pegaso-z-102-petrolicious-pueche-video-spagna-0
in

Pegaso Z-102 a Petrolicious: un ritratto imponente per un'auto unica

La maggior parte di voi sicuramente conosce il Pegaso Z-102, ma è perché siete lettori specializzati che, se avete dedicato al bricolage lo stesso tempo che avete investito nella lettura di auto d'epoca... sono sicura che almeno avreste già una bella magione! Tuttavia, forse alcuni di voi ancora non lo sanno, soprattutto perché non riescono a concepire il sigillo Pegaso se non sul davanti di qualche imponente camion.

C'è stato un periodo entre 1951 y 1958 che non era così. Un periodo in cui lo stesso Stato spagnolo - attraverso la società pubblica ENSA- era il produttore di una supercar nello stile della grande GT dell'epoca, con tecnologia all'avanguardia, design accattivante e un'agenda di acquirenti piena di aristocratici e persone benestanti in una Spagna che ancora lotta per emergere dalla devastazione derivante dalla guerra civile.

Come vedi il Pegaso Z-102 è una rarità, una di quelle capaci di emozionare l'appassionato che sa apprezzare e comprendere tutto ciò che di originale, scarso ed evoluto nasconde la sua carrozzeria come poche auto. Se lo conoscevi già, questo video ti incanterà, e se non è così ... Preparati a incontrarlo alla grande: grazie a uno dei fantastici montaggi di Petrolicious.

PEGASO Z-102: UNO SPORT RARO IN MEZZO AI CAMION INDUSTRIALI

Anche se può sembrare delirante, quel progetto è andato avanti grazie alla caparbietà e al buon lavoro di Wilfredo Ricart; l'ottimo ingegnere che, dopo aver lavorato all'Alfa Romeo negli anni '40 collaborando con lo stesso Enzo Ferrari, tornò in Spagna nel 1945 per lavorare presso l'Istituto Nazionale dell'Industria e poi fondò l'ENASA. Sì, nella stessa ENASA fondata per la realizzazione di veicoli commerciali!

Ma... vediamo, perché non è neanche così strano. Ha la sua spiegazione. Dopotutto, si dice da anni che Volkswagen perde soldi per ogni Bugatti prodotta e che alcune unità lasciano la fabbrica con un prezzo di 1.830.000 euro. Al di là del valore del marchio che possono generare, questi progetti fungono da banco di prova per lo sviluppo di tecnologie che vengono successivamente applicate anche nei modelli più modesti.

Come vedi comprendere la Bugatti Veyron e la Pegaso Z-102 dal punto di vista della ricerca tecnologica e dell'apprendimento ... Hanno anche un senso finanziario. Tuttavia, questo era un gioco di equilibrio troppo pericoloso nella Spagna del dopoguerra, tanto più se si tiene conto che il frutto dello sviluppo di ogni Pegaso Z-102 costava molto di più di una Ferrari omologata e parecchie volte di una Jaguar XK- 120.

Così La produzione di Z-102 ha portato a 86 unità -di cui circa 68 conservate- molto diverse tra loro e sostanzialmente con quattro tipi di carrozzeria: ENASA, Touring, Saoutchik e Serra. Una bella sfida per gli storici del motore che, quando si tratta di tenere traccia di ciascuno dei modelli, hanno davanti a sé un intero sciame di nomi di allestitori, proprietari, specifiche ... 'auto per intenditori'.

PEGASO Z-102 IN PETROLICIOUS: LE STRADE DI ROBLEDO DE CHAVELA

Molti dei Pegasus Z-102 sono finiti negli Stati Uniti, anche se l'unità mostrata nel video si trova nel nostro paese. In particolare, in stock della Puèche, che ha questo e altri due esemplari che sono stati recentemente esposti insieme nell'ultima Classic Auto della capitale.

Per un maggiore grado di ispanicità, questa unità è stata modificata da Pietro Sierra, poiché in origine la sua forma era quella di una coupé Touring. Infine, il suo 8 cilindri con doppio albero a camme in testa e carter secco ha finito per spingere con vigore la carrozzeria convertibile. ibrido che vedi qui.

Un intero gioiello conservato nel nostro paese e probabilmente in vendita che vedete qui in ottima forma lungo le tortuose strade del Guadarrama di Madrid; in breve, qual è forse l'auto più speciale della nostra storia automobilistica ripresa dalle telecamere di ciò che potrebbe essere il canale che con maggior piacere produce video sui motori classici. Se non conoscevi Pegazo Z-102... Non troverai biglietto da visita audiovisivo migliore.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci