pegasus z102 saoutchik
in

Pegaso Z102 Saoutchik Coupé. Spagnolo corposo a Parigi

Come sapete, il Pegaso Z102 compie settant'anni nel 2021. Un anniversario che utilizzeremo per rivedere la storia delle unità più importanti. La scorsa settimana abbiamo iniziato con il Spyder pedralbes, uno dei Pegasus più emozionanti per aver toccato i 300 km/h nella sua prima gara. Tuttavia, la verità è che la maggior parte di queste auto non sono state progettate per la competizione. Lungi da ciò, il suo destino era quello di servire come GT rappresentative in grado di rivaleggiare con le Jaguar o le Ferrari del momento.

Sport che sono in grado di offrire le massime prestazioni, ma sono anche completamente omologati per guidare elegantemente ogni giorno. Pertanto, la maggior parte delle sue forme erano lontane dalle linee radicali segnate dalle barchette. Concepiti come pezzi unici, Gli 86 Pegaso Z102 ricevettero allestimenti, tra cui spiccano quelli di ENASA, Touring e Saoutchik.. Il primo può essere considerato canonico. Essendo i meno celebrati esteticamente, la verità è che questi sono quelli che escono dalla fabbrica di stato responsabile della Z102, essendo le versioni più "pure" e "ispaniche".

Una tradizione di carrozzeria spartana, interrotta dall'irruzione della voluttuosa Cupola Z102 disegnata da Agustín Masgrau. Uno spettacolo di stile futuristico nella Spagna del dopoguerra, che ricevette il soprannome di "disco volante" dai dipendenti dell'ENASA. Questi ultimi, realizzati a Milano dalla Touring grazie ai contatti che Ricart ha mantenuto dai tempi italiani in Alfa Romeo, sono le linee più raffinate. Eleganti auto sportive dal design che avrebbero potuto essere accettate dai più importanti marchi degli anni Cinquanta. Un bel contrappunto ai terzi, firmati da Saoutchik a Parigi nonostante i loro angoli di ispirazione americana.

Oggi vi mostriamo uno dei cinque arrivati ​​sotto forma di coupé: il numero di telaio 0146.

PEGASO Z102 SAOUTCHIK. IL DESIGN EUROPEO GUARDANDO ALL'AMERICA

Fondata nel 1906, la rimessa per carrozze Saoutchik ha rapidamente raggiunto la fama grazie a due pilastri. La prima era la qualità del prodotto, sempre realizzato sui migliori scaffali dell'epoca. Il secondo era la stravaganza dei suoi disegni. Concepiti come pezzi unici per vestire telai di Bugatti, Delahaye o Cadillac, i design del marchio parigino sono stati contagiati dalla voluttà e dallo stile barocco della Belle Epoque. Carenature, curve, cromature, oro... Qualsiasi risorsa ostentata era benvenuta negli uffici di Saoutchik.

Pertanto, il buon adattamento dell'azienda ai design futuristici arrivati ​​dall'altra parte dell'Atlantico nei primi anni 'XNUMX non è sorprendente. Un momento in cui, pervaso dal calore della corsa allo spazio, Le industrie di Detroit scommettono su design tanto appariscenti quanto enormi. Una moda che ha avuto la sua particolare eco europea quando gli stilisti amano Aldo Brovarone hanno raccolto il guanto creando esperimenti come l'Alfa Romeo Superflow. E questo per non parlare del Alfa Romeo BAT alla guida di Franco Scaglione durante il suo periodo alla Bertone.

Tuttavia, poiché ciò che stiamo celebrando qui è la storia della Pegaso Z102, ci concentreremo sul lavoro di Saoutchik. Un lavoro che continua ad essere quello di alcuni dei corpi più celebrati nella storia del modello. Con angoli chiaramente ispirati al design americano di cui abbiamo parlato, la casa parigina è intervenuta su diversi telai della Pegaso Z102 per creare almeno cinque unità coupé e un certo numero di cabriolet. Interventi eseguiti sia sui modelli di prima che di seconda serie.

PEGASO Z102 CHASSIS 0146. UNITÀ PERFETTAMENTE RESTAURATA

Presentata al Salone di Parigi del 1954, questa unità della Pegaso Z102 fu acquistata da Lamy de Caen, che la utilizzò per almeno due gare, una delle quali la Panamericana. Alla fine di quello stesso decennio, fu venduta a Don Rickert, dall'Alabama, iniziando il lungo soggiorno del modello negli Stati Uniti. Nel 1964, già apprezzato come veicolo da collezione, entrò a far parte della collezione dell'Harrah's Museum di Reno. Dopo la sua vendita negli anni settanta, inizia una curiosa storia in cui questa Pegaso Z102 è di proprietà di consorzi alberghieri come l'Holiday Inn e l'Imperial Palace di Las Vegas.

Spinti dal desiderio di utilizzare l'auto come vincitrice dei concorsi di eleganza tenuti nei loro hotel, questi proprietari aziendali hanno restaurato con grande cura la coupé Z102 Saoutchik. Merito che lo ha reso possibile alla collezione del Blackhawk Museum. fino a lo scorso 2017 è caduto nelle mani di un collezionista privato che lo ha presentato a Peeble Beach. Un evento importante, poiché per quelle stesse date il suo colore rosso fu cambiato per una vernice bicromatica. In linea con i design originali di Saoutchik. Il tutto accompagnato da un meticoloso restauro degli interni e del motore.

In effetti, tutto è così perfetto che qualsiasi patina che questo Pegaso Z102 potrebbe aver conservato è stata rimossa. Ora l'unità con chassis 0146 si presenta in condizioni talmente perfette che, senza timori, possiamo segnalarlo come uno dei rappresentanti della Pegaso Z102 nel miglior stato della competizione. Tanto che, come abbiamo visto nei forum, alcuni fan riescono a macinare un tale livello di luminosità ripristinata. Una polemica che, in fondo, è un altro degli eterni dibattiti presenti nel campo del restauro qualunque sia il campo di lavoro. Tuttavia, quello che sarà sicuramente un solido consenso è quello di affermare il curioso fascino della coupé Saoutchik alla storia della Pegaso Z102.

FOTO PEGASO Z102 SAOUTCHIK COUPE 1954: Auto d'epoca Hamman, realizzato da Uwe Breitkopf.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci