pegaso z102 enasa pedralbes
in

Pegaso Z-102 Spyder Pedralbes. Unità da competizione che ha raggiunto i 295 km/h

Questo 2021 segna 70 anni di Pegaso Z-102. Una delle auto sportive più interessanti degli anni '50 e, senza dubbio, il prodotto più inaspettato del motorsport spagnolo. Una mostra di ingegneria artigiana in un paese segnato dall'autarchia. Infatti, quasi gli unici componenti meccanici importati erano le ruote italiane, i freni britannici e il sistema di accensione tedesco. Per il resto, solo i modelli carrozzati esternamente da Touring o Saoutchik avevano un certo sapore cosmopolita.

Un carattere nazionale che il Pegaso Z-102 ha mostrato come banco di prova per l'ENASA. Focalizzata sulla produzione di veicoli industriali, quella che ha sviluppato attraverso Pegaso un modello capace di confrontarsi con le Ferrari del momento è qualcosa di tanto inaspettato quanto audace. Qualcosa di comprensibile solo se pensiamo allo Z-102 come un laboratorio dove sperimentare tecniche che, poi, porteranno al resto della gamma. Proprio la missione per la quale Volkswagen ha acquisito Bugatti.

Certo, contando anche sulla variabile pubblicitaria basata sul prestigio del marchio capace di costruire le auto più evolute del momento. Proprio quello che? Pegaso Z-102 all'epoca, il risultato dell'esperienza di Wifredo Ricart come ingegnere di corse in Alfa Romeo. Un'auto che, ancora oggi, continua ad essere una sorpresa per molti appassionati di motori, ancora ignari della sua storia. Qualcosa che rimedieremo nel 2021, dando una revisione di alcune delle oltre 80 unità costruite. Iniziamo con lo 01021500181, meglio conosciuto come Spyder Pedralbes.

PEGASO Z-102 SPYDER PEDRALBES. NATI PER COMPETERE

La presentazione nel 1951 della Pegaso Z-102 fu caratterizzata dall'improvvisazione. Non vogliamo affatto dire che l'auto sia stata pianificata male, ma è vero che la sua commercializzazione ha sollevato non poche lacune irrisolte all'inizio. Prodotto in modo quasi artigianale, il suo rilascio sul mercato è stato più che difficile. A suo favore aveva qualità tecnologiche eccezionali, ma contro di lui faceva concorrenza a nomi affermati come Jaguar o Alfa Romeo. Infatti, sebbene nella prima abbia battuto il record mondiale di velocità conquistato dalla C-Type, nella seconda non si intravede una vittoria commerciale.

Un conflitto in cui le cifre parlano da sole, con grandi perdite in ogni unità nonostante il suo prezzo elevato. Qualcosa che si è aggravato vedendo le poche unità della Pegaso Z-102 commercializzate durante i suoi sette anni di vita. Tutto questo in un ambiente disparato, dove alcune unità sono andate a clienti privati ​​e altre per prepararsi alla competizione. Quindi le cose, ordinare le diverse unità dello Z-102 è un'avventura genealogica dove, fortunatamente, compaiono modelli come la Spyder Pedralbes.

Nato dritto per la competizione, Questa unità della Pegaso Z-102 è nata nel 1954 per gareggiare nel Gran Premio del circuito cittadino di Pedralbes. Un telaio perfetto per mettere in mostra le prestazioni di questo veicolo, che è stato realizzato con un telaio a passo lungo 5 centimetri per ospitare il V8 da 3,2 litri insieme a due compressori volumetrici. Miglioramenti che hanno prodotto fino a 310-360CV secondo le fonti, tutti alimentati da due carburatori Weber che richiedevano una maggiore curvatura del cofano per essere accomodati. Un'unità completamente progettata per la competizione, che ha avuto il suo battesimo sull'asfalto nella gara di Barcellona che le ha dato il nome.

VELOCITÀ DI INFARTO E CAMBIAMENTO DEL CORPO

Insieme a questa unità ne è stata prodotta un'altra con l'idea di partecipare al Gran Premio di Pedralbes, sempre sotto gli auspici di Ricart. Uno slancio che non è servito a lanciare alla vittoria il Pegaso Z-102, dal momento che nessuna delle unità è riuscita a portare a termine il test. Uno per guasto ai freni e uno per guasto al motore. Ma nonostante, Quello pilotato da Celso Fernández -il nostro protagonista- ha avuto una velocità massima di 295 km/h sul traguardo. Un record che mette sul tavolo le possibilità che la Pegaso Z-102 avrebbe potuto avere di essere in un programma di gara meglio pensato e finanziato.

Alla fine del 1954 questa unità della Pegaso Z-102 perse il suo poggiatesta nello stile della Ferrari Testarossa, lasciando una presentazione più "Strada" a cui viene aggiunto un parabrezza per far sembrare il modello una cabriolet nelle foto del catalogo del marchio. Dopo aver partecipato a varie prove come la salita del Galapagar, alla fine degli anni Cinquanta il motore e i compressori furono smontati, vedendo alcune foto degli stessi riverniciati in giallo.

Già negli anni Sessanta cambiò nuovamente proprietà, montando un motore da un'altra Pegaso Z-102, facendo più ricca la storia di tutto ciò che riguarda questo telaio, lo 01021500181. Il primo di questa serie di unità con cui andremo a rivedere e celebrare il settantesimo anniversario di questa vettura essenziale nella storia del motorsport in Spagna.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci