in

Mi piaceMi piace

Renault-Alpine A442: il turbo che vinse a Le Mans '78

Nel 1976 Renault acquisisce definitivamente Alpine, acquisendo anche tutti i progetti destinati alle competizioni. In tal senso, l'utilizzo del turbocompressore era una sfida destinata a conquistare la vittoria a Le Mans contro le truppe Porsche dell'epoca. Dopo un debutto problematico a causa dell'affidabilità, questo modello da corsa fu finalmente realizzato a Le Mans nel 1978 prima che Renault Sport passasse alla F1.

Nel 1976 accadde finalmente l'inevitabile. Acquisto di Alpine da parte di Renault dopo anni di stretta collaborazione con la piccola azienda di Jean Rédélé. Così, il marchio del diamante non solo ha assunto modelli da strada come l'Alpine A310 ma anche il programma di corse. Un campo di lavoro in cui i prototipi si sono concentrati sulla vittoria della gara più emblematica del Campionato Mondiale Endurance: Le Mans. Una sfida davvero complessa. Ebbene, anche se Alpine ha accumulato un ottimo track record nei rally, quella gara era un'altra cosa.

A maggior ragione negli anni Settanta. Con la Ferrari già in pensione e la Ford sazia dopo aver regnato quattro volte con la GT40. Ma dominata dalle favolose Porsche 917 succedute dalle Matra fino a quando i tedeschi tornarono alla vittoria nel 1976. Quindi, anche con tutto lo sforzo finanziario che Renault poteva sostenere per realizzare i progetti Alpine, la situazione non era facilmente risolvibile. Un contesto difficile, dove, come direbbe Bob Dylan, la risposta era "fluttuante nel vento". Certo, lungi dalle vuote frasi poetiche, qui ci riferiamo a una realtà molto più tangibile. Ci riferiamo alla forza dell'aria al servizio dell'ingegneria.

A questo punto, molti di voi penseranno all'aerodinamica. Un aspetto in cui l'Alpine A442 è senza dubbio eccezionale grazie alla sua linea fluida con la carenatura dell'abitacolo e il long tail per migliorare il coefficiente di resistenza aerodinamica. Tuttavia, il successo di questo modello da competizione è dovuto alla gestione dell'aria nel motore grazie al suo turbocompressore Garrett. Una tecnologia in cui Renault eccelleva decisamente con la RS01. Prima F1 dotata di motore turbo ed erede diretta dei test effettuati con l'Alpine A442. Un modello sensazionale che ha preso il dominio della Porsche a Le Mans da Porsche, vincendo nel 1978 con Jean-Pierre Jaussaud e Didier Pironi ai comandi.

ALPINE A442: MAGGIORE POTENZA GRAZIE AL TURBOCOMPRESSORE

All'inizio degli anni Ottanta tutti i marchi interessati alla concorrenza erano profondamente interessati al turbo. In questo senso, la Ferrari lo ha presentato in anteprima in competizione con il 126CK dalla F1 per trasferirla poco dopo sulle proprie vetture stradali con la 208 GTB. Uno schema basato su trasferimento di conoscenze dalla concorrenza ai modelli di strada dove Renault si pone come il produttore più rappresentativo. E, dopotutto, i suoi ingegneri hanno sviluppato con successo l'uso del turbocompressore da quando l'Alpine A442 è riuscita a portare il suo motore V490 da due litri fino a 6 CV.

Una potenza davvero notevole, dal momento che questo motore è rimasto a 270CV senza l'aiuto del turbo nei precedenti modelli A440 e A441. Due prove per arrivare all'Alpina A442, che ha debuttato nella 1000 km del Mugello vincendo in modo del tutto inaspettato. Ed è quello, Il grande vantaggio dato in termini di potenza dal turbo incontra seri problemi quando osserviamo la pressione a cui deve lavorare il motore. Ecco perché i modelli che avevano testato con il turbocompressore dagli anni settanta con serie come la Porsche Can-Am 917/30 hanno incontrato affidabilità.

Lo sapevano gli ingegneri, che ricevettero quanto accaduto alla prima dell'Alpine A442 come un colpo di fortuna che non proseguì nel 1976. Infatti, i continui abbandoni portarono la Renault sulla strada della vergogna, che pensato di ritirare il modello dopo aver abbandonato a Le Mans quell'anno e il successivo. Tuttavia, determinata a dimostrare i vantaggi del turbocompressore come una tecnologia potente ma anche affidabile, Renault Sport ha investito ingenti somme di denaro per partecipare a Le Mans 1978 con tutte le garanzie. In questo modo è arrivato all'appuntamento con tre vetture: due A442 e una A443.

ARRIVA LA CONFERMA: LE MANS 1978

Al via le Alpine A442 e A443 condividevano le prime posizioni con la nuova Porsche 936. In questo modo si visualizzava tra chi doveva essere il duello, facendo partire davvero tutte le aspettative a favore di una Porsche molto più esperta ed efficace. Tuttavia, Jaussaud e la A442 di Pironi hanno stabilito un ritmo infernale sin dall'inizio con tempi a Le Mans inferiori a tre minuti e quaranta secondi vincere la gara con cinque giri raddoppiati al secondo posto. Un record così frenetico che ha sfinito Pironi al punto da non riuscire a salire sul podio a causa della fatica accumulata.

In mezzo al fervore, la Renault ha deciso di ritirarsi in tempo sapendo che sarebbe stato difficile ripeterlo di fronte all'assalto della Porsche. Così, Renault Sport ha messo le distanze da Le Mans pur avendola conquistata nel 1978 per puntare sulla F1. Categoria in cui sarebbero riconosciuti anche per il loro uso all'avanguardia del turbo. Una tecnologia che il marchio del diamante ha utilizzato come pochi negli anni Ottanta nelle sue vetture di serie, quasi tutte con varianti sportive dotate di questo modo di gestire i gas nel motore. Un campo tecnologico completamente nuovo applicato agli sport motoristici in cui l'Alpine A442 si distingue come un pioniere vincente.

Fotografie: RM Sotheby's

PD L'Alpine A442 scelto per illustrare questo articolo è uno dei quattro costruiti e l'unico attualmente in mani private. Questo è il telaio 4420, che sarà messo all'asta il 19 novembre da RM Sotheby's come parte di The Guikas Collection.

Cosa ne pensi?

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

52.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci