in

Mi piaceMi piace

Peugeot 203 decappottabile. Sette decenni per questa versione con scarso successo

Quando un marchio massiccio come Peugeot introdusse la 1948 berlina nel 203, molti rimasero colpiti. Dopotutto, i tempi sembravano richiedere automobili più modeste e compatte. Tuttavia, Peugeot è stata in grado di leggere bene il mercato, colpendo questo modello altamente affidabile su cui sono state realizzate diverse varianti ricreative. La più sorprendente è la cabriolet, che ha ormai settant'anni.

Senza dubbio uno degli eventi che più ha segnato il Novecento europeo è stata la Seconda Guerra Mondiale. Una gara con milioni di morti e alcuni dei crimini più intollerabili dell'intera storia dell'umanità. Qualcosa a cui si deve aggiungere anche l'enorme distruzione del tessuto economico e industriale. Tuttavia, è sorprendente analizzare la rapida ripresa delle società ancora martoriate dall'impatto dell'orrore e della miseria. In tal senso, uno dei settori trainanti della ricostruzione è stato quello automobilistico.

Lanciato nella corsa per la sopravvivenza, le sue linee di assemblaggio sono passate dall'assemblaggio di veicoli militari alla produzione di modelli industriali. Una transizione in cui le auto familiari o ricreative sono passate in secondo piano a causa di fattori economici. Situazione logica quando esaminiamo le difficoltà della popolazione ad accedere ai beni di consumo. Ancora impoverito nonostante fosse pronto a galoppare la rapida crescita che ha portato alle società del benessere.

Colpisce ancora quindi il fatto che nel 1948 sia stata presentata la berlina Peugeot 203. Rappresentando il salto diretto verso la fascia media tralasciando le piccole compatte tanto in voga e necessarie all'epoca. Qualcosa di ancora più inaudito se si tiene conto del carattere delle vendite di massa che vanta Peugeot. Che anche ha osato commercializzare varianti ricreative come la 203 Cabrio. Versione open-air del modello coupé, abbinata alla carrozzeria a quattro porte e al tetto in tela a scomparsa.

PEUGEOT 203. INASPETTATO COME CONTINUO

Per stare sul mercato per più di due secoli bisogna essere affidabili e non amici del rischio. Caratteristiche che vediamo in Peugeot, che ha prodotto tutti i tipi di gadget meccanici sin dalle sue prime indicazioni come azienda nel 1810. Una storia iniziata con i macinacaffè, passata per le biciclette, e che ora è in prima linea nel passaggio a mobilità elettrica. Naturalmente, mantenendo sempre le forme proprie di qualsiasi azienda pensata da e per il mercato di massa. Ecco perché l'apparizione della Peugeot 203 sulle macerie dell'Europa appena devastata è stata così sorprendente.

Dopotutto, mancavano ancora quasi due decenni alla formazione delle classi medie come le intendiamo oggi. E questo per non parlare dei professionisti urbani, che si erano distinti dagli anni 'XNUMX ma avevano ricevuto un duro colpo durante i rigori della battaglia. Per tutto questo, che Peugeot abbia lanciato una berlina come primo progetto nel dopoguerra non rientra nella logica prevedibile. Tuttavia, la verità è che nonostante l'ottimo aspetto del modello, nasconde una meccanica continua focalizzata sull'offrire la massima affidabilità.

Obiettivo che raggiunge pienamente. Poiché, nonostante la sua estetica accattivante, chiaramente ispirata alle automobili americane, La principale virtù della Peugeot 203 risiede nel suo motore da 1 litri da 3 CV. Senza dubbio una meccanica sobria, ma così resistente che nessuno può dubitare della praticità del modello. Punto in cui si connette con il tempo e le sue esigenze senza rinunciare a uno straordinario carattere sportivo che ha sfoggiato nei rally più duri ed estremi. Un luogo dove la potenza non è importante quanto l'affidabilità. Ecco perché il 203 è un veicolo da corsa prolifico sul Safari o sul Monte Carlo.

VERSATILITÀ NELLA CARROZZERIA

Nonostante sia contraddistinta dalla robustezza, la Peugeot 203 possiede alcune caratteristiche che la rivelano come un'auto più dinamica di quanto possa sembrare. Per cominciare, il tuo motore gira di gioia. Qualcosa che ben si sposa con la trazione posteriore e la precisione di guida data dal nuovo sterzo a pignone e cremagliera. In questo modo, Peugeot ha presentato diverse versioni con un obiettivo sportivo o semplicemente ricreativo durante i dodici anni di produzione e quasi 700.000 unità vendute. Per cominciare, la curiosa Berline Découvrable colpisce come una cabriolet a cinque porte.

Successivamente, nel 1951, arrivò la prima versione a due porte della Peugeot 203. Una cabriolet alla quale due anni dopo si aggiunse la carrozzeria coupé. Entrambi modelli molto attraenti per l'attuale collezionista, ma questo all'epoca erano un totale disastro commerciale. Ed è che il suo carattere a metà strada tra l'auto popolare e il modello più esclusivo non ha finito di convincere. Tutto questo perché i potenziali clienti della 203 non cercavano nulla che fosse puramente pratico e quotidiano, mentre chi desiderava qualcosa di più esclusivo vedeva evidenti coincidenze tra questi modelli e la berlina.

In effetti non avevano torto. Nonostante le finiture siano state eseguite quasi a mano presso lo stabilimento di La Garenne, il motore non aveva ricevuto alcuna modifica specifica. Con questo contesto, la produzione della Peugeot 203 Cabrio cessò nel 1957. Una vita breve, ma comunque notevolmente più lunga di quella della Coupé, che cessò la produzione nel 1954 senza arrivare a due anni nelle concessionarie. Un fatto che paradossalmente ha lanciato il suo valore tra i collezionisti per il fatto che ne sono state prodotte meno di mille unità. Tuttavia, questo fallimento stabilì la celebre tradizione della Peugeot a due porte su base berlina. Strada verso il successo con la 504 Pininfarina del 1969.

Fotografie: Artcurial

PD Per illustrare questo articolo abbiamo scelto un'unità che parla molto del potenziale della Peugeot 203 nelle gare di durata. Ed è questa unità? offerto dalla casa d'aste Artcurial ha ricevuto un profondo assetto per la Pechino-Parigi. Se sei interessato al processo svolto dall'officina Techi-Tacot, puoi consultare l'intervento completo cliccando su queste parole.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci