in

Mi piaceMi piace

Nogaro Classic 2021. Il ritorno in circuito delle classiche da competizione

Nogaro Classic è un appuntamento per gli appassionati di corse classiche. Organizzato da Peter Auto sul circuito francese Paul-Armagnac, qui hanno rombato di nuovo i motori delle GT degli anni 'XNUMX e dei possenti Prototipi Sportivi. La prova che a poco a poco la normalità sta tornando sulla scena classica. Ce lo mostra l'obiettivo di Unai Ona.

Lo stop imposto dalla pandemia ha causato la chiusura di concentramenti, percorsi, fiere e gare. Improvvisamente, l'automobilismo è stato confinato nella solitudine di officine e garage, rendendo impossibile lo svolgimento di eventi collettivi. Tuttavia, in brevissimo tempo se diamo uno sguardo a situazioni simili negli ultimi secoli, la normalità sta riprendendo il suo impulso. Qualcosa che si vede anche nel mondo dei classici, dove le aste con il pubblico di persona si sono da tempo recuperate. Fatto che ha fatto tendenza al ritorno delle concentrazioni e, soprattutto, delle gare.

In tal senso, a poco a poco si sta facendo sentire il movimento nei circuiti nazionali come Jarama. Anche se quello che vogliamo è vedere gare classiche di un certo livello, l'agenda ci consiglia di mettere lo sguardo oltre i Pirenei. Così, fotografi classici come unai ona sono già con i loro obiettivi al seguito per portarci i migliori scatti da corsa come il Nogaro Classic. Tre giorni di gare organizzate intorno a sei categorie dove abbiamo avuto modo di vedere alcune delle grandi GT degli anni Sessanta insieme a icone dell'età d'oro di Le Mans e delle gare di durata.

Organizzato da Pietro Auto, il luogo scelto per la serie Nogaro Classic è stato il circuito Paul-Armagnac. Una pista di 3636 metri situata nel sud-ovest della Francia dove le sessioni classiche sono state comuni., ma ospitando anche vari eventi come il Gran Premio motociclistico di Francia. Indubbiamente il circuito di riferimento nel sud della Francia insieme a quello del Paul Ricard. Situato a sud-est e che a novembre ospiterà l'interessante asta La Collezione Guikas organizzato da RM Sotheby's.

VELOCITÀ A NOGARO. IL GRANDE GT E UN VINCITORE DI PIKES PEAK

Pur trattandosi di gare brevi che vanno dai trenta minuti alle due ore, le serie di classiche sul tracciato di un circuito sono uno spettacolo perfetto per vedere queste storiche in azione. In effetti, e a giudicare dai bagliori provenienti da alcuni scarichi, molti dei piloti di queste vetture non partecipano ad eventi come la Nogaro Classic solo per sfoggiare i propri telai. Al contrario, mettono a rischio l'integrità di questi classici di fascia alta dando un significato allo scopo per cui sono stati costruiti: competere.

Qualcosa che Giotto Bizzarrini conosceva perfettamente quando fondò la propria casa automobilistica a Livorno dopo essere passato per Alfa Romeo e Ferrari. Un ingegnere di base per capire il motorsport in Italia, che sarebbe orgoglioso di vedere il prestazione nella serie The Greatest Trophy della Bizzarrini GT pilotata da Leon Ebeline. L'auto vincitrice, messa in difficoltà solo da una Ferrari 250 GT SWB.

Sulla scia delle grandi auto sportive degli anni Sessanta, la serie Sixties Endurance pose fine al dominio della Shelby Cobra. Ibridi anglo-americani che condividevano lo spazio con la ben più raffinata Jaguar E-Type. Un sapore inglese completato dall'aspetto di un TVR Griffith unico. Per quanto riguarda i prototipi sportivi, le serie Endurance Racing sono state le più interessanti, con una Porsche 997 GT3 RSR che si è incendiata a causa di un guasto alla pressione dell'olio. Inoltre, una leggera Porsche 993 GT2 era terza. Leggenda della competizione per essere stato campione negli anni novanta a Pikes Peak.

PROTOTIPI POPOLARI BRITANNICI E PI SPORTIVI

Corse sotto la pioggia, la serie Heritage Touring Cup ha accolto i modelli più popolari all'interno dell'esclusività vista a Nogaro Classic. Ci riferiamo alla prima generazione di Ford Escort. Unità concepite da Ford Europa con eccellenti risultati nei rally dei primi anni 'XNUMX dopo la sua comparsa sul mercato nel 1968. Vetture da turismo con un buon sviluppo sportivo, che ancora una volta hanno sfoggiato dominando l'intera prova. Ovviamente con il permesso di una nuovissima BMW 635 Csi e 3.0 CSL.

Quando si tratta di veicoli oltre gli anni Sessanta, la serie Fifties Legends ha reso omaggio alle auto sportive prima dell'età d'oro delle grandi GT. Un luogo in cui si è distinta la Mini Cooper S. Sempre vivace e divertente sul circuito, che condivideva la griglia con veicoli come l'Austin Healy 3000 MKII. Quando si parla di endurance disputata da Sport Prototypes, la serie Classic Endurance ha dato spettacolo grazie al vincitore - un TOJ SC 206 - ma anche alle interessanti Cheetah G601 e Lola T298 viste sull'asfalto.

Ultima delle categorie Nogaro Classic. Un evento che, sebbene non così affollato come sarebbe stato in altri tempi, dimostra che il panorama dei classici sta tornando, a poco a poco, a una certa normalità.

Fotografie: Unai Ona

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci