in

Panda Raid, nel deserto

Fase 3: Maadid-Merzouga (11-03-2014)

Uno degli obiettivi di questo raid è portare ai bambini del sud circa 20 chili di materiale scolastico. Ebbene, questo è stato il giorno in cui ha avuto luogo la sua consegna all'ONG Camino al Sur in una cerimonia tenutasi presso la scuola Blaghma. Abbiamo riempito una grande stanza con il materiale che la famiglia, gli amici e alcune aziende avevano donato, e la scuola ci ha dato dei dolci e del tè.

I bambini all'inizio erano timidi, ma a poco a poco abbiamo parlato con loro, alcuni in francese e altri nel linguaggio internazionale dei gesti. Poi, dopo alcune parole delle autorità della zona, ci hanno dato alcuni disegni dei Panda che hanno realizzato con i diversi numeri delle squadre e abbiamo finito per condividere i giochi nel cortile della scuola. La verità è che la scuola ei bambini ci hanno fatto un'ottima impressione.

Più tardi, siamo usciti per percorrere i 100 chilometri della tappa verso le dune di Merzouga. In questa occasione è stata lanciata anche una prova di navigazione dove si sono trovati diversi fari in mezzo al deserto.

Didascalia
Non è facile guidarsi nel deserto. Ancora meno ci vivono

Quando siamo usciti da scuola l'alternatore che avevamo messo il giorno prima faceva un rumore infernale, tutto indicava che da un momento all'altro avrebbe smesso di funzionare. Prima di entrare nel paese di Erfoud, infatti, l'assenza di rumore e la presenza di un odore di bruciato ci hanno costretto a fermarci e, dopo aver verificato che fosse stato bloccato, abbiamo provveduto a sostituirlo con quello riparato la sera prima.

In un'ora, bruciature a parte, eravamo in viaggio. Meno male che quel giorno siamo dovuti uscire dalla prima e nonostante siamo stati sorpassati da parecchi Panda, non abbiamo perso molto tempo.

Al chilometro 40 circa abbiamo lasciato l'asfalto e ci siamo concentrati sul controllo obbligatorio dove ogni 30 secondi ci veniva data la precedenza. In questa fase la 4×4 aveva, in alcuni punti, diversi passaggi che venivano forzati sulla 4×2.

Didascalia
Anche se potrebbe non sembrare, questa Mobylette gestiva le sue cose

Ho pregato il roadbook “Attento, sei in mezzo al deserto”; Infatti abbiamo provato a seguire la rotta indicata ma si sono persi i riferimenti, rotta 90 gradi, rotta 130... Auto in tutte le direzioni. Alla fine abbiamo deciso di unirci a un gruppo di Panda smarriti come noi, meglio perdersi in compagnia. Avevamo perso il percorso indicato e dovevamo tornare indietro. A questo punto stavamo tirando il binocolo per trovare il prossimo punto di passaggio obbligato.

Alcune auto si stavano surriscaldando, per fortuna era marzo. In una delle tappe del gruppo per discutere e riordinare il nostro corso, non sappiamo da dove appaia un nativo berbero in una Mobylette che voleva venderci dei fossili o scambiarli con qualcosa. Glielo chiediamo, e dopo aver negoziato una "ricompensa" ci porta al punto di passaggio successivo. Non sai come correva quella bici!

Una volta ripreso il percorso corretto, abbiamo trovato altri Panda e aiutato a sbloccarne alcuni che erano stati lasciati nei numerosi "Oues" sabbioso che abbiamo dovuto attraversare. L'auto si sta comportando bene nonostante il tuto ricevuto, anche se si scalda un po' quando la forziamo in prima marcia attraverso zone sabbiose impegnative.

panda_raid_2014_16
[su_youtube_advanced https = »yes» url = 'https: //youtube.com/watch? v = 8gFzyazKrdQ']
Il campo

Al chilometro 75 del percorso raggiungiamo il punto in cui inizia la prova di navigazione. Abbiamo preparato questo test il giorno prima e fatto un piccolo abbozzo di come dovevamo affrontarlo. Si tratta di trovare in mezzo al nulla due fari a forma di 7 da cui pende una specie di cucitrice per segnare il road book e giustificare che siamo passati di lì. Il tempo massimo è di 20 minuti.

Iniziamo e l'importante è dimenticare i solchi, poiché ci sono in tutte le direzioni in cui sei, e controllare, mantenere e seguire la rotta corretta, essendo molto precisi nelle misurazioni della distanza. Ne troviamo facilmente uno, segniamo il libro e passiamo all'altro. Abbiamo presto trovato il secondo, spillato e proseguito fino al punto di verifica. Qualche dubbio sul percorso da seguire dopo ci fa quasi dimenticare che dovevamo mostrare le graffette al checkpoint, ma abbiamo rimediato in tempo e siamo riusciti a uscire dalla trance con grazia.

Abbiamo seguito il percorso segnalato e abbiamo attraversato un paese semiabbandonato dove abbiamo dovuto trovare un riferimento a una porta di una casa ricoperta di adesivi "elfi". La vettura ha continuato a scaldarsi un po', mettendosi terza solo ad abbassarsi, a circa 90 gradi; Ma non siamo riusciti a portare così tanta velocità in alcuni tratti, le piste erano piene di sorprese sotto forma di buche e sassi.

Didascalia
I meccanici e il loro camion officina hanno tenuto in vita molti dei Panda

A due chilometri dalla fine della tappa, è iniziata la sezione di regolarità, divisa in due sezioni. Prima una montagna sassosa con una media di 15 chilometri orari, crivellata di buche e pietre appuntite che abbiamo superato senza quasi nessun problema, e poi più di un chilometro attraverso il letto di un "oued" sabbioso in cui sono rimasti intrappolati molti Panda ad un da un lato all'altro senza alcuna area di sosta. Con le 4 ruote motrici siamo riusciti a passare a poco a poco con l'auto molto rivoluzionata per non restare.

Ad un tratto una densa colonna di vapore esce dal motore, se ci fermiamo rimaniamo e cerchiamo una zona leggermente più solida. Proviamo ad aprire il cofano ma non si ferma, deve avere qualche meccanismo che lo impedisca se l'auto è calda. Siamo riusciti ad aprirlo e raffreddarlo un po', e in questo vediamo che le persone al controllo nascosto del passaggio ci dicono di spingere un po' che stiamo penalizzando, eravamo rimasti a due metri dal passaggio. Senza dubbio preferiamo mantenere la meccanica per il resto dei giorni.

Alla fine facciamo il pieno d'acqua e riusciamo a lasciare l'"oued" verso dove ci aspetta il campo. Fai la spesa, controlla l'auto e riposa. Quella notte, fino a tarda mattinata, si udì il lavoro sul camion dei meccanici per lasciare le auto in panne pronte per il giorno successivo.

Leggi la prima parte della cronaca Panda Raid →

Cosa ne pensi?

scritto da Miguel Angel Menendez

Miguel Ángel Menéndez, un fan dell'avventura, ci racconta come ha fatto nel Panda Raid di quest'anno.

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci