in

III Riunione VW Rigorosamente Vintage: Alcuni Maggiolini Molto Speciali

FOTO: VOLKSWAGEN MEETING ORGANIZZAZIONE STRETTAMENTE VINTAGE

Se fai un giro il nostro calendario vedrai che gli eventi Volkswagen sono all'ordine del giorno. Dalle frequenti soste dei furgoni sulla costa catalana alle numerose concentrazioni di Beetle o Golf l'amore per il marchio in Spagna ha un bel muscolo. Tuttavia, quello che ti offriamo oggi è davvero speciale. Si tratta di unica concentrazione nazionale di VW fino al 1957/59 in configurazione di origine.

Un evento che, alla sua terza convocazione, ha raccolto gioielli difficili da vedere come un Hebmuller o uno Split Standard 1951. Entrambi arrivano dalla Svizzera per questo incontro. Quindi fino a quando un totale di 25 veicoli in un incontro all'altezza dei migliori specialisti Volkswagen. E ragazzo, ti avvertono dal nome ... Perché stiamo parlando del III Raduno Volkswagen rigorosamente vintage, che si è tenuto dal 31 maggio al 2 giugno a Santa María del Olivar, Teruel.

raduno Volkswagen rigorosamente vintage

Per quanto riguarda i Maggiolini, i modelli Split e Oval furono ammessi fino al 1957. Mentre un rappresentante frequentava i furgoni T1. Spiccano anche le due Karmann Ghia - anteriori al 1959 - e quella che sarà la vettura protagonista della manifestazione. Purtroppo non è potuto arrivare per problemi meccanici. Di lui parleremo dopo, ma all'inizio lo vedi La Volkswagen Strictly Vintage è il paradiso dei devoti del motore posteriore raffreddato ad aria.

raduno Volkswagen rigorosamente vintage

HEBMULLER E KARMANN UNCAPER

Organizzato da Rubén Bastida e Pau Casas, questo incontro VW è iniziato nel pomeriggio del 31 maggio con l'arrivo di 25 partecipanti. La cena di benvenuto si è tenuta presso il Monastero di Santa María del Olivar -Estercuel-. Riuniti per l'occasione intorno ai due veicoli svizzeri: l'Hebmuller e lo Split Standard.

raduno Volkswagen rigorosamente vintageraduno Volkswagen rigorosamente vintage

La verità è che sono due modelli piuttosto rari. Ad esempio dell'Hebmuller si ipotizza che siano rimaste solo circa 100 unità dei poco più di 600 costruiti. È una delle versioni cabriolet più sorprendenti del Maggiolino, facilmente identificabile come una due posti. Oggi l'interpretazione data dal bodybuilder tedesco - per volere della stessa Volkswagen - è ancora - con il suo motore da 1 litri da 1 CV - una delle varianti più sorprendenti del modello.

Continuando con le cabriolet si sono distinte anche loro due cabriolet ovali del 1954 e del 1955. Curiosamente, entrambi sono stati rilasciati in Spagna, il che rende queste unità ancora più speciali. Mentre la cabriolet a due posti è stata assegnata a Hebmuller, Volkswagen ha commissionato a Karmann la produzione di questi 4 sedili. Azienda che era rappresentata anche da due Karmann Ghia, una coupé e un'altra cabriolet.

BEESKOW, 'LO SCARABEO PER L'ALTA SOCIETÀ'

Anche se il rally VW ha avuto gemme davvero difficili da vedere. Colui che doveva essere il protagonista dell'incontro non ha potuto finalmente partecipare a causa di problemi meccanici. Si tratta di un Rometsch Beeskow, 1954. Appartenente a Gilles Dallest -che riuscì finalmente ad arrivare anche se in un'altra macchina- questo curioso modello è conosciuto come "Il Maggiolino per l'alta società".

Presentata al Salone di Ginevra del 1951, la Beeskow prese la maggior parte degli elementi meccanici e del telaio del Maggiolino. Da lì l'ingegnere Johannes Beeskow - che sarebbe finito in Karmann qualche anno dopo - sviluppò un'attraente due posti che catturò l'attenzione di star dell'epoca come Audrey Hepbrun e Gregory Peck. Costava più o meno come una Porsche 356 e sono state costruite solo circa 175 unità, nel suo maggior numero convertibili.

Dovremo stare molto attenti alla prossima edizione del Raduno Volkswagen Strictly Vintage, perché la Rometsch Beeskow… è una di quelle auto che se avete l'occasione di vedere non dovete perderla. vai giù a parte la concentrazione è proseguita sabato collegando le curve lungo La Ruta del Silencio, momento in cui questi classici hanno potuto divorare chilometri lungo le strade del Maestrazgo per poi tornare al punto base per celebrare la cerimonia di premiazione.

Come culmine di questo fine settimana pieno di passione per il motorsport, i partecipanti hanno visitato Alcaniz. Una delle città spagnole dove si nota di più il peso delle corse automobilistiche grazie alla lunga storia del suo circuito urbano. Insomma, una riunione di cui dovremo tenere traccia per gli anni a venire. Non è affatto facile vedere una selezione così speciale di classici!

raduno Volkswagen rigorosamente vintage

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci