Avvistamenti a Goodwood Revival
in

Avvistamenti a Goodwood

Come abbiamo già detto nella cronaca di Goodwood Revival, le dimensioni e le figure che vengono trattate sono superlative. Sia il numero di pubblico presente - centinaia di migliaia di persone - sia il numero di auto assemblate, così come le cifre mescolate nelle vendite o nelle aste ... tutto è impressionante.

E, come abbiamo detto, a parte le corse c'è molto da vedere a Goodwood, forse troppo. Solo nel "parcheggio dei classici" si potevano trascorrere ore e ore osservando la variegata fauna che in nessun ordine particolare è parcheggiata su diversi ettari di tipica prateria britannica.

Non appena ci siamo imbattuti in una piccola Ford 100E Popular della fine degli anni '50 regolarmente "messa a punto" con pneumatici moderni e fiamme dipinte sui lati come una maestosa Austin Type 18 del 1910. Così come non c'è distinzione di età o condizione, c'è anche nessuna distinzione di valore o importanza, poter trovare cose veramente curiose.

Gli strambi di Goodwood Revival 2014
Preziosa (e costosa) Alfa-Romeo 6C 1750 degli anni '30

Ad esempio, troviamo un'imponente Ferrari 250 TDF parcheggiata tra veicoli “popolari” e non possiamo fare a meno di chiederci: sarà originale? In questo caso, il suo prezzo sarebbe di diversi milioni di euro. E se sì, perché non gareggia? Cose degli inglesi.

In questo modo abbiamo visto in curva due spettacolari Vauxhall e Bentley degli anni '20, che meriterebbero anche di scendere in pista... o un bellissimo Frazer Nash XML 675 del 1952 Con un ampio pedigree agonistico (aveva partecipato alla 12 Ore di Sebring, come indicato da un cartello sul parabrezza).

E tutti abbastanza lontani dal circuito, come la MG Ashley del 1963, versione della Sprite creata apposta per la competizione... che era anche nel parcheggio come semplice visitatore.


[= »Annuncio» = »
.
 
»« »« Url: https% 3A% 2F% 2Fwww.escuderia.com% 2Fcontacta-con-la-escuderia% 2F || target:% 20_blank »« »=» »« 0 »=» »=» no-border »_Width =» 1 ″ = »# 1e73be» = »# 222222 ″ =» # ffffff »=» 2 ″ = »50 ″ =» # 333333 ″ = »»]

diversità britannica

Sembra incredibile che l'industria automobilistica inglese, così potente in passato, sia quasi completamente scomparsa oggi. Per convincersi del glorioso passato automobilistico britannico bastava continuare a camminare nel parcheggio, dove si poteva trovare una tale varietà di marchi da perdersi.

Sportive come le Talbot, HRG o Invicta degli anni '30, strani prodotti degli anni '70 come le Reliant Smicitar con carrozzeria in fibra o l'incredibile quantità di Bristol presenti, da modelli unici come la 401 Cabriolet del 1949 carrozzata in Italia da Touring a modelli difficilmente riconoscibili come la 603 del 1977.

Né importa lo stato o il grado di originalità. Nel raggio di pochi metri c'erano una Morris 8 del 1935 con un orribile corpo in alluminio lavorato a mano moderno, una Daimler DE 36 del 1948 enorme e maestosa perfettamente restaurata, o una Ford Hot Rod con elementi degli anni '30, '40 e '50.

Come non può essere inferiore per quelle terre, anche il numero di Bentley e Rolls Royce di tutte le epoche e modelli è stato sorprendente. Difficile individuarne una tra le centinaia di unità assemblate, ma l'esotica Bentley R Type del 1955, carrozzata da Facel Metallon in Francia o l'imponente Rolls Royce Phantom III Cabriolet Vanvooren del 1937 che aveva appena partecipato al prestigioso concorso Peeble, meritano una menzione speciale.Spiaggia.

Rare tra le rare erano una roadster AC 428 del 1967, una Bean Twelve Tourer del 1923 e una roadster Reliant Sabre Six del 1963, quest'ultima versione inglese della prima vettura sportiva prodotta in Israele, la Sabra Sports, con carrozzeria in fibra di vetro. bicchiere.

[pro_ad_display_adzone id = »41633 ″]
 

Fibra e altre repliche

All'interno di questo "mondo sotterraneo" di plastica c'era anche una scelta. Tra le varie rarità c'era una Bond Equipe GT45 degli anni '60, basata sulla Triumph Herald, una Fiberfab Bonanza GT con meccanica Volkswagen e persino una grezza replica della Ferrari GTO molto probabilmente basata su un'auto sportiva giapponese a basso costo.

Anche gli inglesi non hanno "tagliato" in questa delle repliche, e ce n'erano molte ... e qualità diverse. C'erano così tante Jaguar C nel parcheggio che superavano di numero la produzione effettiva degli anni '50, sebbene queste repliche fossero di grande qualità. Non tanto successo, c'erano anche diversi Teal con meccanica MG e aspetto falso Bugatti che spesso scandalizzano i più intenditori.

E tra l'originale e la replica c'erano "intrugli" come l'Austin Healey degli anni '60 che aveva perso il suo corpo originale a favore di una sorta di copia di un '30, o l'Ockelbo degli anni '60, che era già una specie di replica realizzata in Svezia delle Ferrari e delle Jaguar degli anni '50.

All'interno del recinto

Una volta perquisito il parcheggio, all'interno abbiamo trovato anche ogni tipo di stranezza. Nella sede del Goodwood Motorshow si potevano vedere prototipi unici come la Maserati Medici del 1976 o la Triumph Stag “Experimental Coupe” del 1971 - statici, già coperti, quest'ultima basata su un modello di grande serie.

Altri potrebbero essere considerati ugualmente esotici per il grande pubblico nonostante non siano così strani, come nel caso del Gordon Keeble. Questo marchio ha prodotto solo 100 esemplari tra il 1964 e il 1967, la carrozzeria era firmata Bertone e la meccanica proveniva dalla Chevrolet Corvette.

Per quanto riguarda i veicoli da competizione stessi, non ci dilungheremo visto il riassunto che abbiamo già fatto nella cronaca, ma vale la pena menzionare i Tojeiro, Rochdale, Ginetta o Tornado Talisman, marchi che nel nostro paese sono poco conosciuti da una manciata di tifosi.

E anche senza andare a marchi sconosciuti, alcune copie di produttori più "popolari" sono quasi impossibili da vedere se non in un posto come Goodwood. Per fare alcuni esempi, la Marcos GT Xylon del 1960 con la quale il mitico Jackie Stewart fece il suo debutto nelle corse, la Lotus 11 “Breadvan” o ancora la BRM-Rover degli anni '60 alimentata da una rivoluzionaria turbina a gas.

E anche industriale

Infine, e come potrebbe essere meno in Inghilterra - paese pioniere nella cosiddetta “preservazione” del patrimonio su ruote- i classici "pesanti" si potevano vedere quasi ad ogni angolo. Ad esempio, l'organizzazione noleggia un classico servizio di autobus per trasportare il pubblico che arriva con i mezzi pubblici dalla stazione più vicina al circuito, potendo così godere di gioielli come il Bedford OB o l'AEC Reliance, un design rivoluzionario nel anni cinquanta.

Ci sono poi i vari furgoni del pubblico presente, dal servizio alle squadre in gara o ai tipici stand di fast food, che raggiungono un livello di dettaglio inimmaginabile e in alcuni casi vendono anche cibo avvolto in fittizi vecchi giornali.

Alla parata militare c'era anche molto materiale “tipico” che di solito si vede in qualsiasi film o ricreazione, ma in aggiunta c'erano rarità come le leggendarie Scamell a 6 ruote motrici inglesi che venivano usate come gru o per trainare pesanti carichi attraverso terreni difficili.

Lo abbiamo già detto all'inizio, con tanto materiale La cosa normale è non vedere tutto!

 

Accedi ad altri 50 avvistamenti di Unai Ona cliccando qui →

 

Cosa ne pensi?

Francisco Carrion

scritto da Francisco Carrion

Mi chiamo Francisco Carrión e sono nato a Ciudad Real nel 1988, un luogo che all'inizio non era simile alle auto d'epoca. Per fortuna mio nonno, dedito al settore automobilistico, aveva amici che possedevano auto d'epoca e partecipava al raduno annuale che si teneva (e continua a tenersi) nella mia città natale... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci