auto a cui pochi appassionati possono opporsi: la Jaguar D-Type. In particolare il numero 17 nella sua linea di produzione.

E già nella farina della passione, è il momento di evidenziare l'asta di un veicolo che suscita passioni da queste parti. Ed è che Bonhams ha scelto un Pegaso Z-102 cabriolet del 1953 per l'asta di ieri.

retromobile parigi 2020
In attesa dell'asta di giovedì. Pegaso Z-102

Este "pegasin”Organizzato da ENASA montare un motore da 2'8 litri, uno di quelli che erano già più potenti rispetto ai primi due litri e mezzo, anche se inferiore ai 3,2 che avevano a fine decennio. La stima è di circa un milione di euro, ed è stata finalmente venduta per 713.000.

FESTE FRANCESI: RENAULT E CITROËN

Nel nostro pensiero lubrico di Meseteño di provincia, a "festa francese" Ci sembra un raduno di campagna con formaggi, vini, rematori ubriachi e due bionde incapaci. Fortunatamente, la realtà non smette di prendersi ogni giorno la ragione, quindi la partecipazione di gala più eccezionale a Retromobile Paris è stata limitata agli spazi di Renault e Citroën. Il marchio Chevron sta ancora digerendo i postumi del centenario dello scorso 2019. Tuttavia, questo 2020 si è lanciato nella commemorazione 50 anni della G.S.

Concepita come una versione accessibile delle anticipazioni di fascia alta presentate nella Tiburon, questa berlina di classe media è ancora una delle grandi icone del marchio. Ovviamente per la sua magica sospensione idropneumatica in grado di farlo rotolare su solo tre ruote, ma anche per aver segnato la strada verso il segmento delle berline medie. Tanto da ricordare i suoi motori a cilindri contrapposti famosi per la loro scorrevolezza e affidabilità.

Per quanto riguarda la Renault... Dobbiamo andare per parti. Guardando il campione dalla fredda razionalità del caporedattore, la cosa più notevole è un Serbatoio Renault-Riffard del 1956, messo all'asta da Artcurial. Un'interessante composta di componenti di marca, avendo preso il suo asse posteriore da una station wagon Juvaquatre e il suo motore da un popolare 4 CV. Il risultato è questa piccola auto sportiva da corsa, dotata di a studio aerodinamico geometrico e primitivo. Per quanto arrapato sia uscito dalla mente di un designer del Bauhaus.

Ora, guardando la selezione Renault per questa Retromobile Paris dal lato più personale ... Certo, adoriamo il Renault Fuego Turbo modello nordamericano del 1980. Molto anni ottanta questa vettura sportiva con adesivi Turbo sulle fiancate. Come dice una canzone della sua rivale Ford Capri "Gli idoli del quartiere lo portavano." Comprendendo in questo caso la parola idolo sinonimo di tosto. Il fascino sobrio delle periferie, lo sai. Cose di nostra "Un pensiero lubrico a un Meseteño di provincia."

TORNA CON LA LINEA DRITTA: BERTONE SAMPLE

Ora Bertone fa parte della FIAT, realizzata nel 2009 con i suoi stabilimenti a Grugliasco. Tuttavia, dal 1912 questo bodybuilder italiano è stato responsabile di molti progetti innovativi. Inoltre, per noi Bertone è stato il perfetto complemento di Zagato. E sì, calma che spiegheremo questa teoria proprio ora. Tanto per cominciare, riconosceremo che, secondo il criterio che colpisce i tasti con cui scrivi ciò che stai leggendo, il designer italiano di riferimento è Pininfarina.

Modello, proporzionato, intelligente... Le sue matite hanno quasi sempre fatto centro. Ma, tuttavia, questo è il suo principale difetto. Come mai? Ebbene, perché, di tanto in tanto, un ripugnante stonato fa sempre bene. Qualcosa in cui sia Bertone che Zagato si muovono molto bene. Certo, mentre il secondo lo fa attraverso linee curve e muscolose come i suoi tetti di "Doppia bolla"… Il primo è stato più propenso a farlo attraverso ardite geometrie lineari.

A dimostrarlo, una curiosa selezione di 10 prototipi Bertone si è radunata a Retromobile Paris. Un idillio cubista dove perdersi tra gli angoli di modelle come la Chevrolet ramarro, la Ferrari Arcobaleno o Citroën zabrus. Al di là di questa triade, c'è un modello specifico che sta creando un po' di confusione: il Volvo tundra. Ed è che, visto senza conoscere la sua storia, sembra essere totalmente il prototipo della Citroën BX. E beh, in effetti lo era, ma andiamo per gradi.

retromobile parigi 2020
Lamborghini Genesis V12 e Volvo Tundra

Entrando negli anni settanta, Volvo ha voluto dare una svolta radicale all'estetica della sua anonima serie 300. Per farlo, si è rivolta ai servizi di Marcelo Gandini nel 1973. Ma ragazzi, l'italiano ha preso quello del "Cambiamento nell'estetica del marchio" che, secondo i criteri conservativi degli svedesi, era decisamente oltre la frenata. così nel 1979 il progetto Volvo Tundra fu bocciato. Ovviamente senza aver stabilito clausole chiare nel contratto su a chi apparterrebbe quel disegno.

Qualcosa che hanno approfittato dei furfanti italiani per andare con il prototipo alla Citroën, che già pensava a un successore della GS. Seguendo il tipico istinto del marchio per l'innovazione estetica, i francesi sono rimasti deliziati da quella che avrebbe potuto essere una Volvo. Ecco perché la Tundra passa, perfettamente, da una concept-car Citroën finché... Ti avvicini al frontale e percepisci il logo volvo proprio nella presa d'aria del radiatore. Oh sorpresa!

Al di là di queste storie tipiche di uno straccivendolo coinvolto in un grande industriale, la mostra Bertone tenutasi al Retromobile Paris mette in evidenza 1988 Lamborghini Genesi. Una sorta di minivan futuristico che ricorda la versatilità di quelli di Sant'Agata: sono riusciti a fare la Miura, hanno strizzato l'occhio ai Suv con l'LM0002, hanno flirtato con i minivan... E tutto questo mentre si fa trattori. A proposito, parlando di trattori, vale la pena fare una passeggiata nella mostra di macchine agricole Porsche.

PRESENZA CECA: 125 ANNI DI SKODA E TATRA SHOW

Le origini di Skoda sembrano uscite da un film con una sceneggiatura pastello e soddisfatto di sé. E attenzione, perché non lo diciamo come qualcosa di brutto. Spesso servono film come questo, di quelli che ti rendono felice e ti semplificano la giornata. Ad ogni modo, Woody Allen lo fa da quasi 20 anni e non ne abbiamo perso nessuno. E che a volte, per ribadire il suo peculiare tocco di scrittura pastello, mette dei filtri di luce che sembrano presi da un gioiello con tanto oro. Lo stesso materiale che riveste la Rolls Royce Silver Cloud II del 1961 con cui finiremo l'articolo.

Anticipi a parte, torniamo alla nostra storia. Tutto è iniziato 125 anni fa, quando un giovane libraio dell'allora impero austro-ungarico non riusciva a trovare le parti necessarie per riparare la sua bicicletta. Soluzione? Ha lasciato la libreria e ha avviato un'azienda per costruire i propri gadget a pedali. Questo si chiama essere determinati, sì signore. Da lì è stata generata Skoda, che Hispano-Suiza produceva su licenza e in seguito divenne uno dei principali marchi del blocco orientale.

A Retromobile Paris sono stati riuniti vari modelli del marchio, mettendone in evidenza uno con un pedigree alla 24 Ore di Le Mans. Sì, il sogno di molti piloti ma soprattutto di qualsiasi editor, visto che qui ci sono storie curiose come quella di Václav Bobek e Jaroslav Netusil. Due piloti esperti che nel 1950 furono piantati con una barchetta derivata dalla Skoda 1101 . del 1939 alla linea di partenza della gara di endurance antomasia. Qualcosa di veramente strano dovuto sia al clima politico della Guerra Fredda che alla tecnologia arretrata dell'auto.

retromobile parigi 2020
La Skoda 1101 della 24 Ore di Le Mans

Tuttavia, questi uomini dell'Est hanno resistito 13 ore fino a quando un guasto al motore li ha costretti a ritirarsi. Un ritiro che è stato permanente fino alla prossima 24 Ore di Le Mans 2020, alla quale Skoda tornerà dopo la sua assenza da quella partecipazione nel 1950. Continuando con la storia del motore made in Repubblica Ceca, Retromobile Paris ha presentato un interessanti spettacoli di tatra.

Un'azienda ancora più antica di Skoda, poiché affonda le sue radici nella produzione di vagoni nel 1850. Una lunga storia che l'ha portata oggi alla sua sopravvivenza producendo camion e SUV. Naturalmente, dopo un periodo di controllo da parte del governo comunista di Praga, in cui ha creato alcune delle auto più incredibili nella sfera sovietica. Innanzitutto per i suoi progetti, contagiati dalle avanguardie degli anni '30 e dalla febbre spaziale. Certo, in un modo un po' più duro degli americani sono anche contagiati dalla stessa euforia fantascientifica.

retromobile parigi 2020
T603

Questa era Tatra è particolarmente ben rappresentata dal T603, un vero fiore all'occhiello riservato solo alle alte cariche politiche. Un veicolo fatto a mano ma… anche rifatto! Ed è che quando volevi cancellare uno di questi modelli, non veniva mandato in discarica, ma tornato in fabbrica dove, sullo stesso telaio, sono state incorporate le migliorie tipiche dell'ultimo aggiornamento del modello. Qualcosa che, ovviamente, oggi sarebbe incompatibile con una grande produzione in serie.

CINEFILE E LE MANS MITHOMANIES

A questo punto Non puoi immaginare il numero di riferimenti che ci sono rimasti nel calamaio. Ma alla fine, oggi non useremo solo la scusa che non vogliamo annoiarti con un lungo articolo, ma anche che Retromobile Paris ha persino chiuso i battenti alla fine di questo testo. Tuttavia, prima di concludere questa recensione dei campioni più eccezionali dell'edizione attuale, vogliamo passare in rassegna due modelli che ci hanno affascinato dal primo minuto.

La prima è una Bugatti. Beh, in realtà tre. Ed è che non possiamo non includere qui le uniche due EB110 da competizione. Due fortunati che hanno avuto la possibilità di correre sia nel campionato americano IMSA che a Le Mans. Purtroppo, al suo ritorno alla gara francese dopo 55 anni di assenza, la EB110 del Monaco Racing Team è andata contro le protezioni in mezzo al rettilineo di Mulsanne. Una vera metafora per la rovina degli affari che stava per arrivare.

retromobile parigi 2020
Le due Bugatti EB100 da corsa

L'anno successivo, nel 1996, la gara non fu nemmeno raggiunta dopo aver fracassato il telaio in fibra di carbonio da un impatto durante le prove. Quindi le cose, Bugatti finì per chiudere la porta fino al suo salvataggio da parte di Ferdinand Piech essere il gioiello del gruppo Volkswagen. Comunque, una macchina meravigliosa; una storia piena di disagio. Tuttavia, il classico del marchio che ha attirato di più la nostra attenzione appartiene ai suoi giorni classici e d'oro: è il Tipo 55 del 1931.

E che coincidenza, ha partecipato anche alla 24 Ore di Le Mans! Anche se non li ha finiti neanche per mancanza di carburante andando in quinta posizione. Ad ogni modo, quei tempi senza ingegneri di pista in attesa di ogni dettaglio ... A proposito, uno dei due piloti era Louis Chiron. Il mitico"autista gentiluomo”Monegasco così legato alla storia della Bugatti che uno degli ultimi modelli del marchio è stato intitolato a suo onore.

E ora andiamo con l'ultimo riferimento. Quello che abbiamo annunciato prima di nominare l'oro che ricopre parte del suo corpo. Un'auto tanto bella quanto pacchiana. Perché anche se le Rolls Royce Silver Cloud sono una delle vette della qualità automobilistica ... Dipingerle in oro con placcatura in oro ci fa passare rapidamente dallo squisito buon gusto britannico al kitsch tipico degli apprendisti galanti latini, degli sceicchi petrodollari e altri. denaro e tempo libero eccessivi.

Foto: Artcurial

Ma... ah! Se la persona responsabile di un tale dipinto in questa Rolls Royce è Zsa Zsa Gabor, e il suo esecutore testamentario Giorgio Barri, non abbiamo altra scelta che tacere e dire, "Penso sia corretto”. Fino a quando in un tratto finale della sua vita, molto simile a Gloria Swanson in Twilight of the Gods di Billy Wilder, ha commesso operazioni di botox e naso ... Il suo collirio era uno dei migliori del cinema degli anni '50. Una bellezza intrigante che si inserisce perfettamente in Sed de Mal, il meraviglioso capitolo finale del classico film noir hollywoodiano firmato Orson Welles.

Crediamo fermamente che, contraddicendo quanto detto all'inizio di questo articolo a proposito della Ferrari 412T2, manterremo questa Rolls Royce come nostra particolare scelta personale del Retromobile Paris 2020. Dal punto di vista della pura storia del motore potrebbe non avere molto senso, ma... Ad un certo punto del testo abbiamo già accennato che siamo soprattutto dei mitomani. Verità?

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci