renault 4l italia
in

SorpresoSorpreso Mi piaceMi piace Ma cosa??Ma cosa?? LOLLOL IncazzatoIncazzato

Renault 4L prodotta da Alfa Romeo. La versione sabotata dalla FIAT

Questo 2021 segna i sei decenni dalla presentazione della Renault 4L. Tuttavia, questo articolo non vuole essere un altro nella lunga lista di revisioni enciclopediche del modello. Al contrario, abbiamo scelto di presentarvi una delle versioni più strane di esso. E no, non stiamo parlando di cabriolet o rallye, ma di uno che ha raggiunto le 41.809 unità. Un numero che sembra contraddire la nostra proposta basata sull'originalità, che comunque fa punti quando l'Alfa Romeo fa il suo ingresso in scena.

Ed è che, anche se può sembrare sorprendente, c'era una Renault 4L che è stata prodotta e commercializzata sotto l'ombrello del marchio milanese. Qualcosa come accadde in Spagna nel 1959, quando il furgoni FADISA fabbricato su licenza italiana si è guadagnato il titolo di "Alfa Romeo Castigliani". Il prodotto di un'epoca in cui i confini intraeuropei non erano solo linee immaginarie, ma veri e propri baluardi commerciali dove i dazi rendevano le cose difficili per i prodotti importati.

Una condizione che rendeva difficile entrare nel terreno di marchi come FIAT, ma che Renault ha saputo risolvere in breve grazie al patto con un'Alfa Romeo che aveva ancora tre decenni di autonomia prima di cadere sotto la famiglia Agnelli e il suo impero FIAT nel 1986. Certo, non dobbiamo dimenticare che stiamo parlando dell'Italia. Un Paese dove le fortune economiche e private si incrociano con le politiche statali da molto prima dell'era Berlusconi. Il contesto perfetto per interpretare un'opera dove interessi commerciali e ostacoli politici accompagnano la storia della Renault 4L prodotta dall'Alfa Romeo.

RENAULT 4L ALFA ROMEO. IL NEMICO DEL MIO NEMICO È MIO AMICO

A Nicholas Machiavelli sono state attribuite così tante citazioni che è già difficile sapere quale sia stata e quale non sia stata effettivamente scritta da lui. Tuttavia, la verità è che il massimo "Il nemico del mio nemico è mio amico" Riassume perfettamente gran parte del suo pensiero su come prendere il potere. In effetti, questa idea è alla base di molti conflitti di guerra. Ma anche sulla base di tante alleanze commerciali del nostro tempo. Ne è un buon esempio quanto accaduto tra il 1959 e il 1964 con Alfa Romeo e Renault, che unirono le forze per assediare il nemico comune: la FIAT.

Ma come si è creata questa situazione? La cosa migliore sarà andare per parti. Innanzitutto, Renault era molto interessata ad entrare nel fiorente mercato italiano. La nuova classe media del dopoguerra, esigendo prodotti nuovi e di migliore fattura, era un pubblico perfetto per il Delfinato. E per non parlare dei piccoli proprietari agricoli, ideali come possessori della robusta e pratica Renault 4L. Tuttavia, le tariffe protezionistiche del momento hanno reso impossibile per il marchio francese competere alla pari con FIAT. Situazione attraverso la quale l'Alfa Romeo entra.

Ed è che, anche se oggi può sembrarci poco plausibile, la concorrenza tra Alfa Romeo e FIAT è esistita fino al 1986. Anno in cui la famiglia Agnelli ha preso il controllo dell'Alfa, ponendola sotto l'egida FIAT dopo decenni in cui l'Istituto per la Ricostruzione Industriale ne è stato il fattore dominante. Così, il gioco è chiaramente riassunto con la citazione machiavellica. Così, Renault ha utilizzato gli stabilimenti Alfa Romeo di Portello e Pomigliano per produrre le Dauphines e le 4L italiane, aggirando così gli ostacoli posti dalle tasse all'importazione.

IL POTERE DELLA FIAT SULLO STATO. 9 CENTIMETRI PER CAPIRE UN GUASTO

Tutto sembrava semplice per l'accordo tra Alfa e Renault. Una strada perfettamente asfaltata sulla quale viaggerà il successo della nuova Renault 4L. Un modello competitivo in grado di mettere in ombra la popolare gamma FIAT, che verrebbe commercializzata anche nella stessa catena di concessionari Alfa Romeo. Un successo assicurato dagli stabilimenti Alfa Romeo del sud Italia, solo differenziato dal modello originale in dettagli come un motore 100cc in più o un cambiamento diverso. Poiché c'erano poche differenze, la Renault 4L in stile italiano ha mantenuto il logo originale invece di sostituirlo con quello Alfa Romeo.

Tuttavia, e come lo stesso Machiavelli ha ben avvertito, l'uso di queste alleanze può anche ritorcersi contro di te. Ovviamente la FIAT non è rimasta a guardare. Usando tutto il potere e l'influenza della saga Agnelli sui governi della Democrazia Cristiana, le FIAT ottennero un cambiamento nel sistema delle tasse automobilistiche. Dall'inizio degli anni Sessanta il tributo non sarebbe stato calcolato sulla cilindrata del motore ma sulla lunghezza della carrozzeria. Un'operazione inaspettata, che ha favorito la FIAT 850 per essere nove centimetri più corta della Renault 4L.

Un colpo che ha alzato i prezzi di questa inaspettata variante della popolare auto francese, rendendola meno appetibile con il passare dei mesi. In effetti, fu in produzione solo per due anni: dal 1962 al 1964. Sconfitto dalla congiunzione azienda-stato, l'accordo tra Alfa Romeo e Renault è svanito con l'uscita dell'ultima Renault 4L dalla catena di montaggio dello stabilimento di Pomigliano. Ora, a distanza di circa sessant'anni, di quell'avventura rimangono solo due cose: poche unità della 4L italiana e la consapevolezza che, nel corso dei secoli, Machiavelli ha già sintetizzato non poche idee chiave sulla gestione del potere.

Fotografie: Renault

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci