lamborghini monaco spada in plexiglas blu
Una delle Lamborghini più eccentriche, ma anche di maggior successo. Fonte: Coys.
in

Star TV: Lamborghini Espada Plexiglas

Oggi ci sono così tanti media audiovisivi che non si sa su cosa puntare. Alcuni sono agganciati a questa o quella piattaforma della serie, mentre altri ... Si informano attraverso il loro schermo mobile con video destinati direttamente a Youtube. Tutto questo trambusto implica che "Vai in TV" Non è più sinonimo del fatto che una buona parte della popolazione di un paese ti sta guardando.

Tuttavia, quando un grande evento sportivo è stato trasmesso decenni fa, ha concentrato l'attenzione di milioni e milioni di telespettatori attenti ai pochi canali esistenti. Cosa significa questo? Bene, anche se non conosci l'unità che ti presenteremo oggi ... Questo ha già avuto i suoi minuti di fama quando il principe Ranieri III lo ha guidato per il corsa inaugurale del Gran Premio di Monaco 1969 in compagnia della moglie Grace Kelly e dell'allora ragazzo -e oggi re- Alberto II.

Quel modo Lamborghini riuscì a mostrare al mondo intero quale sarebbe stato il suo modello di maggior successo dal 1968 al 1978 con circa 1217 unità vendute: la coupé a 4 posti spada. Un grande turismo con tutte le comodità che il suo selvaggio nasconde Motore V12 da 4 litri e fino a 350 CV sotto la carrozzeria di una coupé appiattita.

SPADA LAMBORGHINI IN PLEXIGLAS: AMORE PER LE FOTOCAMERE

Come hai visto, il telaio 7293 è nato con un certo gusto per la celebrità. Infatti, dopo il tour mediatico di Monaco è partito per gli USA, dove è stato presentato al New England Auto Show ottenendo un grande impatto sulla stampa automobilistica americana. Insomma, prima di essere consegnata al suo primo acquirente -Franklin S. Davis- questa vettura è stata protagonista della campagna pubblicitaria che ha srotolato il tappeto rosso dello stabilimento di Sant'Agata in America.

E oltre alla sua storia… Ci sono elementi tecnici che la rendono davvero unica. Perché questa Espada S1 -chiave con cui conosciamo i modelli della prima serie- è l'unica che ha un soffitto in plexiglas accattivante capace di regalare ancora più luce e spaziosità ad un abitacolo pensato per lunghi viaggi senza rinunciare alla sportività di un muscoloso italiano.

È vero che questo pezzo trasparente non è così impressionante come la scocca in plexiglass di quella Pontiac assemblata nel 1939, ma precede i tettucci apribili oggi così diffusi in quasi tutti i tipi di veicoli. Una licenza al comfort che si coordina perfettamente con la vernice luminosa "blu metallizzato" anche usato da Bertone sull'unica Miura Roadster.

RITORNO IN LAMBORGHINI E DIRETTA AL 50 ANNIVERSARIO

Dopo aver attraversato vari collezionisti della East Coast e del Texas, tornò finalmente in Italia quando fu acquistato da uno dei nipoti di Ferruccio Lamborghini, che è stato messo all'asta durante l'ultimo GP storico di Monaco all'interno di un lotto in cui erano inclusi altra spada, un Jarama e tre trattori. Certo... Un'immagine molto rappresentativa della dualità in cui si è sempre mosso Ferruccio, che gli è valso frasi come "Sarai guidare i trattori, ma non saprai mai guidare una Ferrari" a causa della stessa bocca di "Il Commendatore".

Restaurata nel 2013 e firmata da un adulto Alberto de Monaco, l'Espada S1 con telaio 7293 è una delle sensazioni del 40° anniversario del modello, stimando tra 550.000 e 750.000 euro il valore che raggiungerà nella sua prossima asta monegasca. E il fatto è, beh... Per quanto amiamo le auto di Maranello, se avessimo Enzo Ferrari davanti a noi, non potremmo smettere di dirglielo "Wow, niente male per un trattore, eh?".

Vi lasciamo con un Video del GP del 1969, che è sempre un piacere viaggiare indietro nel tempo 😉

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci