Prova Lotus Elan +2
in

Lotus Elan +2, imbullonata all'asfalto

Un suono rauco mi sollevò dal mio letargo. Erano le 4 del pomeriggio di una calda giornata di marzo quando "Whispers" irruppe nella mia nave con l'Elan che ruggiva. Dal ponte superiore potevo sentire perfettamente ogni colpo della meccanica dell'auto.

Mi sono subito alzato dalla sedia, e proprio in quel momento la musica si fermò. Ho esitato un attimo (era un sogno? ho pensato), mentre mi avvicinavo alla finestra interna che mi permette di vedere la nave. No, non era un sogno, c'era la bellissima Lotus Elan +2 verde bristish. È curioso ma dall'alto si può apprezzare perfettamente la dimensione ideale dell'auto.

Quando scendo, «Susurros» mi accoglie con un ampio sorriso mentre mi consegna le chiavi della nostra cavalcatura per i prossimi giorni... E il fatto è, signori, che ho la fortuna di poter organizzare un raduno regolare attraverso le terre della Galizia con questo ragazzino, né più né meno. Al momento devo occuparmi di portarlo al campo dove verrà caricato da un camion diretto a Vigo. Mi avvicino ad osservarlo da vicino; La verità è che conosco le sue battute a memoria, ci sono diversi rally che ho corso contro di lui, il che mi ha permesso di esaminarlo molte volte.

Il davanti è tozzo, molto piatto, anche appuntito; nasconde sotto il cofano l'ostinata elica con i suoi due enormi carburatori doppi Dellorto. La linea laterale è molto bella e classica, mi è sempre piaciuta di più di quella del fratello a due posti, con il passo lungo vince tutta (per me, eh?). Il posteriore con lo scarico in zona centrale mi sembra incredibilmente sportivo. L'unico ma che metto al tutto è il quadro, che essendo fatto di fibra è impossibile che rimanga perfetto.

[su_note note_color = »# e9e9e9 ″]

La rivoluzione britannica

[citazione]

L'auto di "Whispers", il suo proprietario, è la storia di un sogno. Voleva un vero classico che gli permettesse di partecipare regolarmente con una certa solvibilità, e allo stesso tempo gli servisse per fare piccole uscite con la sua famiglia... La linea e la storia di Lotus lo hanno affascinato, soprattutto da quando ha letto il romance che esisteva tra Jim Clark e la sua piccola macchina sportiva...

[/ su_quote]

Nel 1960 la squadra del geniale Colin Chapman decise di dare una nuova svolta al suo concetto iniziale di vettura leggera, con un rapporto peso/potenza molto favorevole, per ampliare la propria gamma; o meglio, per sostituire l'Elite (1957-63) che fu venduta come la prima monoscocca in vetroresina -Polyester- e la cui principale virtù era il peso contenuto di 640 Kg accoppiato ad una piccola meccanica Coventry Climax.

[/ Su_note]

Prova Lotus Elan +2

[su_note note_color = »# e9e9e9 ″]

Pertanto, Ron Hickman sarà il responsabile finale del team di progettazione della nuova vettura sportiva, la cui concezione iniziale è una due posti leggera dotata di un motore generalista semplice ed economico da acquisire e mantenere. Per fare questo, il team di Ron progetta un telaio in acciaio a forma di "Y", più economico da produrre rispetto alla monoscocca Elite e attorno al quale fisseranno un semplice corpo in fibra composto da sole cinque parti principali.

Per l'ottobre 1962, Lotus presenta al Motor Show di Londra la sua Elan, la cui meccanica sarà l'affidabile motore Ford 166 E (1558 cc) con testata Lotus a doppio albero a camme. La potenza iniziale era di 106 HP, ma nelle evoluzioni successive avrebbe raggiunto i 160 HP. Con un peso inferiore a 700 Kg -nello specifico 688-, era un autentico missile capace di compiere lo 0-100 in meno di 8 secondi e con una velocità massima iniziale di 175 km/h.

[/ Su_note]

Prova Lotus Elan +2
La testata del cilindro Lotus affina la robusta trasmissione Ford

Una patella moderatamente comoda

Il giorno dopo prendo la macchina verso le 11 del mattino per percorrere un tratto di autostrada, un altro di strada secondaria e, infine, la carico sul camion. Sono in ritardo, penso salendo, mentre premo la frizione e giro la chiave; istantaneamente il quattro cilindri prende vita con un fragoroso benvenuto. Senza fretta, lo lascio riscaldare per un paio di minuti mentre rispondo al telefono. Riaggancio e, come se l'avessi guidata per tutta la vita, esco dal poligono e vado in autostrada.

Passeggiando mi rendo conto di quanto sia facile portarlo e l'ottimo assetto che ha; non si agita né si lamenta. Vedo che l'indicatore della temperatura è già a posto, quindi entrando nel doppio binario metto il piede destro sull'acceleratore: il rumore del motore si trasforma in una delle melodie più belle. racing Ho sentito. Secondo, terzo, quarto, quinto… guardo il tachimetro e non ci credo, in meno di 10 secondi sono quasi fuori legge. Alzo il piede e lo metto a 120, circa 3.200 giri/min. La Lotus cambia, non suona più, è anche comoda; infatti percorro questa strada per 40 km e non ne sono nemmeno a conoscenza.

[su_youtube_advanced https = »sì» url = »https://youtu.be/axohBp2nxPQ» larghezza = »700 ″ rel =» no »]

Quando esco di pista, precipito il cambio sul percorso convenzionale, salendo fino a circa 7.000 giri. Approfittando di un paio di rotonde per verificare l'ottimo grip della vettura, trovo che sia molto difficile far slittare il retrotreno. Collego le curve con incredibile facilità, senza dubbio uno dei punti di forza di queste auto sportive è la prontezza di reazione del binomio motore-sterzo, ma in senso positivo: non nervoso, ma dolce, rispondendo con immediatezza ai propri organi meccanici. La verità è che il differenziale a slittamento limitato aiuta molto.

Bellissimi interni, vero?

Arrivo a destinazione e sono passati solo 40 minuti. Alla fine sono arrivato in tempo, quindi spengo il motore e fisso lo squisito cruscotto in legno. Se c'è qualcosa che lo definisce, sono le parole Deportivo e Británico. Un volante rivestito in pelle incredibilmente comodo, con il logo Lotus al centro, rivela due grandi indicatori, RPM e tachimetro ...

Alla nostra destra e al centro della plancia, gli indicatori di carburante, temperatura, pressione olio, acqua, ecc., e sotto di essi un gran numero di pulsanti risalenti agli anni settanta. Nella plancia popolata c'è persino spazio per due alzacristalli elettrici, un lusso per quei tempi. È una delizia a vedersi, lo adoro, è elegante e sportivo allo stesso tempo.

Vivibilità e vita a bordo sono due dei punti di forza dell'Elan +2. L'accesso è davvero buono grazie alla sua ampia porta e nonostante l'altezza del corpo ridotta. Nella zona posteriore l'ingresso è un po' più difficoltoso e si potrà viaggiare con relativa comodità se non si superano i 1,70 metri di altezza.

dentro dona un'insolita sensazione di spaziosità, Sarà perché il tunnel della trasmissione divide nettamente lo spazio guidatore e passeggero, ma in ogni caso è abbastanza piacevole. I sedili che vedete nelle foto non sono quelli originali, che sono custoditi gelosamente da "Whispers", ma dei respingenti che tengono un po' di più nei rally...

 

Continua Pagina 2…

Cosa ne pensi?

Antonio Silva

scritto da Antonio Silva

Mi chiamo Antonio Silva, sono nato a Madrid nel 1973. Grazie alla mia azienda ho potuto conoscere in prima persona tutte le case automobilistiche nazionali e alcune europee, oltre a molte delle fabbriche di componenti, questa non essendo altro che uno stimolo in più per il mio hobby... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci