in

Mi piaceMi piace

Porsche 356 SL Gmund Coupé Le Mans. L'inizio di Porsche Motorsport

Porsche è uno dei marchi di maggior successo nel motorsport. Un record che vide il suo debutto con la squadra ufficiale quando a Le Mans 1951 presentò la Porsche 356 SL Gmund Coupé che vinse la sua classe, risultando anche ventesima nella classifica generale davanti a vetture di ben più cilindrata. L'inizio di Porsche Motorsport.

È molto difficile scegliere il Porsche da corsa più simbolico. Anzi, diremmo che è una scelta impossibile. Ed è che il marchio Stoccarda è stato in tutte o quasi tutte le possibili modalità di gara. Ad esempio, sebbene in F1 non abbia avuto un ruolo così importante come altri produttori ... La verità è che dal 1959 al 1962 ha avuto una squadra ufficiale. Inoltre, in numerose occasioni è stato fornitore di motori per team di successo come McLaren.

Un ruolo discreto dietro le quinte che contrasta con la sua forte presenza nel Campionato Mondiale Endurance, CanAm, rally e varie gare di ascensione. Tutto questo punteggiato da auto come la 909 "Bergspyder" -di 384 chili e 275CV- o la 917, che nella sua evoluzione per la CanAm del 1973 ha raggiunto i 1580CV. Una panoplia da sogno dove il marchio della casa non è stato tanto potenza quanto leggerezza, sviluppando così vetture da competizione con approcci tanto efficaci quanto intelligenti. Tuttavia, chi di loro è responsabile dell'inizio di questa storia? Qual è stato il primo?

Bene, per rispondere a questa domanda, la prima cosa da chiarire è la complessità delle genealogie in Porsche. Qualcosa che peggiora tornando ai suoi inizi, definiti da serie molto brevi e una lavorazione artigianale che rendeva ogni unità unica. Un labirinto dove anche i più esperti storici del motore faticano a mettere ordine, ma in cui si stabiliscono due pietre miliari fondanti. La prima segna quella che potremmo definire la preistoria delle corse in Porsche. Un tempo in cui si intravedeva quello che sarebbe stato il marchio, anche se non esisteva ancora come tale. Lì tutto è definito dalla Type 64 per la Berlino-Roma del 1939.

Prologo di quelli che sarebbero stati i tempi del secondo dopoguerra, con Porsche già come marchio proprio con la 356 derivata dal Maggiolino a dominare la gamma. Momento in cui assistiamo ad un'altra tappa fondamentale: il inizio della squadra ufficiale di gare endurance con la Porsche 356 SL Gmund Coupé.

PORSCHE 356 SL GMUND COUPÉ. MENO PESO E MIGLIORE AERODINAMICA

Tra il 1948 e il 1954 fu prodotta la prima serie della 356. Una modesta vettura sportiva, che con il suo piccolo motore quattro cilindri da 1 litri doveva fare della leggerezza la sua principale virtù. Inoltre, anche ad esso aiutava notevolmente l'aerodinamica e il comportamento in curva, dove le sue dimensioni diventavano un pregio rispetto alla grande GT. Così, il 356 iniziò ad essere rivendicato da una moltitudine di piloti privati. Che ha affinato la tipica attenzione Porsche per i team privati ​​che si muovono nella sua orbita.

Modello contrario allo zelo imposto dalla Ferrari verso tutto ciò che va oltre la Scuderia, che ha dato ottimi risultati con la 917 a Le Mans. Tuttavia, la dirigenza Porsche stava già calibrando la possibilità di partecipare con un team ufficiale al Campionato Mondiale Endurance con Le Mans come gara protagonista. Per questo, la versione scelta della 356 è stata la SL. Chiamato per la sua qualità "Super leggera", con cui è stato ridotto il peso della versione stradale rimuovendo qualsiasi applique, ornamento o supplemento.

Un miglioramento che è stato portato ulteriormente con la 356 SL Gmund Coupé, che ha ridotto di 90 chili rispetto al modello di serie grazie a un gran numero di parti in alluminio. R) Sì, il peso era di soli 635 chili. E questo pur avendo uno studio aerodinamico che ha costretto all'inserimento di nuove piastre per carenare le ruote di entrambi gli assi. Tutto per ottenere il miglior potenziale possibile dal nudo motore da 1'1 litri. Proprio la sfida che Porsche affrontò alla 24 Ore di Le Mans del 1951 con la prima del suo team ufficiale.

LE MANS 1951. DALL'INCERTEZZA ALLA VITTORIA

La verità è che Porsche aveva pochi elementi per essere ottimista a Le Mans 1951. Un'anteprima iniziata già male quando una delle due Porsche 356 SL Gmund Coupé si è schiantata prima della gara, lasciando il team con un solo rappresentante. Inoltre, sebbene i miglioramenti in termini di peso e aerodinamica presentati dalla Gmund Coupé fossero eccezionali ... In potenza erano riusciti a graffiare solo tra i quattro ei sei cavalli in più dal motore boxer della 356. Questo lasciava la potenza a 46 CV.

Una cifra insignificante, ma con poco più di 600 chili e la trasmissione con marce lunghe ha spinto la Porsche 356 SL Gmund Coupé fino a 160 km/h. Una buona prestazione, anche se nettamente inferiore a quella offerta dalla Jaguar C-Type. Vincitore assoluto nell'edizione di quell'anno e con più del triplo della cilindrata del nostro protagonista. Un'auto che si muoveva in categorie molto diverse da quelle definite dalle piccole cilindrate, dove il 356 si è rivelato un dominatore nato vincendo la sua classe senza problemi apparenti.

Inoltre, ha raggiunto la posizione numero 20 nella classifica generale, precedendo le vetture con una cilindrata molto maggiore. Un successo assoluto che ha segnato la prima grande vittoria per Porsche sulla scena internazionale. Lo stimolo a mettersi al lavoro con la 550 Spyder del 1953. Un'auto rivoluzionaria progettata direttamente per le corse con innovazioni raffinate come i suoi quattro alberi a camme montati sul colto, che hanno portato il motore a 7.800 giri/min per eseguire 110CV.

Un percorso vincente iniziato nel 1951 con il Porsche 356 SL Gmund Coupé. L'inizio dei successi per la squadra ufficiale del marchio.

Fotografie: Petersen Automotive Museum

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci