in ,

Le origini di Chevron

Per più di un decennio e mezzo (1965-1980), il marchio Chevron è diventato una delle aziende di costruzione di auto da corsa più popolari. L'azienda era stata fondata a Bolton (GB) da Derek Bennett nel 1965, ma Derek Bennett aveva già una vasta esperienza nella costruzione e preparazione di auto da corsa.

Sebbene Bennett non avesse particolari qualifiche tecniche, la sua capacità creativa era innegabile e a metà degli anni 'XNUMX aveva realizzato un piccolo "nano" con cui avrebbe iniziato la sua carriera agonistica, effettuando anche un gran numero di riparazioni sulla sua officina . Il piccolo "nano" fu sostituito da un "Clubman" di sua fabbricazione e in seguito da un Formula Junior, che furono battezzati semplicemente con il suo cognome, Bennett.

Il prestigio raggiunto da Bennett, soprattutto per la sua preparazione nelle classiche corse dei club britannici, è stato alto, contando su una legione di fan entusiasti delle prestazioni dei suoi veicoli. Così, nel 1965, suggerì a uno di loro, Brian Classick, la possibilità di costruire un'auto speciale, che nelle parole di Bennett avrebbe superato con il pugno di ferro la Lotus Seven che dominava con il pugno di ferro la categoria “Clubman” in Gran Bretagna. .

Le immagini in questo articolo corrispondono alla potente Chevron B8 GT di Ramón López
Le immagini in questo articolo corrispondono alla potente Chevron B8 GT di Ramón López

Bennett costruisce due telai tubolari, ovviamente senza progetti, equipaggiati con un motore Ford Kent da 1.500 cc, che lo stesso Derek Bennett debutterà il 3 luglio 1965 a Kirkistown.
La vettura è finita sullo stesso circuito e senza essere stata sottoposta ad alcun tipo di test parte, ottenendo finalmente una vittoria assoluta sorprendente e inaspettata.

Questo successo non fa che aumentare la fama di Bennett, che riceve immediatamente l'ordine di quattro nuovi "clubmen". Quasi involontariamente nasce il marchio Chevron, un nome ideato da Bennett ispirandosi a un segnale stradale. Questi "clubmen" erano chiamati B1 e B2, anche se va spiegato che questo nome è stato fatto con effetti retroattivi dal 1968, fino ad allora erano conosciuti semplicemente come Chevron Clubmans Formula.

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

La Chevron GT

Derek Bennett era riuscito a sconfiggere la Lotus, nonostante la grande esperienza accumulata dal marchio di Colin Chapman. I successi della B1 e della B2 avevano acceso l'interesse di Bennett per la classe GT, che nelle corse britanniche era dominata dalla veloce Lotus Elan.

[/ Su_note]

Fa praticamente parte dell'asfalto
Fa praticamente parte dell'asfalto

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Agli inizi del 1966 realizza il modellino di una semplice due posti, che già lascia intravedere le disposizioni tecniche del B8 che riportiamo in queste pagine virtuali. Per caso, uno dei suoi clienti, Alan Minshaw, si è interessato a questo nuovo progetto e lo ha segnalato al pilota Digby Martland. Quest'ultimo è stato presentato nell'officina di Bennett, incaricandolo di costruire un telaio, che sarà equipaggiato con un motore Ford “twin cam” da 1.600 cc di una Lotus Elan.

Come era successo con la B1 e la B2, questa nuova B3 GT avrebbe debuttato con una vittoria nelle mani di Martland sul circuito di Oulton Park, il 23 luglio 1966. Parallelamente alla costruzione della B3 GT, Bennett aveva realizzato la B4 GT, dotata di un motore BMW del modello 2002 e che, come il modello precedente, debuttava con una vittoria di classe fino a 2 litri, sul circuito di Crystal Palace, su 6 agosto 1966.

Già nel 1967 viene costruito il modello B5 GT e sarà dotato di un motore BRM V8. Questa vettura sarà guidata regolarmente da Brian Redman, debuttando con la vittoria il 1 aprile 1967 a Oulton Park. La nuova vettura otterrà numerosi trionfi in Gran Bretagna, in particolare la vittoria il 29 maggio 1967 sul circuito di Crystal Palace. Questa vittoria è stata di grande importanza per Chevron, poiché è stata la prima vittoria del marchio in una gara internazionale.

[/ Su_note]

[su_youtube_advanced https = »yes» url = 'https: //youtube.com/watch? v = PtBEbvTI6ts']

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Le vittorie di Redman hanno innescato una serie di importanti ordini per il marchio, i piloti britannici avevano scoperto un'auto relativamente economica, oltre che molto competitiva nella sua categoria. Bennett costruirà sette telai della nuova B6 GT. A differenza della precedente GT costruita, la scocca della nuova B6 era realizzata in vetroresina, essendo motorizzata in due differenti versioni, la prima con la Ford “twin cam” e la successiva con la BMW da 2 litri.

Come era successo in precedenza, anche la B6 GT debuttò con una vittoria, il 16 aprile 1967 sul circuito di Brands Hatch, guidata da Digby Martland. La stagione 1967 è stata un grande successo, con un totale di 15 vittorie complessive e innumerevoli vittorie di classe in Gran Bretagna, a dimostrazione dell'efficacia di una qualsiasi delle GT costruite dal marchio Bolton.

[/ Su_note]

La Chevron B8 GT

Le Chevron GT avevano iniziato a partecipare ai test internazionali, e Derek Bennett si era accorto che le sue vetture erano classificate dalla Federazione Internazionale dell'Automobile come prototipi, cosa che le faceva competere in condizioni inferiori con le Sportive molto specializzate di Porsche e Ferrari. Determinato a porre rimedio a questa situazione, si propose di omologare la GT come Gruppo 4, per essere competitivi in ​​questa categoria.

Per gli interni sono stati pensati tutti i comfort
Per gli interni sono stati pensati tutti i comfort

Il regolamento FIA richiedeva la produzione di almeno 50 telai per ottenere l'omologazione Gruppo 4, e Bennett iniziò la costruzione della B8 GT alla fine del 1967 (il nome B7 corrisponde a una Formula 3 costruita quello stesso anno per il pilota. Ufficiale. Pietro Getin). Bennett riteneva di dover costruire solo 39 nuovi telai, poiché la nuova B8 GT utilizzava lo stesso telaio delle B3, B4, B5 e B6 GT costruite fino ad allora; ed è anche vero che la FIA non ha posto particolari problemi, omologando la vettura il 1 maggio 1968, molto prima che fossero completati tutti i moduli necessari allo scopo.

La Chevron B8 GT utilizza lo stesso design delle precedenti GT costruite da Bennett. Il telaio è del tipo tubolare, costruito in acciaio, al quale sono incorporati pannelli in alluminio rivettati per aumentarne la rigidità. Il motore si trova in posizione centrale posteriore e la carrozzeria è sostanzialmente composta da cinque elementi in vetroresina, a sottolineare la bassa altezza complessiva.

Tra il 1967 e il 1970 furono costruite un totale di 44 B8 GT, dotate di sette diversi motori, mettendo in evidenza il motore BMW da 2 litri, che equipaggiava 34 delle B8 GT costruite. Il modello debuttò il 3 marzo 1968 a Cadwell Park, nelle mani di John Bridges, ottenendo la sua prima vittoria il 30 marzo a Silverstone, pilotato da Phil Silverston.

Motore BMW da 2 litri, dal modello 2002
Motore BMW da 2 litri, dal modello 2002

L'auto è stata un bestseller in quanto competitiva, facilmente riparabile e relativamente poco costosa. È interessante notare che le vittorie del Gruppo 4 non iniziarono ad arrivare fino al 1969, quando gli americani Gunn, Kleimpeter e Beatty ottennero la vittoria di classe nella prestigiosa 24 Ore di Daytona dopo aver terminato al 6° posto assoluto, alla guida di un telaio importato da Fred Opert, che sarebbe diventato il Distributore americano del marchio.

A quel punto, Chevron era diventata uno dei principali produttori europei di auto da corsa e la sua produzione comprendeva vari tipi di Formula 3 e Formula 2, oltre alle sue GT. Nel 1968 costruì la B12 GT, l'ultimo dei modelli che condividevano lo stesso telaio e carrozzeria che era nato nel 1966 con la B3, ma questa volta spinto da un imponente motore Repco V8 da 3.000 cc, che John Woolfe porterà a vittoria al suo debutto a Silverstone.

La sostituzione della Chevron B8 GT fu la B 16, che iniziò la costruzione nel 1969. Da questo modello, l'ascesa del marchio sarà inarrestabile, conquistando un lungo numero di vittorie in tutto il mondo e in tutte le categorie in cui si sono inseriti i suoi prodotti realizzati. Derek Bennett aveva persino progettato un'auto da F1, la Chevron B41. Sfortunatamente questa vettura non poteva essere sviluppata da solo, un incidente di paracadutismo pose fine alla sua vita nel 1978. Il marchio Chevron chiuse i battenti nel gennaio 1980, incapace di superare la morte del suo creatore.

Notare le dimensioni ridotte e l'altezza molto ridotta del B8
Notare le dimensioni ridotte e l'altezza molto ridotta del B8

Pochi sono i piloti spagnoli che sono venuti a correre con la Chevron B8 GT. Il 5 ottobre 1969, in occasione della “12 Ore di Barcellona”, Escudería Montjuich entrò in “Pele” (Félix Muñoz) insieme al britannico Roy Johnson, uscendo per caso all'ora 6. Bisognerà attendere il 14 novembre 1970, in occasione della “6 Ore di Jarama”, per rivedere un pilota spagnolo a bordo della piccola GT. Pepe Ruiz Thiery e “Fono” (Alfonso Olcina) si qualificheranno in nona posizione finale. Proprio al termine di questa gara, il "Fono" valenciano acquisterà un telaio B8 GT con il quale correrà saltuariamente in alcune corse in collina valenciane, nel 1971.

La Chevron B-8 GT che portiamo a «La Escudería», con numero di telaio CH-DBE-61, è arrivata in Spagna dalla Gran Bretagna nel 1998, guidata dal pilota catalano Luis Villalba. La Chevron è arrivata smontata (in scatole) ed è stata assemblata presso le strutture che Motore da competizione disponibile a Montcada i Reixac, dall'eccellente meccanico Ferrán Junzá. Luis Villalba lo ha fatto partecipare occasionalmente al Campionato Spagnolo Classico, senza molta fortuna poiché ha avuto alcuni gravi incidenti a Vila do Conde e Alcañiz nel 1999.

Nato dall'intuizione e dall'esperienza
Nato dall'intuizione e dall'esperienza

Nel 2000 è stata pilotata in alcune occasioni da Francesc Gutiérrez ed è stata poi venduta al suo attuale proprietario, Ramón López di Madrid. All'arrivo presso gli stabilimenti «Hispakart» di Torrejón, il B8 è stato completamente smontato, procedendo ad un completo restauro, in quanto le sue condizioni generali erano piuttosto deplorevoli. Fu realizzata una copia del corpo che fu dipinto in un elegante blu elettrico e fu disegnata la famosa freccia della «Escudería Surtees», in omaggio al campione britannico John Surtees, amico personale del segretario personale di Ramón López, detto “Joe Surtees "nell'ambiente" racing da Madrid.

Una delle caratteristiche di questo telaio “spagnolo” è la sua posizione di guida, situata in questo caso a sinistra, poiché Ramón López è più a suo agio in questa posizione. Il suo proprietario la utilizza da allora (2001), essendo una delle auto d'epoca che suscita più curiosità tra il pubblico della padock Persone spagnole.

Gli autori desiderano esprimere la loro gratitudine a Ramón López e “Joe Surtees” (José Mª Arranz) per il loro esemplare calore umano e per la continua disponibilità mostrata nella realizzazione di questo articolo.

[su_spoiler title = 'TABELLE DATI TECNICI CHEVRON B8 GT' show = 'false']

MOTORE
Città natale: BMW
Dislocamento: 1.990 cc
potenza: 240 CV
posizione: Centrale posteriore longitudinale
Prodotti alimentari: Due carburatori Weber 48 DCOE
TRASMISSIONE
Cambia posizione: più tardi
caso: Hewland FT200 5 velocità
Indirizzo: Con cerniera
TELAIO
struttura: Tubolare in acciaio, rinforzato con piastre in alluminio
sospensione: Indipendente
Piombo: Doppio braccio oscillante con barra stabilizzatrice
Posteriore: Idem.
PI DATI:
Carrozzeria: Biposto in VTR (poliestere rinforzato con fibra di vetro)
Dimensioni: ?
peso: ?
Freni: Doppio circuito, 4 dischi
Pneumatici: Avon
stagione: 1967-70
Unità prodotte: 44

[/ Su_spoiler]
[su_spoiler title = 'ONORI SPORTIVI IN SPAGNA' show = 'false']

DATA CARRERA DORSALE PILOTA / S POSIZIONE NOTE
15/6/69 Jarama 63 Bari Smith 6 º -
5/10/69 12 ore da Barcellona 32 Guy Edwards e Mike Franey 4 º 1° di
classe
« « 34 Ian Skailes e John Hine AB. Trans-
missione
« « 36 Roger K. Heavens e Martin Ridehalgh AB. -
« « 31 Peter Brown e Roger Enever AB. Il motore
« « 33 James Tangie e Paul Vestey AB. Il motore
« « 42 Roy Johnson e "Pelé" AB. schianto
« « 7 Peter Taggart e Tont Goodwin AB. Il motore
« « 4 Tony Lanfranchi e Tony Beeson DNA Pacchetto
« « 17 James Blades e XX DNA Pacchetto
« « 38 Angus Clydesdale e Terry Hunter DNA Pacchetto
26/10/69 6 ore da Jarama - Ian Skailes e Richard Bond 9 º -
26/10/69 6 ore da Jarama - John Hine e XX DNA -
26/10/69 6 ore da Jarama - Paul Vestey e James Tangie AB. -
22/3/70 Jarama - G.Graemiger 6 º -
22/3/70 Jarama - Roger K. Cieli 7 º -
31/5/70 Omaggio alle Province 84 Andrea Fletcher 5 º -
14/11/70 6 ore da Jarama - Roger K. Heavens e Mike Garton 6 º (B6)
« « - Martin Blackie e Bernard Unett 8 º -
« « - Pepe Ruiz-Thiery e «Fono» 9 º -
« « - Edward Negus e Peter Hanson 12 º -
« « - Mike Franey e Andrew Fletcher AB. -
1971 Valencia; - «Telefono» (Alfonso Olcina) - -
12/10/71 1000 km da Barcellona 29 T. Birchen-
hough e Brian Joscelyne
AB. Cambio

[/ Su_spoiler]
[su_spoiler title = 'CREDITI VIDEO' show = 'vero']

Video | 19Bozzy92, ha un curioso canale dedicato al suono delle macchine da sogno. Un'intera sinfonia.[/ Su_spoiler]

Cosa ne pensi?

scritto da lex Verges & Paris French

Álex Vèrges e Paris Francés: storici del motore. Creatori, insieme ad Antonio Palacín, della magnifica rivista trimestrale "Autodromo. Quaderni di storia del motore in Spagna."
 

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci